Narrativa

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL’ESSERE

Kundera Milan

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 1987

ISBN: 9788845906046

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Riflessioni interessanti sui massimi sistemi: la vita, la morte, l’amore, la felicità… Personaggi ben delineati ed un contesto storico che non è semplicemente una cornice, ma una parte importante del contenuto, al pari di una testimonianza.

L’intreccio, invece, è un po’ contorto e i tempi talvolta suonano sballati, così come gli stacchi risultano troppo rigidi. Sarà anche un capolavoro, non lo metto in dubbio… Io, però, l’ho trovato noioso…

Siamo nella Praga di fine anni sessanta, nel periodo ricompresso tra la famigerata Primavera e l’invasione sovietica. Un momento difficile, anche per gli intellettuali, che non hanno la possibilità di esprimere liberamene le proprie idee.

Lo stesso Tomáš, chirurgo di successo, si ritrova senza lavoro a causa di un semplice articolo su Edipo, manomesso ad arte e trasformato in un attacco al comunismo ceco.

Di Tomáš Kundera descrive mirabilmente la vita sentimentale e, in particolare, il tormentato rapporto con Tereza. Egli ne è innamorato, eppure non sa e non vuole rinunciare alle altre amanti, donne molto diverse tra loro, che si limitano a sfiorare la sua vita senza complicarla.

Una di queste amanti è la pittrice Sabina, di cui Kundera racconta in parallelo la storia con Franz, professore di Ginevra.

Anche qui un rapporto che funziona finché c’è libertà: quando Franz decide di confessare tutto a sua moglie, stanco di una relazione clandestina con Sabina, lei lo lascia, oppressa dal peso del suo amore.

L’essenza del libro di Kundera sta nel proverbio tedesco riferito da Tomáš: Einmal ist keinmal. Ciò che avviene soltanto una volta è come se non fosse mai avvenuto. Sicché, visto che l’uomo può vivere soltanto una vita, è come se non vivesse affatto.

È questa “la leggerezza dell’essere”, che si scontra con il bisogno umano di attribuire alla vita un significato, un valore che abbia un peso, creando nient’altro che un paradosso insostenibile…

Non si può mai sapere che cosa si deve volere perché si vive una vita soltanto e non si può né confrontarla con le proprie vite precedenti, né correggerla nelle vite future

L’amore non si manifesta col desiderio di fare l’amore (desiderio che si applica a una quantità infinita di donne) ma col desiderio di dormire insieme (desiderio che si applica a un’unica donna)”

“…la pesantezza, la necessità e il valore sono tre concetti intimamene legati tra loro: solo ciò che è necessario è pesante, solo ciò che pesa ha valore

Ma non è invece giusto il contrario, che un avvenimento è tanto più significativo e privilegiato quanti più casi fortuiti intervengono a determinarlo? Soltanto il caso può apparirci come un messaggio. Ciò che avviene per necessità, ciò che è atteso, che si ripete ogni giorno, tutto ciò è muto. Soltanto il caso ci parla”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Milan

Kundera

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kundera Milan

KITCHEN

Yoshimoto Banana

Questa è una storia inedita, in parte realmente accaduta. Dal 1971 al 1989 sono state uccise a Udine e dintorni 15 donne, la maggior parte prostitute. Soltanto nel 1995, tramite un'analisi del medico legale, si è arrivati a ipotizzare che 4 di questi delitti siano stati effettuati da un'unica mano. Le vittime erano donne dimenticate dalla società, abbandonate a se stesse. Questa vicenda è rimasta sepolta per anni, perché non è facile avere a che fare con il male come vicino di casa. A guidare le operazioni di investigazione c'è Agata Est, personaggio di fantasia, che ci conduce, come fosse un moderno - e dubbioso - Virgilio, nei meandri di questo mistero irrisolto.

Femmine un giorno

Commessatti Elena

Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com'è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall'altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini. Età di lettura: da 12 anni.

Il bambino con il pigiama a righe

Boyne John

Questo libro è dedicato a tutti coloro che sentono di dare più di quanto ricevono, o a quelle persone che pensano che se qualcosa o gli altri cambieranno allora saranno felici; o, ancora, a chi non riesce a lasciarsi alle spalle qualcosa del passato, a chi desidera liberarsi dai sensi di colpa e anche a chi semplicemente vuole migliorare le proprie relazioni. È un libro di facile comprensione, scritto per tutti, ma che può essere utile anche a professionisti delle relazioni di aiuto i quali potranno anche, frequentando i nostri master di formazione, diventare trainer di questo metodo.

Il metodo Ihbes

Siccardi Sergio, Vinai Mariangela