Narrativa

L’INVERNO SI ERA SBAGLIATO

Louisa Young

Descrizione: Inghilterra, 1915. Come ogni mattina, Julia compie i rituali dell’attesa: lucida la casa alla perfezione, indossa l’abito più elegante che possiede e si acconcia i capelli, accorda il violoncello e poi si siede alla finestra. E aspetta. Aspetta che la promessa venga mantenuta, che suo marito Peter torni dal fronte. Anche Nadine aspetta, ripensando a quell’amore tenero e spensierato sbocciato a Londra, sotto la neve d’inverno. Quello che prova per Riley è un amore impossibile, contrastato aspramente dai genitori di Nadine. Ed è proprio per conquistarli che Riley è partito per il fronte, quella guerra lampo che, dicevano tutti, sarebbe durata soltanto un inverno. Ma l’inverno si era sbagliato. Rose non ha tempo di aspettare. Infermiera in prima linea nel conflitto, ha visto troppi uomini feriti nel corpo quanto nell’anima aspettare soltanto una cosa, la morte. E c’è un filo sottile, fragile e capriccioso, fatto di messaggi dalla trincea, che Rosa ha visto troppe volte spezzarsi. Julia, Nadine e Rosa sanno che questa maledetta guerra è una lunga attesa, ma unite dalla medesima determinazione e dall’imprevedibilità del destino scopriranno che quest’attesa può essere interrotta solo in un modo: con il coraggio dei loro cuori.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811681922

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Titolo: L’inverno si era sbagliato
Autore: Louisa Young
Editore: Garzanti
Anno: 2011

L’amore, la guerra e i lunghi inverni. Ci sono tutti gli ingredienti per fare della storia narrata da Louisa Young un romanzo di successo.

Nadine, Julia e Rose sono le protagoniste femminili di queste pagine, donne tanto diverse quanto intense nella loro coraggiosa fragilità.

Non ci sono nella guerra giorni da salvare, tutti terribilmente uguali a se stessi nello strazio di un’attesa silenziosa. Non rimane che la morte a scandire i giorni senza futuro.

Nadine protegge dalla distanza un amore interrotto dalla guerra, quello per il giovane soldato Riley, per anni, nelle trincee dimenticate di un’Europa infuocata gelida. “L’inverno era freddo. Freddissimo. Ed era profondamente sbagliato: in teoria loro non dovevano essere più lì”.

Julia è in attesa che la sua vita finalmente si compia, sospesa tra l’incertezza del futuro ed il ricordo di una vita matrimoniale presa in ostaggio dal conflitto, dopo la partenza del marito Peter.

Rose è donna di guerra, infermiera tra le corsie di un ospedale che accoglie i resti di chi riesce a sopravvivere.

Louisa Young, con estrema delicatezza e sapiente bravura, stravolge le esistenze distratte e convenzionali dei suoi personaggi trasformandole in vite appassionate e straordinarie. Così Rose, Nadine, Julia, Peter e Riley – travolti inevitabilmente dal dolore e dalle miserie di una guerra incomprensibile – impareranno a ricercare il senso più vero e profondo delle cose, “perché le cose cambiano. Si possono far cambiare”.

Chi ci ha condotto in questo vicolo cieco solcato di fango e cadaveri? […] Come può la vita essere preziosa se in ogni momento viene distrutta ignorata umiliata negletta e lasciata gocciolare via? […] Qualche volta ritorna da me un brandello della donna che ero prima, il richiamo di una voce, il profumo di un giacinto, gli alberi che sussurrano…mi fa morire. E’ impossibile essere una donna qui e non morirne”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Young

