Narrativa

L’incidente

Cossé Laurence

Descrizione: L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina la storia di Lou, una giovane donna che vede il corso della propria vita assurdamente deviato e stravolto allorché s'imbatte per caso in un evento molto più grande di lei. Una straordinaria prova di immaginazione letteraria a partire da un fatto realmente accaduto. Coinvolta per caso in una famosa vicenda di cronaca nera, la giovane Lou si allontana velocemente dalla scena dell'incidente. Per lei all'inizio non sembrano profilarsi conseguenze gravi. Pure quando all'indomani la notizia esplode su TV e giornali per via delle vittime illustri, Lou non si sente responsabile e nessun testimone l'ha vista. Poco alla volta però i sensi di colpa l'assalgono e teme di essere rintracciata, denunciata, data in pasto alla voracità dei media, arrestata. La sua vita precipita inesorabilmente in un gorgo di paure, sospetti e rimorsi. Con un ritmo magistrale, una tensione che toglie il fiato, Laurence Cossé riesce a calare il lettore nei panni di una donna che si sente braccata e che deve quindi trasformare in maniera radicale la propria vita fino ad allora tranquilla e appagata. L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina con un'efficacia stupefacente il destino di una persona coinvolta in un "grande evento della Storia", ma che la Storia stessa, la cronaca e la polizia non sono riuscite mai a identificare.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2011

ISBN: 9788876419461

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Una coincidenza, un breve istante della nostra vita, e tutto potrebbe cambiare.

Decidiamo di tornare a casa, di prendere l’automobile e ci mettiamo sulla strada.
Oppure incrociamo il destino di una persona apparentemente distante, completamente estranea.
In un giorno come tanti altri, quando nemmeno ce lo potremmo aspettare, il destino prende una direzione che nemmeno immaginavamo, ci guida verso scelte che neppure prendevamo in considerazione.
Così, ad esempio, un personaggio talmente famoso da poterlo considerare un mito vivente, potrebbe sfiorare, fatalmente, la nostra esistenza.
E catapultarci al centro di un evento mediatico senza precedenti con i risvolti più inverosimili.

A questi e simili pensieri potrebbe essersi ispirata Laurence Cossè, già autrice di successo per Edizioni e/o con La libreria del buon romanzo (pubblicato in Francia, in realtà, successivamente a questo suo romanzo d’esordio), per L’incidente.
La vicenda, liberamente ispirata ad uno dei più eclatanti episodi di cronaca mondiale dello scorso secolo, racconta le ripercussioni devastanti che l’incidente mortale di Lady Diana avrebbe determinato sulla vita di un immaginario personaggio – protagonista del romanzo – Lou, alla guida del veicolo che l’automobile su cui viaggiava la principessa, inseguita dai fotografi, avrebbe urtato nel tunnel, finendo per sbandare e finire contro il palo.

L’autrice, molto attenta ad indagare nelle sue opere le sfaccettature e le distorsioni del potere, indaga in questo romanzo l’incredibile influenza del potere mediatico, vero co-protagonista della storia.

Lo shock per l’accaduto, la paura dell’incidente mortale, spingono la protagonista del libro a fuggire e nascondersi a casa, senza prestare soccorso o testimoniare circa quanto accaduto.

Nelle ore seguenti, per non farsi trovare dalla polizia, dai fotografi, all’improvviso terrorizzata dall’attenzione spasmodica che si concentra attorno all’accaduto in tutto il mondo, Lou inizia a sentirsi oppressa dalla tensione, braccata e prigioniera nella sua testa da un episodio che le fa temere di poter perdere tutto.
Una persona normale, come chiunque di noi, improvvisamente prigioniera di un’ossessione giornalistica abnorme, a far da monito a quanti credono che il fantomatico “quarto potere” non possa e non debba essere un proprio problema.

Chi ha apprezzato La libreria del buon romanzo può ritrovare in quest’opera lo stesso stile lineare e metodico. L’autrice è molto abile nel rappresentare la tensione e l’angoscia della protagonista, coinvolgendo il lettore in una vicenda che, sebbene (almeno a quanto ne sappiamo) totalmente frutto della sua fantasia, non perde di verosimiglianza sino al suo epilogo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laurence

Cossé

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cossé Laurence


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Andrea Pessina, un poeta milanese si racconta

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle

«Cosa fa della vita che abbiamo un’avventura felice?» si chiede Tiziano Terzani in questa eccezionale opera inedita, che racconta con la consueta potenza riflessiva l’esistenza di un uomo che non ha mai smesso di dialogare con il mondo e con la coscienza di ciascuno di noi. In un continuo e appassionato procedere dalla Storia alla storia personale, viene finalmente alla luce in questi diari il Terzani uomo, il padre, il marito: una persona curiosa e straordinariamente vitale, incline più alle domande che alle facili risposte. Scopriamo così che l’espulsione dalla Cina per «crimini controrivoluzionari », l’esperienza deludente della società giapponese, il passaggio professionale dalla Repubblica al Corriere della Sera, i viaggi in Thailandia, URSS, Indocina, Asia centrale, India, Pakistan non furono soltanto all’origine delle grandi opere che tutti ricordiamo. Furono anche anni fatti di dubbi, di nostalgie, di una perseverante ricerca della gioia, anni in cui dovette talvolta domare «la belva oscura» della depressione. E proprio attraverso questo continuo interrogarsi («tutto è già stato detto, eppure tutto è da ridire»), Terzani maturava una nuova consapevolezza di sé, affidata a pagine più intime, meditazioni, lettere alla moglie e ai figli, appunti, tutti accuratamente raccolti e ordinati dall’autore stesso, fino al suo ultimo commovente scritto: il discorso letto in occasione del matrimonio della figlia Saskia, intriso di nostalgia per la bambina che non c’è più e di amore per la vita, quella vita che inesorabilmente cambia e ci trasforma.

Un’idea di destino. Diari di una vita straordinaria

Terzani Tiziano

La casa di Asterione

Borges Luis Jorge