Narrativa

L’EROE QUOTIDIANO

Foenkinos David

Descrizione: Una vita come tante quella del protagonista di questo romanzo, dalla morte dei nonni amatissimi al difficile rapporto con i genitori, dalla scoperta dell'amore alla nascita del primo figlio, fino alla mestizia del divorzio. Eppure, seguendo le avventure di ordinaria quotidianità del protagonista senza nome, ci accorgiamo che questo è l'eroe moderno. L'uomo che si sveglia la mattina per andare a lavorare, che si innamora di una donna per il suo taglio di capelli, che sogna di scrivere un romanzo che non porterà mai a termine, che si interroga tutta la vita sulle dinamiche dell'amore. La sensazione che resta dopo aver letto questo romanzo è quella di aver attraversato un paesaggio fatato pieno di luci tenui e sfumature brillanti. È lo stile di Foenkinos, la capacità di rendere magico l'ordinario.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2013

ISBN: 9788866322511

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Il nuovo romanzo di Foenkinos è la storia di un uomo qualunque alle prese con la sua famiglia. 

I genitori invecchiano e vivono il momento della pensione; la nonna si avvilisce in una casa di cura; il nonno non c’è più. E lui? Il poverino non sa cosa fare della propria vita di aspirante scrittore, ma presto inizia un cammino di normalità e si deve confrontare con problemi seri, come capita appunto, nelle migliori famiglie.

Dal grigiore riesce a riscuotersi grazie a sentimenti che colorano di magia la routine: si abbandona al flusso degli eventi e trova una forma poetica di dedizione ai suoi cari e al suo amore.
Nell’accettazione del sacrificio quotidiano riscopre infatti una eroicità suprema, che consiste nel senso di responsabilità e comporta la rinuncia alla libertà e a se stessi.

“…forse era quello l’eroe moderno: l’uomo che si alza tutti i giorni per andare a lavorare, che si occupa di suo figlio, che pianifica le vacanze in famiglia, che pensa per tempo a pagare l’imposta sulla casa e l’assicurazione della macchina. C’è dell’eroismo nel vivere questa follia stremante del concreto“.

Il romanzo è popolato da personaggi che accettano il loro ruolo o non ci riescono: in questo mondo alla deriva si incontrano eroi veri e propri, che assumono una dimensione mitologica in un senso rinnovato.
Gli uomini sembrano soli ma sono “tenuti insieme” dal collante dei legami affettivi, che li fa perdere e ritrovare più volte.

L’universo di Foenkinos è sicuramente pessimista, ma è anche straordinariamente fantastico, nel senso di straripante di fantasia, e piace nelle sfumature grottesche dei particolari o nella dolcezza dei rapporti, come quello tra il protagonista e la nonna, di cui è appena tratteggiato un ritratto indelebile.

La storia è un lungo ricordo narrato in prima persona e le numerose anticipazioni stuzzicano la curiosità del lettore, tanto più che hanno a che fare con il suo mondo ed egli vi si riconosce. Altrettanto sorprendente è la conclusione: ad ognuno resta la scelta di fare come il folle eroe e tuffarsi nella mitologia del quotidiano, oppure fuggire, ripiegando in una dimensione solitaria di estrema libertà.

Consigliato.

Voto i-LIBRI:

4stelle

 

 

button acquista feltrinelli

 

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Foenkinos

Libri dallo stesso autore

Intervista a Foenkinos David


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'uomo senza qualita, il romanzo al quale Musil lavoro per gran parte della vita, e una delle massime costruzioni letterarie del Novecento e un'insuperabile rappresentazione delle grandi crisi del nostro secolo. Nella Vienna alle soglie del primo conflitto mondiale, il protagonista Ulrich, per una sorta di malattia dell'anima o del carattere, non sa ne vuole dare corpo e forme alle proprie inclinazioni. Preda di un'intelligenza affascinata dall'esattezza scientifica e dall'infinita indeterminatezza del reale, Ulrich si presta con lucida ironia a quell'infinito gioco di simulazioni e dissoluzioni che Musil orchestra con vertiginosa intelligenza.La presente edizione dell'Uomo senza qualita, prototipo dell'opera di immense ambizioni destinata per sua stessa natura a restare idealmente inconclusa, riordina e seleziona sulla scorta dell'ultima edizione critica tedesca a cura di Adolf Frise (1978) una vastissima mole di materiali inediti, chiarendo le linee di sviluppo della complesa architettura del progetto musiliano.

