Narrativa

L’inverno di Giona

Tapparelli Filippo

Descrizione: "Non ti ho mai conosciuto davvero, padre. Uomo sparito, fantasma di un fantasma. Hai carne di vento, pelle di nebbia. Non ti riconosco eppure sei me centomila volte al giorno." Siamo su una montagna ostile, fa molto freddo. Giona non ha ricordi. Ha poco più di quattordici anni e vive in un villaggio aspro e desolato insieme al nonno Alvise. Il vecchio, spietato e rigoroso, è l'uomo che domina il paese e impone al ragazzo compiti apparentemente assurdi e punizioni mortificanti. In possesso unicamente di un logoro maglione rosso, Giona esegue con angosciata meticolosità gli ordini del vecchio, sempre gli stessi gesti, fino a quando, un giorno, non riesce a scappare. La fuga si rivelerà per lui un'inesorabile caduta agli inferi, inframmezzata da ricordi della sua famiglia, che sembrano appartenere a una vita precedente, e da apparizioni stravolte. In un clima di allucinata sospensione temporale, il paese è in procinto di crollare su se stesso e la terra sembra sprofondare pian piano sotto i piedi del ragazzo. La verità è quella che appare? Solo un decisivo cambio di passo consentirà al lettore di raggiungere la svolta finale e comprendere davvero che cos'è l'inverno di Giona. Filippo Tapparelli, qui al suo esordio letterario, ha scritto un giallo onirico lontano da virtuosismi stilistici e intriso di atmosfere di perturbante ambiguità, descritte con potenza evocativa.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani

Anno: 2019

ISBN: 9788804708070

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Filippo Tapparelli (mdr: clicca qui per leggere l’intervista) è il vincitore del Premio Calvino 2018 con L’inverno di Giona, opera prima con la quale questo autore ha raccontato una storia drammatica e oscura. Giona, il protagonista, è un ragazzino che ha smarrito il proprio passato (“Non ho ricordi di quando ero piccolo, non ne ho nemmeno uno“).  Allevato e cresciuto dal nonno Alvise, personaggio autoritario e violento che non esita a educare il nipote sottoponendolo a dure punizioni corporali e spirituali (“La sapienza, Giona, si acquisisce attraverso la sofferenza. Deve essere così. Diffida da chi impara con gioia, perché ciò che si apprende senza dolore, altrettanto facilmente si dimentica“), Giona intraprende un percorso che lo porterà a cercare nella memoria le risposte a tutti quegli interrogativi che non ne hanno («I ricordi fanno male ma non uccidono, Giona. Sei stato coraggioso. Sei ancora vivo»). Avrà luogo, ancora, una vera e propria caccia nella quale preda e predatore si fonderanno sino a portare alla ricostruzione di un puzzle dai colori variopinti e dalle mille sfaccettature.

Il racconto è sospeso nel tempo. L’assenza di ricordi domina un presente che esclude il passato e che confina il futuro nella vacuità; l’ombra prevale sul quotidiano che riflette il dolore come rappresentazione dell’unica verità ammessa e concessa. Non vi è condivisione tra le mura, non vi è parola di conforto, non vi è speranza nelle parole e nelle azioni del vecchio («E mi chiedo se per me ci sia una qualunque esistenza fuori da questa casa oppure, anche se ora mi pare terribile, io possa vivere solo qui dentro. Sono uscito da qui tante volte, eppure quello che ora mi stringe il petto non è il sollievo del ritorno ma il peso dell’addio. È come se provassi nostalgia per questo luogo, per le botte di Alvise, per la sua violenza mascherata da lezioni di vita»). Al contempo Giona non sa chi è, non ha mai visto il proprio volto, vaga per il paese in un tempo rotto, con quella voce onnipresente che scuote le decisioni e indirizza gli eventi, con quella bambina, Norina, e quel gatto, Carbone, che osservano in silenzio. Ma chi siamo davvero? Cosa è verità? Cosa è certezza? Cosa si cela negli anfratti più bui della nostra memoria, del nostro essere? Come affrontare le nostre paure?

