Poesia

L’istante violento

Privitera Ivanoe

Descrizione: Una raccolta di poesie per addentrarsi nel roveto dell'esistenza contemporanea, laddove le certezze sono barbagli, riflessi impalpabili e ingannatori ai quali non è più possibile credere. La metafora della vita come viaggio, pur solida nella propria tradizione plurimillenaria, scricchiola qui sotto il peso del nonsenso odierno. Partire, restare, ostinarsi nel cammino sono forse cose vane; persino l'amore è defraudato dell'assoluto, è un soffione raggiunto dal vento e privato dei semi, una ruota impazzita che si incaglia tra i sassi e che non sa fermarsi. Ivanoe Privitera porta alle estreme conseguenze la lirica del secolo appena trascorso, rivelandosi attento osservatore dei nostri giorni e raffinato cantore del sentimento. Ed ecco che la muraglia di montaliana memoria si fa profilo seghettato di montagne che restituisce avaro l'eco di un vuoto esistenziale incolmabile, il passato è uno spettro di cui si perdono i contorni, il futuro un intrico di frasche che serra i polsi e nel quale ci ostiniamo a cercare il germoglio nuovo e fruttifero: anche il tempo, ormai crocifisso alla propria relatività, è pura illusione. Ma qualcosa è ancora possibile salvare: l'abbraccio di un fratello, la voglia del ritorno e l'ostinata guerra di ognuno di noi contro la solitudine; addirittura la morte, sempre uguale a se stessa, placida e rassicurante nella propria assolutezza.

Categoria: Poesia

Editore: Giovane Holden

Collana: Versi di segale

Anno: 2013

ISBN: 9788863962956

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Ci occupiamo oggi della silloge poetica che ha conquistato la VI edizione del Premio Letterario Giovane Holden.

Il trofeo, rappresentato tra l’altro dalla pubblicazione della raccolta di liriche aggiudicataria della vittoria, è stato conferito a “L’istante violento”, composto da un autore che, nel nome di battesimo, ricorda l’eroe di Sir Walter Scott: l’Ivonhoe che ha animato molti sogni di gioventù …

Ivanoe Privitera, classe 1982, laureato in lettere classiche alla Normale di Pisa, ha conseguito il Perfezionamento in Discipline Filologiche, Linguistiche e Storiche Classiche ed ha frequentato anche l’Università di Oxford.

Nel 2000 ha pubblicato il romanzo intitolato “Il cuore di Purcell”, mentre la sua prima raccolta di poesie, “Il filo del funambolo”, ha ottenuto diversi riconoscimenti in concorsi letterari nazionali.

“L’istante violento” è una raccolta interessante sia per lo stile, sia per i temi che costituiscono occasione lirica.

Come il tempo.
Porte che si spalancano e si chiudono sul tempo.
Il tempo che si perde in un soffio e dilegua.
Il tempo che “Talora tace ma non annega
Il tempo che torna ” D’un tratto come lava”  e spara:

D’un tratto come lava
riaffiora imperioso
tutto il mondo
lasciato indietro,
sepolto
sotto un lago ghiacciato. (ndr: Ricordate “il lago d’indifferenza” di Montale?)

E in un silenzio immacolato
di chiodi
è nella notte
un colpo di pistola.

Il tempo che minaccia nel “ritorno dell’alba” (cfr. “Alla ringhiera”).
Il tempo che fregia d’intarsi gli anni (cfr. “Intarsi di disincanto”).

L’amore perso che assedia il pensiero, che va

“Oltre il bivio,dove
nessuna strada è sicura,
la salita è coperta da fronde
sfumate dal vento
ed in cima è il deserto”
(cfr. “Uno sfiorarsi di labbra”)

L’amore che grida a un cielo ibrido, tra le foglie mute … e nessuno che risponde (parafrasi da “Ibrido il cielo”).
E l’amore che denuda in “Dissi l’amore”

Poi ci sono gli affetti: “A mio fratello” e soprattutto il ricordo della  che ancora cammina nei sogni del poeta (“A te, nonna”).

