Saggi

L’insostenibile bisogno di ammirazione

Pietropolli Charmet Gustavo

Descrizione: Siamo narcisi che palpitano al ritmo di like desiderando una sola cosa: essere visibili e ammirati. È finito il tempo in cui erano i sentimenti di colpa a influenzare i nostri comportamenti: a guidare molti di noi, adulti e adolescenti, ora sono il nostro bisogno di visibilità sociale, di notorietà, di ammirazione continua e la paura di finire in un cono d’ombra sociale. È questa uno delle conseguenze dell’individualismo, dell’enfasi sul Sé, che si traduce spesso nell’esibizione di doti inesistenti. Ma a condurre il gioco è un Sé fragile, terrorizzato di non essere all’altezza delle aspettative, che sprofonda facilmente nella paura della vergogna, la causa più diffusa di sofferenza mentale. In pochi anni e con un’accelerazione imprevedibile è successa una catastrofe: sono spariti il Patriarcato e il suo rappresentante più noto, il Padre. Il loro posto è stato occupato dal Sé, è lui che comanda e sancisce il giusto dall’ingiusto. L’individuo, insensibile alle regole e alle leggi e in assenza di grandi narrazioni condivise, pretende di realizzarsi e di ottenere con facilità ricchezza, benessere e potere sociale. Se nelle società del passato l’urgenza era quella di adeguarsi alle regole e alla legge del Padre, oggi il desiderio più profondo dei ragazzi – ma sempre di più anche degli adulti – è quello di suscitare ammirazione. E se non c’è l’ammirazione, c’è la vergogna: risulta intollerabile l’idea di essere considerati brutti, insignificanti, privi di fascino. Alla caduta dell’etica condivisa ha corrisposto l’enfasi sull’estetica, sul potere della seduzione, sull’esibizione spudorata di doti spesso inesistenti. Ecco perché oggi la paura di essere inadeguati, di non essere all’altezza delle aspettative, di non essere desiderabili, è divenuta la causa più diffusa di sofferenza mentale. A firma di uno dei più noti e stimati psicoanalisti italiani, l’analisi feroce di un malessere crescente.

Categoria: Saggi

Editore: Laterza

Collana: Tempi nuovi

Anno: 2018

ISBN: 9788858127957

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Gustavo Pietropolli Charmet, L’insostenibile bisogno di ammirazione

«In pochi anni e con un’accelerazione imprevedibile sono spariti il Patriarcato e il suo rappresentante più noto, il Padre, che è evaporato lasciando Telemaco piuttosto disorientato; lo storicismo teleologico, cioè la fiducia che la scienza e le tecnologie avrebbero migliorato la condizione umana, si è dimostrato una truffa»

Da molti anni ormai, con connotati che continuano a mutare e trasformarsi secondo quella legge della liquidità (Bauman, 2000) nota e ancora insuperabile, nella storia dell’umanità (occidentale) si è attuata una netta cesura, una rivoluzione epocale di natura culturale e antropologica, che gli studiosi hanno raccolto in una parola-contenitore: post-modernità (il primo a inserirla nel dibattito mondiale fu Lyotard, 1979). L’uomo post-moderno ha dovuto così, nel giro di pochi anni, avere a che fare con modelli del tutto nuovi, con tecnologie ultra-specializzate e dalle potenzialità infinite e con un pensiero veramente globale e complesso, senza possedere alcun modello con cui confrontarsi, senza alcun esempio nella storia passata. È stata inevitabile la generazione di contraddizioni, terribili e difficilmente sanabili, con una tecnologia, ad esempio, che cresce a ritmi esponenziali, il cui unico scopo è crescere al di fuori dell’utilità concreta. Tuttora sembra che siamo prossimi ad una passeggiata su Marte grazie ai risultati di menti brillantissime, eppure ogni giorno, a poche migliaia di chilometri da dove siamo, migliaia di persone muoiono sotto bombe sempre più sofisticate, lanciate da qualcuno che vive sullo stesso Pianeta, non molto distante.