Da queste brevi premesse ha inizio una narrazione che delinea la strada per un percorso progressivo di presa di coscienza da parte dell’adolescente e del lettore. La maturazione psicologica si snoda su una linea parallela ma contemporanea con i temi della memoria, del ricordo, della riscoperta di se stessi, della propria famiglia, delle proprie radici. L’inverno così oscuro che ciascuno si porta dentro trova uno spiraglio di luce in un epilogo che sgretola ogni certezza acquisita nella lettura. Attraverso uno stile narrativo magnetico Filippo Tapparelli costruisce un elaborato fortemente evocativo, ambiguo, dalle atmosfere conturbanti dove niente è come appare: un romanzo che è una costante scoperta e, al suo interno, anche il lettore è costretto a governare emozioni scomode, a guardarsi dentro, a combattere il proprio buio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Filippo

Tapparelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tapparelli Filippo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’UOMO CHE SMISE DI FUMARE

Wodehouse Pelham G.

Dall’incipit del libro: Una dedicatoria a un becchino? — E perchè no? Non è egli forse un uomo come un altro e — non ve l’abbiate a male — non può egli essere un galantuomo par vostro e mio? Anzi — e sarei pronto a giurarlo sul Vangelo —, ei valeva assai più di tanti e tanti che han titolo di baccelliere, e magari di dottore, i quali col nastrino all’occhiello dell’abito, sono saliti tant’alto da credere che gli onesti non li ravvisino più per quel ch’e’sono: barattieri solenni. Dico perciò che, se aveste conosciuto quel povero becchino, lo avreste, come me, amato e, aggiungo anche, onorato. Io, allora, ero quasi fanciullo; ma quando il brav’uomo morì, portavo già i peli del labbro superiore arricciati dispettosamente all’insù con quella boria de’ vent’anni, che sarebbe molto ridicola, se non fosse altrettanto innocente. Di quel tempo certi fumi si guardan con occhio benevolo, avvegnachè, più o meno, li abbiamo avuti tutti, quei fumi; e, invero, quella è proprio l’età delle leggerezze e delle scappatelle, le quali — ove non passino la misura o il segno — meritano sempre benevolo perdono. A quei giorni io credo che Tomaso Giona, soprannominato il Griso, andasse oltre i sessant’anni; e tuttavia quel numero di pasque se le portava bene.

La leggenda del Buranco

Maineri Baccio Emanuele

"Una delle poche cose, anzi forse la sola ch'io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal', è l'incipit del romanzo più noto di Luigi Pirandello: Il fu Mattia Pascal (1904). In esso è contenuta la cellula generativa dell'intero libro. Quando lo scrisse, lo scrittore siciliano ne sapeva quanto chi, scorse queste prime righe, si predispone alla lettura. Scelti nome e cognome, cominciano le peripezie del personaggio, il quale presto si trova in una situazione simile a quella dell'autore: deve lui stesso dare vita a "un uomo inventato". Durante questa vera e propria avventura dei nomi, il libro assume la sua forma pienamente novecentesca, nella quale autobiografia e biografia immaginaria si confondono. Consanguineo di quelli che saranno i sei personaggi in cerca d'autore, Mattia Pascal sembra a tratti lanciare messaggi al lettore perché lo liberi dal vincolo cartaceo e dunque dalla sua muta solitudine.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

C'è una scena de Il posto delle fragole di Bergman in cui la mente del protagonista è attraversata da un'immagine del passato: il padre e la madre che pescano in un lago. Che cosa significa quest'immagine circonfusa di una bianca luminosità irreale? Che il passato è irrimediabilmente presente, risponde La Capria. Questo è solo uno dei nuclei tematici, dei tanti significati di un libro semplice e complesso, colloquiale e profondo, godibile da leggere e difficile da definire. Che cos'è allora L'estro quotidiano? È apparentemente un diario, un libro d'ore, delle "ore che restano" dopo il compimento dell'ottantesimo anno. È un libro di saggezza, ma scritto da un uomo che non ha mai voluto essere saggio e fa davvero fatica a vedersi nel ruolo dell'ottantenne perché si sente ancora un ragazzo. È un libro pieno di indimenticabili ritratti di amici, di uomini e di donne che non ci sono più, e quindi parla molto della morte, ma lo fa quasi "per esorcismo e con poca vera convinzione", con humour e allegria.

L’estro quotidiano

La Capria Raffaele