Poesia

L’istante violento

Privitera Ivanoe

Descrizione: Una raccolta di poesie per addentrarsi nel roveto dell'esistenza contemporanea, laddove le certezze sono barbagli, riflessi impalpabili e ingannatori ai quali non è più possibile credere. La metafora della vita come viaggio, pur solida nella propria tradizione plurimillenaria, scricchiola qui sotto il peso del nonsenso odierno. Partire, restare, ostinarsi nel cammino sono forse cose vane; persino l'amore è defraudato dell'assoluto, è un soffione raggiunto dal vento e privato dei semi, una ruota impazzita che si incaglia tra i sassi e che non sa fermarsi. Ivanoe Privitera porta alle estreme conseguenze la lirica del secolo appena trascorso, rivelandosi attento osservatore dei nostri giorni e raffinato cantore del sentimento. Ed ecco che la muraglia di montaliana memoria si fa profilo seghettato di montagne che restituisce avaro l'eco di un vuoto esistenziale incolmabile, il passato è uno spettro di cui si perdono i contorni, il futuro un intrico di frasche che serra i polsi e nel quale ci ostiniamo a cercare il germoglio nuovo e fruttifero: anche il tempo, ormai crocifisso alla propria relatività, è pura illusione. Ma qualcosa è ancora possibile salvare: l'abbraccio di un fratello, la voglia del ritorno e l'ostinata guerra di ognuno di noi contro la solitudine; addirittura la morte, sempre uguale a se stessa, placida e rassicurante nella propria assolutezza.

Categoria: Poesia

Editore: Giovane Holden

Collana: Versi di segale

Anno: 2013

ISBN: 9788863962956

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Ci occupiamo oggi della silloge poetica che ha conquistato la VI edizione del Premio Letterario Giovane Holden.

Il trofeo, rappresentato tra l’altro dalla pubblicazione della raccolta di liriche aggiudicataria della vittoria, è stato conferito a “L’istante violento”, composto da un autore che, nel nome di battesimo, ricorda l’eroe di Sir Walter Scott: l’Ivonhoe che ha animato molti sogni di gioventù …

Ivanoe Privitera, classe 1982, laureato in lettere classiche alla Normale di Pisa, ha conseguito il Perfezionamento in Discipline Filologiche, Linguistiche e Storiche Classiche ed ha frequentato anche l’Università di Oxford.

Nel 2000 ha pubblicato il romanzo intitolato “Il cuore di Purcell”, mentre la sua prima raccolta di poesie, “Il filo del funambolo”, ha ottenuto diversi riconoscimenti in concorsi letterari nazionali.

“L’istante violento” è una raccolta interessante sia per lo stile, sia per i temi che costituiscono occasione lirica.

Come il tempo.
Porte che si spalancano e si chiudono sul tempo.
Il tempo che si perde in un soffio e dilegua.
Il tempo che “Talora tace ma non annega
Il tempo che torna ” D’un tratto come lava”  e spara:

D’un tratto come lava
riaffiora imperioso
tutto il mondo
lasciato indietro,
sepolto
sotto un lago ghiacciato. (ndr: Ricordate “il lago d’indifferenza” di Montale?)

E in un silenzio immacolato
di chiodi
è nella notte
un colpo di pistola.

Il tempo che minaccia nel “ritorno dell’alba” (cfr. “Alla ringhiera”).
Il tempo che fregia d’intarsi gli anni (cfr. “Intarsi di disincanto”).

L’amore perso che assedia il pensiero, che va

“Oltre il bivio,dove
nessuna strada è sicura,
la salita è coperta da fronde
sfumate dal vento
ed in cima è il deserto”
(cfr. “Uno sfiorarsi di labbra”)

L’amore che grida a un cielo ibrido, tra le foglie mute … e nessuno che risponde (parafrasi da “Ibrido il cielo”).
E l’amore che denuda in “Dissi l’amore”

Poi ci sono gli affetti: “A mio fratello” e soprattutto il ricordo della  che ancora cammina nei sogni del poeta (“A te, nonna”).

La natura, le marine, gli orizzonti, gli approdi, il naufragio (cfr. “Il naufrago”).
Le notti.
Il dolore e i passi di solitudine che attraversano molte liriche.

