Giallo - thriller - noir

L’impero di mezzo

Cotti Andrea

Descrizione: Tra megalopoli ipertecnologiche e intrighi internazionali, una nuova indagine per il vicequestore Luca Wu. Dopo l'ultima, sfiancante inchiesta, il vicequestore Luca Wu ha bisogno di riposo e di ritrovare se stesso: lo deve a sua moglie, Anna, che lo ha cacciato di casa dopo l'ennesimo tradimento, e soprattutto a suo figlio Giacomo. L'occasione per allontanarsi da Roma e dal commissariato di Torpignattara si presenta quando i nonni di Wu decidono di tornare un'ultima volta al loro villaggio di origine, Caoping. Ma a pochi giorni dall'arrivo, l'ufficio sicurezza dell'ambasciata italiana in Cina lo contatta per chiedere il suo aiuto su un caso molto delicato: un importante imprenditore italiano è morto precipitando dal diciassettesimo piano di un parcheggio a Wenzhou. Il sospetto è che si tratti di un incidente, ma qualcosa nella ricostruzione delle autorità cinesi non torna. Insieme alla poliziotta Yien Bao Yi, quello che sembrava un semplice contrattempo si trasforma in una corsa impazzita tra i locali controllati dalle Triadi, le stanze della politica e le fabbriche dei colossi mondiali della tecnologia. Un intrigo internazionale fatto di affari miliardari, depistaggi, omertà e lotte di potere nei territori più oscuri dell'Impero di Mezzo. Dopo la Roma multietnica de Il cinese, Andrea Cotti spedisce Luca Wu alla scoperta delle sue origini, e dipinge un affresco della Cina sospesa tra tradizioni millenarie e futuro accelerato, dove spesso il confine tra legge e crimine, tra colpevoli e innocenti è troppo sottile per essere individuato.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana: Nero Rizzoli

Anno: 2021

ISBN: 9788817158992

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

L’impero di mezzo

Andrea Cotti, sceneggiatore, editor, ha pubblicato per la collana Nero Rizzoli nel 2018 il romanzo intitolato Il cinese. Protagonista assoluto il vicequestore Luca Wu, che ora torna in una nuova mirabolante avventura ne L’impero di mezzo, sempre edito nella collana Nero Rizzoli.

Luca Wu è un cinese, i suoi genitori lo sono, trapiantato a Roma, è in profonda crisi di identità. Da sempre in conflitto con se stesso: è italiano agli occhi dei cinesi, è cinese agli occhi degli italiani. Tormento e crisi che si riflettono immancabilmente anche nel suo stesso matrimonio con Anna, che gli ha dato un figlio Giacomo. Classico bello e dannato, Luca sfoga la sua irrequietezza tradendo la moglie, pur amandola. Ed è così che ad un certo punto decide di risolvere questo conflitto ritornando in Cina con i suoi nonni, per capire e comprendere meglio le sue origini. Ma appena giunto nel piccolo villaggio di Caoping, l’ufficio sicurezza dell’ambasciata italiana in Cina gli chiede aiuto per risolvere un inquietante enigma che riguarda la tragica morte di Carlo Grande, un imprenditore italiano che opera nel colosso della telefonia. Chi era costui?

Carlo Grande riesce nel suo intento di realizzare cellulari con materie prime cinesi, come la ceramica che impiega per gli chassis dei telefoni, rendendo i suoi prodotti accessibili a una larga fascia di acquirenti, con linee più costose e altre a prezzi più moderati. (…) Nell’Impero di Mezzo Carlo Grande ha costruito il suo, di impero.”

Personalità affascinante e ambigua, l’imprenditore si uccide, ma non lascia lettere di addio. O almeno così pare in un primo momento. Si apprende, però, che amava il gioco di azzardo e che aveva contratto debiti ingenti con le potenti Triadi, che potrebbero anche averlo ucciso. Quindi è suicidio o omicidio? O anche la classica, solita tragica fatalità?