L’uomo senza qualità

Musil Robert

2 novembre 1965: sulla spiaggia dell’Idroscalo di Ostia, il corpo massacrato di Pier Paolo Pasolini viene trovato da una donna alle sei e trenta del mattino. Un omicidio, come si sa, che la giustizia ha attribuito a un “ragazzo di vita”, Pino Pelosi detto “la Rana”, ma intorno al quale ruotano ancora dubbi e teorie complottistiche. Ma come si arriva a quella morte? Cos’è successo a Pasolini nelle ultime ore di vita? A questa domanda Lucarelli cerca di rispondere con testimonianze inedite e indagini personali, ma anche attraverso ricordi privati e riflessioni, incontri, storie, frammenti di un mosaico in cui alla fine troveremo rappresentati noi italiani e cosa siamo diventati dopo quella tragica notte.

PPP Pasolini, un segreto italiano

Lucarelli Carlo

Non basta la verità giudiziaria. Nel mare di accuse e veleni che continuano a inquinare i processi in corso sulla trattativa Stato-mafia, con particolare riferimento alle morti di Falcone e Borsellino, e che hanno addirittura coinvolto indirettamente il presidente della Repubblica, è necessario provare a spostare il nostro angolo visuale e fare un passo indietro. La storia ci viene in aiuto per capire che cosa sta succedendo. La partita è troppo grossa perché possa rimanere nelle aule di un tribunale. In gioco è la Repubblica italiana, il nostro Stato. Entrambi nati con l'appoggio fondamentale della mafia. L'autore spiega come e perché. Dalla vittoriosa cavalcata di Garibaldi aiutato dai picciotti siciliani durante la spedizione del 1860 agli omicidi impuniti d'inizio secolo che contaminano il tessuto economico-finanziario, all'alleanza col fascismo che si limitò a contrastare la manovalanza armata. Poi il patto di sangue con gli angloamericani nel 1943 per indirizzare la pace, seguito dagli omicidi e dalle stragi del dopoguerra perché la sinistra non avesse il sopravvento al Sud, fino alle tragiche vicende oggetto degli attuali processi. Difficile ammetterlo, però è così: la mafia è stata una risorsa decisiva per lo Stato italiano sin dai suoi albori unitari offrendo appoggio anche militare a chi vigilava sul controllo "democratico" del paese e talora a chi sosteneva veri e propri disegni eversivi. La magistratura non ce la può fare da sola a spaccare questa crosta spessa di bugie e inganni...

Una lunga trattativa

Fasanella Giovanni

Non esiste modo migliore per capire un musicista che quello di farlo parlare nel suo stesso linguaggio: la musica. È con questo presupposto che Ben Radiff, erede della più autorevole critica jazz statunitense, ha incontrato quindici fra i maggiori jazzisti contemporanei e li ha invitati a conversare di musica liberamente e disinteressatamente, fuori dalle logiche della promozione discografica o da quelle della confessione biografica. Il risultato è questo libro unico nel suo genere, destinato a rinnovare radicalmente la metodologia del giornalismo musicale. Chiedendo a ciascun artista di scegliere uno o più brani da ascoltare e commentare insieme a lui, Radiff accompagna i suoi interlocutori in un affascinante viaggio nella musica che è allo stesso tempo esame delle tecniche esecutive, espressione dei sentimenti suscitati dall'ascolto, riconoscimento delle paternità e dei debiti artistici. Che sia Pat Metheny a commentare la tromba di Miles Davis, Sonny Rollins a spiegare il genio di Charlie Parker, o Joshua Redman a confrontarsi con il mostro sacro Coltrane, i musicisti che prendono la parola in questo libro non smettono di ricordarci a ogni pagina che la magia del jazz è sempre lì, a un tiro di stereo dalle nostre orecchie, se soltanto siamo disposti a lasciarcene catturare.

Come si ascolta il jazz

Ratliff Ben