Libri per ragazzi

L’infanzia è uno dei periodi più difficili della vita

Celenia

Descrizione:

Categoria: Libri per ragazzi

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

L’infanzia è uno dei periodi più difficili della vita.

Non è un idillio rosa, come molti esempi di letteratura e filmografia sostengono: c’è una vasta produzione che ci ricorda l’esatto contrario, dalle fiabe classiche della tradizione popolare fino ad arrivare alle saghe contemporanee.

Le prime nascono direttamente dall’inconscio, prendono vita con gli archetipi che l’umanità condivide sin dalla notte dei tempi. Un bosco oscuro nel quale addentrarsi, tre prove da superare per guadagnare un ambito premio, un nemico scaltro da affrontare, un amico su cui poter fare affidamento; la meta è sempre la stessa: la fiducia in se stessi, la conferma dopo un lungo percorso di essere cresciuti, l’aver provato sulla propria pelle di esser pronti ad affrontare la vita. Tutto ciò attraverso la vita stessa: il bosco oscuro è un trampolino di lancio; il protagonista per conoscere il mondo deve scendere dentro se stesso. E’ nel proprio animo che incontra le differenti parti del Sé: l’antagonista, il compagno, l’oggetto magico, le prove da superare, la principessa da sposare. Tutte le categorie di Propp racchiuse in un solo uomo che cresce.

La letteratura per l’infanzia contemporanea rielabora questa eredità e la propone in un ampio filone di storie, le quali trattano il tema della crescita, passando per le zone d’ombra che caratterizzano l’esperienza del bambino. Fra le altre, troviamo in primis la paura infantile per eccellenza: quella di rimanere soli. L’orfano è stato spesso uno dei protagonisti più diffusi nella produzione per bambini, dalle fiabe (indirizzate inizialmente agli adulti) fino ad oggi. La prospettiva del distacco dai genitori è la più oscura che si possa profilare per un Io ancora nella prima formazione. Persino davanti alla crudeltà dell’abbandono voluto, come per Pollicino 1, è preferibile tornare indietro da una famiglia poco accogliente, piuttosto che perdersi prematuramente nel mondo. In molte delle storie narrate per i più piccoli, è la morte a portare via gli affetti maggiormente cari, in altre sono semplicemente assenti, magari accennati, ma lontani dallo svolgersi della storia di maturazione del protagonista.

Spesso l’orfano, da solo, non può farcela. Gli autori tolgono loro questa prerogativa: non possono far altro che sperare in un adulto misericordioso che abbia pietà di loro. Spesso questo adulto arriva, salva il malcapitato, donandogli quello di cui era deficitario: la fatina regala a Cenerentola 2 il vestito per andare al ballo, restituendole la dignità della quale era stata derubata; Aladino3 incontra un genio che gli conferisce gli strumenti necessari per prendere in mano la sua vita; Oliver Twist4, dopo tante disavventure, trova addirittura alcuni parenti, ovvero l’adulto di riferimento tanto cercato, senza il quale non riusciva a trovare una guida sicura da seguire; la piccola Sara5 riconquista il rango di principessa grazie ad un provvidenziale ricco zio ricordatosi di lei. Eppure a discapito dell’adulto che, scrivendo per bambini, si erge a padrone del destino dei più piccoli, ci sono anche orfani che conquistano da soli la propria indipendenza. Pippi Calzelunghe6 vive da sola in una sorta di ritorno alle origini: lei sola pensa a se stessa, vivendo in totale libertà, con amici, animali e una casa propria da gestire; le giornate trascorrono all’insegna del gioco, le avventure non mancano mai, ed anche questa è una possibile strada per crescere.

Nella letteratura contemporanea si assiste a un ritorno alle origini, alle fiabe dalle ambientazioni sinistre, dove l’adulto non sempre era un porto sicuro, poteva anzi addirittura esser il Diavolo in persona camuffato da frate. I personaggi hanno assunto sembianze più umane: non sono più unicamente buoni o invariabilmente cattivi; durante il corso della storia è stata concessa loro la possibilità di cambiare, oppure celano le loro vere intenzioni, mostrandosi quello che non sono. In saghe come

Harry Potter7 di J. K. Rowling, Una serie di sfortunati eventi8 di Lemony Snicket, o ancora Queste oscure materie9 di Philip Pullman, per i piccoli protagonisti non è semplice capire chi sia loro amico o nemico e in questa confusione di ruoli diventa ancora più complesso decidere quale strada loro stessi devono prendere. E’ come se il mondo, attraverso la letteratura, fosse diventato più complesso, più ricco di sfumature ed ombre, per cui più difficile da comprendere e interpretare. La letteratura è uno specchio della società. Fino al 1800 lo status di bambino non era per niente riconosciuto: l’infanzia era solo un passaggio obbligato da portare al termine quanto prima possibile. Da un paio di secoli invece abbiamo iniziato a fare attenzione, ad innalzarci10 al livello dei bambini, a riconoscere quindi quanto possa essere complicata l’avventura di crescere: il percorso che intraprendiamo alla ricerca del nostro punto di vista.