Si “cita una presunta lettera di addio”, si fanno riferimenti alla “passione finora segreta dell’imprenditore italiano per il gioco d’azzardo”, ad “alcune discrepanze rilevate nella ricostruzione della morte”, e si scrive di “ipotesi di suicidio”.

Il cammino verso la verità sarà irto e difficoltoso, il finale inaspettato e non privo di dubbi.
Riuscirà Luca Wu a trovare la sua vera identità e la conseguente serenità che ne dovrebbe conseguire?

Un libro perfetto, dall’architettura letteraria ben costruita, solida e completa in tutti i suoi punti. Il romanzo ha i suoi punti forza, oltre che nell’investigazione propriamente detta, nella raffigurazione precisa e sintetica del mondo cinese in quanto tale. L’autore è particolarmente abile nel tratteggiare il mondo e la cultura cinese nelle sue caratteristiche precipue, nelle sue contraddizioni e nelle sue particolarità, che vengono sempre contrapposte a quelle del mondo e della cultura italiana. Della Cina l’autore ci fa conoscere i grandi colossi, ma anche i quartieri miseri e poveri, le Triadi, il sistema Stato e il suo diretto controllo sulla vita dei cittadini e non solo. Con l’autore iniziamo un viaggio addentro alla Cina, guidati con passione e puntualità. Il giallo è ben delineato e non dimentica, anzi sa ben coniugare, le caratteristiche del genere a cui appartiene. Alla prossima avventura, vicequestore Luca Wu!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Cotti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cotti Andrea

Il libro di Antonella Rizzo è ora sincopato e ironico, ora triste e pensoso ma sempre leggibile. Prende alla gola. Una poesia che non dà spazio a fraintendimenti, la sua. Dice Antonio Veneziani nella prefazione: “Il punto di convergenza…incatena alla pagina”. Un libro che va letto e assaporato come un vino d’annata, perché Plethora racconta il mondo odierno con i suoi cinismi (tanti) e con la sua poca poeticità.

Plethora

Rizzo Antonella

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un'Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d'acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un'intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d'urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

XXI Secolo

Zardi Paolo

12 sono i portici di Bologna candidati a patrimonio dell'umanità UNESCO, i più belli e ricchi di storia di tutta la città. Sono portici costruiti in epoche diverse, legati ai palazzi nobiliari, alle piazze che abbracciano, al quartiere dove sorgono. I portici, amati dai bolognesi che senza di loro non sanno stare, di certo sono rappresentativi di Bologna al pari dei Tortellini, delle Due Torri e dell'Università. Altrettanto rappresentativa di Bologna è l'investigatrice privata Stella Spada, unica e senza rivali, che dal suo studio di via dell'Inferno indaga sui casi che le vengono affidati, a patto che siano tutti nel centro di Bologna o poco distante. In questo romanzo breve, un caso molto speciale la obbliga ad una corsa contro il tempo dall'uno all'altro dei 12 portici candidati dall'UNESCO per ritrovare Filippo, il cane della vicina rapito da un misterioso personaggio che le lascia indizi in rima. Riuscirà Stella a ritrovare l'amato sanbernardo? Scoprirà e punirà il crudele rapitore?

Il mistero dei dodici portici

Lusetti Lorena

Il bar Novecento, di fronte allo stadio San Paolo, è un’istituzione, un punto di riferimento dove passare intere giornate. Non solo per commentare le partite, né per il caffè di Mario, né per la bellezza di Paola, la cassiera che fa girare la testa a chiunque. Al bar Novecento si va soprattutto per parlare con O’ Professore, l’uomo che da trent’anni siede allo stesso tavolino sul fondo della sala, e giorno dopo giorno raccoglie palpitanti racconti di epiche sfide, confessioni di figli tornati in città per esaudire l’ultimo desiderio del padre morente, richieste di consigli su amori infelici. A ciascuno di loro, O’ Professore saprà rivolgere profetiche, illuminanti parole sul senso della vita.

Il resto della settimana

De Giovanni Maurizio