Libri per ragazzi

L’India dei bambini

Sabbatini Emanuela

Descrizione:

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Curcio

Collana: Curcio Kids

Anno: 2018

ISBN: 9788868682996

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

L’India dei bambini è il nuovo libro, edito da Armando Curcio Editore, scritto da Emanuela Sabbatini, Presidente di AFLIN – Filo di Luce India ONLUS.

Queste le parole dell’autrice:

“Diciamo che il libro “L’India dei bambini” non è un libro auto celebrativo, anche se sono io l’autrice, ma è un libro che fa parte di un  progetto più ampio di AFLIN che vede in prima linea i bambini.

È un libro che nasce dalla consapevolezza che per un bambino il ricordo della favola è qualcosa con cui crescere e per raccogliere le tradizioni orali che altrimenti con il tempo andrebbero perse. 

In India, infatti, molti bambini non conoscono le favole e crescono troppo in fretta, non vivendo in pieno la loro età.

Le tradizioni sono le storie di un popolo, di una civiltà e vanno rispettate.  Vanno secondo me condivise per creare quel filo che unisce  poi tutti i popoli del mondo senza differenza di razza, di colore, di  religione.  Questo libro vuole essere, pertanto, integrazione che parte dai bambini, per i bambini.

È un libro particolare, è un lavoro fatto con semplicità che inverte il punto di vista classico. I bambini indiani donano le loro storie e le loro favole ai bambini italiani: chi ha meno dona qualcosa a chi ha di più. Dona qualcosa di semplice ma di estremamente prezioso, ovvero le proprie radici e i propri valori.

L’Armando Curcio Editore ha accettato subito la nostra proposta e con grande  entusiasmo ha seguito passo dopo passo la realizzazione del libro. A ogni favola è abbinata una illustrazione grazie al contributo di Lorenzo Santinelli, un giovane artista.”

Le  favole sono sedici, scritte in lingua originale dai bambini indiani e tradotte in lingua italiana dalla traduttrice Seema Chari, grazie al contribuito del nostro Ambasciatore Italiano a Delhi, Lorenzo Angeloni.

Tutti i proventi de L’India dei bambini saranno devoluti per sostenere le attività di AFLIN – Filo di Luce India Onlus.

Il sito web di Emanuela Sabbatini

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emanuela

Sabbatini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sabbatini Emanuela


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La ciociara

Moravia Alberto

Il mare che si allontana, scintillante nella calura. La fiumara da risalire, gonfia di pietre luminose, i ruderi dei mulini, il bosco di lecci chiazzato del giallo delle ginestre e infine lo scroscio sempre più intenso: è così che Francesco e i suoi amici scoprono un'oasi di pace presso la cascata refrigerante del Giglietto, sopra il paese di Spillace, in Calabria. Il luglio è afoso, e i bagni nel laghetto, seguiti dai saporitissimi pranzi, sono il diversivo ideale per la piccola comitiva di ragazzi e ragazze nemmeno diciottenni, affamati di vita e di emozioni. Ma quel luogo incantevole cela un mistero: in uno dei mulini abbandonati Francesco e Marta - la bellissima compaesana che vive a Firenze e scende al mare per le vacanze - incrociano gli occhi atterriti e insieme fieri di un vagabondo, che si comporta come un uomo braccato, cerca di allontanarli ed è addirittura armato. Ma la curiosità buona dei due ragazzi, gli sguardi leali scambiati nell'ombra, hanno la meglio: e presto l'uomo misterioso rivela qualcosa di sé, della ferita che lo ha condotto a nascondersi... Luglio, agosto, giorni in cui la vampa dell'estate si accompagna ai sapori dei fichi maturi, delle olive in salamoia, del pane preparato in casa con un rito affascinante, sul far del mattino. Giorni in cui nemmeno la calura spegne il desiderio d'amore, che vibra tra i ragazzi e accende gli animi come peperoncino vivo sulle labbra. E poi settembre, l'estate che si va spegnendo, il ritorno alla scuola e alla vita usata, la maggiore età che si avvicina: e con essa la consapevolezza che l'incanto non è nulla senza il coraggio, senza l'impegno che ogni vita adulta richiede. Con freschezza e passione, Carmine Abate dà vita a un intenso romanzo di formazione che si svolge nel tempo di pochi mesi e insieme racconta il senso racchiuso in una vita intera. L'uomo "selvatico" del Giglietto sarà per i protagonisti il testimone più alto della dignità, del rifiuto della prepotenza, della solidarietà che rendono grande ogni esistenza, e restituiscono a ogni luogo la sua bellezza. Valori che si incarnano nel gesto antico e attuale di baciare il pane, per celebrarne il dono e il mistero.

IL BACIO DEL PANE

Abate Carmine

Armando vive con la madre e il fratello minore, Andrea, un ragazzino un po' particolare, appassionatissimo di wrestling perché "vincono sempre i buoni". Sull'onda della sua ostinazione, la famiglia assiste a uno spettacolo di wrestling e da quel momento tutto cambia nella loro vita. Armando si trova ad affrontare l'imprevisto di una madre-atleta, di un primo amore che non sboccia e di un fratello molto speciale, a cui dedicare attenzione. Tra incertezze, delusioni e successi, si consoliderà la sua voglia di essere protagonista dello spettacolo della vita. Età di lettura: da 11 anni.

Un grande spettacolo

Rinaldi Patrizia

La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam