Narrativa

L’incidente

Cossé Laurence

Descrizione: L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina la storia di Lou, una giovane donna che vede il corso della propria vita assurdamente deviato e stravolto allorché s'imbatte per caso in un evento molto più grande di lei. Una straordinaria prova di immaginazione letteraria a partire da un fatto realmente accaduto. Coinvolta per caso in una famosa vicenda di cronaca nera, la giovane Lou si allontana velocemente dalla scena dell'incidente. Per lei all'inizio non sembrano profilarsi conseguenze gravi. Pure quando all'indomani la notizia esplode su TV e giornali per via delle vittime illustri, Lou non si sente responsabile e nessun testimone l'ha vista. Poco alla volta però i sensi di colpa l'assalgono e teme di essere rintracciata, denunciata, data in pasto alla voracità dei media, arrestata. La sua vita precipita inesorabilmente in un gorgo di paure, sospetti e rimorsi. Con un ritmo magistrale, una tensione che toglie il fiato, Laurence Cossé riesce a calare il lettore nei panni di una donna che si sente braccata e che deve quindi trasformare in maniera radicale la propria vita fino ad allora tranquilla e appagata. L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina con un'efficacia stupefacente il destino di una persona coinvolta in un "grande evento della Storia", ma che la Storia stessa, la cronaca e la polizia non sono riuscite mai a identificare.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788876419461

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Una coincidenza, un breve istante della nostra vita, e tutto potrebbe cambiare.

Decidiamo di tornare a casa, di prendere l’automobile e ci mettiamo sulla strada.
Oppure incrociamo il destino di una persona apparentemente distante, completamente estranea.
In un giorno come tanti altri, quando nemmeno ce lo potremmo aspettare, il destino prende una direzione che nemmeno immaginavamo, ci guida verso scelte che neppure prendevamo in considerazione.
Così, ad esempio, un personaggio talmente famoso da poterlo considerare un mito vivente, potrebbe sfiorare, fatalmente, la nostra esistenza.
E catapultarci al centro di un evento mediatico senza precedenti con i risvolti più inverosimili.

A questi e simili pensieri potrebbe essersi ispirata Laurence Cossè, già autrice di successo per Edizioni e/o con La libreria del buon romanzo (pubblicato in Francia, in realtà, successivamente a questo suo romanzo d’esordio), per L’incidente.
La vicenda, liberamente ispirata ad uno dei più eclatanti episodi di cronaca mondiale dello scorso secolo, racconta le ripercussioni devastanti che l’incidente mortale di Lady Diana avrebbe determinato sulla vita di un immaginario personaggio – protagonista del romanzo – Lou, alla guida del veicolo che l’automobile su cui viaggiava la principessa, inseguita dai fotografi, avrebbe urtato nel tunnel, finendo per sbandare e finire contro il palo.

L’autrice, molto attenta ad indagare nelle sue opere le sfaccettature e le distorsioni del potere, indaga in questo romanzo l’incredibile influenza del potere mediatico, vero co-protagonista della storia.

Lo shock per l’accaduto, la paura dell’incidente mortale, spingono la protagonista del libro a fuggire e nascondersi a casa, senza prestare soccorso o testimoniare circa quanto accaduto.

Nelle ore seguenti, per non farsi trovare dalla polizia, dai fotografi, all’improvviso terrorizzata dall’attenzione spasmodica che si concentra attorno all’accaduto in tutto il mondo, Lou inizia a sentirsi oppressa dalla tensione, braccata e prigioniera nella sua testa da un episodio che le fa temere di poter perdere tutto.
Una persona normale, come chiunque di noi, improvvisamente prigioniera di un’ossessione giornalistica abnorme, a far da monito a quanti credono che il fantomatico “quarto potere” non possa e non debba essere un proprio problema.

