Saggi

L’insostenibile bisogno di ammirazione

Pietropolli Charmet Gustavo

Descrizione: Siamo narcisi che palpitano al ritmo di like desiderando una sola cosa: essere visibili e ammirati. È finito il tempo in cui erano i sentimenti di colpa a influenzare i nostri comportamenti: a guidare molti di noi, adulti e adolescenti, ora sono il nostro bisogno di visibilità sociale, di notorietà, di ammirazione continua e la paura di finire in un cono d’ombra sociale. È questa uno delle conseguenze dell’individualismo, dell’enfasi sul Sé, che si traduce spesso nell’esibizione di doti inesistenti. Ma a condurre il gioco è un Sé fragile, terrorizzato di non essere all’altezza delle aspettative, che sprofonda facilmente nella paura della vergogna, la causa più diffusa di sofferenza mentale. In pochi anni e con un’accelerazione imprevedibile è successa una catastrofe: sono spariti il Patriarcato e il suo rappresentante più noto, il Padre. Il loro posto è stato occupato dal Sé, è lui che comanda e sancisce il giusto dall’ingiusto. L’individuo, insensibile alle regole e alle leggi e in assenza di grandi narrazioni condivise, pretende di realizzarsi e di ottenere con facilità ricchezza, benessere e potere sociale. Se nelle società del passato l’urgenza era quella di adeguarsi alle regole e alla legge del Padre, oggi il desiderio più profondo dei ragazzi – ma sempre di più anche degli adulti – è quello di suscitare ammirazione. E se non c’è l’ammirazione, c’è la vergogna: risulta intollerabile l’idea di essere considerati brutti, insignificanti, privi di fascino. Alla caduta dell’etica condivisa ha corrisposto l’enfasi sull’estetica, sul potere della seduzione, sull’esibizione spudorata di doti spesso inesistenti. Ecco perché oggi la paura di essere inadeguati, di non essere all’altezza delle aspettative, di non essere desiderabili, è divenuta la causa più diffusa di sofferenza mentale. A firma di uno dei più noti e stimati psicoanalisti italiani, l’analisi feroce di un malessere crescente.

Categoria: Saggi

Editore: Laterza

Collana: Tempi nuovi

Anno: 2018

ISBN: 9788858127957

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Gustavo Pietropolli Charmet, L’insostenibile bisogno di ammirazione

«In pochi anni e con un’accelerazione imprevedibile sono spariti il Patriarcato e il suo rappresentante più noto, il Padre, che è evaporato lasciando Telemaco piuttosto disorientato; lo storicismo teleologico, cioè la fiducia che la scienza e le tecnologie avrebbero migliorato la condizione umana, si è dimostrato una truffa»

Da molti anni ormai, con connotati che continuano a mutare e trasformarsi secondo quella legge della liquidità (Bauman, 2000) nota e ancora insuperabile, nella storia dell’umanità (occidentale) si è attuata una netta cesura, una rivoluzione epocale di natura culturale e antropologica, che gli studiosi hanno raccolto in una parola-contenitore: post-modernità (il primo a inserirla nel dibattito mondiale fu Lyotard, 1979). L’uomo post-moderno ha dovuto così, nel giro di pochi anni, avere a che fare con modelli del tutto nuovi, con tecnologie ultra-specializzate e dalle potenzialità infinite e con un pensiero veramente globale e complesso, senza possedere alcun modello con cui confrontarsi, senza alcun esempio nella storia passata. È stata inevitabile la generazione di contraddizioni, terribili e difficilmente sanabili, con una tecnologia, ad esempio, che cresce a ritmi esponenziali, il cui unico scopo è crescere al di fuori dell’utilità concreta. Tuttora sembra che siamo prossimi ad una passeggiata su Marte grazie ai risultati di menti brillantissime, eppure ogni giorno, a poche migliaia di chilometri da dove siamo, migliaia di persone muoiono sotto bombe sempre più sofisticate, lanciate da qualcuno che vive sullo stesso Pianeta, non molto distante.