 

1 C. Perrault, I racconti di mamma Oca, Milano, Feltrinelli
2 Grimm, Fiabe, Milano, Mondadori
3 AA.VV. Le mille e una notte, Torino, Einaudi, 1956C.
4 C. Dickens, Oliver Twist, Londra, Chapman & Hall, 1839
5 F. H, Burnett, La piccola principessa, Londra, Warne, 1905
6 A. Lindgren, Pippi Calzelunghe, Milano, Salani, 2003
7 J. K. Rowling, Harry Potter e la pietra filosofale, Milano, Salani, 1998
8 L. Snicket, Un infausto inizio, Milano, Salani, 2000
9 P. Pullman , Queste oscure materie (La bussola d’oro, La lama sottile, Il cannocchiale d’ambra),Milano, Salani,2007
10 Dite:

è faticoso frequentare i bambini.
Avete ragione.
Poi aggiungete:
perché bisogna mettersi
al loro livello,
abbassarsi, inclinarsi, curvarsi,
farsi piccoli.
Ora avete torto.
Non è questo che più stanca.
E’ piuttosto il fatto di essere
obbligati a innalzarsi
fino all’altezza
dei loro sentimenti.
Tirarsi, allungarsi,
alzarsi sulla
punta dei piedi.
Per non ferirli.
( J. Korczak, Quando ridiventerò bambino, Milano, Luni, 1995)

 

BIBLIOGRAFIA

 

AA.VV. Le mille e una notte, Torino, Einaudi, 1956

B. Bettelheim, Il mondo incantato, Milano, Feltrinelli, 1985

S. Blezza Picherle, Libri, bambini, ragazzi, Milano, Vita e Pensiero, 2004

F. H, Burnett, La piccola principessa, Londra, Warne, 1905

C. Dickens, Oliver Twist, Londra, Chapman & Hall, 1839

Grimm, Fiabe, Milano, Mondadori

C. G. Jung, L’uomo e i suoi simboli , Milano, Saggistica Tea, 2004

J. Korczak, Quando ridiventerò bambino, Milano, Luni, 1995

A. Lindgren, Pippi Calzelunghe, Milano, Salani, 2003

C. Perrault, I racconti di mamma Oca, Milano, Feltrinelli

P. Pullman, Queste oscure materie (La bussola d’oro, La lama sottile, Il cannocchiale d’ambra), Milano, Salani, 2007

J. K. Rowling, Harry Potter e la pietra filosofale, Milano, Salani, 1998

L. Snicket, Un infausto inizio, Milano, Salani, 2000

 

In collaborazione con il gruppo Anobii: Giardino Segreto

 

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Celenia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Celenia

Martino Rebowsky è uno dei dodici uomini più felici sulla faccia della terra. Ormai sempre più grasso, più misogino, più pigro, più strafatto, più allo sbando e più rock 'n' roll, passa le sue giornate a dormire e a guardare serie tv su Netflix, mentre di notte - come un moderno guru della Genova by night - va in giro a filosofeggiare per i locali del centro storico o a suonare la sua tromba nei peggiori club della città. Ma qualcosa sta per cambiare. Quando improvvisamente sparisce nel nulla Bianca, una delle spogliarelliste del Perciò, gli equilibri zen della sua vita sballano radicalmente. Rebowsky, assoldato da Lele "il fighetto", proprietario del night, dovrà cercare la ragazza scomparsa e farlo alla svelta; Lele non vuole sbirri tra i piedi, quindi, in cambio di una discreta somma di grano, dovrà trovare Bianca senza fare troppo chiasso in giro. Aiutato come sempre dalla sua amica Marilù - ricca e naïf - Martino, improvvisandosi maldestramente investigatore privato, si troverà improvvisamente catapultato in una surreale e bizzarra indagine, contornata da folli nottate, Porsche fiammanti, musicisti ossessivo compulsivi, hipster vegani, provocanti spogliarelliste, fotografi radical-chic, incensisti senza capo né coda, grassi finanzieri corrotti e artisti maledetti. Ma che fine ha fatto, davvero, Bianca? E di chi è quel cadavere trovato in mare, domenica 12 maggio?

