Narrativa

L’incidente

Cossé Laurence

Descrizione: L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina la storia di Lou, una giovane donna che vede il corso della propria vita assurdamente deviato e stravolto allorché s'imbatte per caso in un evento molto più grande di lei. Una straordinaria prova di immaginazione letteraria a partire da un fatto realmente accaduto. Coinvolta per caso in una famosa vicenda di cronaca nera, la giovane Lou si allontana velocemente dalla scena dell'incidente. Per lei all'inizio non sembrano profilarsi conseguenze gravi. Pure quando all'indomani la notizia esplode su TV e giornali per via delle vittime illustri, Lou non si sente responsabile e nessun testimone l'ha vista. Poco alla volta però i sensi di colpa l'assalgono e teme di essere rintracciata, denunciata, data in pasto alla voracità dei media, arrestata. La sua vita precipita inesorabilmente in un gorgo di paure, sospetti e rimorsi. Con un ritmo magistrale, una tensione che toglie il fiato, Laurence Cossé riesce a calare il lettore nei panni di una donna che si sente braccata e che deve quindi trasformare in maniera radicale la propria vita fino ad allora tranquilla e appagata. L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina con un'efficacia stupefacente il destino di una persona coinvolta in un "grande evento della Storia", ma che la Storia stessa, la cronaca e la polizia non sono riuscite mai a identificare.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788876419461

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Una coincidenza, un breve istante della nostra vita, e tutto potrebbe cambiare.

Decidiamo di tornare a casa, di prendere l’automobile e ci mettiamo sulla strada.
Oppure incrociamo il destino di una persona apparentemente distante, completamente estranea.
In un giorno come tanti altri, quando nemmeno ce lo potremmo aspettare, il destino prende una direzione che nemmeno immaginavamo, ci guida verso scelte che neppure prendevamo in considerazione.
Così, ad esempio, un personaggio talmente famoso da poterlo considerare un mito vivente, potrebbe sfiorare, fatalmente, la nostra esistenza.
E catapultarci al centro di un evento mediatico senza precedenti con i risvolti più inverosimili.

A questi e simili pensieri potrebbe essersi ispirata Laurence Cossè, già autrice di successo per Edizioni e/o con La libreria del buon romanzo (pubblicato in Francia, in realtà, successivamente a questo suo romanzo d’esordio), per L’incidente.
La vicenda, liberamente ispirata ad uno dei più eclatanti episodi di cronaca mondiale dello scorso secolo, racconta le ripercussioni devastanti che l’incidente mortale di Lady Diana avrebbe determinato sulla vita di un immaginario personaggio – protagonista del romanzo – Lou, alla guida del veicolo che l’automobile su cui viaggiava la principessa, inseguita dai fotografi, avrebbe urtato nel tunnel, finendo per sbandare e finire contro il palo.

L’autrice, molto attenta ad indagare nelle sue opere le sfaccettature e le distorsioni del potere, indaga in questo romanzo l’incredibile influenza del potere mediatico, vero co-protagonista della storia.

Lo shock per l’accaduto, la paura dell’incidente mortale, spingono la protagonista del libro a fuggire e nascondersi a casa, senza prestare soccorso o testimoniare circa quanto accaduto.

Nelle ore seguenti, per non farsi trovare dalla polizia, dai fotografi, all’improvviso terrorizzata dall’attenzione spasmodica che si concentra attorno all’accaduto in tutto il mondo, Lou inizia a sentirsi oppressa dalla tensione, braccata e prigioniera nella sua testa da un episodio che le fa temere di poter perdere tutto.
Una persona normale, come chiunque di noi, improvvisamente prigioniera di un’ossessione giornalistica abnorme, a far da monito a quanti credono che il fantomatico “quarto potere” non possa e non debba essere un proprio problema.