Se questo vortice senza fine – legato anche alla società dei consumi, per citare Pasolini – è riuscito e riesce continuamente a permeare completamente gli adulti, è inevitabile che la sua forza travolga completamente le nuove generazioni, che affrontano problemi completamente nuovi ma con genitori totalmente persi e senza punti di riferimento per comprendere. Non tanto per ignoranza, sia chiaro, ma come effetto di una società in continua evoluzione, liquida, per l’appunto L’idea è questa: prima c’erano i padri, con i loro valori incrollabili, e i figli, con altrettanti valori forti e inevitabilmente contrapposti a quelli dei padri: ne nasceva un contrasto continuo, sano e volto al futuro. Ora invece la confusione unisce tutto, il pasticcio si è formato, i valori dei padri si confondono con quelli dei figli (come mostra Umberto Eco, Sulle spalle dei giganti – ndr: cliccate sul titolo per leggere la recensione di Luigi Bianco), così che, per esempio, non è difficile incontrare figli che richiamano i genitori per l’eccessivo utilizzo degli smartphone, o che si lamentano per l’eccessiva mondanità dei genitori. È anche di questo che si occupa quotidianamente Gustavo Pietropolli Charmet, psichiatra e psicoterapeuta di formazione psicanalitica, docente di Psicologia dinamica all’Università di Milano-Bicocca e presso la scuola A.R.P.Ad – Minotauro di Psicoterapia Psicoanalitica dell’Adolescenza.  Nel suo ultimo lavoro, L’insostenibile bisogno di ammirazione, edito per Laterza nella recente collana Tempi nuovi, analizza attraverso la sua esperienza una delle inclinazioni principali e pressanti per gli adolescenti odierni, sintetizzabile in una parola «non tecnica: ammirazione». Ma che cos’è, e da dove nasce? «L’ammirazione non è né amore né desiderio di conoscenza ma contemplazione, curiosità positiva, bisogno di lasciar parlare, di sentire raccontare, di immaginare futuri possibili». L’individualismo è al centro di questo meccanismo così ben congeniato, non più il mestiere, cosa si fa, da dove si viene: soltanto il «Sé profondo», che cerca di affermarsi pienamente e con ogni mezzo possibile, per ogni via possibile. La notorietà è l’unico giudice, il pudore o la discrezione inutili fardelli.

È questo forse il principio di notorietà di molti dei personaggi più in voga fra gli adolescenti contemporanei. Non è più rilevante la bruttezza, la volgarità, il degrado sociale da cui si arriva e che non si vuole abbandonare; conta soltanto l’affermazione di sé, bypassando attentamente principi da sempre considerati come valori (cultura, libri, arte…). Io, adolescente o pre-adolescente, voglio esattamente essere come te. Poco mi interessa dei tuoi valori, del tuo messaggio, della tua musica (oggettivamente) martellante: mi interessi tu, o meglio, la tua notorietà, ammirarti per capire come posso essere ammirato. Ecco allora che questo ci espone a nuove paure, – continua Charmet –, la paura di non raggiungere abbastanza Like per esempio, o peggio: la paura di essere cancellati virtualmente, di perdere quindi tutto. Andando avanti nella riflessone, fra analisi di ciò che accade e qualche esempio di giovani pazienti con problemi con la propria rappresentazione, con la rottura di una storia o anche con pensieri suicidi, viene mostrata la delicatezza di un universo adolescenziale (ma come anticamera di quello adulto) fragile, virtuale, facilmente manipolabile da messaggi esterni che continuamente bombardano soprattutto i più giovani. Nuovi concetti allora vengono rivisti e definiti nuovamente: cosa diventa il sesso in un mondo aleatorio e impalpabile? Se il pudore e la riservatezza entrano in crisi, cosa sopperisce la mancanza? E ancora, qual è la paura più grande, e come agire?

L’insostenibile bisogno di ammirazione è un volume di poco più di 150 pagine, in cui Gustavo Pietropolli Charmet cerca di sondare diverse tematiche complesse con un’analisi di impianto psicanalitico. Ne risulta un’ottima riflessione, chiara e precisa, che ancor più apre spiragli e punti da approfondire in una visione più ampia nella complessità della nostra contemporaneità. Il linguaggio utilizzato è facilmente fruibile anche dai non specialisti del settore, anche se articolato in periodi eccessivamente lunghi e ricchi di subordinate che un po’ disperdono e complicano un discorso già di per sé specialistico ed elevato. La sua tesi, incentrata sul Sé e sulle sue nuove caratteristiche di affermazione sociale, spazia in settori molto ampi, dalle nuove storie d’amore alla vergogna sociale, dal suicidio agli atti di violenza, fino alle dinamiche scolastiche: storie e momenti di vita collegati ma fra loro molto diversi, e dunque, per via della complessità e del relativo spazio esiguo, troppo poco sondati nel profondo, nella loro specifica complessità. Nonostante tutto, L’insostenibile bisogno di ammirazione si conferma essere un volume interessante, ricco, necessario per comprendere alcune dinamiche di ciò che ci circonda, per provare a muoversi nella realtà non sempre di facile lettura. Preziosi i consigli e le probabili chiavi di lettura di alcuni comportamenti adolescenziali, che con fermezza affermano, lo ribadiamo, la complessità odierna e la relativa difficoltà nell’affrontarla, a volte insormontabile. Sottovalutarne l’importanza è colpevole: «Oggi la paura di essere inadeguati, di non essere all’altezza delle aspettative, di non essere desiderabili, è divenuta la causa più diffusa di sofferenza mentale». Riflettere su questo, guidati da esperti del settore come Gustavo Pietropolli Charmet, è quanto mai necessario.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco (nella foto di cover)

L'insostenibile bisogno di ammirazione

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gustavo

Charmet

Pietropolli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pietropolli Charmet Gustavo

