Narrativa

L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL’ESSERE

Kundera Milan

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 1987

ISBN: 9788845906046

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Riflessioni interessanti sui massimi sistemi: la vita, la morte, l’amore, la felicità… Personaggi ben delineati ed un contesto storico che non è semplicemente una cornice, ma una parte importante del contenuto, al pari di una testimonianza.

L’intreccio, invece, è un po’ contorto e i tempi talvolta suonano sballati, così come gli stacchi risultano troppo rigidi. Sarà anche un capolavoro, non lo metto in dubbio… Io, però, l’ho trovato noioso…

Siamo nella Praga di fine anni sessanta, nel periodo ricompresso tra la famigerata Primavera e l’invasione sovietica. Un momento difficile, anche per gli intellettuali, che non hanno la possibilità di esprimere liberamene le proprie idee.

Lo stesso Tomáš, chirurgo di successo, si ritrova senza lavoro a causa di un semplice articolo su Edipo, manomesso ad arte e trasformato in un attacco al comunismo ceco.

Di Tomáš Kundera descrive mirabilmente la vita sentimentale e, in particolare, il tormentato rapporto con Tereza. Egli ne è innamorato, eppure non sa e non vuole rinunciare alle altre amanti, donne molto diverse tra loro, che si limitano a sfiorare la sua vita senza complicarla.

Una di queste amanti è la pittrice Sabina, di cui Kundera racconta in parallelo la storia con Franz, professore di Ginevra.

Anche qui un rapporto che funziona finché c’è libertà: quando Franz decide di confessare tutto a sua moglie, stanco di una relazione clandestina con Sabina, lei lo lascia, oppressa dal peso del suo amore.

L’essenza del libro di Kundera sta nel proverbio tedesco riferito da Tomáš: Einmal ist keinmal. Ciò che avviene soltanto una volta è come se non fosse mai avvenuto. Sicché, visto che l’uomo può vivere soltanto una vita, è come se non vivesse affatto.

È questa “la leggerezza dell’essere”, che si scontra con il bisogno umano di attribuire alla vita un significato, un valore che abbia un peso, creando nient’altro che un paradosso insostenibile…

Non si può mai sapere che cosa si deve volere perché si vive una vita soltanto e non si può né confrontarla con le proprie vite precedenti, né correggerla nelle vite future

L’amore non si manifesta col desiderio di fare l’amore (desiderio che si applica a una quantità infinita di donne) ma col desiderio di dormire insieme (desiderio che si applica a un’unica donna)”

“…la pesantezza, la necessità e il valore sono tre concetti intimamene legati tra loro: solo ciò che è necessario è pesante, solo ciò che pesa ha valore

Ma non è invece giusto il contrario, che un avvenimento è tanto più significativo e privilegiato quanti più casi fortuiti intervengono a determinarlo? Soltanto il caso può apparirci come un messaggio. Ciò che avviene per necessità, ciò che è atteso, che si ripete ogni giorno, tutto ciò è muto. Soltanto il caso ci parla”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Milan

Kundera

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kundera Milan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

GENTE DI DUBLINO – di James Joyce

Presentazione dell'autore In un piccolo chalet di montagna si radunano, apparentemente solo per una tranquilla vacanza, un gruppo di otto persone; ognuna con un nodo gordiano da risolvere: c’è Tom; un architetto tormentato dal suo passato; Marta, una donna caparbia, in lotta per riconquistare il suo amore; Ariel, una ragazzina incerta su come far ripartire la propria vita; Jak, un cantante in declino che ha perso qualcosa di più della sua carriera; Max, un uomo di successo, deciso a riparare ad un grave torto che ha commesso; Michael, un medico innamorato, intenzionato ad aiutare la sua fidanzata in un folle proposito; Katia, una ragazza distrutta da una delusione d’amore ed, infine, Ylaria, la sua migliore amica, decisa a compiere la sua vendetta personale. Una volta in vacanza Katia scopre, con sgomento, di essere l’unica a non sapere che nello chalet è previsto un gioco di ruolo: il Love Game, una sorta di recita a soggetto a cui tutti i villeggianti devono obbligatoriamente partecipare. In base al regolamento solo ad alcuni di loro toccherà recitare, ossia orchestrare, senza farsi scoprire, bollenti incontri amorosi, o, al contrario, odio tra i concorrenti. Katia intuisce subito che dietro quella folle trovata c’è lo zampino dell’amica ma, suo malgrado, sente di non poter più tirarsi indietro. Si formano due squadre e inizia l’avventura...tra foreste incantate, dichiarazioni inaspettate, balli scatenati. In un intreccio di bugie e verità Katia riscopre la gioia di sedurre...e di essere sedotta. Arriva perfino ad innamorarsi del suo capo-squadra: Max; bello,divertente sexy...in una parola PERFETTO. Se non ci fosse quell’unico, piccolo neo che sta per sposarsi.... Katia non sa più che fare..e quando si è quasi convinta a rinunciare a lui arriva l’ultimo ordine del Love Game: SABOTARE LE NOZZE. Deciderà di continuare il gioco...oppure no? Biografia dell'autore Rossella Leone nasce a Benevento nel 1979. Sin da piccola si innamora dei libri, che divora voracemente ovunque. E’ una persona creativa che adora stare in mezzo alla gente. Anche per questo per un breve periodo si dedica all’insegnamento. Ora lavora in banca part-time. Nel tempo libero legge...legge...legge. A volte si rilassa dipingendo quadri.

Love game

Leone Rossella

La vita di Caterina è scandita in due tempi, ben separati tra loro. Nel primo c’è una bambina che insegue una fila di formiche. Un cane che guaisce oltre la porta, i rami di un melo, sei anni d’infanzia muta cancellati dal fuoco. Nel secondo ci sono un lavoro, un marito, due figli. C’è la donna che Caterina è diventata, dopo aver imparato faticosamente i passi e le parole. Tutto ciò che sta in mezzo è merito di una straordinaria madre adottiva, la donna vitale e insaziabile il cui corpo giace oggi in una stanza d’albergo, accanto a quello del suo uomo. Ed è proprio qui che Caterina si ritrova insieme a Daniele, il figlio di lui, per cercare di ricostruire il corso degli eventi. E’ in questo pugno di giorni che la sua vita per la prima volta le si rivela intera. Daniele ha un’allegria forsennata, un’energia che rompe il guscio delle cose, e Caterina una capacità strana, la facoltà visionaria d’indovinare gli sconosciuti. La morte dei loro genitori è l’unica cosa che hanno in comune, ma la libertà disperata di quei pochi giorni insieme insegnerà ad entrambi un modo nuovo di stare al mondo.

Essere vivi

Comencini Cristina

Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.

LA LIBRERIA DEL BUON ROMANZO

Cossé Laurence