Narrativa

L’inverno di Giona

Tapparelli Filippo

Descrizione: "Non ti ho mai conosciuto davvero, padre. Uomo sparito, fantasma di un fantasma. Hai carne di vento, pelle di nebbia. Non ti riconosco eppure sei me centomila volte al giorno." Siamo su una montagna ostile, fa molto freddo. Giona non ha ricordi. Ha poco più di quattordici anni e vive in un villaggio aspro e desolato insieme al nonno Alvise. Il vecchio, spietato e rigoroso, è l'uomo che domina il paese e impone al ragazzo compiti apparentemente assurdi e punizioni mortificanti. In possesso unicamente di un logoro maglione rosso, Giona esegue con angosciata meticolosità gli ordini del vecchio, sempre gli stessi gesti, fino a quando, un giorno, non riesce a scappare. La fuga si rivelerà per lui un'inesorabile caduta agli inferi, inframmezzata da ricordi della sua famiglia, che sembrano appartenere a una vita precedente, e da apparizioni stravolte. In un clima di allucinata sospensione temporale, il paese è in procinto di crollare su se stesso e la terra sembra sprofondare pian piano sotto i piedi del ragazzo. La verità è quella che appare? Solo un decisivo cambio di passo consentirà al lettore di raggiungere la svolta finale e comprendere davvero che cos'è l'inverno di Giona. Filippo Tapparelli, qui al suo esordio letterario, ha scritto un giallo onirico lontano da virtuosismi stilistici e intriso di atmosfere di perturbante ambiguità, descritte con potenza evocativa.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani

Anno: 2019

ISBN: 9788804708070

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Filippo Tapparelli (mdr: clicca qui per leggere l’intervista) è il vincitore del Premio Calvino 2018 con L’inverno di Giona, opera prima con la quale questo autore ha raccontato una storia drammatica e oscura. Giona, il protagonista, è un ragazzino che ha smarrito il proprio passato (“Non ho ricordi di quando ero piccolo, non ne ho nemmeno uno“).  Allevato e cresciuto dal nonno Alvise, personaggio autoritario e violento che non esita a educare il nipote sottoponendolo a dure punizioni corporali e spirituali (“La sapienza, Giona, si acquisisce attraverso la sofferenza. Deve essere così. Diffida da chi impara con gioia, perché ciò che si apprende senza dolore, altrettanto facilmente si dimentica“), Giona intraprende un percorso che lo porterà a cercare nella memoria le risposte a tutti quegli interrogativi che non ne hanno («I ricordi fanno male ma non uccidono, Giona. Sei stato coraggioso. Sei ancora vivo»). Avrà luogo, ancora, una vera e propria caccia nella quale preda e predatore si fonderanno sino a portare alla ricostruzione di un puzzle dai colori variopinti e dalle mille sfaccettature.

Il racconto è sospeso nel tempo. L’assenza di ricordi domina un presente che esclude il passato e che confina il futuro nella vacuità; l’ombra prevale sul quotidiano che riflette il dolore come rappresentazione dell’unica verità ammessa e concessa. Non vi è condivisione tra le mura, non vi è parola di conforto, non vi è speranza nelle parole e nelle azioni del vecchio («E mi chiedo se per me ci sia una qualunque esistenza fuori da questa casa oppure, anche se ora mi pare terribile, io possa vivere solo qui dentro. Sono uscito da qui tante volte, eppure quello che ora mi stringe il petto non è il sollievo del ritorno ma il peso dell’addio. È come se provassi nostalgia per questo luogo, per le botte di Alvise, per la sua violenza mascherata da lezioni di vita»). Al contempo Giona non sa chi è, non ha mai visto il proprio volto, vaga per il paese in un tempo rotto, con quella voce onnipresente che scuote le decisioni e indirizza gli eventi, con quella bambina, Norina, e quel gatto, Carbone, che osservano in silenzio. Ma chi siamo davvero? Cosa è verità? Cosa è certezza? Cosa si cela negli anfratti più bui della nostra memoria, del nostro essere? Come affrontare le nostre paure?

Da queste brevi premesse ha inizio una narrazione che delinea la strada per un percorso progressivo di presa di coscienza da parte dell’adolescente e del lettore. La maturazione psicologica si snoda su una linea parallela ma contemporanea con i temi della memoria, del ricordo, della riscoperta di se stessi, della propria famiglia, delle proprie radici. L’inverno così oscuro che ciascuno si porta dentro trova uno spiraglio di luce in un epilogo che sgretola ogni certezza acquisita nella lettura. Attraverso uno stile narrativo magnetico Filippo Tapparelli costruisce un elaborato fortemente evocativo, ambiguo, dalle atmosfere conturbanti dove niente è come appare: un romanzo che è una costante scoperta e, al suo interno, anche il lettore è costretto a governare emozioni scomode, a guardarsi dentro, a combattere il proprio buio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Filippo

Tapparelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tapparelli Filippo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Terzo incontro del Circolo de i-LIBRI – “Il Vangelo secondo Gesù Cristo”

Ci sono fatti che possono essere accantonati. Altri addirittura dimenticati. Ma ce ne sono alcuni, terribili, devastanti, su cui nessuno può passare sopra. Questo è il caso di Michele. Una parte della sua vita se ne è andata, una parola fine scritta dalla penna del destino. Incomprensibile, inimmaginabile. Un dolore che sembra non finire mai, che conduce la mente nell'oblio più profondo. Michele non può sopportarlo. Deve fare qualcosa. Deve scegliere il proprio destino. Il nostro destino. È davvero nostro? Siamo veramente noi a sceglierlo? Michele si trova nel bel mezzo di una spirale di eventi di cui lui stesso non è in grado di carpire il filo conduttore. Pensa di avere in mano la situazione, di poter controllare il flusso degli eventi. Eppure c'è qualcosa nei suoi piani che sta per andare in fumo. Qualcosa che non aveva calcolato e che nessuno può fermare. È una voce, un'idea, una persona. O forse niente di tutto questo. È il disegno del destino.

Il disegno del destino

Simoncini Davide

Città reali scomposte e trasformate in chiave onirica, e città simboliche e surreali che diventano archetipi moderni in un testo narrativo che raggiunge i vertici della poeticità. "Che cos'è oggi la città per noi? Penso d'aver scritto qualcosa come un ultimo poema d'amore alle città, nel momento in cui diventa sempre più difficile viverle come città." (Da una conferenza di Calvino tenuta a New York nel 1983) Città reali scomposte e trasformate in chiave onirica, e città diaboliche e surreali che diventano archetipi moderni di un testo narrativo altamente poetico.

Le città invisibili

Calvino Italo

È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria dello spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme...

UN GIORNO

Nicholls David