La natura, le marine, gli orizzonti, gli approdi, il naufragio (cfr. “Il naufrago”).
Le notti.
Il dolore e i passi di solitudine che attraversano molte liriche.

Quanto allo stile, i percorsi sono scavati nel profondo attraverso  immagini e suoni evocativi.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ivanoe

Privitera

Libri dallo stesso autore

Intervista a Privitera Ivanoe

ROXANNE

Mearini Elena

Quando fa il suo ingresso nell’aula di tribunale in cui verrà giudicata per l’omicidio del suo giovanissimo amante, Gladys Eysenach viene accolta dai mormorii di un pubblico sovreccitato, impaziente di conoscere ogni più sordido dettaglio di quello che promette di essere l’affaire più succulento di quanti il bel mondo parigino abbia visto da anni. Nel suo pallore, Gladys evoca davvero l’ombra di Jezabel, quell’ombra che nell’Athalie di Racine compare in sogno alla figlia, che così la descrive: «Non ne aveva, il dolore, smorzato la fierezza; / aveva anzi, ancora, quella finta bellezza / mantenuta con cure, con espedienti labili, / per riparar degli anni le sfide irreparabili». Sì, è ancora molto, molto bella, Gladys Eysenach: il tempo sembra averla «sfiorata come a malincuore, con mano cauta e gentile», quasi si fosse limitato ad accarezzarla teneramente, e le donne presenti nell’aula si sussurrano con invidia i nomi dei suoi innumerevoli amanti. Ma pochi giorni dopo, allorché vengono pronunciate le arringhe, tutta la sua bellezza pare averla abbandonata, e Gladys è ormai soltanto una donna vecchia e sfinita, che a mani giunte supplica i giudici di infliggerle la pena che merita. La condanna sarà lieve, invece, solo cinque anni: il movente passionale ha fatto sì che le venissero concesse le attenuanti previste dalla legge. Ma qual è la verità – quella verità che Gladys Eysenach ha cercato ad ogni costo di occultare? Qual è il vero movente dell’omicidio da lei commesso? Capace come pochi altri scrittori di scavare nel cuore femminile con implacabile, chirurgica precisione, Irène Némirovsky ci svela a poco a poco il segreto di questa donna che ha desiderato più di ogni altra cosa di sconfiggere il tempo, di rimanere immutabilmente bella, di essere amata per sempre – e che per questo è arrivata a uccidere.

Jezabel

Némirovsky Irene

Questa è la storia di una solitudine individuale e collettiva scritta sotto forma di diario. Protagonista è Santomè, inpiegato in una grossa azienda di Montevideo, schiacciato dalla monotonia della vita di ogni giorno. Vedovo, vicino alla pensione, Santomè ha difficoltà a stabilire un rapporto con i suoi figli. Ma quando nell'azienda viene assunta la giovane Laura, Santomè sente nascere un amore insperato che lo porterà a vivere una relazione clandestina, che sembra illuminare il suo futuro.

La tregua di Mario Benedetti

Benedetti Mario

In questo libro si raccontano storie di «matti» che, grazie all’aiuto di familiari, amici, operatori e alla loro forza di volontà, hanno ritrovato la voglia di vivere. Dimostrando che, assieme e con gli strumenti giusti, la vita può migliorare. Anche con meno medicine e più umanità. Attraverso dieci ritratti, viene presentato quello che il Servizio di salute mentale di Trento ha fatto per affrontare i diversi aspetti della malattia, tra luci ed ombre, successi e battute d’arresto. Oltre alle storie di chi ha vissuto la malattia, infatti, ci sono commenti, riflessioni e critiche di operatori, medici, cittadini. Due brevi racconti, all’inizio e alla fine del libro, proiettano nella dimensione della follia, dando un segnale di speranza. Spiegando che dal 13 maggio 1978, quando venne approvata la legge Basaglia, qualcosa è stato fatto, ma soprattutto che sono state poste le basi per rispondere alla legge 180 con una nuova proposta (legge «181»), affinché tutti i «matti» possano avere pari dignità ed essere curati bene dappertutto. Nessuno escluso.

Psichiatria mia bella

De Stefani Renzo