Teatro

L’innesto

Pirandello Luigi

Descrizione: La figura di una donna sposata che rimane incinta dopo essere stata violentata.

Categoria: Teatro

Editore: Mondadori

Collana: Oscar tutte le opere di Luigi Pirandello

Anno: 1992

ISBN: 9788804356486

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“L’innesto” di Luigi Pirandello è un’opera teatrale, rappresentata per la prima volta nel 1919, che anticipa temi ancor oggi di grande attualità.

Laura è sposata  da sette anni, non riesce ad avere figli dal marito Giorgio,  da qualche tempo si reca a Villa Giulia per dipingere. Lì viene violentata (“Un’aggressione? Già. A Villa Giulia, pare. Vi s’era recata a dipingere”) e, dopo lo stupro, scopre di essere incinta. Il marito Giorgio non può accettare questa gravidanza e chiama il dottore perché la faccia abortire. Laura non vuole rinunciare al bambino e ingaggia con il marito un confronto sull’autenticità del loro sentimento.

Nel travaglio intimo della protagonista, risulta determinante un dialogo con il giardiniere che, nella casa di campagna, illustra alla sua signora le tecniche dell’innesto (“Ah, la pianta per sé, bisogna che sia in succhio, signora! Questo, sempre. Ché se non è in succhio, l’innesto non lega… in succhio. Vuol dire… in amore, ecco! Che voglia… che voglia il frutto che per sé non può dare!”).

L’allegoria della pratica botanica è illuminante e, in un colpo solo, pone lo spettatore di fronte alle tematiche del dramma della sterilità (“Sedute accanto a me c’erano due donne e una diceva all’altra che una donna dopo tanto tempo se non ha figli si guasta e anche l’uomo si guasta“), della violenza sulle donne, del diritto alla vita del nascituro, dell’odiosità del vile reato, delle dinamiche sociali che si scatenano come conseguenza di un atto di sopraffazione.

L’opera mostra un’altra, l’ennesima, dimensione del Pirandello drammaturgo e restituisce un’immagine pionieristica del filosofo-artista. A riconferma della grandezza di un Maestro del nostro tempo.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La scelta di Placido e L’innesto di Pirandello – i-LIBRI

[…] interessante vedere come l’opera di Pirandello, che oggi commentiamo, sia stata trasposta sullo schermo cinematografico (“Ho cercato di essere quanto più […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Pirandello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pirandello Luigi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il principe Myskin, ultimo erede di una nobile famiglia decaduta, è "uno che cerca nell'intimo della sua coscienza le motivazioni essenziali del suo modo di essere", mosso dalla candida fede nella fratellanza umana e dal proposito di fare il proprio dovere con onestà e sincerità. Tornato a Pietroburgo dopo un lungo soggiorno in Svizzera per curarsi dell'epilessia, viene travolto dalla vicenda di Nastas'ja Filippovna. Decide di chiederla in moglie per sottrarla ai suoi due contendenti: il violento Rogozin, che per un amore folle alza la propria offerta in denaro, e il segretario del generale Epancim, Ganja, che mira invece alla dote. Ma Nastas'ja, turbata dalla proposta, fugge con Rogozin, mentre del principe si innamora Aglaja, la figlia del generale.

L’idiota

Dostoevskij Fedor Michajllov

Camuffato, Juan Cabrillo si introduce in una prigione siberiana per cercare di salvare il suo amico russo Yuri Borodin. Purtroppo l'operazione si conclude con la morte di Borodin, che riesce solo a lasciare un ultimo, oscuro messaggio all'amico, un messaggio che contiene un nome, Tesla... Per Cabrillo è l'inizio di una convulsa avventura che lo porterà sulle tracce di un mistero iniziato nel 1943, con la scomparsa di un cacciatorpediniere americano, sul quale si diceva che si stessero facendo esperimenti con le radiazioni elettromagnetiche per la realizzazione di una nuova potentissima arma. Cabrillo e i suoi scopriranno che in effetti le voci avevano un fondamento e che il rischio per l'America è molto alto.

Miraggio

Cussler Clive

Un padre che rientra a casa dalla caserma in cui lavora, a Siracusa, e chiede alla moglie, impegnata a far quadrare i conti di casa cucinando piatti semplici: "Stasera cosa mangiamo, grilli?". E una ragazzina di tredici anni, alta, magra, con i capelli a caschetto, che fraintende lo scherzo e immagina un'invasione di insetti sulla tavola intorno alla quale siedono insieme a lei i fratelli Rosario, Beppe e Anna. Comincia così questo libro intimo, commovente, esilarante in cui Catena Fiorello racconta attraverso ricordi personali - legati ai sapori e ai profumi tipici della cucina siciliana e di una tradizione povera del gusto - la sua visione non soltanto dell'arte gastronomica, ma dei valori che si apprendono mangiando. Un libro per riscoprire l'incanto di stare insieme e di condividere il calore della tavola e della famiglia.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano

Fiorello Catena

«Scusi, dov'è sepolto Voltaire?» «Nessuno lo sa». Un estemporaneo scambio di e-mail tra diplomatici fa scattare la caccia alle spoglie del grande filosofo francese. I suoi resti furono profanati e di lui rimane soltanto il cuore, conservato nella Biblioteca nazionale di Parigi. Ma sarà autentico? Il prof. De Luziers, genetista della Sorbona, viene invitato a comparare il DNA degli ultimi discendenti di Voltaire con quello del cuore. Sembra normale amministrazione, e invece. Un vortice di sorprese, intrighi, scoperte in grado di riscrivere la storia, tra antiche abbazie, castelli alpini, spiagge caraibiche, segrete stanze vaticane, gabinetti presidenziali, affari di Stato.

ENIGMA VOLTAIRE

Nieves Luis Lòpez