Raccolte

L’INFEDELE

Serao Matilde

Descrizione: Un galateo fin de siècle delle passioni, descritto dalla penna inesauribile di Matilde Serao attraverso quattro racconti di amori nati e bruciati rapidamente: c'è la passione che si consuma tra fedeltà e infedeltà in un singolare triangolo amoroso, quella che si infrange contro i dubbi di una confessione tra amanti, quella che si tormenta nell'attesa di un incontro incerto, fino alla passione che, ormai trasformata in ricordo, può essere catalogata insieme agli oggetti insignificanti di un personale museo. Sullo sfondo, un microcosmo aristocratico e alto-borghese, chiuso nei suoi riti codificati come nell'eleganza dei suoi salotti. E un fantasma inquietante: "che la vita nella sua più alta espressione, che è l'amore", sia solo "un vano e miserabile sogno".

Categoria: Raccolte

Editore: Bel-ami

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788896289020

PRIMA EDIZIONE

L’INFEDELE

Editore:

Anno: 1897

Info:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

L’Infedele è una raccolta di quattro racconti brevi, il primo dei quali dà il nome all’opera. Il tema ricorrente è l’amore, abilmente affrontato dall’autrice in ogni suo aspetto, come amore tradito, amore non corrisposto, amore che consuma e amore incompreso.

Il primo e più lungo dei racconti tratta ovviamente dell’infedeltà. L’autrice non ci parla però dell’infedeltà come tradimento della persona amata, ma piuttosto come tradimento di se stessi e dell’amore eterno. “Tre sono i personaggi di questa istoria d’amore: Paolo Herz, Luisa Cima e Chérie”.

Nelle prime pagine l’autrice di descrive con dovizia di particolari i tre personaggi.

Paolo Herz è un uomo eminentemente portato all’amore. Dopo aver percorso tutte le vie dove vibra la vita, egli ha ritrovato, non so in quale pozzo, la Verità; ed Essa gli ha detto una cosa antichissima: solo l’amore vale la pena di vivere”. Ferma restando la sua predisposizione per l’amore, Paolo Herz “non è un Don Giovanni. Nella sua anima esiste una limpida corrente sentimentale che viene a temperare tutte le fiamme troppo improvvise, tropo violente, troppo fugaci”; eppure “in questa istoria d’amore, Paolo Herz è il traditore”.

Luisa Cima, “non possedendo nessuna bellezza, non avendo nessuna formosità, non facendo mostra di nessuna grande qualità estetica palese … è seducente. Quando è in una sala, in un teatro, dove deve tacere, stare quieta, in silenzio e al riposo, ella sembra una donnina insignificante, poco sana anche, anemica, senza nessun genere di attrazione: e può essere, è trascurata. Ma, l’ora passa: ella si muove, si leva, parla, sorride, va, viene, compare e scompare, gira, danza, pare che si spezzi in due, si gitta estenuata in una poltroncina, coi grandi occhi limpidi, maliziosi e teneri bene aperti, con la bocca socchiusa e la sua attrazione vincola, lentamente. L’uomo ha cominciato per considerarla come un qualunque inutile e trascurabile piccolo elemento muliebre: poi la sua attenzione benevola ha pensato che Luisa Cima sia una cosetta carina e infine, infine, quando il fascino si è sviluppato, che Luisa Cima sia un prezioso piccolo gioiello”. Luisa Cima, “in questa storia di amore, è la tradita”.

Chérie è, relativamente onesta. Non ha mai due amanti, nello stesso tempo; non ha mai preso, solo per il denaro, un amante brutto, vecchio o ladro; … e se le è capitato che il suo amante fosse egualmente ricco, giovane e bello, ella gli ha dato uno o due anni di amore, gli è stata fedele, gli ha fatto spendere una quantità di denaro, lo ha lasciato solo quando costui ha voluto esser lasciato e ha tenuto sempre due o tre mesi di lutto”.  Chérie, “nella istoria di amore che qui racconto, è la complice necessaria del tradimento fatto da Paolo Herz a Luisa Cima”.

Quella narrata dalla Serao, però, non è la solita storia di tradimento. L’amore di Paolo per Luisa è forte, così forte che pur dopo essere lasciato e pur sentendosi tradito, lui si impegna a non amare mai altra donna. Un momento di entusiasmo accompagna il nuovo incontro tra Paolo e Chèrie. Le emozioni di lui sono quelle del primo amore, dell’attesa prima che venga consumato. Dopo mesi di completa rassegnazione, seguiti al distacco con Luisa, Paolo sembra finalmente aver ritrovato la fiamma della passione.

Quali tragiche conseguenze però, di tale passione. Quando si spegne l’ardore, e si torna a ragionare, ci si accorge spesso di aver fatto qualcosa che in realtà non si voleva fare. Di aver tradito se stessi e ciò in cui si crede. Questa è la reazione di Paolo al suo essere infedele, all’aver tradito l’amore non più corrisposto di una donna che ormai lo ignora totalmente.

Gli altri tre racconti affrontano temi connessi. L’attesa di un incontro amoroso e l’impazienza che rende ogni minuto lungo come una giornata; il ricordo di amori non corrisposti, attualizzato mediante una serie di oggetti appartenuti a donne che il protagonista ha amato, senza però che loro amassero lui, e di donne che lo hanno amato, senza però che lui amasse loro; il discorso di due innamorati inconsapevoli, che scoprono un trasporto mai dichiarato.

 

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matilde

Serao

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serao Matilde


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Julius Hertzfeld, eminente psichiatra, è alle prese con i conti che si fanno quando, come lui, si è affetti da una grave malattia. Per riparare gli errori commessi e per lanciare un'ultima sfida, contatta un ex paziente, Philip, filosofo arrogante, sessuomane e narcisista, e lo coinvolge in una terapia di gruppo. Del gruppo fa parte però anche una delle vittime della sessuomania di Philip, e la situazione genera un livello di tensione e coinvolgimento tali che nessuno resta più lo stesso. Hertzfeld affronta il trattamento di Philip ricorrendo al pensatore che l'arrogante filosofo considera il suo guru personale, il suo alter ego: Arthur Schopenhauer. E la "cura Schopenhauer" inizierà a mostrare i suoi effetti.

La cura Schopenhauer

Yalom Irvin D.

“Tundurundù è il nomignolo affettuoso con cui mi chiamava mia madre sin dai primi mesi dell’infanzia”. Un viaggio affascinante tra pensieri e ricordi a un anno dalla morte della madre. L’occasione per una nuova consapevolezza del Trascendente che passa attraverso un rapporto materno denso di amore e di bellezza.

Tundurundù

Di Giandomenico Marco Eugenio

Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono ha incontrato una personalità indimenticabile: un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che provava piacere a vivere lentamente, con le pecore e il cane. Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine nella quale viveva, quest'uomo stava compiendo una grande azione, un'impresa che avrebbe cambiato la faccia della sua terra e la vita delle generazioni future. Una parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta "come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione". Età di lettura: da 10 anni.

L’uomo che piantava gli alberi

Giono Jean

Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine