Narrativa

L’INVERNO SI ERA SBAGLIATO

Louisa Young

Descrizione: Inghilterra, 1915. Come ogni mattina, Julia compie i rituali dell’attesa: lucida la casa alla perfezione, indossa l’abito più elegante che possiede e si acconcia i capelli, accorda il violoncello e poi si siede alla finestra. E aspetta. Aspetta che la promessa venga mantenuta, che suo marito Peter torni dal fronte. Anche Nadine aspetta, ripensando a quell’amore tenero e spensierato sbocciato a Londra, sotto la neve d’inverno. Quello che prova per Riley è un amore impossibile, contrastato aspramente dai genitori di Nadine. Ed è proprio per conquistarli che Riley è partito per il fronte, quella guerra lampo che, dicevano tutti, sarebbe durata soltanto un inverno. Ma l’inverno si era sbagliato. Rose non ha tempo di aspettare. Infermiera in prima linea nel conflitto, ha visto troppi uomini feriti nel corpo quanto nell’anima aspettare soltanto una cosa, la morte. E c’è un filo sottile, fragile e capriccioso, fatto di messaggi dalla trincea, che Rosa ha visto troppe volte spezzarsi. Julia, Nadine e Rosa sanno che questa maledetta guerra è una lunga attesa, ma unite dalla medesima determinazione e dall’imprevedibilità del destino scopriranno che quest’attesa può essere interrotta solo in un modo: con il coraggio dei loro cuori.

Categoria: Narrativa

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811681922

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Titolo: L’inverno si era sbagliato
Autore: Louisa Young
Editore: Garzanti
Anno: 2011

L’amore, la guerra e i lunghi inverni. Ci sono tutti gli ingredienti per fare della storia narrata da Louisa Young un romanzo di successo.

Nadine, Julia e Rose sono le protagoniste femminili di queste pagine, donne tanto diverse quanto intense nella loro coraggiosa fragilità.

Non ci sono nella guerra giorni da salvare, tutti terribilmente uguali a se stessi nello strazio di un’attesa silenziosa. Non rimane che la morte a scandire i giorni senza futuro.

Nadine protegge dalla distanza un amore interrotto dalla guerra, quello per il giovane soldato Riley, per anni, nelle trincee dimenticate di un’Europa infuocata gelida. “L’inverno era freddo. Freddissimo. Ed era profondamente sbagliato: in teoria loro non dovevano essere più lì”.

Julia è in attesa che la sua vita finalmente si compia, sospesa tra l’incertezza del futuro ed il ricordo di una vita matrimoniale presa in ostaggio dal conflitto, dopo la partenza del marito Peter.

Rose è donna di guerra, infermiera tra le corsie di un ospedale che accoglie i resti di chi riesce a sopravvivere.

Louisa Young, con estrema delicatezza e sapiente bravura, stravolge le esistenze distratte e convenzionali dei suoi personaggi trasformandole in vite appassionate e straordinarie. Così Rose, Nadine, Julia, Peter e Riley – travolti inevitabilmente dal dolore e dalle miserie di una guerra incomprensibile – impareranno a ricercare il senso più vero e profondo delle cose, “perché le cose cambiano. Si possono far cambiare”.

Chi ci ha condotto in questo vicolo cieco solcato di fango e cadaveri? […] Come può la vita essere preziosa se in ogni momento viene distrutta ignorata umiliata negletta e lasciata gocciolare via? […] Qualche volta ritorna da me un brandello della donna che ero prima, il richiamo di una voce, il profumo di un giacinto, gli alberi che sussurrano…mi fa morire. E’ impossibile essere una donna qui e non morirne”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Young

Louisa

Libri dallo stesso autore

Intervista a Louisa Young


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questa sera si recita a soggetto

Il canto della balena

Sobrero Corrado

Molte inchieste ci hanno parlato della famosa "zona grigia" tra criminalità e finanza, fatta di banchieri accondiscendenti, broker senza scrupoli, politici corrotti, malavitosi di seconda generazione laureati in Scienze economiche e ricevuti negli ambienti più lussuosi e insospettabili. Ma è difficile dar loro un volto, immaginarli nella vita quotidiana. Walter Siti, col suo stile mimetico e complice, sfrutta le risorse della letteratura per offrirci un ritratto ravvicinato di Tommaso: ex ragazzo obeso, matematico mancato e giocoliere della finanza; tutt'altro che privo di buoni sentimenti, forte di un edipo irrisolto e di inconfessabili frequentazioni. Intorno a lui si muove un mondo dove il denaro comanda e deforma; dove il possesso è l'unico criterio di valore, il corpo è moneta e la violenza un vantaggio commerciale. Conosciamo un'olgettina intelligente e una scrittrice impegnata, un sereno delinquente di borgata e un mafioso internazionale che interpreta la propria leadership come una missione. Un mondo dove soldi sporchi e puliti si confondono in un groviglio inestricabile, mentre la stessa distinzione tra bene e male appare incerta e velleitaria. Proseguendo nell'indagine narrativa sulle mutazioni profonde della contemporaneità, sulle vischiosità ossessive e invisibili dietro le emergenze chiassose della cronaca, Siti prefigura un aldilà della democrazia: un inferno contro natura che chiede di essere guardato e sofferto con lucidità prima di essere (forse e radicalmente).

Resistere non serve a niente

Siti Walter

È l'estate del 1982. L'Italia ha appena vinto i mondiali di Spagna e Milano è deserta. Demo, Elia e Fabiano trovano una casa abbandonata sul naviglio Martesana e decidono di farne il loro Regno. Un posto segreto dove è possibile fumare, ascoltare i Led Zeppelin, sfogliare i giornaletti porno, scoprire il confine sottile tra complicità e gelosia, tra emulazione e rivalità. Un posto, anche, dove accogliere i nuovi amici, come Ric. Poi incontrano Valli, ed è un'apparizione. Lei è selvatica, ha gli occhi verdi, i capelli lunghi, un corpo esile chiuso in una salopette; vive in un camper con la madre e ogni giorno pesca nel canale. Senza volerlo la ragazza rompe il goffo equilibrio maschile del Regno, insinuando nel gruppo quella tensione erotica che è per tutti la grande scoperta e il grande dolore dell'adolescenza. Ma che qui genera un danno capace, in una sola notte, di cambiare il destino dei protagonisti. Mentre la pioggia si porta via l'ultima estate della loro giovinezza.

Il regno degli amici

Montanari Raul