Giallo - thriller - noir

L’innocenza del lupo

Duberti Nicola

Descrizione: È una torrida estate in Alta Valle Stermasca, nell'entroterra savonese. Un ragazzo genovese in vacanza è scomparso misteriosamente da alcuni giorni, ma gli abitanti di Stermato continuano a condurre la loro vita come sempre. Finché un mattino il ragazzo scomparso viene ritrovato morto. Barbaramente assassinato, come dicono i giornali. E inizia la caccia al colpevole, sotto gli occhi dell'intera nazione. Una vera e propria danza di sospetti e segreti, un intreccio di relazioni nascoste, di verità sbagliate, di apparenze che ingannano, tra carabinieri affettuosi e spazzini africani, adolescenti insopportabili e zii piagnucolanti, vecchie vegetariane tabagiste e canidi di varia specie, in una cornice ineguagliabile qual è quella di Stermato, straordinario paese di montagna sospeso fra Liguria e Piemonte, fra Medioevo e modernità, fra sovranismo valligiano e conquista del mondo.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Pentagora

Collana:

Anno: 2020

ISBN: 9788898187904

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

L’innocenza del lupo

Nicola Duberti, insegnante, studioso di dialettologia, pubblica per la casa editrice Pentagora L’innocenza del lupo, un libro curioso, dalle coordinate un po’ ambigue Pare essere un giallo, ma non lo è del tutto.

Siamo nell’entroterra savonese in  Alta Valle Stermasca, un luogo dove “tutto è normale, tutta vita di campagna, tutta Liguria di Ponente montano, quasi Piemonte, quasi Provenza, quasi Paradiso”,  quando scompare Alessio, un giovane venuto in vacanza. Verrà poi trovato morto. Ma gli abitanti paiono non far caso a nulla, tutto procede come sempre e ad esempio Anna Vinai, contadina, produttrice in incognito di limoncello, coltiva il suo orto a terrazzamento dove ci trovi di tutto, anche erbe particolari.

Lei è “tipica e rurale, e lo capisci già dal cognome: montanara delle Alpi Liguri da generazioni e generazioni. È sensibile come una vipera, se mi consenti il paragone ardito con un’altra specie tipica di queste zone- nel senso che forse una vipera è più sensibile, mediamente, e se non altro è sensibile al calore esterno. Anna Vinai nemmeno a quello, e infatti la vedi vestita con i maglioni d’estate e con gli sciallettini primaverili andalusi d’inverno, quando la tramontana soffia gelida sulle forre innevate dell’Alta Valle.”

L’arrivo inaspettato di Leo, nipote del bottegaio di paese, un tipo strano, che va in giro vestito di sole bermuda, sconvolge ancora di più il paese.

Ma chi sarà mai stato? Cosa avranno tutti da nascondere?

Nicola Duberti firma, con sapienza e maestria letteraria, un “giallo apparente” ovvero un testo dove tutto è finzione, apparenza; ma allora dove è la verità e la realtà?

Il romanzo è  scritto con perizia e metodo, inframezzato da frasi in dialetto che rendono la lettura ancor più curiosa. La trama è ben congegnata e la raffigurazione dei personaggi, punto forte del testo, è precisa e puntuale. L’amore per il territorio montano, la sua conoscenza e la sua salvaguardia traspaiono con nettezza in una narrazione che si fa sempre più avvincente e intrigante. Completa il quadro perfetto il finale inaspettato e di grande malia.
Buona lettura!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Nicola

Duberti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Duberti Nicola

Oh, l’amore

Rea Domenico

La Milano del dopo Expo, dei grattacieli e del nuovo skyline, la Milano dal ritmo continuamente "in crescendo" sembra fermarsi in riverente pausa davanti alla sacralità del tempio mondiale della Lirica, il Teatro alla Scala, e alla quiete della casa di riposo Giuseppe Verdi, dove anziani musicisti vivono di musica e di ricordi. Ma quel mondo apparentemente rarefatto nasconde storie di invidie, sesso, denaro, potere e tradimenti: l'assassinio "quasi perfetto" del potente sovrintendente è come un terremoto che sconquassa la superficie patinata e porta alla luce quel sommerso di odio e intrighi. Il sovrintendente viene trovato di prima mattina dal suo segretario particolare nel suo studio, riverso sulla scrivania, privo di vita, senza una goccia di sangue. Ma i primi rilievi tolgono subito ogni dubbio: non si tratta di morte accidentale. La scottante indagine viene affidata alla giovane e determinata capitana dei carabinieri Doriana Messina. Single per sofferta scelta in nome dell'Arma, la capitana è amata e stimata dai suoi stretti collaboratori, ma deve invece destreggiarsi tra le invidie di colleghi che la vedono come ostacolo alla loro carriera, e le avance più o meno esplicite di uomini che non vogliono perdersi l'esperienza della donna in divisa, magari con il valore aggiunto di manette e pistola. A Doriana si affianca come consulente del PM la psicologa e amica Giorgia del Rio con cui ha collaborato nel corso di una precedente indagine. Grazie a lei e ai racconti della sua anziana amica musicista che vive a Casa Verdi, si scopre che in quei giorni...

Il delitto di via Filodrammatici

Bezzon Emiliano

Germania, 1943. Hans Heigel, ufficiale di complemento delle SS nella piccola cittadina di Osnabrück, non comprende né condivide l'aggressività con cui il suo Paese si è rialzato dalla prima guerra mondiale; eppure, il timore di ritorsioni sulla propria famiglia e la vita nel piccolo centro, lontana dagli orrori del fronte e dei campi di concentramento, l'hanno convinto a tenere per sé i suoi pensieri, sospingendolo verso una silenziosa convivenza anche con le politiche più aberranti del Reich. Più importante è occuparsi della moglie Ingrid e, soprattutto, dell'amatissima figlia Hanne. Fino a che punto un essere umano può, però, mettere da parte i propri valori per un grigio quieto vivere? Hans lo scopre quando la più terribile delle tragedie che possono capitare a un padre si abbatte su di lui, e contemporaneamente scopre di essere stato destinato al campo di sterminio di Sobibór. Chiudere gli occhi di fronte ai peccati terribili di cui la Germania si sta macchiando diventa d'un tratto impossibile... soprattutto quando tra i prigionieri destinati alle camere a gas incontra Leah, una bambina ebrea che somiglia come una goccia d'acqua a sua figlia Hanne. Fino a che punto un essere umano può spingersi pur di proteggere chi gli sta a cuore? Giorno dopo giorno, Hans si ritrova a escogitare sempre nuovi stratagemmi pur di strappare una prigioniera a un destino già segnato, ingannando i suoi commilitoni, prendendo decisioni terribili, destinate a perseguitarlo per sempre, rischiando la sua stessa vita... Tutto, pur di non perdere un'altra volta ciò che di più caro ha al mondo...

La bambina e il nazista

Forte Franco, Bonfiglioli Scilla

Cresciuto in Svezia, figlio di una donna che non ha mai conosciuto e di un guardaboschi che cerca disperatamente di scorgere all’orizzonte quel mare che ha dovuto lasciare da bambino, Hans Olofson è arrivato per caso nello Zambia. Profondamente colpito dall’immensa bellezza dell’Africa, pensa di potersi fermare per sempre. Ma un giorno, qualcuno uccide i suoi vicini, bianchi come lui. E Olofson comincia a sentirsi minacciato.

L’occhio del leopardo

Mankell Henning