Chi ha apprezzato La libreria del buon romanzo può ritrovare in quest’opera lo stesso stile lineare e metodico. L’autrice è molto abile nel rappresentare la tensione e l’angoscia della protagonista, coinvolgendo il lettore in una vicenda che, sebbene (almeno a quanto ne sappiamo) totalmente frutto della sua fantasia, non perde di verosimiglianza sino al suo epilogo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laurence

Cossé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cossé Laurence


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Stoccolma, 1767. Deve lasciare la città, subito. Per il giovane compositore, l’unica possibilità di salvezza è affrontare un lungo cammino e rifugiarsi a Trondheim. Lì cambierà identità e, con il nome di Jon Blund, potrà dedicarsi anima e corpo al suo grande amore: la musica. Ma il destino è sempre in agguato e, alla fine, le strade della vita conducono tutte alla stessa destinazione: la morte… Trondheim, oggi. Il detective Odd Singsaker stenta a crederci. Eppure è proprio lì: un antico carillon – risalente al XVIII secolo – adagiato sul petto di una donna barbaramente assassinata, cui sono state asportate le corde vocali. Oltre a quell’indizio inquietante, i suoi uomini non hanno trovato nulla: non ci sono impronte digitali né tracce di DNA, né testimoni che possano fornire un identikit del killer. Per risolvere il mistero, Singsaker deve quindi aggrapparsi a quell’unica, flebile traccia: l’ipnotica melodia suonata dal carillon. E ben presto scopre non solo chi l’ha composta – un certo Jon Blund –, ma anche che, nel corso dei secoli, è stata considerata una musica maledetta. Perché promette il sonno eterno a chiunque l’ascolti…

IL SILENZIO DEL CARNEFICE

Brekke Jørgen

Dopo il successo della trilogia dei noir marsigliesi - Casino totale, Chourmo, Solea - Jean-Claude Izzo, ha scritto questo romanzo altrettanto "nero", altrettanto impregnato di quella nostalgia per una felicità impossibile che è una nota caratteristica della sua scrittura. Il sole dei morenti non è un giallo, come non erano solo dei gialli i suoi romanzi precedenti. È la storia di un uomo sfortunato, un giovane sereno, innamorato della moglie, felice di avere un bambino, un lavoro, una casa. Poi la moglie lo lascia, lui perde il lavoro, la casa, finisce in strada: quello che chiamano un barbone. Ma dietro continua a vivere un uomo. E questo uomo, questo barbone, prova, in un ultimo slancio vitale, a lasciare la Parigi del freddo, dei metrò, dell'alcolismo, della solitudine, per raggiungere Marsiglia, il sole, il mare la città dove aveva scoperto l'amore. Il sole dei morenti è la storia di un viaggio e di una vita. Un romanzo struggente, di rara umanità.

Il sole dei morenti

Izzo Jean-Claude

In "Storie della preistoria", Moravia narra le avventure e disavventure di una grande folla di animali umanizzati. O meglio: di uomini che si nascondono dietro una maschera animalesca. Ma le sue storie, libere da schematismi e da certezze usurate dal tempo, si propongono piane, efficaci, più spesso esilaranti, per una lettura accattivante e per un'interpretazione autonoma e personalissima.

Storie della preistoria

Moravia Alberto

Cartongesso è un'invettiva viscerale e drammatica contro il Veneto attuale e contro un intero paese, l'Italia tutta. Michele Tessari è un avvocato che avvocato non vuole essere, ex necroforo, affetto da un disturbo bipolare, intrappolato nella vita come una cavia isterica ma consenziente, persino complice. Un "complice debole" del mondo in cui è immerso. Il disfacimento della sua terra si rispecchia in quello della sua esistenza, inquinata da un odio "che cammina come l'infezione, dalle caviglie alla bocca", dove si trasforma in grido. Un grido che investe la classe politica, le carceri, la giustizia, il sistema universitario, giù giù fino ai singoli individui, fino al narratore stesso, imbibito degli stessi mali contro cui si scaglia. Non c'è consolazione in queste pagine, nessuna catarsi: solo letteratura. E, in letteratura, "coraggio" è soprattutto raccontare la verità.

Cartongesso di Francesco Maino

Maino Francesco