Romanzo storico

L’inverno del mondo

Follett Ken

Descrizione: Berlino nel 1933 è in subbuglio. L'undicenne Carla von Ulrich, figlia di Lady Maud Fitzherbert, cerca con tutte le forze di comprendere le tensioni che stanno lacerando la sua famiglia, nei giorni in cui Hitler inizia l'inesorabile ascesa al potere. Insieme a lei, tanti altri personaggi, Ethel Leckwith e suo figlio Lloyd, Volodja Peskov, destinato a un brillante futuro nei servizi segreti sovietici, e sua cugina Daisy, brillante frequentatrice dell'alta società, i due fratelli americani Woody e Chuck Dewar... Il destino li metterà a dura prova, così come le vite e le speranze di tanti altri verranno annientate dalla più grande e crudele guerra nella storia dell'umanità, che si scatenerà con violenza da Londra a Berlino, dalla Spagna a Mosca, da Pearl Harbor a Hiroshima, dalle residenze private alla polvere e al sangue delle battaglie che hanno segnato l'intero secolo.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Jackie Cooper, che ha recensito il libro per l’Huffington Post, ha intitolato il proprio articolo: Winter of the World Is Well Worth the Wait (L’Inverno del mondo vale bene l’attesa).
Il critico si riferisce ai due anni passati tra la pubblicazione de La caduta dei giganti e l’uscita in libreria di questo secondo volume della trilogia “The Century”. Posso confermare senza dubbio che l’attesa è certamente valsa il piacere di leggere questa nuova opera di Follett.

Protagoniste di questo secondo episodio della saga sono sempre le cinque famiglie del primo libro, che questa volta vivranno i momenti drammatici che vanno dall’ascesa di Hitler al potere, sino alla fine della Seconda Guerra Mondiale, con le violenze brutali perpetrate prima dai nazisti e poi dalle truppe russe dopo la conquista di Berlino.
La giovane Carla von Ulrich, che in prima persona vive con la propria famiglia gli eventi del 1933, quando le camice brune di Hitler diffondono il terrore nella Germania; lo studente Lloyd Williams (figlio di Ethel – del primo libro), che lascia Londra per combattere i fascisti in Spagna – e accorgersi poi di quanto brutali siano anche le truppe sovietiche presenti in Spagna; Daisy Peskov (figlia di Lev – del primo libro), che si trasferisce nel Regno Unito alla ricerca di quel riconoscimento sociale che i soldi del padre non sono stati in grado di darle negli Stati Uniti, e che finisce per sposarsi con l’erede della famiglia Fitzherbert, filo fascista.
Anche qui le sorprese – come i colpi di scena – sono sempre dietro l’angolo. Ancora una volta l’autore è riuscito a creare un complicatissimo intreccio, calandolo in un contesto storico descritto con molta accuratezza.
Nel corso di un incontro durante il quale ho avuto il piacere di poter parlare con Follett, l’autore ha sottolineato come le ricerche dietro ogni suo libro richiedano interi mesi e il supporto di molti collaboratori, che, raccogliendo il materiale, consentono allo scrittore di immergersi nel periodo storico nel quale i fatti narrati hanno avuto luogo. D’altronde non avrebbe potuto essere che così, vista la precisione delle descrizioni e la capacità di far vivere al lettore l’emozione di fatti tanto drammatici.
Cosa attenderci dal prossimo volume? Come Follett ci ha confermato, il terzo e ultimo libro della trilogia avrà come argomento-chiave la guerra fredda e si concluderà con la caduta del muro di Berlino.
Non ci resta quindi che pazientare, considerando che la scrittura è già in fase avanzata, per cui, salvo intoppi, potremo quanto prima leggere la nuova parte di questa impressionante saga a cui Follett è riuscito a dar vita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ken

