Narrativa

L’ESTATE E’ FINITA

Massaro Rita

Descrizione: Una casa nella campagna siciliana per ricordare quello che è stato e per fare i conti con il presente. L'estate è finita, ma la vita va avanti. Chiara, 17 anni, siciliana. Ogni giorno trascorre identico a quello appena passato, ogni anno le solite vacanze nella solita casa di campagna con i soliti amici, Marta e Valerio. La voglia di qualcosa di nuovo comincia a farsi sentire, il desiderio di amare qualcuno inizia a essere forte. Qualcuno che non sia quel gran bravo ragazzo di Valerio. Non immagina neanche quanto rimpiangerà il vento del cambiamento che la fine dell'estate porta con sé. Chiara, sempre quella Chiara, solo verso i 30 anni. È sola nella vecchia e polverosa casa di campagna in cui era solita passare l'estate. Niente è rimasto come allora, la polvere e il tempo hanno usurato tanto la casa quanto le persone che vi ruotavano attorno. In mezzo a tutto quell'abbandono, l'unica cosa che può fare è guardare dalla finestra e ricordarsi di quelle estati sempre immobili ma così piene di vita. Ancora non sa che aprendo la finestra tornerà quel vento d'estate.

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana: Penelope

Anno: 2011

ISBN: 9788897057376

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

“Ognuno di noi fa di tutto per venire al meglio nelle foto, forse nella segreta speranza di rivedersi un giorno migliore di quello che era”.

 

Chiara, studentessa, quasi trentenne, è alle prese con due estati della sua vita: una passata ed una presente. 

La protoganista del romanzo si fa voce narrante e ci racconta o anche, si racconta, nel ripensare a quella lontana estate che, quasi noiosa nelle sue abitudini e nelle sue certezze, le ha stravolto la vita.

 

Nella villa di campagna di sempre, Chiara incontra, come ogni volta durante il periodo estivo, i suoi amici, fratelli, Marta e ValerioMarta, la migliore amica della protagonista, è una ragazza spigliata con l’ambizione del teatro, Valerio invece, seriamente innamorato di Chiara, è un giovane studente affamato di libri, poltica e cambiamenti sociali. In mezzo a loro, la personalità della giovane protagonista spicca per l’ingenuità e per la visione incantata del mondo.

Un giorno, poi, arriva Luca. Bello, introverso e problematico. Il clima di apparente tranquillità comincia a sfumare, le relazioni tra i vari personaggi si complicano e i tratti peculiari di ciascuno si delineano sempre di più mentre si confrontano e si scontrano l’uno con l’altro. Comincia a diventare sempre più fitta la nube di incomprensioni, di gelosie, di verità scomode e taciute.

 

Attraverso le storie dei quattro ragazzi, vengono fuori anche quelle di altri personaggi come i genitori di Chiara o di Luca, tutte ben intrecciate ed inserite al punto giusto della narrazione.

La ragazza, costretta ad uscire dalla sua visione “pollyannesca” della vita, si scontra fortemente con molte sfaccettature della realtà: l’amicizia, l’amore, la passione, quell’altra strana forma di amore/odio verso i propri genitori, l’ambizione… tutto si muove vorticosamente fino a plasmare la Chiara, apatica e disincantata, che anni dopo ci racconta la sua vicenda.

La protagonista torna nella villa di campagna in cui è cominciato tutto e da cui iniziano a riaffiorare i ricordi, poi una pedalata in bici, come ai vecchi i tempi, e infine una sorprendente scoperta: la sua seconda estate, il suo secondo cambiamento.

 

L’autrice, Rita Massaro, scrive con grande semplicità e scorrevolezza, e forse è proprio questa linearità che appasiona il lettore. Un romanzo “standard”, senza fronzoli, che si propone di raccontare una storia e lo fa nel più genuino dei modi possibili.

“Io cercavo di riempire vorticosamente la mia vita di momenti bellissimi, come se avessi saputo che un giorno o l’altro avrei avuto bisogno di riaprire il cassetto dei ricordi e volevo essere certa di trovarlo pieno”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rita

Massaro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Massaro Rita

Le storie vere di Flora Tristan, attiva socialista e fondatrice dell'Unione Universale delle Operaie e degli Operai, e suo nipote Paul Gauguin, legati dal grande sogno dell'Utopia di una società liberata dalle ingiustizie sociali e riconquistata alla bellezza artistica.

