Narrativa

L’inverno di Giona

Tapparelli Filippo

Descrizione: "Non ti ho mai conosciuto davvero, padre. Uomo sparito, fantasma di un fantasma. Hai carne di vento, pelle di nebbia. Non ti riconosco eppure sei me centomila volte al giorno." Siamo su una montagna ostile, fa molto freddo. Giona non ha ricordi. Ha poco più di quattordici anni e vive in un villaggio aspro e desolato insieme al nonno Alvise. Il vecchio, spietato e rigoroso, è l'uomo che domina il paese e impone al ragazzo compiti apparentemente assurdi e punizioni mortificanti. In possesso unicamente di un logoro maglione rosso, Giona esegue con angosciata meticolosità gli ordini del vecchio, sempre gli stessi gesti, fino a quando, un giorno, non riesce a scappare. La fuga si rivelerà per lui un'inesorabile caduta agli inferi, inframmezzata da ricordi della sua famiglia, che sembrano appartenere a una vita precedente, e da apparizioni stravolte. In un clima di allucinata sospensione temporale, il paese è in procinto di crollare su se stesso e la terra sembra sprofondare pian piano sotto i piedi del ragazzo. La verità è quella che appare? Solo un decisivo cambio di passo consentirà al lettore di raggiungere la svolta finale e comprendere davvero che cos'è l'inverno di Giona. Filippo Tapparelli, qui al suo esordio letterario, ha scritto un giallo onirico lontano da virtuosismi stilistici e intriso di atmosfere di perturbante ambiguità, descritte con potenza evocativa.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani

Anno: 2019

ISBN: 9788804708070

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Filippo Tapparelli (mdr: clicca qui per leggere l’intervista) è il vincitore del Premio Calvino 2018 con L’inverno di Giona, opera prima con la quale questo autore ha raccontato una storia drammatica e oscura. Giona, il protagonista, è un ragazzino che ha smarrito il proprio passato (“Non ho ricordi di quando ero piccolo, non ne ho nemmeno uno“).  Allevato e cresciuto dal nonno Alvise, personaggio autoritario e violento che non esita a educare il nipote sottoponendolo a dure punizioni corporali e spirituali (“La sapienza, Giona, si acquisisce attraverso la sofferenza. Deve essere così. Diffida da chi impara con gioia, perché ciò che si apprende senza dolore, altrettanto facilmente si dimentica“), Giona intraprende un percorso che lo porterà a cercare nella memoria le risposte a tutti quegli interrogativi che non ne hanno («I ricordi fanno male ma non uccidono, Giona. Sei stato coraggioso. Sei ancora vivo»). Avrà luogo, ancora, una vera e propria caccia nella quale preda e predatore si fonderanno sino a portare alla ricostruzione di un puzzle dai colori variopinti e dalle mille sfaccettature.

Il racconto è sospeso nel tempo. L’assenza di ricordi domina un presente che esclude il passato e che confina il futuro nella vacuità; l’ombra prevale sul quotidiano che riflette il dolore come rappresentazione dell’unica verità ammessa e concessa. Non vi è condivisione tra le mura, non vi è parola di conforto, non vi è speranza nelle parole e nelle azioni del vecchio («E mi chiedo se per me ci sia una qualunque esistenza fuori da questa casa oppure, anche se ora mi pare terribile, io possa vivere solo qui dentro. Sono uscito da qui tante volte, eppure quello che ora mi stringe il petto non è il sollievo del ritorno ma il peso dell’addio. È come se provassi nostalgia per questo luogo, per le botte di Alvise, per la sua violenza mascherata da lezioni di vita»). Al contempo Giona non sa chi è, non ha mai visto il proprio volto, vaga per il paese in un tempo rotto, con quella voce onnipresente che scuote le decisioni e indirizza gli eventi, con quella bambina, Norina, e quel gatto, Carbone, che osservano in silenzio. Ma chi siamo davvero? Cosa è verità? Cosa è certezza? Cosa si cela negli anfratti più bui della nostra memoria, del nostro essere? Come affrontare le nostre paure?