Follett

Libri dallo stesso autore

Intervista a Follett Ken


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dicembre 2003. Qualche giorno prima di Natale, gli scrittori John Gregory Dunne e Joan Didion vedono una banale influenza della loro unica figlia Quintana degenerare prima in polmonite, poi in choc settico. Soltanto qualche giorno più tardi, rientrati da una visita alla figlia ancora grave in ospedale, John e Joan siedono a tavola: all'improvviso l'uomo cade a terra e, in pochi minuti, muore d'infarto. "La vita cambia in fretta", scriverà Joan Didion qualche giorno dopo. Per oltre un anno la vita di Joan Didion è stata schiacciata dalla portata di questi due eventi, e questo libro è il resoconto di quell'anno, del tentativo di venire a patti con il modo repentino in cui la sua vita è stata stravolta. Diventa faticoso allora il dialogo tra la realtà e le strategie che si mettono in atto per accettarla: se per sopportare la malattia della figlia studia testi di medicina, si rende insopportabile alle infermiere dell'ospedale e si rivolge ad amici in cerca di numeri di telefono e indirizzi di ottimi medici, allo stesso tempo si rende conto che la morte e la malattia sono eventi che al di là dal suo controllo la lasciano in preda dei suoi ricordi, e si sorprende a pensare come i bambini: "come se i miei pensieri o i miei desideri avessero il potere di rovesciare la storia dei fatti".

L’anno del pensiero magico

Didion Joan

Anana e un uomo che fa. Come un pioniere, si e aperto la strada in una terra ostile - lo stato indiano somiglia al nostro, invadente e dispotico quando chiede, inesistente quando serve - e intravede finalmente l'orizzonte: la sua è una fabbrica modello, pronta a decollare sul mercato internazionale. Anche i suoi figli gli sembrano un miracolo, mentre la moglie è capricciosa e insicura. Nei sogni Anand accarezza un'altra donna: accanto a Kavika, non è più solo. E quando di colpo tutto si complica, perché politici rapaci lo tormentano con un subdolo ricatto, Kavika è l'unica che lo sa ascoltare. Ma qual è il karma di Anand? Proteggere sua moglie per amore dei figli, o dare ascolto ai propri bisogni più intimi e abbandonarsi tra le braccia di Kavika? Cedere al ricatto che minaccia la sua fabbrica e adeguarsi alla corruzione imperante, o combattere e dire di no? Kamala è una vita che combatte. Ha lavorato nei cantieri con il figliolino al collo, dormendo sul marciapiede in una tenda improvvisata. Fare la serva per la famiglia di Anand le sembra una conquista: ha una casa minuscola in cui tornare la sera, può mandare a scuola il suo amato Narayan. La sua vita è distante mille miglia da quella dei suoi datori di lavoro, che spendono in un pomeriggio di shopping quello che lei guadagna in un anno, ma Kamala sarebbe contenta così. Se non fosse per la speculazione edilizia che minaccia la sua casa. Se non fosse per la calunnia che rischia di distruggere tutto quello che ha.

La fabbrica della speranza

Sankaran Lavanya

Presentazione del nuovo numero di Adès

Ci sono molti modi d'intendere il giallo, genere che ormai ha mille sfaccettature e sa accontentare anche i palati più raffinati. Per Gaia Conventi il giallo ha soprattutto una vena comica, perché di tutto si può ridere, persino in mezzo alla tormenta che costringe un oste, un carabiniere e un curiale a indagare sulla morte di una mummia estense. E non stupitevi di scovare mummie ad Arginario Po, ridente paesino a pochi chilometri da Ferrara, non stupitevi nemmeno di non trovare la località su Google Maps. In "Quarti di vino e mezze verità" l'autrice - ridendo - vi svelerà una strana e cupa storia estense. Arginario Po torna anche nella seconda novella: in "La locanda del Giallo" il morto arriva quando serve e fa più comodo. A parecchia gente. Sarà quindi il caso di far svolgere le indagini alla combriccola di giallisti invitata alla kermesse. Ottima occasione per mettere all'opera gli esperti del settore e per farsi quattro risate ai danni dell'editoria.

Novelle col morto

Conventi Gaia