Saggi

L’intelligenza del denaro

Mingardi Alberto

Descrizione: Per una breve stagione, seguita al crollo del Muro di Berlino, in Italia le forze politiche si sono scoperte "liberali": la sinistra intestandosi alcune riforme (modernizzazione del welfare e del diritto del lavoro, privatizzazioni, liberalizzazioni), la destra adottando un vocabolario debitore alla stagione di Reagan e Thatcher. Questo libro restituisce al libero mercato la sua dimensione originaria e più appropriata: un sistema di idee, naturalmente alternativo e in concorrenza con altri, ma autonomo e coerente di per sé.

Categoria: Saggi

Editore: Marsilio

Collana: I Grilli

Anno: 2013

ISBN: 9788831713313

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

Questo pamphlet è l’appassionata apologia di un processo: il mercato. 

Il mercato non è, racconta infatti l’autore, un’istituzione che, per mezzo delle decisioni di un organismo direttivo, elabora programmi e persegue scopi deliberati. Al contrario, esso è il risultato involontario, sempre parziale, in evoluzione drammatica e tumultuosa, delle interazioni libere di tutti gli agenti che vi partecipano, ciascuno secondo i propri obiettivi e le proprie opinioni.

Le interazioni rilevanti per il mercato sono essenzialmente scambi volontari, attraverso cui un soggetto ottiene qualcosa (un bene, un servizio) che reputa soggettivamente più utile sia di ciò che cede a titolo di corrispettivo sia di qualsiasi altro bene o servizio che potrebbe ottenere in cambio di quello stesso corrispettivo.
I termini dello scambio – in particolare il prezzo nei sistemi moderni, in cui le transazioni avvengono normalmente mediante moneta – sono determinati dalle parti sulla base di tutte le informazioni e tutte le considerazioni disponibili a chi vi partecipa, e pertanto implicano conoscenza in materia economica.

Ogni scambio influenza quelli successivi ed è influenzato da quelli precedenti. Conseguentemente le informazioni e le conoscenze di uno scambio riecheggiano (a beneficio della sua efficienza) quelle che stanno alla base delle transazioni più remote, all’insaputa dei soggetti che ad esse hanno partecipato e partecipano. Gli scambi quindi coordinano le azioni di una moltitudine di soggetti che collaborano inconsapevolmente. 

In questo senso, le avventure imprenditoriali che vanno incontro a fallimenti sono assai istruttive: esse infatti indicano di riflesso la strada giusta, suggerendo agli agenti economici come produrre nuova e maggiore ricchezza. Ecco perché il mercato, secondo l’autore, ha ragione anche quando ha torto.

Chi propone di introdurre regole e divieti, di intraprendere politiche e varare programmi di intervento pubblico, deve prendere in considerazione che essi possono pregiudicare il processo di scoperta ed evoluzione del mercato.
La distorsione dei meccanismi di mercato attraverso politiche pubbliche ha avuto, per esempio, un ruolo centrale nel causare la crisi finanziaria.
Il governo americano, infatti, negli anni precedenti la crisi, ha esercitato una forte pressione sugli istituti di credito affinché concedessero con larghezza prestiti per l’acquisto di case di abitazione: una casa di proprietà è al centro del sogno americano. Inoltre, ha optato per una politica monetaria assai espansiva, anche per uscire dal rallentamento economico conseguente all’attentato dell’undici settembre, determinando così una riduzione dei tassi d’interesse ai quali le banche potevano ottenere credito dalla banca centrale. Tuttavia, tassi di interesse modesti hanno allentato la prudenza con la quale i banchieri valutavano in quali impieghi dovessero essere investite le somme prese a prestito.
Infine, il governo ha reso via via più chiaro di essere disponibile ad evitare i fallimenti bancari con qualsiasi mezzo.
A seguito di tutto ciò, le verifiche della meritevolezza del credito dei mutuatari americani si sono progressivamente rese più blande, fino a quando una valanga di insolvenze ci ha trascinato nella crisi nella quale ancora ci dibattiamo.

