Raccolte

L’INFEDELE

Serao Matilde

Descrizione: Un galateo fin de siècle delle passioni, descritto dalla penna inesauribile di Matilde Serao attraverso quattro racconti di amori nati e bruciati rapidamente: c'è la passione che si consuma tra fedeltà e infedeltà in un singolare triangolo amoroso, quella che si infrange contro i dubbi di una confessione tra amanti, quella che si tormenta nell'attesa di un incontro incerto, fino alla passione che, ormai trasformata in ricordo, può essere catalogata insieme agli oggetti insignificanti di un personale museo. Sullo sfondo, un microcosmo aristocratico e alto-borghese, chiuso nei suoi riti codificati come nell'eleganza dei suoi salotti. E un fantasma inquietante: "che la vita nella sua più alta espressione, che è l'amore", sia solo "un vano e miserabile sogno".

Categoria: Raccolte

Editore: Bel-ami

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788896289020

PRIMA EDIZIONE

L’INFEDELE

Editore:

Anno: 1897

Info:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

L’Infedele è una raccolta di quattro racconti brevi, il primo dei quali dà il nome all’opera. Il tema ricorrente è l’amore, abilmente affrontato dall’autrice in ogni suo aspetto, come amore tradito, amore non corrisposto, amore che consuma e amore incompreso.

Il primo e più lungo dei racconti tratta ovviamente dell’infedeltà. L’autrice non ci parla però dell’infedeltà come tradimento della persona amata, ma piuttosto come tradimento di se stessi e dell’amore eterno. “Tre sono i personaggi di questa istoria d’amore: Paolo Herz, Luisa Cima e Chérie”.

Nelle prime pagine l’autrice di descrive con dovizia di particolari i tre personaggi.

Paolo Herz è un uomo eminentemente portato all’amore. Dopo aver percorso tutte le vie dove vibra la vita, egli ha ritrovato, non so in quale pozzo, la Verità; ed Essa gli ha detto una cosa antichissima: solo l’amore vale la pena di vivere”. Ferma restando la sua predisposizione per l’amore, Paolo Herz “non è un Don Giovanni. Nella sua anima esiste una limpida corrente sentimentale che viene a temperare tutte le fiamme troppo improvvise, tropo violente, troppo fugaci”; eppure “in questa istoria d’amore, Paolo Herz è il traditore”.

Luisa Cima, “non possedendo nessuna bellezza, non avendo nessuna formosità, non facendo mostra di nessuna grande qualità estetica palese … è seducente. Quando è in una sala, in un teatro, dove deve tacere, stare quieta, in silenzio e al riposo, ella sembra una donnina insignificante, poco sana anche, anemica, senza nessun genere di attrazione: e può essere, è trascurata. Ma, l’ora passa: ella si muove, si leva, parla, sorride, va, viene, compare e scompare, gira, danza, pare che si spezzi in due, si gitta estenuata in una poltroncina, coi grandi occhi limpidi, maliziosi e teneri bene aperti, con la bocca socchiusa e la sua attrazione vincola, lentamente. L’uomo ha cominciato per considerarla come un qualunque inutile e trascurabile piccolo elemento muliebre: poi la sua attenzione benevola ha pensato che Luisa Cima sia una cosetta carina e infine, infine, quando il fascino si è sviluppato, che Luisa Cima sia un prezioso piccolo gioiello”. Luisa Cima, “in questa storia di amore, è la tradita”.

Chérie è, relativamente onesta. Non ha mai due amanti, nello stesso tempo; non ha mai preso, solo per il denaro, un amante brutto, vecchio o ladro; … e se le è capitato che il suo amante fosse egualmente ricco, giovane e bello, ella gli ha dato uno o due anni di amore, gli è stata fedele, gli ha fatto spendere una quantità di denaro, lo ha lasciato solo quando costui ha voluto esser lasciato e ha tenuto sempre due o tre mesi di lutto”.  Chérie, “nella istoria di amore che qui racconto, è la complice necessaria del tradimento fatto da Paolo Herz a Luisa Cima”.

Quella narrata dalla Serao, però, non è la solita storia di tradimento. L’amore di Paolo per Luisa è forte, così forte che pur dopo essere lasciato e pur sentendosi tradito, lui si impegna a non amare mai altra donna. Un momento di entusiasmo accompagna il nuovo incontro tra Paolo e Chèrie. Le emozioni di lui sono quelle del primo amore, dell’attesa prima che venga consumato. Dopo mesi di completa rassegnazione, seguiti al distacco con Luisa, Paolo sembra finalmente aver ritrovato la fiamma della passione.