Se questo vortice senza fine – legato anche alla società dei consumi, per citare Pasolini – è riuscito e riesce continuamente a permeare completamente gli adulti, è inevitabile che la sua forza travolga completamente le nuove generazioni, che affrontano problemi completamente nuovi ma con genitori totalmente persi e senza punti di riferimento per comprendere. Non tanto per ignoranza, sia chiaro, ma come effetto di una società in continua evoluzione, liquida, per l’appunto L’idea è questa: prima c’erano i padri, con i loro valori incrollabili, e i figli, con altrettanti valori forti e inevitabilmente contrapposti a quelli dei padri: ne nasceva un contrasto continuo, sano e volto al futuro. Ora invece la confusione unisce tutto, il pasticcio si è formato, i valori dei padri si confondono con quelli dei figli (come mostra Umberto Eco, Sulle spalle dei giganti – ndr: cliccate sul titolo per leggere la recensione di Luigi Bianco), così che, per esempio, non è difficile incontrare figli che richiamano i genitori per l’eccessivo utilizzo degli smartphone, o che si lamentano per l’eccessiva mondanità dei genitori. È anche di questo che si occupa quotidianamente Gustavo Pietropolli Charmet, psichiatra e psicoterapeuta di formazione psicanalitica, docente di Psicologia dinamica all’Università di Milano-Bicocca e presso la scuola A.R.P.Ad – Minotauro di Psicoterapia Psicoanalitica dell’Adolescenza.  Nel suo ultimo lavoro, L’insostenibile bisogno di ammirazione, edito per Laterza nella recente collana Tempi nuovi, analizza attraverso la sua esperienza una delle inclinazioni principali e pressanti per gli adolescenti odierni, sintetizzabile in una parola «non tecnica: ammirazione». Ma che cos’è, e da dove nasce? «L’ammirazione non è né amore né desiderio di conoscenza ma contemplazione, curiosità positiva, bisogno di lasciar parlare, di sentire raccontare, di immaginare futuri possibili». L’individualismo è al centro di questo meccanismo così ben congeniato, non più il mestiere, cosa si fa, da dove si viene: soltanto il «Sé profondo», che cerca di affermarsi pienamente e con ogni mezzo possibile, per ogni via possibile. La notorietà è l’unico giudice, il pudore o la discrezione inutili fardelli.

È questo forse il principio di notorietà di molti dei personaggi più in voga fra gli adolescenti contemporanei. Non è più rilevante la bruttezza, la volgarità, il degrado sociale da cui si arriva e che non si vuole abbandonare; conta soltanto l’affermazione di sé, bypassando attentamente principi da sempre considerati come valori (cultura, libri, arte…). Io, adolescente o pre-adolescente, voglio esattamente essere come te. Poco mi interessa dei tuoi valori, del tuo messaggio, della tua musica (oggettivamente) martellante: mi interessi tu, o meglio, la tua notorietà, ammirarti per capire come posso essere ammirato. Ecco allora che questo ci espone a nuove paure, – continua Charmet –, la paura di non raggiungere abbastanza Like per esempio, o peggio: la paura di essere cancellati virtualmente, di perdere quindi tutto. Andando avanti nella riflessone, fra analisi di ciò che accade e qualche esempio di giovani pazienti con problemi con la propria rappresentazione, con la rottura di una storia o anche con pensieri suicidi, viene mostrata la delicatezza di un universo adolescenziale (ma come anticamera di quello adulto) fragile, virtuale, facilmente manipolabile da messaggi esterni che continuamente bombardano soprattutto i più giovani. Nuovi concetti allora vengono rivisti e definiti nuovamente: cosa diventa il sesso in un mondo aleatorio e impalpabile? Se il pudore e la riservatezza entrano in crisi, cosa sopperisce la mancanza? E ancora, qual è la paura più grande, e come agire?

L’insostenibile bisogno di ammirazione è un volume di poco più di 150 pagine, in cui Gustavo Pietropolli Charmet cerca di sondare diverse tematiche complesse con un’analisi di impianto psicanalitico. Ne risulta un’ottima riflessione, chiara e precisa, che ancor più apre spiragli e punti da approfondire in una visione più ampia nella complessità della nostra contemporaneità. Il linguaggio utilizzato è facilmente fruibile anche dai non specialisti del settore, anche se articolato in periodi eccessivamente lunghi e ricchi di subordinate che un po’ disperdono e complicano un discorso già di per sé specialistico ed elevato. La sua tesi, incentrata sul Sé e sulle sue nuove caratteristiche di affermazione sociale, spazia in settori molto ampi, dalle nuove storie d’amore alla vergogna sociale, dal suicidio agli atti di violenza, fino alle dinamiche scolastiche: storie e momenti di vita collegati ma fra loro molto diversi, e dunque, per via della complessità e del relativo spazio esiguo, troppo poco sondati nel profondo, nella loro specifica complessità. Nonostante tutto, L’insostenibile bisogno di ammirazione si conferma essere un volume interessante, ricco, necessario per comprendere alcune dinamiche di ciò che ci circonda, per provare a muoversi nella realtà non sempre di facile lettura. Preziosi i consigli e le probabili chiavi di lettura di alcuni comportamenti adolescenziali, che con fermezza affermano, lo ribadiamo, la complessità odierna e la relativa difficoltà nell’affrontarla, a volte insormontabile. Sottovalutarne l’importanza è colpevole: «Oggi la paura di essere inadeguati, di non essere all’altezza delle aspettative, di non essere desiderabili, è divenuta la causa più diffusa di sofferenza mentale». Riflettere su questo, guidati da esperti del settore come Gustavo Pietropolli Charmet, è quanto mai necessario.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco (nella foto di cover)

