Narrativa

L’INCONFONDIBILE TRISTEZZA DELLA TORTA AL LIMONE

Bender Aimee

Descrizione: Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimee Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum fax

Collana: Sotterranei

Anno: 2011

ISBN: 9788875213626

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Rosie ha una qualità molto particolare: sente le persone attraverso il cibo.

Tutto comincia a nove anni, con una torta al limone preparata da sua mamma; da quel momento per Rose sarà impossibile mangiare qualcosa senza sentire l’umore e le emozioni di chi lo ha preparato. E allora, oltre ad acquistare una profonda consapevolezza del mondo, la sua vita, per autodifesa, sarà costellata dalla ricerca di cibo che sia stato toccato il meno possibile da esseri umani.

Cosa racconta il cibo di noi? Quali segreti può rivelare? E chi ha il dono di capirlo può avere una vita normale? Perché Rose non solo sente i sentimenti, ma li vive. Sente la solitudine della mamma, la rabbia del ragazzo che prepara i biscotti e tutte le passioni, i rancori e le ossessioni.

L’unico a capirla, apparentemente, è George, un amico di suo fratello, che la sosterrà per buona parte della storia.

La magia che c’è nella vita di Rose non è però il fulcro del libro, è solo il pretesto per raccontare la storia di una famiglia che sembra normale e felice, ma che cova dei segreti.

La madre di Rose si rifugia in una relazione con un collega, senza trovare il coraggio per ammettere che non ama suo marito.
Il padre, molto probabilmente anche lui con un dono particolare, per la paura di sapere qual è e quali sono le conseguenze, si crea una serie di abitudini e un mondo suo tutto ordinato; in questo modo evita anche di indagare sul rapporto ormai logoro con la moglie e sul perché non è riuscito a creare una relazione autentica con propri figli.
Il fratello di Rose, Joseph, è un genio, o almeno tutti ne sono convinti; invece anche lui nasconde un dono, un po’ più doloroso di quello Rose, che lo porterà ad allontanarsi completamente dalla famiglia. Silenzioso, schivo, timido, è il personaggio che ci riserverà più sorprese, proprio perché pensando che il libro parli di Rose e del suo dono, tenderemo un po’ a sottovalutarlo, ma sarà Rose a portarci da lui e a parlarci di lui, facendolo così diventare un co-protagonista di tutto rispetto.

Un libro pervaso di magia, ma anche di una malinconia che rivela quanto poco si parli in alcune famiglie, quanta solitudine si celi nei dolci fatti in casa e nella dedizione al lavoro. Una malinconia che però non pesa, ma fa compagnia, risana, ci dà dei buoni propositi e fa tenerezza, come sempre accade con la scrittura della Bender.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aimee

Bender

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bender Aimee


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il giorno perfetto è quello in cui Camilla compie sette anni, Zero fa esplodere la prima bomba in un McDonald's, Emma perde il lavoro, Kevin le mutande, Elio recita il discorso sbagliato al suo comizio elettorale, Valentina fa un piercing all'ombelico, Maja trova la casa dei suoi sogni, Sasha festeggia l'anniversario dei dieci anni con l'amante, Antonio vede la moglie per l'ultima volta e qualcuno carica con 7 colpi +1 la sua pistola. Vittime e assassini si aggirano nella stessa città - una Roma caotica e magnifica -, a volte le loro strade si incrociano, a volte no. Ma questo non è un giallo. I ruoli non sono stabiliti. Perché anche un minimo gesto, una sola parola, potrebbe deviare la traiettoria, e la trama, e trasformare il finale.

Un giorno perfetto

Mazzucco Melania G.

Un’isola stupenda, avviata alla totale indipendenza energetica, alla piena ecosostenibilità, che già vive nella società all’idrogeno decide di utilizzare la scoperta di un giovane ricercatore italiano emigrato in California: una tecnologia solare dal rendimento eccezionale e dall’impatto visivo nullo. Quest’isola è la Corsica del 2025. Situazione opposta in Italia, dove la sua innovazione è duramente osteggiata da un sistema che ha scommesso sul nucleare e che non tollera deviazioni, forte del supporto della“democrazia continuativa”. La vita per l’inventore diventa difficile, oggetto di attenzioni sgradite. Ma il giovane ed i suoi amici non si danno per vinti e riescono a mettere in ridicolo il sistema energetico italiano, evidenziandone le debolezze strutturali, e a comunicare attraverso i media in maniera inaspettata e devastante, creando una situazione esplosiva.

2025 BLACKOUT

Riva Renato

Le nostre conoscenze sull’umano, sulla vita, sull’universo, sono in piena espansione. Sono anche separate e disperse. Come legarle fra loro? Come affrontare problemi che sono nello stesso tempo complessi e vitali? La risposta di Edgar Morin è luminosa di intelligenza e accessibile a tutti. L’autore ci invita a “pensare globale”, cioè a considerare l’umanità nella sua natura “trinitaria”, poiché ciascuno è nello stesso tempo un individuo, un essere sociale e una parte della specie umana. L’umanità è trascinata nella corsa sfrenata della mondializzazione: la riflessione di Morin ci propone di scrutare il suo futuro senza cedere alla facilità dei luoghi comuni né alle ingiunzioni dell’attualità.

Sette lezioni sul pensiero globale

Morin Edgar

Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola : la mamma insiste e quel banale tragitto tra la casa e il negozio si rivelerà fatale. In coma,tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un rapporto speciale fatto di empatia e sensazioni che superano l’apparenza si formerà fra il medico e il ragazzino. Eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire i rapporti umani; l’altro è immobile sul un letto, in condizioni disperate.

MANI CALDE

Zucca Giovanna