Chi ha apprezzato La libreria del buon romanzo può ritrovare in quest’opera lo stesso stile lineare e metodico. L’autrice è molto abile nel rappresentare la tensione e l’angoscia della protagonista, coinvolgendo il lettore in una vicenda che, sebbene (almeno a quanto ne sappiamo) totalmente frutto della sua fantasia, non perde di verosimiglianza sino al suo epilogo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laurence

Cossé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cossé Laurence

Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine

Cosa faresti se all'improvviso scoprissi un romanzo che parla di te? E se, leggendolo, riuscissi a dare un significato diverso a ciò che hai vissuto e a scorgere nuove prospettive per il tuo futuro? È quello che accade ad Alexandra Marshall, fotografa naturalista dallo straordinario talento, quando scopre l'esistenza di un libro che racconta di lei e di Robert Sander, l'affascinante scrittore con cui, quindici anni prima, ha condiviso un avventuroso viaggio in Sudafrica. Insieme, ai confini del mondo, per realizzare il reportage che ha fatto vincere alla rivista per cui lavoravano il più prestigioso premio del settore. Ormai moglie del parroco di Midland, rassegnata ad assecondare le aspettative della famiglia e dell'ottusa comunità del piccolo paese del Wyoming, Alex ha abbandonato il suo lavoro e ha messo da parte i suoi sogni. Ma è proprio quel libro a rivelarle che sulla sua vita era stata pronunciata una profezia: la nonna del suo compagno di viaggio, indiana nativa della tribù dei Seminole, aveva predetto i sette nodi del destino che Alex e Robert avrebbero incontrato nel loro cammino. Sta ad Alex decidere se mettere un punto al libro o continuare la sua storia. Se trovare il coraggio di liberarsi dai condizionamenti sociali e superare i propri limiti, per vivere finalmente quell'istante magico che la vita ha in serbo per ognuno di noi se non abbiamo paura di coglierlo.

I sette nodi del destino

Amodeo Stefania

Nell'incanto sospeso sulle rive del Grande Fiume, un uomo, finalmente in pace con se stesso, rievoca dall'oblio in cui era caduta una storia di seducente passione, dove musicisti e amanti, spie e combattenti, seguendo le note dei tre concerti per pianoforte di Ciajkovskij, percorrono una strada di amore e morte.

TRE CONCERTI

Bocchi Vittorio

Primi anni ottanta. Sulla sponda occidentale del Lago di Como, nel triangolo soleggiato compreso fra Menaggio, Bellagio e l’Isola Comacina, dentro il quadro fastoso del turismo internazionale e dei grandi personaggi che vi hannosoggiornato (Liszt, Stendhal, Churchill, Hitchcock e l’ex cancelliere tedesco Konrad Adenauer), vanno in scena le piccole vicende della Tremezzina. In quella provincia italiana dove il tempo sembra essersi fermato el’opulenza degli alberghi di Cadenabbia e di Villa Balbianello sembra lontanissima, irrompe sulla scena il piccolo borgo di Mezzegra. Qui sono in gioco le dispute fra parroco e sindaco, le grazie non ancora onorate di Angela – l’organista –, la moto rombante dell’anarchico Bernasconi che quelle grazie vorrebbe onorare, le feste di paese, i traffici illeciti con la vicinaSvizzera, e poi corriere, biciclette, l’epopea del volo in idrovolante, milanesi e “teroni”, battelli della Navigazione Lago di Como e una galleria di personaggi irresistibili. È proprio questo mondo che viene scosso dalla sparizione della statua della Madonna del Carmine. Chi ha commesso questo atto sacrilego? A che scopo? Che fine ha fatto la statua? Il bravo don Luigi, erede di tutti i curati di campagna che hanno lasciato traccia nella letteratura e nel cinema, non perde le staffe, cerca di capire, indaga, interroga e non dimentica che “il diavolo è nel dettaglio”. Una commedia degli errori che, in forza della macchina dell’indizio, lascia trapelare piccoli segreti, calde passioni, speranze e appetiti inconfessabili. Cocco sonda ritmi e linguaggi da commedia, creando un nuovo luogo geografico-letterario, compreso tra il mondo in dialetto di Davide Van de Sfroos e la memoria di grandi scrittori lacustri come Piero Chiara. Ritmo impeccabile,personaggi incisi con gusto e maestria, un senso inedito della comunità e della narrazione, e un che di amaro, che arriva da più lontano.

Il bacio dell’Assunta

Cocco Giovanni