Narrativa

L’isola degli idealisti

Scerbanenco Giorgio

Descrizione: Ritrovato nell'archivio di famiglia e presentato per la prima volta ai lettori, questo romanzo inedito di Giorgio Scerbanenco conserva intatto il fascino della sua scrittura ironica e una struttura appassionante da vero noir all'italiana. La vicenda di questo libro è essa stessa un romanzo: il manoscritto dell'«Isola degli Idealisti» scompare insieme ad altri testi nel 1943, quando la Mondadori, per la quale era stato scritto, sposta in tutta fretta i suoi uffici da Milano. Figura tra le opere in via di pubblicazione elencate da Scerbanenco per ottenere asilo in Svizzera, ed è l'unico ad essere stato ritrovato, in uno degli archivi che raccolgono le carte dello scrittore. Un romanzo ritrovato nello stile del migliore Scerbanenco: tagliente, incisivo, sensuale e pittorico. I protagonisti, il padre Antonio e i suoi figli Celestino e Carla, ricchi e raffinati medici, vivono circondati da domestici più o meno fidati in una casa su una piccola isola in mezzo a un lago, e qui si nutrono di arte e di cultura. La loro tranquillità viene disturbata da Guido e Beatrice, due ladri professionisti, che Celestino, appassionato di matematica e filosofia morale, decide di rieducare. Nonostante le apparenze, e malgrado le resistenze dei due ladri, l'esito di questo bizzarro esperimento sociale si dimostrerà imprevedibile: il disincanto dell'uno, la nostalgia di casa dell'altra si mescolano ai furti, alle piccole bugie e alle vere tragedie che intrecciano le storie di due famiglie così diverse.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788893445962

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’isola degli idealisti è un romanzo sinora inedito di Giorgio Scerbanenco e, come indicato nella prefazione di Cecilia Scerbanenco, venuto alla luce in modo rocambolesco: dagli archivi della seconda guerra mondiale, aperti al pubblico dalla Confederazione Elvetica, emerge un curriculum di Giorgio con un elenco delle opere e delle collaborazioni a riviste. Dall’elenco la figlia, che ha recentemente curato un biografia del padre per La nave di Teseo (Il fabbricante di storie. Vita di Giorgio Scerbanenco), apprende l’esistenza di quest’opera:
Il dattiloscritto originale de L’isola degli idealisti fu gelosamente conservato dalla moglie di Giorgio S., Teresa Bandini S. e, grazie al mio fratellastro Alberto, ho potuto averne copia… gli fu probabilmente commissionato dal Corriere della Sera dopo il grande successo di due romanzi usciti a puntate nel 1942…: Cinque in bicicletta e Cinema tra le donne.”
Un’opera che si candida a essere il preludio della futura produzione noir del grande scrittore: “Assonanze caratteriali, fisiche, di percorsi mentali, tra Celestino Reffi e Duca Lamberti… Persino lo stile, pur dolcemente demodé, è già dinamico e incisivo, da crime novel…”

La vicenda oggetto del romanzo è ambientata nel 1930, al Ginestrin, un’amena proprietà della famiglia Reffi localizzata su un’isola che potrebbe costituire il sogno di chiunque.
Antonio Reffi e gli originali figli – la scrittrice Carla e il medico-matematico Celestino – costituiscono, con la servitù, un nucleo autarchico che vive di intellettualismo e idealismo. Poi l’equilibrio della comunità chiusa viene turbato dall’arrivo di due ladri: il cardiopatico Guido e la tanto affascinante quanto grezza Beatrice. I due avventizi sparigliano rapporti, stasi e quiete dell’isola e dei suoi pochi abitanti.

La storia rappresenta un esperimento interessante e ben riuscito per studiare l’evoluzione psicologica di tipologie caratteriali costrette in un ambiente chiuso e per raffigurare i meccanismi opposti della filantropia (“Ho pensato di evitarvi l’arresto, ma perché ho in mente una cosa… Insegnarvi a essere onesti, a essere onesti e sinceri”) e della grettezza umana.
L’ambientazione isolana e lacustre è molto suggestiva, lo stile narrativo pacato, equilibrato e carismatico.
Vi erano al Ginestrin una biblioteca, la radio, una collezione di dischi, e soprattutto vi era una terrazza, metà coperta a veranda e metà scoperta, dalla quale poter vedere d’estate e d’inverno il dolce vasto panorama attorno; morbidi monti che solo negli inverni più freddi si coprivano un poco di neve; e intorno le rive del lago, con le case dei paesi rannicchiate quasi sull’acqua, o a cavallo di qualche sella montana, o incastrate tra le pieghe boscose della montagna… un così grande, vasto cielo, o così pareva da quella terrazza isolata sull’acqua, che poteva dare anche sgomento.”

Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Scerbanenco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scerbanenco Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017

Napoli, così, non l'avevamo vista mai. Una città borghese, inospitale e caotica, cupa e distratta, dove ognuno sembra preso dai propri affari e pronto a defilarsi. È esattamente questo che permette a un killer freddo e metodico di agire indisturbato, di mischiarsi alla folla come fosse invisibile. "Il Coccodrillo" lo chiamano i giornali: perché, come il coccodrillo quando divora i propri figli, piange. E del resto, come il coccodrillo, è una perfetta macchina di morte: si apposta, osserva, aspetta. E quando la preda è a tiro, colpisce. Tre giovani, di età e provenienza sociale diverse, vengono trovati morti in tre differenti quartieri, freddati dal colpo di un'unica pistola. L'ispettore Giuseppe Lojacono è l'unico che non si ferma alle apparenze, sorretto dal suo fiuto e dalla sua stessa storia triste. È appena stato trasferito a Napoli dalla Sicilia. Un collaboratore di giustizia lo ha accusato di passare informazioni alla mafia e lui, stimato segugio della squadra mobile di Agrigento, ha perso tutto, a cominciare dall'affetto della moglie e della figlia. Un paria, ecco cos'è diventato, un uomo inutile e inutilizzato, seduto a una scrivania vuota e impegnato in sanguinose sfide a scopa con il computer. È il giovane sostituto procuratore incaricato delle indagini, la bella e scontrosa Laura Piras, a decidere di dargli un'occasione, colpita dal suo spirito di osservazione. E così Lojacono, a dispetto di gerarchie e punizioni, l'aiuterà a trovare il collegamento, apparentemente inesistente, tra i delitti. A scorgere il filo rosso che conduce a un dolore bruciante, a una colpa non redimibile, a un amore assoluto e struggente: perché con il suo volto luminoso o con la sua maschera più terribile, è l'amore a racchiudere il senso dei nostri giorni. In una Napoli sempre più nera e indecifrabile, si fronteggiano due figure solitarie, mosse da una determinazione incrollabile. Come in uno specchio, l'investigatore e il killer. Un nuovo capitolo dell'eterna lotta tra il bene e il male. Maurizio de Giovanni, noto al grande pubblico per le indagini del commissario Ricciardi, dà vita a un nuovo personaggio, tenebroso e umanissimo, destinato a far breccia nel cuore dei lettori, e a una storia che si inoltra con passo spedito nei meandri di una città splendida e dannata. Una storia che sembrava attendere la sua scrittura tesa, il suo sguardo coraggioso, la sua abilità di narratore per essere raccontata.

Il metodo del coccodrillo

De Giovanni Maurizio

Giorni nostri, metà ottobre. In un paese dell’hinterland di Bologna, un anziano squilibrato si mette a sparare dalla finestra, uccide alcune persone e tiene in scacco le forze dell’ordine. A sera inoltrata, la polizia decide di passare al contrattacco e, per disorientare il folle, ordina che venga tolta l’energia elettrica all’intero circondario. In questo quadro – realmente accaduto nel giugno 2005 in un paese dell’Italia settentrionale – si sviluppa la finzione narrativa: cento minuti, quattro storie parallele, tutte segnate dalla mancanza di luce. Mario, un dirigente comunale, cerca di sedurre Federica, sua vicina di appartamento e ausiliaria del 118. A casa del professor Umberto, lui, la moglie e i due figli affrontano l’emergenza facendo un gioco che travolgerà la stessa coesistenza famigliare. Nel bar di Loretta, nella piazza del paese, ci si industria per continuare a giocare a carte e a biliardo, ma presto e in modo del tutto imprevedibile si dipanerà una storia completamente diversa. Intanto, Domenico, uno scrittore solitario, si prepara a realizzare il suo desiderio più oscuro...

SENZA LUCE

Bernardi Luigi

Elliott è un uomo di successo; sessantenne è un chirurgo di fama, vive a San Francisco e la sua vita privata ruota tutta attorno all'adorata figlia Angie. Un'unica ombra in questo quadro perfetto: Ilena, il suo grande amore, lo ha lasciato solo trentanni addietro, morendo in un tragico incidente. Un dolore immenso che nemmeno il tempo ha saputo lenire. Per una strana combinazione di eventi, un giorno gli viene data l'occasione di tornare indietro negli anni Sessanta, quando era un giovane medico ambizioso e idealista e perdutamente innamorato. Immerso in quel magico momento di felicità, Elliott si confronta con il passato vivendo momenti di rimpianto e di passione. Purtroppo una scelta dolorosa lo attende: ora sa che con un semplice gesto potrebbe salvare Ilena e modificare il corso di quel destino crudele, ma compierlo significherebbe rinunciare all'amatissima figlia...

Chi ama torna sempre indietro

Musso Guillaume