Fantasy

LIMBUS

Semprini Luana

Descrizione: E se avessimo davvero una seconda possibilità? Cinque giovani si ritrovano sospesi in una dimensione parallela, prigionieri del gioco crudele di un’oscura creatura che si fa chiamare il Millantatore. Perché l’enigmatico personaggio li ha riuniti e chiede proprio a loro di combattere il suo acerrimo nemico? Possono davvero fidarsi di lui? Per scoprirlo, i cinque protagonisti dovranno intraprendere un viaggio allucinante nel proprio passato e leggere in un’altra luce le vicende che li hanno portati fin là; un viaggio che metterà a dura prova anche la fiducia reciproca. Tra vertiginose sequenze di prospettive e trame sapientemente intrecciate, la giovanissima Luana Semprini conduce i lettori in uno scenario inquietante, sempre in bilico tra il mondo reale e un aldilà mai esplorato.

Categoria: Fantasy

Editore: Libro/mania

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788898562015

Trama

Le Vostre recensioni

L’autrice, pur giovanissima, riesce a imbastire una storia accattivante, a metà tra il thriller e il distopico, che sembra avere solidi radici di ispirazione in “Hunger games” e nei reality show estremi tanto in auge in questi anni, ma anche in un serial televisivo cult che ha avuto milioni di proseliti in tutto il mondo, “Lost”, con una strizzatina a un classico della letteratura gialla “Dieci piccoli indiani” di Agatha Christie.

I protagonisti, cinque ragazzi di diversa nazionalità ed estrazione sociale si ritrovano in un luogo astratto dopo aver perso la vita in circostanze tragiche . Il Millantatore promette loro una seconda possibilità ed è per questo che essi sono confinati in un limbo in attesa di sapere cosa sarà delle loro esistenze.

Giada, la voce narrante, l’unica italiana della storia, conduce il lettore in una situazione inquietante e angosciosa, esplorando molte situazioni estreme, come la droga e la violenza, ma anche rileggendo i significati autentici di amicizia, amore, solidarietà.

Giovani vite stroncate che lottano per riavere il diritto a giocarsi l’esistenza.

Un romanzo appassionante, a tratti angosciante, da leggere e rileggere perché ogni pagina, ogni parola nasconde un significato recondito .

Ciascun ragazzo finito in questo non luogo è apparentemente pentito della vita precedente ed è pronto a ritornare per dimostrarlo, ma come in tutti i gialli che si rispettano (e Limbus offre appunto una commistione di generi) c’è chi in realtà vorrebbe tornare sulla terra per continuare la propria opera negativa.

Buon approfondimento psicologico dei personaggi, forse con qualche eccessiva concessione a un non ben delineato manicheismo (anche se i buoni e i cattivi reali si svelano soltanto verso la fine, senza togliere la suspense a chi legge); dialoghi serrati come le situazioni immaginate dalla scrittrice.

Incubo o distopica realtà, sogno cosciente, possibile supposizione di una vita oltre la vita. “Limbus” potrebbe incuriosire e appassionare molte categorie di lettori grazie all’abilità di scrittura della Semprini, che sicuramente avrà modo di stupire ancora il mondo dell’editoria con altri interessanti romanzi.

Lettura adatta dall’adolescenza in su, buona in ogni stagione, forse da evitare prima di addormentarsi se si è un po’ troppo sensibili.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luana

Semprini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Semprini Luana

Questo volume raccoglie tutte le maggiori opere poetiche "italiane" di Amelia Rosselli: le opere giovanili in italiano, inglese e francese di "Primi scritti" (1980, ma risalenti al periodo tra il 1952 e il 1963); il poemetto "La libellula" (1959); le raccolte "Variazioni belliche" (1963), "Serie ospedaliera" (1969) e "Documento" (1976); il poemetto "Impromptu" (1981). Completano il volume alcuni testi tratti da "Appunti sparsi e persi" e a suo tempo inseriti nell'"Antologia poetica" pubblicata nel 1987.

Le poesie

Rosselli Amelia

Un giallo-verità che l’autore racconta vent’anni dopo esserne venuto a conoscenza: questo è Il caso Piegari, coda imprevista di un vecchio libro che a suo tempo sollevò scandalo e indignazione, Mistero napoletano. Un omissis finalmente svelato? Proprio così, lungo soltanto sei brevi capitoli ma non meno drammatici e incalzanti di quelli relativi alla storia del suicidio di Francesca Spada. Raccontano la follia che colse il geniale fondatore del Gruppo Gramsci dopo la sua espulsione dal Partito comunista (1954) per volontà di Giorgio Amendola, accusato da Guido Piegari di essere l’ispiratore di un meridionalismo “perverso”. Una storia che sembra appartenere soltanto al passato e che in effetti si svolge in gran parte in un’Italia che non esiste più. Ma il presente, lo sappiamo, ha un cuore antico. Soprattutto in una città come Napoli dove il Gruppo Gramsci continua a sopravvivere, sia pure in forma traslata, attraverso l’Istituto italiano per gli studi filosofici fondato da Gerardo Marotta che fu, all’alba degli anni cinquanta, il braccio destro di Guido Piegari e magna pars del Gruppo stesso.

Il caso Piegari

Rea Ermanno

Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.

LA LIBRERIA DEL BUON ROMANZO

Cossé Laurence

UNA GOCCIA TRA DUE OCEANI

Corrà Marcello