Giallo - thriller - noir

L’ILLUSIONISTA

Montolli Edoardo

Descrizione: È una primavera torrida a Milano, e succedono cose strane. Una suora viene trovata sgozzata in convento, truccata e vestita in abito da sera. Il commissario Boe finisce per bussare alla porta di Johnny Santini, professore di lettere in un liceo. Un professore particolare: si stordisce con l’hashish, allaccia relazioni con le allieve dell’ultimo anno, ed è segretamente a capo del Free Beagle, fantomatica organizzazione animalista che assalta i laboratori della vivisezione. Ma Santini non ne sa nulla. Anzi. Anche a lui stanno accadendo cose strane: qualcuno lo ha ricattato per recuperare una valigetta in un laboratorio e, invece, ci ha trovato un cadavere. E, mentre gli omicidi si susseguono e portano tutti a lui, scopre l’esistenza di una vecchia leggenda della malavita. Una leggenda dimenticata da decenni e che striscia e si sussurra ancora solo nei corridoi dei manicomi criminali, in cui orde di derelitti continuano invano a gridarsi innocenti. È lì la chiave dell’enigma. Johnny Santini corre incontro a una verità atroce e soffocante, a cui tutti, prima di lui, hanno resistito solo impazzendo. O suicidandosi.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Aliberti

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788874246694

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

 

Aliberti è una delle case editrici medio-piccole che sta crescendo meglio dal punto di vista della qualità e completezza delle proposte. Il bel thriller “L’Illusionista” di Edoardo Montolli si inserisce pienamente in questo trend.
Per capirne la complessità, la cosa migliore è far parlare l’autore: “Come si poteva dunque non credere che il caso dominasse il mondo?
Il caso dominava. Ma bisognava interpretarlo bene. Perché il caso era infido, si nascondeva nelle pieghe delle frasi e tra le lettere delle parole, abbagliava con le coincidenze e avvelenava gli uomini, creava equivoci e gelosie, paura e terrore, angoscia e rabbia. Bisognava sfuggirgli. Oppure governarlo bene“.
Ecco l’elemento centrale di un romanzo in cui, però, nulla accade per caso.
Ciò che sembra svolgersi senza un preciso disegno, in realtà ce l’ha. Chi ne subisce le conseguenze, ahi lui, non riesce a vederlo. Si tratta di una leggenda della malavita: il labirinto, meccanismo in cui, come nemesi di un torto subito, non si ammazza il responsabile, ma gli si distrugge la vita.
Si intesse una ragnatela di circostanze ingannevoli che lo portino a rimanere solo, abbandonato dagli affetti, sospettato (anzi, condannato) per qualcosa di grave che non immagina nemmeno di poter aver commesso. Dentro il labirinto, Montolli muove un universo di personaggi sfaccettati, che non sono mai una cosa sola.
Ciascuno ha il proprio lato oscuro, più o meno prevalente. Impossibile ricordarli tutti, ma vale la pena di spendere due parole per l’eroe assolutamente antieroico, Johnny Santini, professore di liceo classico dipendente da hashish (ma solo quello dell’amico Berto, con un THC simile all’LSD) che intesse ambigue relazioni con le proprie studentesse e cerca di affrancarsi da un passato di affetti infranti e
crimini “minori” sfogandosi in azioni dimostrative a sfondo animalista. O il commissario Boe, innamorato di due cose incompatibili, la divisa da poliziotto, a cui è attaccato da un personale senso più di giustizialismo che di giustizia, e il Brasile, in cui sogna di rifugiarsi al più presto, immaginando di vivere in agiatezze. La trama si svolge in prima persona quando interviene Santini e in terza quando si muovono gli altri personaggi.
Non solo Boe e la sua squadra che vede il novellino pedante e il corrotto, coinvolto in combattimenti tra cani, ma anche altre maschere molto ben cesellate. Cesarino, malvivente che fu il padre putativo di Johnny è rimarchevole. Buono o cattivo? Grizzly o Yoghi, per usare le parole dello stesso Boe? Sino all’ultima pagina resterà il dubbio. Poi lei, la misteriosa suora vestita da festa che si taglia la gola il 13 aprile, data che ha tatuata sul braccio. Eccolo, l’ingresso del labirinto. Un labirinto che ha i contorni e i confini di una Milano da anni di piombo, tornata nera senza nemmeno saperlo. “Le strade erano vuote, i bar chiusi. Nemmeno più la compagnia dei baracchini dei panini e delle prostitute che per anni avevano colorato i dintorni di corso Sempione di sesso sudamericano e albanese. Di sesso e sangue. Via loro, non era rimasto più nulla oltre le tre. Se morivi per strada, di notte a Milano, se ne accorgevano solo quelli della nettezza urbana”. E l’uscita dal labirinto? Al lettore il piacere di individuarla.
Attenzione, però, occorre tempo e metodo,  Montolli cercherà in ogni modo di farvi smarrire la strada, con l’abilità del giornalista investigativo spesso “borderline”. Guardatevi alle spalle, perché in questo romanzo davvero nulla è come sembra.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Edoardo