Questo pamphlet, che alterna parti “teoriche” di illustrazione delle dinamiche di funzionamento del mercato in astratto, e parti “pratiche”, di discussione di proposte politiche ed analisi di accadimenti economici, è una valida introduzione alle idee “liberiste”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Mingardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mingardi Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A volte il cambiamento avviene in maniera naturale e progressiva e noi ci rendiamo conto solo del risultato finale. Altre volte invece il cambiamento è repentino e brutalmente evidente. Paolo e Alexis, due amici inseparabili, vivono in contemporanea un cambiamento radicale per entrambi. La metamorfosi di Paolo viene da dentro, la crescita avviene suo malgrado. I nuovi desideri aprono la strada a un amore più completo che mai, a una felicità fatta non più di sbronze e piaceri egoistici, ma di attenzione vera per l'altro e condivisione di progetti costruttivi. Alexis è sconvolta dall'amore per una donna che la mette di fronte ai preconcetti propri e altrui. La trama leggera permette all'autore del romanzo di infilare nel racconto semplici ma incisivi brani informativi, ricchi di dati chiari e interessanti, che aiutano sia i protagonisti sia i lettori ad allargare i loro orizzonti culturali ed emotivi. Prefazione di Aurelio Mancuso.

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO

Groppo Elettra

Padova. Guido Di Lello, un tranquillo professore universitario, scompare all’improvviso. Tutti lo cercano ma sembra svanito nel nulla. Dopo qualche mese il suo caso finisce tra quelli insoluti, la sua fotografia mescolata a quelle degli altri scomparsi. Solo una donna conosce la verità: Oriana Pozzi Vitali, la sua amante segreta, appartenente a una ricca e nota famiglia di industriali svizzeri. Ha preferito il silenzio per evitare di essere coinvolta ma alla fine, travolta da un insostenibile senso di colpa, si confida con un’avvocatessa che le consiglia di rivolgersi all’investigatore senza licenza Marco Buratti, detto l’Alligatore. Buratti accetta e inizia a indagare insieme ai suoi soci Beniamino Rossini e Max la Memoria. All’inizio sembra un caso senza speranze, poi un labile indizio li conduce sulla pista giusta e i tre si trovano coinvolti in una torbida storia che li costringerà a scontrarsi con la raffinata mente criminale di Giorgio Pellegrini (protagonista di Arrivederci amore, ciao e Alla fine di un giorno noioso). Una partita mortale in cui entrerà anche Giulio Campagna, un poliziotto molto particolare che in tutta la sua carriera non ha mai agito secondo le regole. I protagonisti di questo romanzo sono i sopravvissuti di un mondo malavitoso che va scomparendo e lotteranno senza esclusione di colpi per non essere sconfitti dagli avversari e dal tempo

La banda degli amanti

Carlotto Massimo

L'Exposition Universelle et Internationale de Bruxelles del 1958 è il primo evento del genere dopo la Seconda guerra mondiale. La tensione politica tra la Nato e i paesi del blocco sovietico è al suo culmine. In piena Guerra fredda, dietro la facciata di una manifestazione che si propone di avvicinare i popoli della Terra, fervono operazioni d'intelligence in cui le grandi potenze si spiano a vicenda. Incaricato di sovrintendere alla gestione del pub Britannia nel padiglione inglese è un giovane copywriter del Central Office of Information di Londra, Thomas Foley, che si trova così catapultato al centro di un mondo d'intrighi internazionali di cui diventa un'inconsapevole pedina.

EXPO 58

Coe Jonathan

Questo romanzo di Sibilla Aleramo è del 1906. La sua immediata fortuna in Italia e nei paesi in cui fu tradotto segnalò una nuova scrittrice, che in seguito avrebbe fornito altre prove di valore, segnatamente nella poesia. Ma soprattutto esso richiamò l'attenzione per il suo tema: si tratta infatti di uno dei primi libri 'femmisti' apparsi da noi.

Una donna

Aleramo Sibilla