Questa è la storia di un individuo dal destino già scritto. Un ragazzino che ha avuto come scuola la strada. Come madre una zoccola. Come padre un bidello cornuto. Come miglior amico la coca. Come amante un trans. È così che si vive nella periferia nord di Napoli. La coca non è sballo a Scampia. È il mezzo attraverso il quale diventare ricchi. Acquisire denaro e potere. Questa è la storia di uno spacciatore improvvisato. Uno spacciatore per scelta - la scelta di non aver scelto - che, come Pablo Emilio Escobar Gaviria, si rivela bravissimo nel commercio della cocaina. Perché la droga è un business. Anzi, è il business del millennio. Si guadagna molto perché il rischio è alto. Molto alto. I creditori. Gli sbirri. La concorrenza. La galera. I debitori. Ma non finisce ammazzato come El Patron. Finisce a Milano, cambia lavoro, mette su famiglia e scrive un libro. Un manuale che parla di un'attività particolare, per di più illegale, analizzandola con un approccio manageriale. "Per farvi accumulare una vera fortuna senza farvi arrestare. Perché, come ogni altra impresa, anche vendere la droga è un'attività che deve essere pianificata con cura e attenzione. Quindi anche con un business-plan." Manuale del perfetto venditore di droga è un romanzo autobiografico con business plan. La prima parte è il diario degli anni raminghi dell 'autore, un Gomorra raccontato da protagonista, la seconda è un vero manuale di management, se non fosse per il tema potrebbe essere edito dalla Harvard University Press.

MANUALE DEL PERFETTO VENDITORE DI DROGA

Esposito Alessandro

A che ora muori?

Carabba Simone

Da bambina Lucy Nelson vede il padre alcolista finire in galera. Da quel giorno ha cercato di redimere qualunque uomo le capitasse intorno, per la rovina sua e dei suoi amanti. Quando Roy e Lucy iniziano a uscire insieme, lui lo fa perché sta cercando se stesso, lei perché non sopporta più una madre remissiva e un padre ubriacone. Si innamorano, o cosi credono. Quando Lucy cede alle estenuanti insistenze, alle canzoni romantiche e alle parole rassicuranti di Roy e "va fino in fondo", rimane incinta. Da quel momento in avanti, come in una tragedia greca in cui, qualunque cosa si faccia, non si può sfuggire al destino, tutto precipita. Lucy non vuole ripercorrere le orme della madre, non vuole diventare la moglie di un uomo egoista, debole e fallito, ma si convince di essere già quel tipo di donna, trascinando il matrimonio - e se stessa - alla rovina. Uscito subito prima del Lamento dì Portnoy, questo terzo romanzo di Philip Roth contiene già tutto il sarcasmo, l'ironia tagliente, l'inquietudine morale delle opere della maturità. Ma possiede una caratteristica che lo rende una stella preziosa: è l'unico romanzo del maestro di Newark ad avere per protagonista una donna. Con Lucy, Roth consegna alla storia della letteratura un personaggio agghiacciante e commovente, incarnazione di una donna che lotta per non sprofondare nella propria follia.

Quando lei era buona

Roth Philip

Un anno volge al termine e uno nuovo sta per cominciare, carico di speranze, buoni propositi e qualche rimpianto. Mentre cerca un po' di pace nella bellissima Villa Sans-souci a Paraggi, che ha ricevuto in eredità dalla nonna materna, Maria Sole ripensa al grande inganno che ha determinato la fine del suo matrimonio poche settimane prima. Si chiede come abbia fatto a non accorgersi che suo marito non era quello che sembrava, pur conoscendolo sin dall'infanzia, e come i genitori di entrambi, che sospettavano da sempre, abbiano potuto tacere. Ripercorrendo i ricordi racchiusi nelle stanze della villa, la giovane donna si rende conto che la sua famiglia è sempre vissuta di segreti, per non sporcare l'immagine della propria rispettabilità. Ma ora Maria Sole vuole scrollarsi di dosso tante ipocrisie e riprendere in mano la vita, anche per amore del suo bambino. Per fortuna, ha accanto le sue tre amiche soccorrevoli: Carlotta, Andreina e Gloria, pronte a sostenersi vicendevolmente nei momenti di difficoltà. Ognuna delle quattro «amiche del giovedì» - così le chiama la proprietaria del ristorante dove s'incontrano una volta a settimana - si affaccia al nuovo anno con una sfida da affrontare: chi un ritorno di fiamma, chi una gravidanza inattesa, chi una scelta d'amore che sconvolge ogni certezza. Di fronte a quelle svolte, la loro forza sarà il legame che le unisce come sorelle. Come una famiglia sincera. Le protagoniste di "Festa di famiglia" tornano in questo romanzo. Una storia di nuovi inizi e di affetti da custodire come tesori preziosi.

Segreti e ipocrisie

Casati Modignani Sveva