Dodici lumache e una banana split

Monforte Matteo

Il mare che si allontana, scintillante nella calura. La fiumara da risalire, gonfia di pietre luminose, i ruderi dei mulini, il bosco di lecci chiazzato del giallo delle ginestre e infine lo scroscio sempre più intenso: è così che Francesco e i suoi amici scoprono un'oasi di pace presso la cascata refrigerante del Giglietto, sopra il paese di Spillace, in Calabria. Il luglio è afoso, e i bagni nel laghetto, seguiti dai saporitissimi pranzi, sono il diversivo ideale per la piccola comitiva di ragazzi e ragazze nemmeno diciottenni, affamati di vita e di emozioni. Ma quel luogo incantevole cela un mistero: in uno dei mulini abbandonati Francesco e Marta - la bellissima compaesana che vive a Firenze e scende al mare per le vacanze - incrociano gli occhi atterriti e insieme fieri di un vagabondo, che si comporta come un uomo braccato, cerca di allontanarli ed è addirittura armato. Ma la curiosità buona dei due ragazzi, gli sguardi leali scambiati nell'ombra, hanno la meglio: e presto l'uomo misterioso rivela qualcosa di sé, della ferita che lo ha condotto a nascondersi... Luglio, agosto, giorni in cui la vampa dell'estate si accompagna ai sapori dei fichi maturi, delle olive in salamoia, del pane preparato in casa con un rito affascinante, sul far del mattino. Giorni in cui nemmeno la calura spegne il desiderio d'amore, che vibra tra i ragazzi e accende gli animi come peperoncino vivo sulle labbra. E poi settembre, l'estate che si va spegnendo, il ritorno alla scuola e alla vita usata, la maggiore età che si avvicina: e con essa la consapevolezza che l'incanto non è nulla senza il coraggio, senza l'impegno che ogni vita adulta richiede. Con freschezza e passione, Carmine Abate dà vita a un intenso romanzo di formazione che si svolge nel tempo di pochi mesi e insieme racconta il senso racchiuso in una vita intera. L'uomo "selvatico" del Giglietto sarà per i protagonisti il testimone più alto della dignità, del rifiuto della prepotenza, della solidarietà che rendono grande ogni esistenza, e restituiscono a ogni luogo la sua bellezza. Valori che si incarnano nel gesto antico e attuale di baciare il pane, per celebrarne il dono e il mistero.

IL BACIO DEL PANE

Abate Carmine

Teatro di Documenti

Un padre ossessivo e brutale che lo vuole numero uno al mondo a ogni costo. Gli allenamenti a ritmi disumani, contro il «drago» sputapalle. La solitudine assoluta in campo che gli nega qualsiasi forma di gioventú. E poi una carriera da numero uno lunga vent'anni e 1000 match. Punteggiata da imprese memorabili ma anche da paurose parabole discendenti. Con l'avversario di sempre: Sampras. E chiacchierati matrimoni: Brooke Shields e Steffi Graf. Una vita sempre sotto i riflettori. Ma non senza dolorosi lati oscuri. «Open è uno dei piú appassionati libri contro lo sport che siano mai stati scritti da un atleta. Non è soltanto il memoir di un atleta, ma un vero e proprio racconto di formazione di grandissima profondità». New York Times Books Review Se colpisci 2500 palle al giorno, cioè 17500 la settimana, cioè un milione di palle l'anno, non potrai che diventare il numero uno. Questo è quello che il padre-padrone di Agassi ripeteva ad Andre bambino, costringendolo ad allenamenti disumani nel cortile di casa, contro una sorta di macchinario sputapalle di sua invenzione. Un padre dispotico e ossessivo che con i suoi metodi brutali diede l'avvio a una delle carriere sportive piú sfolgoranti e anche controverse di tutti i tempi. Perché Andre Agassi con i suoi capelli ossigenati, l'orecchino e le tenute sportive piú da musicista punk che da tennista, ha sconvolto l'austero mondo del tennis. Dei suoi 21 anni di carriera e di alcuni dei piú incredibili match giocati, dei rivali di varie generazioni, da Jimmy Connors a Pete Sampras a Roger Federer, dei suoi matrimoni da rotocalco e di molto altro, Andre Agassi racconta in questo libro. Mettendo in luce, con sorprendente franchezza e onestà, un lato umano del tutto inedito.

Open. La mia storia

Agassi Andre