Louisa

Libri dallo stesso autore

Intervista a Louisa Young

Questa è la quarta avventura per l'investigatrice Stella Spada, apparsa sulla scena con "L'Ombra della Stella", ritrovata poi in "Terra alla Terra" e nel più recente "Grigio come il Sangue". Stella chiude alcuni casi sul territorio bolognese e per la prima volta esce dalla sua città. Non va molto lontano ma per lei è come emigrare. Si reca a Duemondi, un paese dell'entroterra Comacchiese, dove il sindaco Elisa Onofri la ingaggia per cercare il figlio che a otto anni, mentre stava giocando a nascondino con alcuni amici nei pressi di un rudere, è sparito senza lasciare traccia. Sono passati due anni da allora e la Polizia sta ancora indagando, il Sindaco però spera che Stella abbia qualche intuizione in più rispetto quelle degli inquirenti. E Stella come sempre finirà per avere l'intuizione giusta, investigando con il suo sistema così personale. Nel romanzo ritroviamo personaggi vecchi e nuovi, tutti però contribuiscono a creare l'atmosfera, sempre un po' surreale e grottesca, in cui si muove Stella Spada.

L’orecchio del diavolo

Lusetti Lorena

Reso immortale da Hitchcock grazie al suo indimenticabile film, Gli uccelli è ormai divenuto un classico della letteratura horror mondiale. Le altre cinque, agghiaccianti storie contenute in questa antologia si fanno beffe della volontà di dominio sulla natura da parte dell'uomo. Un inaccessibile monastero sulle montagne promette l'immortalità, ma a un terribile prezzo; una moglie trascurata dà la caccia al marito sotto forma di un albero di mele; un fotografo professionista lascia il suo posto dietro la macchina ed entra nella vita del suo soggetto: un appuntamento con una maschera del cinema si trasforma in una passeggiata in un cimitero; e un padre geloso trova il modo di sbarazzarsi del terzo incomodo... Sei magistrati racconti in cui Daphne Du Maurier conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, il suo straordinario talento di narratrice e di maestra indiscussa della suspenze e dell'orrore.

Gli uccelli e altri racconti

Du Maurier Daphne

Seduta di fronte all’antica scrivania di rovere, Rachel ascolta a malapena il borbottio dell’anziano notaio che sta sbrigando le formalità testamentarie: lo sguardo è fissato verso la sua eredità. Un muso piegato di lato e pieno di comprensione, due enormi occhi color ghiaccio e un orecchio nero floscio e l’altro bianco e dritto. Gem non è un cane come tutti gli altri, è il border collie dell’eccentrica zia Dot che, morendo, ha deciso di lasciare alla nipote tutti i suoi averi: una grande tenuta in campagna, un rifugio per cani abbandonati e soprattutto Gem, l’amico prediletto. Rachel non è certo un tipo da cani e la sua sofisticata e mondana vita a Londra non l’ha preparata al faticoso lavoro in campagna. Ma tutta la sua vecchia esistenza è appena andata a rotoli, perché la sua relazione con Oliver, che era anche il suo capo, è appena finita e Rachel è rimasta senza lavoro, senza soldi e senza amore. Non tutto però è perduto e, proprio grazie a Gem e al suo amore incondizionato, Rachel scopre di avere un vero e proprio sesto senso nel trovare i padroni più adatti a prendersi cura dei piccoli trovatelli del rifugio. Nathalie e Johnny sono una giovane coppia senza figli e solo le corte zampette di Bertie, un tenero basset hound, possono far tornare il sorriso sulle loro labbra, come quando si sono conosciuti. Zoe crede che la piccola Labrador Toffee sia uno scomodo regalo che l’ex mrito ha fatto si suoi figli, ma presto deve riconoscere che il vero regalo l’ha ricevuto lei. E Bill, un incallito cuore solitario, non sa resistere ai dolci occhi neri della barboncina Lulu, che lo guardano adoranti da sotto i ciuffi di pelo. A tutti loro Rachel dona una nuova opportunità per una vita migliore, ma dovrà essere forte abbastanza da dare una seconda occasione anche al suo cuore spezzato…

IL RIFUGIO DEI CUORI SOLITARI

Dillon Lucy

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017