Narrativa

L’isola dell’abbandono

Gamberale Chiara

Descrizione: Pare che l’espressione “piantare in asso” si debba a Teseo che, uscito dal labirinto grazie all’aiuto di Arianna, anziché riportarla con sé da Creta ad Atene, la lascia sull’isola di Naxos. In Naxos: in asso, appunto. Proprio sull’isola di Naxos, l’inquieta e misteriosa protagonista di questo romanzo sente l’urgenza di tornare. È lì che, dieci anni prima, in quella che doveva essere una vacanza, è stata brutalmente abbandonata da Stefano, il suo primo, disperato amore, e sempre lì ha conosciuto Di, un uomo capace di metterla a contatto con parti di sé che non conosceva e con la sfida più estrema per una persona come lei, quella di rinunciare alla fuga. E restare. Ma come fa una straordinaria possibilità a sembrare un pericolo? Come fa un’assenza a rivelarsi più potente di una presenza? Che cosa è davvero finito, che cosa è cominciato su quell’isola? Solo adesso lei riesce a chiederselo, perché è appena diventata madre, tutto dentro di sé si è allo stesso tempo saldato e infragilito, e deve fare i conti con il padre di suo figlio e con la loro difficoltà a considerarsi una famiglia. Anche se non lo vorrebbe, così, è finalmente pronta per incontrare di nuovo tutto quello che si era abituata a dimenticare, a cominciare dal suo nome, dalla sua identità più profonda… Dialogando con il mito sull’abbandono più famoso della storia dell’umanità e con i fumetti per bambini con cui la protagonista interpreta la realtà, Chiara Gamberale ci mette a tu per tu con le nostre fatali trasformazioni, con il miracolo e la violenza della vita, quando irrompe e ci travolge, perché qualcuno nasce, qualcuno muore, perché un amore comincia o finisce. Un romanzo coraggioso sulla paura che abbiamo di perdere il filo, il controllo della nostra esistenza: mentre è proprio in quei momenti – quando ci abbandoniamo a quello che non avevamo previsto – che rischiamo di scoprire davvero chi siamo. “Se sapessimo di che cosa abbiamo bisogno, non avremmo bisogno dell’amore.”

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2019

ISBN: 9788807033407

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’isola dell’abbandono di Chiara Gamberale è Naxos, dalla quale sembra derivi l’espressione essere piantati in asso.
Nasso.  Nome di un’isola, d’onde è forse venuto il modo di dire … Lasciare in asso… preso dalla favola d’Arianna lasciata da Teseo… (Tommaso Bellini, Dizionario della lingua italiana)”.

Dunque, l’illustre precedente è quello di Arianna che, dopo aver guidato Teseo nel labirinto del Minotauro, viene abbandonata proprio a Naxos dall’eroe sulla via del ritorno da Creta ad Atene.
E Arianna si chiama anche la protagonista di questo romanzo che proprio nell’ispirazione mitologica trova forse il suo spunto più originale.

Fumettista e neo-madre di Emanuele (“Era un’illustratrice di favole e fumetti per bambini, prima di Emanuele”), sempre in preda al complesso dell’abbandono (“Soffriva di fantasia drammatica… un guasto tipico di chi non accetta la realtà e si rifugia nel sogno di qualcosa di meraviglioso o di tremendo”), Arianna decide di lasciare il marito: lo psicoterapeuta Damiano, al quale si è rivolta nel tentativo di guarire prima il narcisista e distruttivo Stefano (“Perché provoca il dolore della sua compagna, se sa che poi le risulterà insostenibile? … Non lo so. È come se ogni tanto mi ritrovassi in un labirinto”), poi se stessa.

Il romanzo è il flash back della travagliata storia d’amore: dopo una seduta presso l’associazione Genisoli, Arianna rivede la propria storia sbagliata con Stefano (“Questo suo bisogno di sfregiare quello che vi lega”), ricorda il dramma dell’abbandono a Naxos (“Quell’isola. Quello sguardo sbilenco. Il meltemi”), rivive la breve stagione dell’amore con Di – il surfista al quale si lega per una breve stagione sull’isola greca, sempre sulla falsariga del mito secondo il quale, abbandonata da Teseo, Arianna si unisce a Dioniso. Una stagione interrotta dalla notizia della morte di Stefano, che consegna Arianna alla terapia per il trauma subito sino all’esperienza della maternità (“Almeno per nove mesi, aspettavo qualcosa che sarebbe davvero capitato”).

