Teatro

L’innesto

Pirandello Luigi

Descrizione: La figura di una donna sposata che rimane incinta dopo essere stata violentata.

Categoria: Teatro

Editore: Mondadori

Collana: Oscar tutte le opere di Luigi Pirandello

Anno: 1992

ISBN: 9788804356486

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“L’innesto” di Luigi Pirandello è un’opera teatrale, rappresentata per la prima volta nel 1919, che anticipa temi ancor oggi di grande attualità.

Laura è sposata  da sette anni, non riesce ad avere figli dal marito Giorgio,  da qualche tempo si reca a Villa Giulia per dipingere. Lì viene violentata (“Un’aggressione? Già. A Villa Giulia, pare. Vi s’era recata a dipingere”) e, dopo lo stupro, scopre di essere incinta. Il marito Giorgio non può accettare questa gravidanza e chiama il dottore perché la faccia abortire. Laura non vuole rinunciare al bambino e ingaggia con il marito un confronto sull’autenticità del loro sentimento.

Nel travaglio intimo della protagonista, risulta determinante un dialogo con il giardiniere che, nella casa di campagna, illustra alla sua signora le tecniche dell’innesto (“Ah, la pianta per sé, bisogna che sia in succhio, signora! Questo, sempre. Ché se non è in succhio, l’innesto non lega… in succhio. Vuol dire… in amore, ecco! Che voglia… che voglia il frutto che per sé non può dare!”).

L’allegoria della pratica botanica è illuminante e, in un colpo solo, pone lo spettatore di fronte alle tematiche del dramma della sterilità (“Sedute accanto a me c’erano due donne e una diceva all’altra che una donna dopo tanto tempo se non ha figli si guasta e anche l’uomo si guasta“), della violenza sulle donne, del diritto alla vita del nascituro, dell’odiosità del vile reato, delle dinamiche sociali che si scatenano come conseguenza di un atto di sopraffazione.

L’opera mostra un’altra, l’ennesima, dimensione del Pirandello drammaturgo e restituisce un’immagine pionieristica del filosofo-artista. A riconferma della grandezza di un Maestro del nostro tempo.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La scelta di Placido e L’innesto di Pirandello – i-LIBRI

[…] interessante vedere come l’opera di Pirandello, che oggi commentiamo, sia stata trasposta sullo schermo cinematografico (“Ho cercato di essere quanto più […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Pirandello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pirandello Luigi

VA’ DOVE TI PORTA IL CUORE

Tamaro Susanna

Tiziano Ferro nasce a Latina il 21 febbraio del 1980. A cinque anni riceve come regalo di Natale una tastiera: con quella scrive e compone le sue prime canzoni, due delle quali saranno inserite nell'album Nessuno è solo. Durante l'adolescenza prende lezioni di chitarra, canto, pianoforte, batteria, entra nel Coro Gospel di Latina. A ottobre 2001 esce per la Emi il suo primo album Rosso relativo, lanciato dal singolo Xdono. Ottiene un successo pressoché immediato - anche a livello internazionale. Vince il Premio Italiano della Musica come Artista rivelazione del 2001 e nell'estate 2002 il premio come Miglior Artista Esordiente al Festivalbar. Nell'autunno 2003 esce il secondo album, anticipato dal singolo Xverso, dal titolo autobiografico di 111, che prende il nome dal peso del cantante raggiunto durante l'adolescenza. Grazie a numerosi singoli (tra cui Sere nere), ottiene risultati straordinari, rimanendo ai vertici della classifica italiana per quattordici mesi. Nell'estate 2004 un nuovo tour lo porta in giro per l'Italia, con il tutto esaurito. In quell'anno, vince il premio MTv Europe Music Awards come Miglior artista italiano, il Premios Oye! come Miglior cantante Pop latino maschile, riceve il premio Billboard Latin Music Awards come miglior brano Pop latino dell'anno. L'album Nessuno è solo esce nel giugno 2006: è preceduto dal brano Stop!Dimentica ed è pubblicato in quarantaquattro Paesi, sbancando le classifiche europee e sudamericane.

TRENT’ANNI E UNA CHIACCHIERATA CON PAPA’

Ferro Tiziano

Basato in parte su una storia autobiografica, questo libro mette in scena, in modo estremo, il muro che separa il mondo aspro della ribellione adolescenziale dalle regole della vita sociale degli adulti: è la cronaca dell'esistenza di una diciassettenne "ragazza perduta". Chloe viene strappata alla strada - dove si prostituisce, dopo essere scappata di casa a causa degli abusi sessuali del patrigno e della morte della sorella, che questi ha ucciso - e rinchiusa insieme a un manipolo di "ragazze sbandate" in un istituto per personalità autodistruttive. Qui, invece di redimersi, ingaggia ad armi pari una furiosa battaglia psicologica contro il suo terapeuta.

STORIA DI CHLOE

Phillips Suzanne

Tre storie diverse, la stessa città – Roma, all’inizio degli anni ottanta – e lo stesso destino: smettere di essere soltanto figli, diventare genitori. Eppure Luciana, Valentina, Cecilia non sono certe di volerlo, si sentono fragili, insofferenti. Così comesono confusi, distanti, presi dai loro sogni i padri. Si può tornare indietro, fare finta di niente, rinunciare a un evento che si impone con prepotenza assoluta? Luciana lavora in un giornale che sta per chiudere. Corre, è sempre in ritardo, l’uomo che ama è lontano, lei lo chiama l’Irlandese per via dei capelli rossi. Valentina ha diciassette anni, va alle superiori ed è convinta che dagrande farà la psicologa. Appena si è accorta di essere incinta, ha smesso di parlare con Ermes, il ragazzo con cui è stata per qualche mese e che adesso fa l’indifferente, ma forse è solo una maschera. Cecilia vive fra una casa occupata e la strada, porta uncaschetto rosa e tiene al guinzaglio un cane. Una sera torna da Gaetano, alla tavola calda in cui lavora: non vuole nulla da lui, se non un ultimo favore. A osservarli c’è lo sguardo partecipe di un io che li segue nel tempo cruciale della trasformazione. Un giro di pochi mesi, una primavera che diventa estate. Tra bandiere che sventolano festose, manifesti elettorali che sbiadiscono al sole e volantini che parlano di una ragazza scomparsa, le speranze italiane somigliano a inganni. Poi ecco che una nuova vita arrivae qualcosa si svela. Lontano dagli occhi è una dichiarazione d’amore al potere della letteratura, alla sua capacità di avvicinare verità altrimenti inaccessibili. Ricostruendo con la forza immaginifica della narrazione l’incognita di una nascita, le ragioni di una lontananza, Paolo Di Paolo arriva a rovesciare la distanza dal cuore suggerita dal titolo. Una storia sul peso delle radici, su come diventiamo noi stessi.

Lontano dagli occhi

Di Paolo Paolo