Romanzo storico

L’inverno del mondo

Follett Ken

Descrizione: Berlino nel 1933 è in subbuglio. L'undicenne Carla von Ulrich, figlia di Lady Maud Fitzherbert, cerca con tutte le forze di comprendere le tensioni che stanno lacerando la sua famiglia, nei giorni in cui Hitler inizia l'inesorabile ascesa al potere. Insieme a lei, tanti altri personaggi, Ethel Leckwith e suo figlio Lloyd, Volodja Peskov, destinato a un brillante futuro nei servizi segreti sovietici, e sua cugina Daisy, brillante frequentatrice dell'alta società, i due fratelli americani Woody e Chuck Dewar... Il destino li metterà a dura prova, così come le vite e le speranze di tanti altri verranno annientate dalla più grande e crudele guerra nella storia dell'umanità, che si scatenerà con violenza da Londra a Berlino, dalla Spagna a Mosca, da Pearl Harbor a Hiroshima, dalle residenze private alla polvere e al sangue delle battaglie che hanno segnato l'intero secolo.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Jackie Cooper, che ha recensito il libro per l’Huffington Post, ha intitolato il proprio articolo: Winter of the World Is Well Worth the Wait (L’Inverno del mondo vale bene l’attesa).
Il critico si riferisce ai due anni passati tra la pubblicazione de La caduta dei giganti e l’uscita in libreria di questo secondo volume della trilogia “The Century”. Posso confermare senza dubbio che l’attesa è certamente valsa il piacere di leggere questa nuova opera di Follett.

Protagoniste di questo secondo episodio della saga sono sempre le cinque famiglie del primo libro, che questa volta vivranno i momenti drammatici che vanno dall’ascesa di Hitler al potere, sino alla fine della Seconda Guerra Mondiale, con le violenze brutali perpetrate prima dai nazisti e poi dalle truppe russe dopo la conquista di Berlino.
La giovane Carla von Ulrich, che in prima persona vive con la propria famiglia gli eventi del 1933, quando le camice brune di Hitler diffondono il terrore nella Germania; lo studente Lloyd Williams (figlio di Ethel – del primo libro), che lascia Londra per combattere i fascisti in Spagna – e accorgersi poi di quanto brutali siano anche le truppe sovietiche presenti in Spagna; Daisy Peskov (figlia di Lev – del primo libro), che si trasferisce nel Regno Unito alla ricerca di quel riconoscimento sociale che i soldi del padre non sono stati in grado di darle negli Stati Uniti, e che finisce per sposarsi con l’erede della famiglia Fitzherbert, filo fascista.
Anche qui le sorprese – come i colpi di scena – sono sempre dietro l’angolo. Ancora una volta l’autore è riuscito a creare un complicatissimo intreccio, calandolo in un contesto storico descritto con molta accuratezza.
Nel corso di un incontro durante il quale ho avuto il piacere di poter parlare con Follett, l’autore ha sottolineato come le ricerche dietro ogni suo libro richiedano interi mesi e il supporto di molti collaboratori, che, raccogliendo il materiale, consentono allo scrittore di immergersi nel periodo storico nel quale i fatti narrati hanno avuto luogo. D’altronde non avrebbe potuto essere che così, vista la precisione delle descrizioni e la capacità di far vivere al lettore l’emozione di fatti tanto drammatici.
Cosa attenderci dal prossimo volume? Come Follett ci ha confermato, il terzo e ultimo libro della trilogia avrà come argomento-chiave la guerra fredda e si concluderà con la caduta del muro di Berlino.
Non ci resta quindi che pazientare, considerando che la scrittura è già in fase avanzata, per cui, salvo intoppi, potremo quanto prima leggere la nuova parte di questa impressionante saga a cui Follett è riuscito a dar vita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ken

Follett

Libri dallo stesso autore

Intervista a Follett Ken

"Io sono per il finale aperto. Diciamo che sono uno strenuo difensore dei puntini sospensivi. [...] Sono perle predisposte a diventare girocollo e ruota panoramica da Luna Park quando gli scrittori si incontrano nello stesso libro, anche se alcune storie puzzano di zolfo prevale l'essenza di zucchero filato. Un'essenza che passando per le narici arriva 'dritto al cuore'. [...] Puntini sospensivi non sono solo canzonette questi racconti. Se scrivi solo di 'testa' ti può venire un'emicrania, se scrivi di 'pancia' rischi la pancreatite, se scrivi di 'cuore' hai un fine, non una fine." (dalla prefazione di Andrea G. Pinketts) "Molti potranno pensare che sia di cattivo gusto pubblicare racconti di morti, delitti e misteri a favore dei bambini, ma abbiamo voluto indirizzare l'antologia non a chi conosce e vive l'Ospedale Bambino Gesù, ma ai lettori accaniti di un genere che non ha età. Non ci interessa che siano i genitori dei supereroi ad acquistare una copia di Dritto al Cu ore, ma speriamo che siano soprattutto i lettori che non hanno idea di cosa significhi vivere mesi e anni nell'attesa che la medicina risponda a silenziose domande di speranza." (dall'introduzione di Sira Terramano)

Dritto al cuore

Autori vari

Le quarantanove prose di questo libro raccontano la graduale maturazione spirituale di un giovane uomo che, giorno dopo giorno, cerca di chiarire il proprio legame con se stesso, ma anche con la figura della madre e del padre, con la propria fidanzata, la città, il paese e lo Stato. In un periodo assai breve, ma come in un'illuminazione prolungata, egli tenta di radicarsi nella realtà in cui vive cercando di acquisire una solidità che nei tempi consumistici ed egotici di oggi sembra negata. È possibile rafforzare se stessi da se stessi? L'autore ci racconta quarantanove giorni della sua vita tentando di raggiungere ciò che il poeta Giorgio Caproni chiamava "quello stato profondo di sé che è di tutti", cercando di riportarlo alla realtà quotidiana, spingendo la poesia oltre il libro che la contiene.

Quarantanove giorni

Ricciardi Jacopo

Lo Zio è uno spietato boss della camorra. Ha però una fatale debolezza: "il Grande Fratello", di cui non si perde una puntata. Nemmeno se costretto a vivere in latitanza, braccato dall'agente di polizia Woody Alien, soprannominato così per la "bruttezza intellettualoide", che potrebbe incastrarlo grazie a un misterioso informatore. Allora i "guaglioni" dello Zio, scoperta l'identità del traditore, arruolano il pusher Anthony ­ ventenne incensurato, ma in compenso lampadato e depilato ­ per mandargli un messaggio dalla Casa. Dopo un estenuante addestramento, Anthony riesce a superare il provino ed entra nel cast...

NEL NOME DELLO ZIO

Piedimonte Stefano

L’amore dietro ogni cosa diventa concept album