Il ritorno fugace a Naxos , per incontrare ancora una volta Di, ha il sapore della conquista di una guarigione che si chiama consapevolezza nel labirinto della vita.
Per dirla con Albert Camus (Taccuini): “Un uomo labirintico non cerca mai la verità, ma sempre e soltanto Arianna”.
E per dirla con l’autrice: “Ci sono labirinti dove, per uscire, dobbiamo mollare il filo che avevamo in mano, invece di tenerlo stretto”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Chiara

Gamberale

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gamberale Chiara

Il volume contiene il ciclo completo inaugurato dalla "Guida galattica per gli autostoppisti", che comprende "Il ristorante al termine dell'universo", "La vita, l'universo e tutto quanto", "Addio e grazie per tutto il pesce" più un racconto inedito. Una gigantesca autostrada cosmica sta per essere costruita dalle parti del sistema solare. E una banale diramazione deve essere aperta proprio dove ora c'è la terra. Di conseguenza quel vecchio e inutile pianeta va rimosso. Lo viene a sapere Ford Perfect, redattore extraterrestre in incognito che deve aggiornare la monumentale "Guida galattica per gli autostoppisti", il manuale che insegna ai turisti come destreggiarsi in un cosmo selvaggio, di multinazionali e viaggi organizzati.

Guida galattica per autostoppisti

Adams Douglas

Trascorsi tre anni dalla Sciagura che ha distrutto la civiltà, nel piccolo borgo di Piedimulo, una comunità di contadini sopravvissuti vive nascosta, protetta dai grandi massi di una frana. Oltre il villaggio, verso l'alta montagna, c'è il ruscello e oltre ancora i lupi. Scampata dalla metropoli in fiamme, Nina ha dodici anni. Persi i genitori durante gli anni della ferocia, ora vive con i nonni. Ma la ragazzina riconosce i segnali nel cielo e sa che un oscuro nemico sta bussando di nuovo alle porte. Nina sarà costretta a crescere in fretta, a vivere tra i lupi e - dopo la riconquista del villaggio caduto in mano a una falange di mercenari - a essere la protagonista della rinascita di quella comunità autarchica e pacifica.

NINA DEI LUPI

Bertante Alessandro

Anni di cause di serie B, poi una ferita da arma da fuoco che gli ha causato una dipendenza da psicofarmaci e l’ha tolto a lungo dalla piazza: Mickey Haller non può certo definirsi un avvocato di grido. Eppure la ruota sembra finalmente girare nel verso giusto quando il suo più illustre collega Jerry Vincent viene misteriosamente assassinato e lui ne eredita tutti i clienti. Tra questi spicca Walter Elliot: noto produttore di Hollywood, accusato di aver ucciso la moglie e il suo amante. La difesa del magnate potrebbe essere per Haller il biglietto per il successo che da tanto aspettava. Ma sulla sua strada incontra il detective Harry Bosch: più di trent’anni di carriera alle spalle, una vocazione per la giustizia che va oltre il semplice senso del dovere, una leggenda per tutti. Solo Haller sembra non averne mai sentito parlare. Tuttavia, a osservarlo meglio, anche per lui quell’uomo dagli occhi da squalo ha un’aria vagamente familiare. Tra i due non è certo amore a prima vista. Perché Bosch guida l’indagine sulla morte dell’avvocato Vincent, e i clienti ora difesa da Haller sono tutti potenziali indiziati per il detective. Si fronteggiano così dai lati opposti della barricata, finché Haller scopre che lui stesso potrebbe essere il nuovo bersaglio del killer. Solo allora Bosch e Haller capiranno che fare squadra è l’unica soluzione possibile. Dopotutto, non sono che le due facce della stessa medaglia. E hanno in comune molto più di quanto loro stessi immaginino.

LA LISTA

Connelly Michael

I tempi cambiano e anche la malavita è costretta a correre ai ripari. Romeo Marconato, ex affiliato alla Mala del Brenta, sa sentire il vento che cambia. Disperatamente sposato, con un figlio un po' matto e il villone padovano, sta costruendo un business al limite della legalità con il suo Zodiaco, un franchising di furgoni per panini lungo la statale che corre tra Padova e Venezia. Il passato irrompe nella sua vita con una succulenta occasione e nuove minacce, mentre lui, re incontrastato dello street food a basso costo, si ritrova a sfidare il più grande chef televisivo in un assurdo reality. Gli eventi si intrecciano e sembrano precipitare, ma lui, Romeo Marconato, è scaltro. Di una scaltrezza tutta di provincia capace di gestire le trame anche quando queste travalicano la laguna e arrivano a Mosca.

Zodiaco Street Food

Zed Heman