IL PARADISO E’ ALTROVE

Llosa Mario Vargas

Desirée si reca regolarmente alla tomba del marito, che ha avuto il cattivo gusto di morire troppo giovane. Bibliotecaria e cittadina, vive in un appartamento tutto bianco, con mobili di design, pieno di libri. Al cimitero incontra spesso un tipo che si prende cura della tomba accanto, realizzata con cattivo gusto, piena di angeli e decorazioni in marmo e circondata da una vegetazione strabordante. Il tipo si chiama Benny, il quale, dopo la morte della madre, vive solo nella fattoria di famiglia con ventiquattro mucche da latte e cerca di cavarsela come può, aiutato dal buonsenso paesano e da una gran dose di autoironia. Ogni volta che la incontra, è esasperato dalla vicina di cimitero, con quel berretto di feltro in testa e il piccolo taccuino di poesie sempre dietro. Un giorno però, un sorriso appare contemporaneamente sulle loro labbra, lasciandoli piuttosto turbati. È solo l’inizio di una passione bizzarra e sfrenata… Con romanticismo e humour, questo romanzo d’amore affronta una questione molto seria: cosa succede quando due culture completamente diverse si incontrano?

IL TIZIO DELLA TOMBA ACCANTO

Mazetti Katarina

Intensa, chiara e potente, cosí si presenta questa che è l'opera prima dello scrittore sudafricano vincitore, per ben due volte, del Booker Prize. Nelle due novelle di Terre al crepuscolo sono già evidenti tutte le qualità di Coetzee, confermate nei suoi successivi lavori. Il protagonista del primo racconto, Progetto Vietnam, è un ricercatore che studia i risultati del condizionamento ideologico dell'informazione negli anni del conflitto vietnamita. La storia di Jacobus Coetzee, invece, ricrea l'ambiente boero del Settecento, ripercorrendo la vicenda biografica di un uomo di frontiera che giura vendetta ai nativi ottentotti, rei di non avergli portato il rispetto dovuto a un bianco. Legati dal comune tema della riflessione sul potere, i due testi procedono nel solco della tradizione di Cuore di tenebra di Conrad ed esplorano il concetto di ossessione sottolineandone lo stretto legame con la colonizzazione, sia essa del 1760 o del 1970.

TERRE AL CREPUSCOLO

Coetzee John Maxwell

1942, Kiev. "Giocate per perdere, se vincete morite". Sasha ha quasi tredici anni quando, nella famosa "partita di calcio della morte" tra soldati nazisti e prigionieri ucraini, ex campioni del Dinamo, sente l'ufficiale tedesco minacciare i macilenti avversari. E suo padre. Sasha è figlia del portiere Nikola Trusevich, costretto a fare il panettiere per sopravvivere nella città occupata, prima da Stalin e poi da Hitler. La crudele operazione Barbarossa della Wermacht è uno dei momenti più drammatici della seconda guerra mondiale. Sasha è fortissima nel calcio, ma ha un solo difetto: è femmina. E il calcio, come le dicono a scuola, non è uno sport da femmine. Il suo migliore amico Maxsym, figlio del terzino Alexsey Kuzmenko, è invece fortissimo nel ballo, ma ha un solo difetto: è maschio. E il ballo, come gli dice suo padre, non è uno sport da maschi. Gli ultimi minuti del secondo tempo scorrono veloci e il lungo inverno della steppa è alle porte. Troverà Sasha il coraggio di compiere in partita quell'azione memorabile che cambierà la storia e realizzerà il suo sogno? Riusciranno i giocatori del Dinamo a sopravvivere dopo l'ultimo gol? Sarà il pallone a decidere. E in quel memorabile 9 agosto del 1942, a pochi metri dalla rete, la sfera di cuoio sembra gridare a Sasha: io non spreco le mie occasioni... Età di lettura: da 12 anni.

In piedi nella neve – Commento interattivo con l’autrice

Bortolotti Nicoletta