Giallo - thriller - noir

L’estranea

McGrath Patrick

Descrizione: Sidney, affermato studioso di poesia romantica, dopo due divorzi decide quasi d'impulso di sposare una ragazza molto più giovane di lui, Constance. L'uomo, senza esserne del tutto consapevole, tende ad assumere nei confronti della moglie atteggiamenti paterni, suscitando una reazione violenta, legata ai drammi che hanno segnato la vita della ragazza: la morte precoce della madre, la freddezza e l'indifferenza del padre e la gelosia per una sorella minore, Iris, allegra, spontanea e appassionata. Quando il padre rivela brutalmente a Constance la verità sulla sua nascita (frutto di una relazione della madre con il marito di Mildred, la domestica di famiglia), la giovane donna entra nel tunnel di una lucida follia che ha un solo fine: la vendetta contro Iris e Mildred, che sapevano la verità e non le hanno detto niente, e contro il proprio padre, il Grande Assente, che l'inconscio ferito considera responsabile di ogni infelicità. Uno stupefatto e angosciato Sidney assiste allo sprofondare della moglie in un abisso da cui non solo il suo matrimonio, ma la sua stessa vita rischiano di uscire distrutti.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria straniera

Anno: 2012

ISBN: 9788845264832

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’estranea - L’estranea di Patrick McGrath è Constance: una donna complicata (“Aveva una psiche talmente complicata, tutta ripiegata su se stessa come una conchiglia a spirale, un nautilus, e a volte la sorprendevo a parlare da sola come se rispondesse a quello che sentiva dentro la conchiglia”) e ambigua (“Sidney diceva sempre che… in quel periodo avrebbe preferito se fossi stata un ragazzo. Non gli servivo gran che come femmina. Mi chiamava spesso Ganimede. Il giocattolo sessuale degli dei”), a tratti aliena (“Mi irritava la freddezza che comunicava ogni tanto, il distacco… Volevo capire da dove nasceva”) il cui profilo viene tracciato da due voci. Quella di Constance – infantile (“Tutto è in vendita, me l’ha detto il babbo”), confusa, disorientata -, quella del marito Sidney Klein (“Sono un uomo sentimentale. Sono troppo sensibile…”).

Il loro matrimonio è il punto d’incontro di due opposte esigenze: Sidney è reduce da un doppio fallimento matrimoniale e ha un figlio alla ricerca della figura materna, Constance sta fuggendo da un passato graficamente rappresentato dalla casa dell’infanzia (“Una casa cadente nella valle dell’Hudson, completa di  veranda e torretta… La vista che aveva goduto dalla finestra della sua stanza…, la palude… e le Catskills in lontananza. Si chiamava Ravenswood…”), ove ha patito il rapporto d’odio con il padre (“Le chiesi se provava risentimento per la perdita della sua infanzia. In realtà usai la parola furto”) e le preferenze che costui riservava alla sorella Iris, ed è alla ricerca della figura di un padre protettivo e amorevole (“… la sua tendenza alla ripetizione compulsiva. Aveva sposato suo padre. Poi si era accorta di quello che aveva fatto e aveva cercato di tirarsi indietro”).

La doppia narrazione – attraverso i due punti di vista contrapposti – consente al lettore di comprendere lo sfasamento tra la percezione soggettiva di una personalità affetta da monomania e la realtà, e di seguire gli eventi attraverso i quali Constance attua la sua sete di vendetta e di rivincita.

Quando la patologia trova la propria collocazione nella ricostruzione degli eventi familiari che hanno interessato sia Morgan ed Henriette, i genitori de L’estranea, sia Mildred e Walter, la coppia al servizio dei genitori, gli eventi luttuosi del passato e del presente si intrecciano a opprimere ulteriormente una psicologia malata e sull’orlo del precipizio.

Patrick McGrath scandaglia il complesso di Elettra assumendo un paradigma estremo e lacerato(“L’inconscio di Constance era una cantina umida e muffosa che ospitava vari archetipi punitivi”), tra tonalità spiritate (“Nella camera di Iris… una bambola senza occhi chiamata Amanda Jane”) e  allucinate (“Eravamo le sorelle della pietà”), con un finale che è una novità rispetto agli epiloghi degli altri suoi romanzi.

Bruno Elpis

___________________________________

Libri dello stesso autore:

La guardarobiera

Martha Peake

Grottesco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Patrick

Mcgrath

Libri dallo stesso autore

Intervista a McGrath Patrick


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Gioconda detta Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un'anima inquieta per vocazione o forse per necessità e un unico, grande amore: Leonardo. Che però l'ha abbandonata. Smarrita e disperata, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfetto. La notte di San Valentino, Giò trova un biglietto che sua nonna aveva scritto all'angelo custode, per ringraziarlo. Con lo sconforto, ma anche il coraggio, di chi non ha niente da perdere, Giò ci prova: scrive anche lei al suo angelo. Che, incredibilmente, le risponde. E le fa una promessa: avrò cura di te. L'angelo ha un nome: Filemone, ha una storia. Soprattutto ha la capacità di comprendere Giò come Giò non si è mai compresa. Di ascoltarla come non si è mai ascoltata. Nasce così uno scambio intenso, divertente, divertito, commovente, che coinvolge anche le persone che circondano Giò. Uno scambio che indaga non solo le mancate ragioni di Giò: ma le mancate ragioni di ognuno di loro. Perché a ognuno di loro, grazie a Filemone, voce dell'interiorità prima che dell'aldilà, sia possibile silenziare la testa e l'istinto. Per ascoltare il cuore. Anche e soprattutto quando è chiamato a rispondere a prove complicate, come quella a cui sarà messa davanti Giò proprio dal suo fedele Filemone, in un finale sorprendente che sembrerà confondere tutto. Ma a tutto darà un senso.

Avrò cura di te

Gramellini Massimo Gamberale Chiara

La tempesta

Moravia Alberto

La pietà della luce, una poesia di Franco Di Carlo

Quando incontra il Professore per la prima volta, Doria ha sedici anni e la sua vita è intrappolata tra le mura della pensione del padre. Lui ha molti più anni e porta con sé un bagaglio dentro al quale conoscenza e mistero si alternano con intrigante complicità. Quando l'anno successivo l'uomo fa ritorno in Liguria, la natura prende il sopravvento e la loro storia prende forma. L'uomo è sposato e Doria è solo una tappa lungo il viaggio che durante le vacanze estive lo porta dalla moglie e la figlia a Nizza. Una tappa che però diventa piacevole abitudine e si ripete ogni estate. Negli anni più delicati della sua giovinezza, si abbandona a lui e pur di non deluderlo è disposta non solo ad assecondare ogni sua fantasia, ma anche a imparare nuove pratiche, facendo esperienze con i compagni durante gli interminabili mesi scolastici. Durante i loro fugaci incontri, il Professore si dedica totalmente a lei con il chiaro intento di iniziarla alla ricerca di se stessa e del piacere. Dopo una lunga separazione, ad aspettarlo però non troverà Doria, ma un plico di lettere in cui racconta di se stessa, di loro e di un segreto che non ha mai avuto il coraggio di confidargli.

Il basilico raccolto all’alba

Gènin Eugènie