Giallo - thriller - noir

L’ETA’ DELL’ARGENTO

Bompiani Ginevra

Descrizione: La vita sonnolenta di un’isola in mezzo al mare viene turbata dalla scomparsa di Cecilia, diciassette anni, bruna, florida, allegra e senza fantasie, poi ritrovata morta in fondo a un pozzo. Suo padre, grande e grosso come una specie di orco da fiaba, gestisce il negozio di alimentari in alto sulla collina. Improvvisamente tutta l’isola vibra di eccitazione e di curiosità. Un’aria di suspense si addensa a poco a poco. Uno straniero sbarca dalla nave con una valigia in mano e uno strano cappello calato sugli occhi, quasi non volesse farsi riconoscere. Una vecchia racconta di avere udito al calare della sera un grido moribondo, non si sa se umano o animale. Un bambino dice di aver visto un’ombra seguire la ragazza su per la ripida salita verso il paese alto. Un paio di scarpe di vernice nera col tacco fanno il giro del paese non per ordine di un Principe Azzurro ma nelle mani di un giovane e inesperto carabiniere.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Et al.

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788864630922

Trama

Le Vostre recensioni

Siamo su un isola sperduta: Cecilia, una bella ragazza di diciassette anni, scompare dopo una festa. Poche ore prima è arrivato al porto uno straniero con un grande cappello. Quella sera, dietro alla ragazza che torna a casa, qualcuno vede “un’ombra magra col cappello” e una donna racconta di aver udito ”un grido moribondo, non sa se umano o animale”.

Ai piedi della collina su cui si è arrampicata Cecilia per l’ultima volta giace un cane ucciso a bastonate; il cadavere della ragazza viene ritrovato in fondo a un pozzo e l’uomo col cappello sembra essere scomparso nel nulla.

I pezzi del puzzle dunque coincidono: si tratta del solito omicidio a sfondo sessuale, opera di un maniaco che viene da fuori, e per questo fa meno paura.

Nessuno in realtà immagina quale sia la verità a parte Ambra, una saggia donna che si trasforma in insolito detective e scandaglia l’anima della sua gente.

… non si tratta nemmeno del bene e del male: si tratta della forza e della forma dei desideri. I suoi desideri erano fatti di vapore e fumo. Questo invece era un desiderio vero, di quelli che non conoscono quiete o padrone. Un desiderio che si nutre nel sangue, nella bile, nelle ossa, che si serve del naso per fiutare, delle gambe per correre, delle mani per strangolare.

La delicatezza dell’autrice non toglie forza alla suspense che conduce vorticosamente alla fine, in un intreccio ricco di sfumature mitiche e misteriose.

“L’età dell’argento” è un libro raffinato che ricorda, per certi aspetti, Elsa Morante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ginevra

Bompiani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bompiani Ginevra

Estate 1963. Brisa è una spilungona con un bel corpo, un naso "importante" e una vistosa eterocromia che impressiona chi la guarda. Non solo: Brisa è una stria, una strega in grado di leggere il futuro degli altri anche solo sfiorando una fotografia con una ciocca dei suoi lunghi capelli. La gente si rivolge a lei per sapere come finiranno le storie d'amore, proprie o di personaggi famosi, oppure per ritrovare parenti scomparsi. Durante una gita all'Isola d'Elba, l'intervento di Brisa permette di salvare la vita a Jolanda, una giovane donna caduta dal traghetto. Ma si era davvero trattato di un incidente? E, poi, che fine ha fatto la vecchia Avemaria, scomparsa all'improvviso dopo aver portato fiori al cimitero? Mentre alcuni misteri del passato trovano finalmente una soluzione e vecchi amori tornano a bussare alla porta del presente, Brisa si troverà coinvolta in una vicenda che solo la sua presenza di spirito permetterà di districare.

Dalle nove a mezzanotte

Rambaldi Paola

Verga, Giovanni – LA LUPA (Vita dei campi, 1880)

Chi l’ha detto che i draghi debbano essere per forza cattivi…

Fiabe allegre

Panzacchi Francesca

Quattro liceali amiche per la pelle. Ognuna tiene un diario, e le pagine dei loro diari sono la forma narrativa scelta da Schmitt per raccontarci gli eccessi a cui può far giungere l’amore. Le protagoniste hanno diciassette anni, sono compagne di scuola, e vivono quel difficile periodo in cui da ragazza si diventa donna, pensano con ansia e frenesia all’amore fisico, al sesso, si chiedono come sarà la “prima volta” con il desiderio impaurito di farlo il prima possibile. Quello che raccontano alle amiche non è quello che raccontano a se stesse. I fatti avvengono, hanno un loro svolgimento oggettivo, ma la visione che ognuna ha degli stessi fatti è ben diversa, come vediamo dalle pagine dei loro diari. Il grande evento dell’anno scolastico è la recita del Romeo e Giulietta a cui tutte e quattro collaborano, due di loro addirittura come ruoli principali, nella parte di Giulietta e di Romeo. Si allestisce lo spettacolo, si fanno le prove, ma con il passare dei giorni le storie private delle quattro ragazze si intrecciano sempre più con le vicende del dramma di Shakespeare, fino ad arrivare a un sorprendente finale in comune che squarcerà il velo sulle tante illusioni che tutti ci facciamo sull’argomento “amore”.

Veleno d’amore

Eric-Emmanuel Schmitt