Quanto allo stile, i percorsi sono scavati nel profondo attraverso  immagini e suoni evocativi.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ivanoe

Privitera

Libri dallo stesso autore

Intervista a Privitera Ivanoe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per Tom è l'ultimo giorno di vacanza in Uruguay prima di tornare a Buenos Aires, dove insegna inglese, quando sulla spiaggia si imbatte in un pinguino coperto di petrolio. Riesce a salvarlo, ma nel momento in cui tenta di ricondurlo al mare, il pinguino inizia a seguirlo. Tom non se la sente di abbandonarlo e lo porta a Buenos Aires con sé. Così ha inizio la grande amicizia fra Tom e Juan Salvador il pinguino, fatta di corse su una motocicletta per vedere il mare, di cene a base di pesce crudo e partite della squadra di rugby, nella scuola in cui il professore insegna e di cui l'animale diventa la mascotte. Perché Juan Salvador è un pinguino speciale e cambia la vita di tutti quelli che lo conoscono. Soprattutto quella di un ragazzo che ha troppa paura dell'acqua: insieme a lui, forse, anche il pinguino troverà il coraggio di tornare a nuotare...

Storia del pinguino che tornò a nuotare

Michell Tom

Il Novecento è appena iniziato in Giappone, e l'era Meiji sembra aver restituito onore e grandezza al paese facendone una nazione moderna. Per il gatto protagonista di queste pagine, però, un'oscura follia aleggia nell'aria, nel Giappone all'alba del XX secolo. Il nostro eroe vive, infatti, a casa di un professore che si cimenta in bizzarre imprese. Scrive prosa inglese infarcita di errori, recita canti no¯ō nel gabinetto, tanto che i vicini lo hanno soprannominato il «maestro delle latrine», accoglie esteti con gli occhiali cerchiati d'oro, spettegola della vita dissoluta di libertini e debosciati. Insomma, mostra a quale grado di insensatezza può giungere il genere umano in epoca moderna... Pubblicato per la prima volta nel 1905, Io sono un gatto non è soltanto un romanzo raro, che ha per protagonista un gatto, filosofo e scettico, che osserva distaccato un radicale mutamento epocale. È anche uno dei grandi libri della letteratura mondiale, la prima opera che, come ha scritto Claude Bonnefoy, inaugura il grande romanzo giapponese all'occidentale.

Io sono un gatto

Soseki Natsume

Colorare di giallo…

Fino ad allora Hajime aveva vissuto in un universo abitato solo da lui: figlio unico quando, nel Giappone degli anni Cinquanta, era rarissimo non avere fratelli o sorelle, aveva fatto della propria eccezionalità una fortezza in cui nascondersi, un modo per zittire quella sensazione costante di non essere mai lí dove si vorrebbe veramente. Invece un giorno scopre che la solitudine è solo un'abitudine, non un destino: lo capisce quando, a dodici anni, stringe la mano di Shimamoto, una compagna di classe sola quanto lui, forse di piú: a distinguerla non c'è solo la condizione di figlia unica, ma anche il suo incedere zoppicante, come se in quel passo faticoso e incerto ci fosse tutta la sua difficoltà a essere una creatura di questo mondo. Quando capisci che non sei destinato alla solitudine, che il tuo posto nel mondo è solo là dove è lei, capisci anche un'altra cosa: che sei innamorato. Ma Hajime se ne rende conto troppo tardi - è uno di quegli insegnamenti che si imparano solo con l'esperienza - quando ormai la vita l'ha separato da lei. Come il dolore di un arto fantasma, come una leggera zoppía esistenziale, Hajime diventerà uomo e accumulerà amori, esperienze, dolori, errori, ma sempre con la consapevolezza che la vita, la vita vera, non è quella che sta dissipando, ma quell'altra, quella che sarebbe potuta essere con Shimamoto, quella in un altrove indefinito, a sud del confine, a ovest del sole. Una vita che forse, venticinque anni dopo, quando lei riappare dal nulla, diventerà realtà. Torna in libreria, in una traduzione completamente rivista, uno dei romanzi piú amati di Murakami Haruki: un'opera malinconica e romantica, una storia di raffinata delicatezza, in cui l'esplorazione dei piú diafani movimenti dell'anima riesce a descrivere l'universale, umanissimo conflitto tra necessità e desiderio, destino e libertà.

A sud del confine, a ovest del sole

Murakami Haruki