Saggi

L’intelligenza del denaro

Mingardi Alberto

Descrizione: Per una breve stagione, seguita al crollo del Muro di Berlino, in Italia le forze politiche si sono scoperte "liberali": la sinistra intestandosi alcune riforme (modernizzazione del welfare e del diritto del lavoro, privatizzazioni, liberalizzazioni), la destra adottando un vocabolario debitore alla stagione di Reagan e Thatcher. Questo libro restituisce al libero mercato la sua dimensione originaria e più appropriata: un sistema di idee, naturalmente alternativo e in concorrenza con altri, ma autonomo e coerente di per sé.

Categoria: Saggi

Editore: Marsilio

Collana: I Grilli

Anno: 2013

ISBN: 9788831713313

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

Questo pamphlet è l’appassionata apologia di un processo: il mercato. 

Il mercato non è, racconta infatti l’autore, un’istituzione che, per mezzo delle decisioni di un organismo direttivo, elabora programmi e persegue scopi deliberati. Al contrario, esso è il risultato involontario, sempre parziale, in evoluzione drammatica e tumultuosa, delle interazioni libere di tutti gli agenti che vi partecipano, ciascuno secondo i propri obiettivi e le proprie opinioni.

Le interazioni rilevanti per il mercato sono essenzialmente scambi volontari, attraverso cui un soggetto ottiene qualcosa (un bene, un servizio) che reputa soggettivamente più utile sia di ciò che cede a titolo di corrispettivo sia di qualsiasi altro bene o servizio che potrebbe ottenere in cambio di quello stesso corrispettivo.
I termini dello scambio – in particolare il prezzo nei sistemi moderni, in cui le transazioni avvengono normalmente mediante moneta – sono determinati dalle parti sulla base di tutte le informazioni e tutte le considerazioni disponibili a chi vi partecipa, e pertanto implicano conoscenza in materia economica.

Ogni scambio influenza quelli successivi ed è influenzato da quelli precedenti. Conseguentemente le informazioni e le conoscenze di uno scambio riecheggiano (a beneficio della sua efficienza) quelle che stanno alla base delle transazioni più remote, all’insaputa dei soggetti che ad esse hanno partecipato e partecipano. Gli scambi quindi coordinano le azioni di una moltitudine di soggetti che collaborano inconsapevolmente. 

In questo senso, le avventure imprenditoriali che vanno incontro a fallimenti sono assai istruttive: esse infatti indicano di riflesso la strada giusta, suggerendo agli agenti economici come produrre nuova e maggiore ricchezza. Ecco perché il mercato, secondo l’autore, ha ragione anche quando ha torto.

Chi propone di introdurre regole e divieti, di intraprendere politiche e varare programmi di intervento pubblico, deve prendere in considerazione che essi possono pregiudicare il processo di scoperta ed evoluzione del mercato.
La distorsione dei meccanismi di mercato attraverso politiche pubbliche ha avuto, per esempio, un ruolo centrale nel causare la crisi finanziaria.
Il governo americano, infatti, negli anni precedenti la crisi, ha esercitato una forte pressione sugli istituti di credito affinché concedessero con larghezza prestiti per l’acquisto di case di abitazione: una casa di proprietà è al centro del sogno americano. Inoltre, ha optato per una politica monetaria assai espansiva, anche per uscire dal rallentamento economico conseguente all’attentato dell’undici settembre, determinando così una riduzione dei tassi d’interesse ai quali le banche potevano ottenere credito dalla banca centrale. Tuttavia, tassi di interesse modesti hanno allentato la prudenza con la quale i banchieri valutavano in quali impieghi dovessero essere investite le somme prese a prestito.
Infine, il governo ha reso via via più chiaro di essere disponibile ad evitare i fallimenti bancari con qualsiasi mezzo.
A seguito di tutto ciò, le verifiche della meritevolezza del credito dei mutuatari americani si sono progressivamente rese più blande, fino a quando una valanga di insolvenze ci ha trascinato nella crisi nella quale ancora ci dibattiamo.

Questo pamphlet, che alterna parti “teoriche” di illustrazione delle dinamiche di funzionamento del mercato in astratto, e parti “pratiche”, di discussione di proposte politiche ed analisi di accadimenti economici, è una valida introduzione alle idee “liberiste”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Mingardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mingardi Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin

Scrivere un racconto sulla paternità è come scriverne uno sulla vecchiaia: puoi immaginartela anche a vent'anni, ma non ti scricchiolano le ossa. Per questo motivo fanno parte di "Scena padre" soltanto scrittori che genitori lo sono davvero. Di fronte ai figli "di carta" non c'è bisogno di ricalibrare costantemente le proprie aspettative, o di reinventarsi ogni giorno. Nella vita invece può capitare che, superato lo stupore della prima notte passata in casa con la figlia appena nata, ci si domandi chi diventerà quel fagotto che dorme nella culla. Magari qualcuno con cui non sarà facile parlare, se non con brevi comunicazioni di servizio appiccicate sul frigorifero ("A che ora devo accompagnarti in palestra?", "Ho lasciato il pollo nel forno", "Anche oggi un'altra nota?") cercando di far passare fra le righe prima di tutto l'affetto. In quest'antologia di racconti inediti, otto scrittori affrontano la meraviglia e il divertimento nel constatare quanto un figlio possa esserti alleato e rivale in parti uguali. E mentre affini la creatività e l'ironia necessarie a parare i colpi, ti accorgi dello scarto tra la potenza del generare e l'impotenza dell'allevare, davanti a qualcuno che riesce sempre a spiazzarti. E allora diventare padri può significare anche rimettersi in discussione come figli.

Scena padre

Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...

C'è una fanciulla che tutte le sere spazzola i suoi soffici capelli color di corallo, prima che il Sonno la conduca tra i Sogni della sera. A occhi chiusi, immagina la storia di un'amicizia, quella tra Jim, un piccolo ometto con la passione per il disegno, e Graf, un drago di grafite che vive confinato in un pezzo di carta. Il Tempo, inesorabile, muta il loro legame e il loro aspetto. I contorni di Graf sbiadiscono e quelli del suo compagno di giochi si allungano impedendogli di entrare nel foglio. Sentendosi trascurato, Graf diventa esigente. Chiede a Jim di dargli un nuovo look - magari facendolo diventare di plastica come quei soldatini che non ridono mai -, amici con cui non si sentirà mai solo e un castello dorato nel quale nascondersi al bisogno. La vita, però, imprevedibile come al solito, cambierà le sorti di Graf e del suo creatore, tracciando i confini di un'avventura tutta da scoprire tra matite colorate, clessidre mangiapolvere e una sirena appassionata di moda.

Il drago di carta

Pozzati Simone - Cerilli Valeria

Fra un tema su Kerouac e uno sul "Giovane Holden", tra una citazione da "L'attimo fuggente" e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, però possiamo essere amici. Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno. Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

Noi siamo infinito (Ragazzo da parete)

Chbosky Stephen