Narrativa

L’EROE QUOTIDIANO

Foenkinos David

Descrizione: Una vita come tante quella del protagonista di questo romanzo, dalla morte dei nonni amatissimi al difficile rapporto con i genitori, dalla scoperta dell'amore alla nascita del primo figlio, fino alla mestizia del divorzio. Eppure, seguendo le avventure di ordinaria quotidianità del protagonista senza nome, ci accorgiamo che questo è l'eroe moderno. L'uomo che si sveglia la mattina per andare a lavorare, che si innamora di una donna per il suo taglio di capelli, che sogna di scrivere un romanzo che non porterà mai a termine, che si interroga tutta la vita sulle dinamiche dell'amore. La sensazione che resta dopo aver letto questo romanzo è quella di aver attraversato un paesaggio fatato pieno di luci tenui e sfumature brillanti. È lo stile di Foenkinos, la capacità di rendere magico l'ordinario.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2013

ISBN: 9788866322511

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Il nuovo romanzo di Foenkinos è la storia di un uomo qualunque alle prese con la sua famiglia. 

I genitori invecchiano e vivono il momento della pensione; la nonna si avvilisce in una casa di cura; il nonno non c’è più. E lui? Il poverino non sa cosa fare della propria vita di aspirante scrittore, ma presto inizia un cammino di normalità e si deve confrontare con problemi seri, come capita appunto, nelle migliori famiglie.

Dal grigiore riesce a riscuotersi grazie a sentimenti che colorano di magia la routine: si abbandona al flusso degli eventi e trova una forma poetica di dedizione ai suoi cari e al suo amore.
Nell’accettazione del sacrificio quotidiano riscopre infatti una eroicità suprema, che consiste nel senso di responsabilità e comporta la rinuncia alla libertà e a se stessi.

“…forse era quello l’eroe moderno: l’uomo che si alza tutti i giorni per andare a lavorare, che si occupa di suo figlio, che pianifica le vacanze in famiglia, che pensa per tempo a pagare l’imposta sulla casa e l’assicurazione della macchina. C’è dell’eroismo nel vivere questa follia stremante del concreto“.

Il romanzo è popolato da personaggi che accettano il loro ruolo o non ci riescono: in questo mondo alla deriva si incontrano eroi veri e propri, che assumono una dimensione mitologica in un senso rinnovato.
Gli uomini sembrano soli ma sono “tenuti insieme” dal collante dei legami affettivi, che li fa perdere e ritrovare più volte.

L’universo di Foenkinos è sicuramente pessimista, ma è anche straordinariamente fantastico, nel senso di straripante di fantasia, e piace nelle sfumature grottesche dei particolari o nella dolcezza dei rapporti, come quello tra il protagonista e la nonna, di cui è appena tratteggiato un ritratto indelebile.

La storia è un lungo ricordo narrato in prima persona e le numerose anticipazioni stuzzicano la curiosità del lettore, tanto più che hanno a che fare con il suo mondo ed egli vi si riconosce. Altrettanto sorprendente è la conclusione: ad ognuno resta la scelta di fare come il folle eroe e tuffarsi nella mitologia del quotidiano, oppure fuggire, ripiegando in una dimensione solitaria di estrema libertà.

Consigliato.

Voto i-LIBRI:

4stelle

 

 

button acquista feltrinelli

 

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Foenkinos

Libri dallo stesso autore

Intervista a Foenkinos David

Il principe Myskin, ultimo erede di una nobile famiglia decaduta, è "uno che cerca nell'intimo della sua coscienza le motivazioni essenziali del suo modo di essere", mosso dalla candida fede nella fratellanza umana e dal proposito di fare il proprio dovere con onestà e sincerità. Tornato a Pietroburgo dopo un lungo soggiorno in Svizzera per curarsi dell'epilessia, viene travolto dalla vicenda di Nastas'ja Filippovna. Decide di chiederla in moglie per sottrarla ai suoi due contendenti: il violento Rogozin, che per un amore folle alza la propria offerta in denaro, e il segretario del generale Epancim, Ganja, che mira invece alla dote. Ma Nastas'ja, turbata dalla proposta, fugge con Rogozin, mentre del principe si innamora Aglaja, la figlia del generale.

L’idiota

Dostoevskij Fedor Michajllov

Il destino può riservare incontri che cambiano la vita. Così è stato per Caterina, una studentessa universitaria con il fiuto per il mistero e il vizio della curiosità nella sua nuova amicizia con Rose, un’anziana vestita come una bambola e che serba in sé un segreto rimasto tale troppo a lungo. In un appartamento milanese dove il tempo sembra essersi fermato, tra bicchieri di vodka, domande e riflessioni, Rose narrerà a Caterina della sua vita in Galles, dall’infanzia all’adolescenza rubata, fino all’età adulta, divisa tra l’amore per un enigmatico pittore spagnolo e l’affettuoso rapporto con un ragazzo geniale. Sul filo della rivelazione di una verità sconvolgente, Rose terrà Caterina e il lettore con il fiato sospeso in una narrazione precisa, colta, appassionante.

Mi salvarono i colli del Galles

Premoli Elena

Libero e Viola si stanno cercando. Ancora non si conoscono, ma questo è solo un dettaglio. Nel 2007 Libero ha prenotato un tavolo alla Locanda dell'Ultima Solitudine, per dieci anni dopo. Ed è certo che lì e solo lì, in quella locanda arroccata sul mare costruita col legno di una nave mancata, la sua vita cambierà. L'importante è saper aspettare, ed essere certi che "se qualcosa nella vita non arriva è perché non l'hai aspettato abbastanza, non perché sia sbagliato aspettarlo". Anche Viola aspetta: la forza di andarsene. Da anni scrive lettere al padre, che lui non legge perché tempo prima, senza che nessuno ne conosca la ragione, è scomparso, lasciandola sola con la madre a Bisogno, il loro paese. Ed è a Bisogno, dove i fiori si scordano e da generazioni le donne della famiglia di Viola, che portano tutte un nome floreale, si tramandano il compito di accordarli, che lei comincia a sentire il peso di quell'assenza e la voglia di un nuovo orizzonte. Con ironia leggera, tra giochi linguistici, pennellate surreali e grande tenerezza, Alessandro Barbaglia ci racconta una splendida storia d'amore.

La Locanda dell’Ultima Solitudine

Barbaglia Alessandro

Sei fiabe in cui è raccolta tutta la poetica di Miyazawa Kenji, scienziato, buddista, agronomo e filosofo (1895-1993). Il racconto che dà il titolo alla raccolta ha ispirato numerose serie di telefilm, fumetti e cartoni animati di fantascienza.

UNA NOTTE SUL TRENO DELLA VIA LATTEA E ALTRI RACCONTI

Kenji Miyazawa