Narrativa

LEZIONI DI STRIP-TEASE

O'Brien John

Descrizione: Pubblicato postumo dopo il precoce suicidio del suo autore e tradotto ora per la prima volta in Italia, “Lezioni di striptease” conferma il talento brillante e misconosciuto di John O'Brien, che con “Via da Las Vegas” aveva già creato uno dei romanzi di culto degli anni Novanta, portato al successo dal fortunato adattamento cinematografico con cui Nicolas Cage si aggiudicò un premio Oscar. In queste pagine O'Brien torna a indagare le esistenze di silenziosa disperazione che si annidano ai margini del sogno americano, regalandoci una storia d'amore e di solitudine che non è solo il ritratto toccante di un personaggio, ma anche un atto di accusa contro la società del benessere, del profitto, della performance. Il protagonista è Carroll, un uomo timido di mezza età, archivista in un ufficio legale dove accumula solo umiliazioni e nevrosi. Carroll è privo di fascino e di amici: a rischiarare il grigiore della sua esistenza ci sono solo gli scintillii di paillettes dello strip-club di second'ordine dove passa sempre più spesso le sue serate, in cerca non tanto di eccitazione sessuale, quanto - per improbabile che sia - di un contatto umano con le ragazze che ai suoi occhi rappresentano solo calore e bellezza. Quando nel locale arriva una nuova spogliarellista, Stevie, che per la prima volta sembra concedergli un briciolo di confidenza, la sua vita abituale comincia a sussultare e sgretolarsi: sarà un nuovo inizio, o solo l'inizio della fine?

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum fax

Collana: Sotterranei

Anno: 2011

ISBN: 9788875212599

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

I wish he could’ve seen the movie. Not that a little cash or fame would’ve changed anything, but at least he would have finally had some applause”.

 

Sono le parole di Stuart Regan, il produttore cinematografico che fece di Via da Las Vegas (Leaving Las Vegas) un film di grande successo, con Nicholas Cage. O’Brien, poco più che trentenne e afflitto da gravi problemi di alcolismo, si era suicidato senza aspettare di ottenere il plauso che la sua opera avrebbe meritato.

 

Lezioni di strip-tease invece (così come The Assault on Tony’s e Better) è stato pubblicato postumo e si è guadagnato la stima dei critici americani; la bella traduzione italiana, a cura di Anna Mioni, è poi arrivata con Minimum fax.

Si tratta di un romanzo intimistico, profondo e malinconico, con un titolo intrigante che evoca erotismo e dissolutezza e invece racconta di un’esistenza infelice e solitaria.

 

Il protagonista fa l’archivista per uno studio legale e trascorre le sue monotone giornate tra mille paranoie. Carroll non è bello, non è geniale, non è spigliato. Avrebbe tanta voglia di amare ed essere amato, eppure non si sente all’altezza del mondo. Solo a tarda sera riesce a trovare un pò di conforto, quando si dirige, guardingo e timoroso, in uno strip club e ordina il suo succo di mela frizzante. Le spogliarelliste sono le uniche donne che osa guardare, sia pure di sottecchi, nell’ingenua ricerca di calore umano. Poi un giorno il dj/bigliettaio annuncia l’esibizione di una nuova ragazza: Stevie…

 

Questa è la bellezza. Unica. Ineffabile. Che senso ha descriverla, o addirittura pensarci? Stare qui seduto a vivere la tua vita, quando improvvisamente il mondo cambia: come si può andare avanti quando siamo soggetti a una manipolazione di questo genere? E come si può non farlo? L’immagine di questa donna, così eterea, così distante da qualsiasi posto dove mai saranno le mie mani, nonostante tutto è tangibile: me la sento nelle VISCERE. È come se potessi farla finita qui, come se avessi visto troppo. Potrei chiudere gli occhi adesso e non riaprirli mai più, sapendo, mentre percorro cieco a tentoni il resto della mia misera vita, che ho fatto proprio la cosa più giusta. Come se prendendo un pizzico di sale sapessi la quantità esatta di granelli che stringo fra le dita: sarei un artista. O un peccatore, forse. Sì, sarei un peccatore per non essere riuscito a dedicare la mia vita a inseguire il più a lungo possibile questa visione. Sarei un peccatore per non averla vista nel momento successivo a quello in cui ho chiuso gli occhi”.