Da queste brevi premesse ha inizio una narrazione che delinea la strada per un percorso progressivo di presa di coscienza da parte dell’adolescente e del lettore. La maturazione psicologica si snoda su una linea parallela ma contemporanea con i temi della memoria, del ricordo, della riscoperta di se stessi, della propria famiglia, delle proprie radici. L’inverno così oscuro che ciascuno si porta dentro trova uno spiraglio di luce in un epilogo che sgretola ogni certezza acquisita nella lettura. Attraverso uno stile narrativo magnetico Filippo Tapparelli costruisce un elaborato fortemente evocativo, ambiguo, dalle atmosfere conturbanti dove niente è come appare: un romanzo che è una costante scoperta e, al suo interno, anche il lettore è costretto a governare emozioni scomode, a guardarsi dentro, a combattere il proprio buio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Filippo

Tapparelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tapparelli Filippo

Nel giorno di Natale del suo ottantaduesimo compleanno la Morte va a trovare Chaplin nella sua casa in Svizzera. Chaplin è anziano, ma ha un figlio ancora piccolo e vorrebbe vederlo crescere. Perciò fa un patto con la vecchia: se riuscirà a farla ridere avrà guadagnato un anno di vita. E Chaplin riesce sì a divertirla, ma non con l’umorismo consumato dell’attore che egli è, ma per la comicità involontaria che deriva dagli impacci dell’età. Anno dopo anno la Morte si ripresenta e la commedia della vecchiaia le provoca sempre un’irrefrenabile risata. Nell’attesa dell’incontro Chaplin racconta il suo passato, dai primi passi fino all’incredibile successo. Eppure il romanzo non è solo la biografia apocrifa di uno dei grandi del Novecento, quanto piuttosto l’avventura stessa della vita, il ritratto di un’America piena di promesse, la terra delle illusioni e della fortuna. Sbarcato negli Stati Uniti il giovane Chaplin passa da un mestiere all’altro - strillone, tipografo, boxeur, imbalsamatore - da una costa all’altra, incontra uomini straordinari e anche gente comune, pronti quasi sempre a dargli una possibilità. È un orfano a spasso per il Nuovo Mondo e si paragona a una strada ferrata: «un taglio dentro la terra, un’ambizione smisurata, un desiderio di qualcosa cui non sapevo dare un nome». Su tutto la magia del cinema, l’invenzione dei fratelli Lumière che la fantasia dell’autore attribuisce al guardiano degli elefanti innamorato che Chaplin incontrò nel circo in cui aveva lavorato da giovane. E ritorna il Natale, l’ultimo, Chaplin si impegna davvero a rallegrare la Morte indossando i panni di un vecchissimo Charlot. Ma la sua esibizione è troppo perfetta…

L’ultimo ballo di Charlot

Stassi Fabio

PORNO BLOC

Belli Marco

1928. Le sorelle Torres abitano nella villa più bella di Málaga. Il padre l'ha costruita per loro, perché vivessero come delle principesse. Rosario, la maggiore, di una bellezza elegante e decisa, ama il canto ed è la preferita della famiglia. Remedios cresce nella sua ombra, comunque felice di dividere con lei i giochi nel loro posto magico: il giardino della villa, che di volta in volta si trasforma in un'isola deserta infestata dai pirati o in un castello incantato. Fino al giorno in cui l'idillio finisce. Una delle navi con cui il padre commercia spezie, tessuti e tappeti affonda. La bancarotta è una tragedia dalla quale l'uomo non si riprenderà più. Rosario e Remedios rappresentano il futuro della casata. Un fardello troppo pesante per due giovani donne. Ma, come la pianta simbolo della loro famiglia, il geranio, devono essere forti e coraggiose. Devono pensare alla primavera che, immancabilmente, torna a sbocciare dopo ogni inverno. Ed è proprio un seme di quel fiore che portano con loro a Barcellona, dove decidono di ricominciare. Tra le vie della grande e colorata città, all'inizio si sentono perse e il loro legame è tutto quello che hanno per affrontare il presente. Eppure Rosario e Remedios, anno dopo anno, si scoprono più diverse di quello che immaginavano. Una fa di tutto per trovarsi un lavoro e un marito che possa darle sicurezza, mentre l'altra insegue ancora i propri sogni e si innamora di un uomo ribelle come lei. Ma anche quando sembra che si siano perse per sempre, i balconi e le finestre delle loro case saranno pieni di gerani in fiore. Non è possibile dimenticare le proprie radici. Perché entrambe hanno una missione: restituire l'onore alla famiglia Torres.

I gerani di Barcellona

Pobla Carolina

Il caso di Charles Dexter Ward, pubblicato nel 1941, è il romanzo di un pazzo: Ward, personaggio schivo, opaco e studioso, si trasforma, lentamente, in una sorta di alieno, che incute terrore e sgomento. A indagare sul caso è uno psichiatra, che ha conosciuto Ward fin dalla giovinezza, e che scioglie il mistero scoprendo una realtà di orrore insospettabile, svelando pratiche ancestrali di resurrezione dei morti e oscure forze soprannaturali.

Il caso di Charles Dexter Ward

Lovecraft Howard P.