Quali tragiche conseguenze però, di tale passione. Quando si spegne l’ardore, e si torna a ragionare, ci si accorge spesso di aver fatto qualcosa che in realtà non si voleva fare. Di aver tradito se stessi e ciò in cui si crede. Questa è la reazione di Paolo al suo essere infedele, all’aver tradito l’amore non più corrisposto di una donna che ormai lo ignora totalmente.

Gli altri tre racconti affrontano temi connessi. L’attesa di un incontro amoroso e l’impazienza che rende ogni minuto lungo come una giornata; il ricordo di amori non corrisposti, attualizzato mediante una serie di oggetti appartenuti a donne che il protagonista ha amato, senza però che loro amassero lui, e di donne che lo hanno amato, senza però che lui amasse loro; il discorso di due innamorati inconsapevoli, che scoprono un trasporto mai dichiarato.

 

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matilde

Serao

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serao Matilde


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una casa nella campagna siciliana per ricordare quello che è stato e per fare i conti con il presente. L'estate è finita, ma la vita va avanti. Chiara, 17 anni, siciliana. Ogni giorno trascorre identico a quello appena passato, ogni anno le solite vacanze nella solita casa di campagna con i soliti amici, Marta e Valerio. La voglia di qualcosa di nuovo comincia a farsi sentire, il desiderio di amare qualcuno inizia a essere forte. Qualcuno che non sia quel gran bravo ragazzo di Valerio. Non immagina neanche quanto rimpiangerà il vento del cambiamento che la fine dell'estate porta con sé. Chiara, sempre quella Chiara, solo verso i 30 anni. È sola nella vecchia e polverosa casa di campagna in cui era solita passare l'estate. Niente è rimasto come allora, la polvere e il tempo hanno usurato tanto la casa quanto le persone che vi ruotavano attorno. In mezzo a tutto quell'abbandono, l'unica cosa che può fare è guardare dalla finestra e ricordarsi di quelle estati sempre immobili ma così piene di vita. Ancora non sa che aprendo la finestra tornerà quel vento d'estate.

L’ESTATE E’ FINITA

Massaro Rita

A che ora muori?

Carabba Simone

Un bambino di undici anni e sua madre di venticinque vivono nella campagna francese in roulotte. Joss è una madre troppo giovane e non ha tempo per occuparsi del piccolo Tom: la sera esce, va a ballare e si innamora sempre di ragazzi sbagliati. Tom, figlio, amico, compagno di vita, è invece un ragazzino che ha imparato per necessità a essere autonomo, a trascorrere le serate in solitudine, a correggere il francese della madre che studia per prendere la maturità. “Tom piccolo Tom” racconta un universo di fatiche, indigenza e mancanza di sicurezze, ma allo stesso tempo di piccole fortune (e virtù), di quelle gioie che possono restituire il gusto di un'esistenza leggera.

TOM, PICCOLO TOM

Constantine Barbara

"Tanto per cominciare, Zooey era un giovanotto piccolo, dal corpo estremamente esile. Da dietro (soprattutto dove gli si vedevano le vertebre) sarebbe quasi potuto passare per uno di quegli sparuti bambini di citta che ogni estate vengono spediti alle colonie a ingrassarsi e prendere il sole. Visto in primo piano, di faccia o di profilo, era straordinariamente, spettacolosamente bello. La sorella maggiore mi ha pregato di dire che assomigliava all'"esploratore mohicano ebreo-irlandese dagli occhi azzurri che mori tra le vostre braccia al tavolo della roulette di Montecarlo".A salvare in extremis quel volto dall'eccessiva bellezza, se non addirittura dallo splendore, era un orecchio che sporgeva leggermente piu dell'altro. Per conto mio, comunque, non condivido affatto ne l'uno ne l'altro di questi punti di vista. Ammetto che il volto di Zooey fosse un volto bellissimo, quasi perfetto. Come tale, naturalmente, era passibile di quella stessa varieta di giudizi scorrevoli, imperterriti e spesso capziosi cui e soggetta ogni autentica opera d'arte. Penso resti solo da aggiungere che una qualunque delle cento minacce giornaliere - un incidente d'auto, un raffreddore di testa, una bugia prima di colazione - avrebbe potuto deturpare o imbruttire la sua generosa bellezza nel giro di un giorno o di un minuto. Ma quello ch'era deteriorabile, quello che qualcuno ha categoricamente definito una gioia di tipo imperituro, era un autentico esprit impresso su tutto il viso, specie negli occhi, dove attirava l'attenzione come una maschera di Arlecchino, e a volte disorientava".

FRANNY E ZOOEY

Salinger Jerome D.