Saggi

L’infinito tra parentesi

Malvaldi Marco

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Rizzoli

Collana: Saggi italiani

Anno: 2016

ISBN: 9788817086950

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’infinito tra parentesi. Nella sua nuova opera, che  si discosta dai gialli che hanno caratterizzato la precedente produzione, Marco Malvaldi valuta se sia possibile mettere L’infinito tra parentesi.
Il tentativo è pregevole, perché nei vari capitoli l’autore documenta l’idea di fondo, ossia la considerazione che la letteratura, segnatamente la poesia, per intuizione o per fortuna spesso anticipa alcuni principi e/o teorie scientifiche.
E se questa idea è di tutta evidenza nell’atomismo epicureo del De rerum natura di Lucrezio, che costituisce un illustre antenato della teoria molecolare, in modo più velato i microreticoli metallici sembrano trovare il proprio avo nell’espediente che nell’Odissea Efesto mette in atto per smascherare la relazione adulterina tra Ares e Afrodite.

L’occasione è ghiotta per selezionare alcune bellissime poesie, da assumere come presupposto per sviluppare e documentare il ragionamento illustrato con tanto di diagrammi e affondi nelle teorie e discussioni scientifiche, che potrebbero tuttavia annoiare chi non abbia uno specifico interesse per tale ambito.

Cosi grazie a L’infinito tra parentesi di Malvaldi rileggiamo “Vento e bandiere” di Montale, poesia che viene messa in relazione ai principi del “panta rei” e dell’entropia (“Il mondo esiste”) e che riproponiamo dopo questo articolo per ammirarne ancora una volta la perfezione. E in altro modo leggiamo “L’acqua” (“qualunque cosa… è scritta sull’acqua di Babele”) e “La gioia di scrivere” di Wislawa Szymborska.
Con Malvaldi conveniamo su un parallelismo formale nel ravvisare che anche le formule della fisica possiedono l’estetica della poesia:

“La poesia più bella di Mawwell… 

T = η / g   

Ovvero, il tempo di rilassamento di un liquido è pari alla viscosità diviso per il modulo elastico infinito… In tre caratteri, e una frazione, la distanza che ci separa dall’eternità.”

Quanto allo stile, Malvaldi ne L’infinito tra parentesi non rinuncia alle espressioni pop (“Sulle anime dei morti e de li mortacci loro”), in alcuni casi (“Questi troiai”) poco assonanti con la poesia della scienza e – a fortiori – della letteratura.

Bruno Elpis

______________________________________________

Vento e bandiere
di Eugenio Montale

La folata che alzò l’amaro aroma
del mare alle spirali delle valli,
e t’investì, ti scompigliò la chioma,
groviglio breve contro il cielo pallido;

la raffica che t’incollò la veste
e ti modulò rapida a sua imagine,
com’è tornata, te lontana, a queste
pietre che sporge il monte alla voragine;

e come spenta la furia briaca
ritrova ora il giardino il sommesso alito
che ti cullò, riversa sull’amaca,
tra gli alberi, ne’ tuoi voli senz’ali.

Ahimé, non mai due volte configura
il tempo in egual modo i grani! E scampo
n’è: ché, se accada, insieme alla natura
la nostra fiaba brucerà in un lampo.

Sgorgo che non s’addoppia, – ed or fa vivo
un gruppo di abitati che distesi
allo sguardo sul fianco d’un declivo
si parano di gale e di palvesi.

Il mondo esiste… Uno stupore arresta
il cuore che ai vaganti incubi cede,
messaggeri del vespero: e non crede
che gli uomini affamati hanno una festa.

L’autore ha anche un fan club ufficiale. Lo trovate  qui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Malvaldi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Malvaldi Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

“Pasolini” è un colloquio immaginario tra due artisti che parte da un assunto fantastico: Pasolini è vivo, e ha delle cose da dire. Molte. Essenziali. Ma è davvero lui? O un fantasma, un attore, un mitomane? Quel che è certo è che la sua conversazione con Davide Toffolo vibra di quel senso, di quell’acutezza che ne hanno reso immortale lo spirito. Toffolo cerca Pasolini tra le pagine dei suoi libri, nei ritagli di stampa, nelle interviste e ne cattura perfettamente l’essenza: la rabbia, l’inalienabile solitudine, la feroce irriducibilità del poeta sono tutte tra le pagine di quest’intenso ritratto della grazia pasoliniana a opera di uno dei più anticonformisti artisti del paese.

Pasolini

Toffolo Davide

Entrato in un negozio per comprare una borsa alla fidanzata, Kemal Basmaci, trentenne rampollo di una famiglia altolocata di Istanbul, si imbatte in una commessa di straordinaria bellezza: la diciottenne Füsun, sua lontana cugina. Fra i due ha ben presto inizio un rapporto anche eroticamente molto intenso. Kemal tuttavia non si decide a lasciare Sibel, la fidanzata: per quanto di mentalità aperta e moderna, in lui sono comunque radicati i valori tradizionali (e anche un certo opportunismo). Così si fidanza e perde tutto: sconvolta dal suo comportamento, Füsun scompare, mentre Kemal, preda di una passione che non gli dà tregua, trascura gli affari e alla fine scioglie il fidanzamento. Quando, dopo atroci patimenti, i due amanti si ritrovano, nella vita di Füsun tutto è cambiato. Kemal però non si dà per vinto. In assoluta castità, continua a frequentarla per otto lunghi anni, durante i quali via via raccoglie un'infinità di oggetti che la riguardano: cagnolini di porcellana, apriscatole, righelli, orecchini... Poterli guardare, assaggiare, toccare è spesso la sua unica fonte di conforto. E quando la sua esistenza subisce una nuova dolorosa svolta, quegli stessi oggetti confluiranno nel Museo dell'innocenza, destinato a rendere testimonianza del suo amore per Füsun nei secoli futuri. La storia di un'incontenibile passione, ma allo stesso tempo uno sguardo ora severo, ora ironico, ma certamente non privo di profondo affetto sulla Istanbul di quegli anni e sulla sua contraddittoria borghesia.

Il museo dell’innocenza

Pamuk Orhan

Jim Parsons è un medico di talento, abile nelle più avanzate tecniche mediche e occupato a salvare vite umane. Ma un incidente stradale lo proietta improvvisamente a centinaia di anni di distanza nel futuro, dove Parsons scopre con orrore una civiltà incredibilmente avanzata, che abbraccia il culto della morte. Si trova quindi incastrato tra il suo istinto, che lo spingerebbe a guarire le persone, e il conflitto con una società in cui è illegale impegnarsi a salvare vite umane. Ma Parsons non è l’unico a credere che la vita abbia un valore da preservare, e coloro che condividono le sue convinzioni stanno mettendo a punto dei piani per sfruttare le sue competenze mediche, e per salvare il futuro della loro società. “Dottor Futuro” non è solo un’interpretazione emozionante di un futuro dai tratti inquietanti, è anche un excursus fantastico dei paradossi dei viaggi nel tempo che poteva venire solo dalla mente di Philip K. Dick.

Dottor futuro

Dick Philip K.

Casa desolata

Dickens Charles