L'insostenibile bisogno di ammirazione

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gustavo

Charmet

Pietropolli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pietropolli Charmet Gustavo

Brillante studentessa di provincia vincitrice del soggiorno offerto da una rivista di moda, a New York Esther si sente «come un cavallo da corsa in un mondo senza piste». Intorno a lei, l'America spietata, borghese e maccartista degli anni Cinquanta: una vera e propria campana di vetro che nel proteggerla le toglie a poco a poco l'aria. L'alternativa sarà abbandonarsi al fascino soave della morte o lasciarsi invadere la mente dalle onde azzurre dell'elettroshock. Fortemente autobiografico, La campana di vetro narra con agghiacciante semplicità le insipienze, le crudeltà incoscienti, gli assurdi tabù che spezzano un'adolescenza presa nell'ingranaggio stritolante della normalità che ignora la poesia. Include sei poesie da "Ariel"

La campana di vetro

Path Sylvia

In una fortezza ai limiti del deserto una guarnigione aspetta l'arrivo dei Tartari invasori. Ma sarà una lunghissima, vana, logorante attesa.

Il deserto dei tartari

Buzzati Dino

I clienti di Fabio Paleari, controverso antieroe, sono usurai, protettori, spacciatori, mariti e padri brutali. Rintracciare persone scomparse la sua specialità. È pagato per rovistare nel fango, per ficcare il naso nel culo sporco della città. Non gli piace, ma non conosce modo migliore per tirare avanti. Così, ricondotta una prostituta armena in fuga dal suo protettore, è pronto ad accettare un nuovo incarico: qualcuno ha rapito la figlia di un noto criminale, che lo assume per ritrovarla ed evitare di pagare il riscatto. Le indagini rivelano che la ragazzina era solita sfogare il suo istinto autolesionista in un locale per amanti delle pratiche sadomaso. Mentre ne segue le tracce, una tragica scoperta porta l'investigatore a riavvicinarsi a quei valori morali che credeva di aver per sempre cancellato, provocando in lui un rigurgito di coscienza che chiede vendetta: la prostituta armena riconsegnata al protettore, violentata, torturata e picchiata, giace in coma all'ospedale. Paleari si ritrova così, suo malgrado, coinvolto in due indagini parallele, che lo porteranno l'una verso dolorose verità nascoste, l'altra verso la riscoperta di una parte di se stesso, che credeva irrimediabilmente danneggiata.

Rosso bastardo

Pastori Ferdinando

È convinto di picchiare forte, ma viene steso in due secondi nel cortile della scuola; non va in moto; fa lo sbruffone ma con le ragazze è totalmente imbranato: ecco il sedicenne protagonista di questo libro. Periferia di Torino; mentre gli anni Ottanta volgono al termine, il nostro colleziona lividi esterni e soprattutto interni, eppure continua ostinato a lanciare il suo guanto di sfida alla vita. Del resto bisogna tener duro: non è facile vedersela con suo padre – “Il Capo” – un quasi alcolista che passa tutto il tempo stravaccato sull’amaca, ad affibbiare punizioni da telefilm americano. Ed è snervante vivere accanto alla “Foca Monaca”, la sorella triste e timorata di Dio. Quanto alla madre, è scappata col tizio della stazione di servizio, e ormai si può star certi che «starà passando il tempo a farsi fare il pieno dal benzinaio». Non piange mai, il protagonista di questa storia. Piuttosto stringe i pugni, sbuffa e s’affanna, ripetendo a se stesso di essere il più in gamba, anche se la vita gliele dà ogni giorno di santa ragione; anche se le prende perfino da Chiara, la ragazza di cui s’innamora: bella, sveglia, inaccessibile a sfigati come lui, eppure catturata suo malgrado da questo buffo adolescente scapigliato e spaccone, tenero e brancaleonesco, che s’insinua a forza nella sua vita scatenando irresistibili schermaglie. Il Muro di Berlino che crolla e un divertente gioco di riferimenti pop e telefilmici fanno da sfondo a questo romanzo, un Jack Frusciante da periferia che strappa il sorriso a ogni pagina, illuminato da una scrittura esilarante ma a tratti dolente, insieme cinica e romantica come il suo protagonista, che s’inserisce a buon titolo nella nobile tradizione dei perdenti di talento, come Il giovane Holden o i personaggi di John Fante.

MIA SORELLA E’ UNA FOCA MONACA

Frascella Christian