Montolli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Montolli Edoardo

Non tutti i luoghi sono casa; ma "l'appartamento del silenzio", un'elegante dimora in centro città, lo diventa per Beppe Novari, dopo anni di abbandono per strane dicerie. È proprio grazie a questo appartamento che i personaggi del romanzo si incontrano: personalità e vite diverse che dall'unione riescono a salvarsi, riunendosi attorno a un fuoco familiare. Insieme, riusciranno a ricucire le loro vite e quelle di chi, prima, ha abitato le stanze di quella bella e un po' sinistra dimora, trasformando il silenzio in gioia.

L’appartamento del silenzio

Verdoliva Gianni

Perché una sacca di sangue costa 3 euro al Sant’Andrea di Vercelli e 12 al Gallicano di Cosenza? E perché la Regione Piemonte dispone di 700 dipendenti e la Sicilia di 6000? Ci sono tante cose che ci fanno arrabbiare: gli sprechi, le inefficienze e ognuna delle mille male-qualcosa che popolano le cronache quotidiane. Una volta si tratta di truffe. Un’altra volta è una partoriente che ci lascia la pelle a causa di un errore o di un disguido. Un’altra ancora sono i treni fermi in mezzo alla campagna per il sistema andato in tilt. Perché tutto questo? La risposta non viene da differenze culturali o caratteriali che, con facile qualunquismo, si potrebbero individuare. La ragione affonda le radici nella storia: proprio quella di 150 anni fa. Se oggi i cittadini si lamentano per l’eccessivo carico fiscale e per le troppe tasse che gravano sul singolo contribuente, diventa inevitabile rammentare che l’andazzo prese il via giusto un secolo e mezzo fa, quando ci si cominciò a inventare imposte con tanta fantasia e nessuna logica. Se adesso tutti parlano di federalismo (e pochi immaginano come farlo) è perché si riconosce implicitamente che sono stati commessi errori imperdonabili che adesso diventa urgente rettificare. Non un’Italia unita e nuova ma un regno sabaudo allargato, che annette, che conquista e che impone le sue regole e le sue misure. Un travisamento degli accordi e del progetto originario, che ha tradito il Nord danneggiando anche il Sud.

Polentoni

Del Boca Lorenzo

Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all’atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l’eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia – tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra – sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto. Tutti, tranne John Camp. Lui è «vivo», ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e... in un attimo è stato catapultato all’Inferno. E ora deve affrontare un mondo sconosciuto e ostile per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati...

Dannati

Cooper Glenn

La narrazione di "I guardiani del destino" si snoda attorno alla vicenda surreale di Eddie Fletcher, agente immobiliare la cui esistenza viene sconvolta dalla scoperta che la realtà è solo un meccanismo continuamente modificato e riplasmato da alcuni 'guardiani' potenti e misteriosi, che vivono al di fuori del pianeta. Philip K. Dick affronta qui uno dei temi portanti della sua produzione letteraria, il rapporto tra realtà oggettiva e realtà soggettiva, e lo fa con quella potenza visionaria che ne ha fatto uno degli autori da cui il cinema ha tratto maggiore ispirazione. Questa antologia raccoglie anche gli altri racconti brevi di Philip K. Dick trasposti in pellicole cinematografiche, ossia "Next" (2007), "Paycheck" (2003), "Impostor" (2002), "Minority Report" (2002), "Screamers. Urla dallo spazio" (1995) e "Atto di forza" (1990). Un'occasione per accostarsi a un autore che, ancora oggi, è capace di metterci di fronte a rilevanti quesiti sul senso della nostra esistenza e sul nostro modo di leggere la realtà.

I guardiani del destino e altri racconti

Dick Philip K.