 

È su Stevie che Carroll proietta tutte le sue aspettative sentimentali: sogna di potersi avvicinare a lei, di farsi chiamare per nome, e finalmente trova il coraggio di comprare dei vestiti nuovi e pagare un privè. Pochi dialoghi, poche battute e Carroll si innamora follemente, di un amore puro e innocente. Anche Stevie sembra quantomeno commossa, intenerita da quell’uomo ingenuo e gentile come un ragazzino. Però, proprio quando sembra aprirsi uno spiraglio, Carroll commette, o crede di commettere, un errore clamoroso, sciocco e imperdonabile che rovinerà tutto…

 

Mai più… non avrebbe mai, mai, mai più visto Stevie. Mai più parcheggiato, mai più varcato la soglia, mai più visto l’interno di quel locale, mai più visto Melissa, Tina, Nikki, nessuna. Mai più fatto quello che stava al centro del suo mondo”.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

O'brien

Libri dallo stesso autore

Intervista a O'Brien John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1944. In un’Italia spaccata in due, in mano per metà alle forze alleate e per l’altra metà all’oppressione nazifascista, ci si arrabatta per portare a casa la pelle. E Orvieto, dichiarata città aperta per preservare la ricchezza del suo patrimonio artistico, si trova malgrado ciò a fronteggiare la furia distruttrice dei bombardamenti che ne dilaniano il territorio, arrivando a sfiorare l’altissima rupe di tufo. Ma per quale ragione, in una di quelle terribili notti di guerra, qualcuno decide di sfidare il coprifuoco aggirandosi tremante fra lapidi e croci? Cosa sotterra di così prezioso da rischiare la vita mentre dal cielo imperversa una pioggia fatale di spezzoni incendiari? E come mai, a distanza di più di sessant’anni, quel vecchio episodio sconosciuto torna a incidere sulla piccola comunità orvietana di cui la libraia Matilde Ferraris è entrata stabilmente a far parte?

LA LIBRAIA DI ORVIETO. L’ULTIMA EREDITA’

Pattavina Valentina

Dove fanno il nido i ragni? L'unico a saperlo è Pin, che ha dieci anni, è orfano di entrambi i genitori e conosce molto bene la radura nei boschi in cui si rifugiano i piccoli insetti. È lo stesso posto in cui si rifugia lui, per stare lontano dalla guerra e dallo sbando in cui si ritrova il suo piccolo paese tra le colline della Liguria, dopo l'8 settembre 1943. Ma nessuno può davvero sfuggire a ciò che sta succedendo qui e nel resto d'Italia. Neppure Pin. Ben presto viene coinvolto nella Resistenza e nelle lotte dei partigiani, sempre alla ricerca di un grande amico che sia diverso da tutte le altre persone che ha conosciuto. Ma esisterà davvero qualcuno a cui rivelare il suo segreto? Il romanzo che ha segnato l'esordio di Italo Calvino, in edizione illustrata da Gianni De Conno. Età di lettura: da 13 anni.

Il sentiero dei nidi di ragno

Calvino Italo

Le canzoni di Narayama

Fukazawa Scichirō

Quella di Lynn Gallagher, gallerista di successo a Manhattan, è una vita brillante e ricca di soddisfazioni: non le manca niente, Ha persino un fastidiosissimo Stalker (una via di mezzo tra l'innamorato senza speranza e il maniaco persecutore). Ma è proprio costatando l'ossessione di Alan che intuisce la verità: lei è del tutto incapace di desiderare qualcuno. E come può dare una scossa alla sua vita, se non fingendo di essere a sua volta l'asfissiante, determinata e appiccicosa spasimante di qualcuno? Così si mette a tallonare Roland, il quale a sua volta si perderà dietro le grazie di qualcun altro, in una spirale di pedinamenti e inseguimenti in cui si scopre che a volte per trovare il vero amore basterebbe... voltarsi indietro. Il club degli innamorati è una storia sul desiderio: sull'assenza, sulla perdita, sull'eccesso e sull'irragionevolezza del desiderio, ma è anche una sferzante, acuta critica della vacuità di un mondo patinato, superficiale, capriccioso e mutevole, al limite della follia.

IL CLUB DEGLI INNAMORATI

Filipacchi Amanda