Poesia

L’istante violento

Privitera Ivanoe

Descrizione: Una raccolta di poesie per addentrarsi nel roveto dell'esistenza contemporanea, laddove le certezze sono barbagli, riflessi impalpabili e ingannatori ai quali non è più possibile credere. La metafora della vita come viaggio, pur solida nella propria tradizione plurimillenaria, scricchiola qui sotto il peso del nonsenso odierno. Partire, restare, ostinarsi nel cammino sono forse cose vane; persino l'amore è defraudato dell'assoluto, è un soffione raggiunto dal vento e privato dei semi, una ruota impazzita che si incaglia tra i sassi e che non sa fermarsi. Ivanoe Privitera porta alle estreme conseguenze la lirica del secolo appena trascorso, rivelandosi attento osservatore dei nostri giorni e raffinato cantore del sentimento. Ed ecco che la muraglia di montaliana memoria si fa profilo seghettato di montagne che restituisce avaro l'eco di un vuoto esistenziale incolmabile, il passato è uno spettro di cui si perdono i contorni, il futuro un intrico di frasche che serra i polsi e nel quale ci ostiniamo a cercare il germoglio nuovo e fruttifero: anche il tempo, ormai crocifisso alla propria relatività, è pura illusione. Ma qualcosa è ancora possibile salvare: l'abbraccio di un fratello, la voglia del ritorno e l'ostinata guerra di ognuno di noi contro la solitudine; addirittura la morte, sempre uguale a se stessa, placida e rassicurante nella propria assolutezza.

Categoria: Poesia

Editore: Giovane Holden

Collana: Versi di segale

Anno: 2013

ISBN: 9788863962956

Recensito da Ilaria Spes

Le Vostre recensioni

Ci occupiamo oggi della silloge poetica che ha conquistato la VI edizione del Premio Letterario Giovane Holden.

Il trofeo, rappresentato tra l’altro dalla pubblicazione della raccolta di liriche aggiudicataria della vittoria, è stato conferito a “L’istante violento”, composto da un autore che, nel nome di battesimo, ricorda l’eroe di Sir Walter Scott: l’Ivonhoe che ha animato molti sogni di gioventù …

Ivanoe Privitera, classe 1982, laureato in lettere classiche alla Normale di Pisa, ha conseguito il Perfezionamento in Discipline Filologiche, Linguistiche e Storiche Classiche ed ha frequentato anche l’Università di Oxford.

Nel 2000 ha pubblicato il romanzo intitolato “Il cuore di Purcell”, mentre la sua prima raccolta di poesie, “Il filo del funambolo”, ha ottenuto diversi riconoscimenti in concorsi letterari nazionali.

“L’istante violento” è una raccolta interessante sia per lo stile, sia per i temi che costituiscono occasione lirica.

Come il tempo.
Porte che si spalancano e si chiudono sul tempo.
Il tempo che si perde in un soffio e dilegua.
Il tempo che “Talora tace ma non annega
Il tempo che torna ” D’un tratto come lava”  e spara:

D’un tratto come lava
riaffiora imperioso
tutto il mondo
lasciato indietro,
sepolto
sotto un lago ghiacciato. (ndr: Ricordate “il lago d’indifferenza” di Montale?)

E in un silenzio immacolato
di chiodi
è nella notte
un colpo di pistola.

Il tempo che minaccia nel “ritorno dell’alba” (cfr. “Alla ringhiera”).
Il tempo che fregia d’intarsi gli anni (cfr. “Intarsi di disincanto”).

L’amore perso che assedia il pensiero, che va

“Oltre il bivio,dove
nessuna strada è sicura,
la salita è coperta da fronde
sfumate dal vento
ed in cima è il deserto”
(cfr. “Uno sfiorarsi di labbra”)

L’amore che grida a un cielo ibrido, tra le foglie mute … e nessuno che risponde (parafrasi da “Ibrido il cielo”).
E l’amore che denuda in “Dissi l’amore”

Poi ci sono gli affetti: “A mio fratello” e soprattutto il ricordo della  che ancora cammina nei sogni del poeta (“A te, nonna”).

La natura, le marine, gli orizzonti, gli approdi, il naufragio (cfr. “Il naufrago”).
Le notti.
Il dolore e i passi di solitudine che attraversano molte liriche.

Quanto allo stile, i percorsi sono scavati nel profondo attraverso  immagini e suoni evocativi.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ivanoe

Privitera

Libri dallo stesso autore

Intervista a Privitera Ivanoe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Alice, una poliziotta francese, si risveglia su una panchina di Central Park ammanettata a Gabriel, un pianista jazz. Non si conoscono, in tasca non hanno documenti e Alice si trova in tasca un’arma carica. Non hanno ricordi di cosa è successo e come sono arrivati lì. L’incontro con personaggi bizzarri porterà Alice a ricordare molto, forse troppo: dalla sua memoria emergono dettagli sfocati, la cattura di un serial killer, la morte del marito e del figlio, un padre in prigione. In fuga nella sua stessa città, Alice cerca di spiegarsi il legame misterioso con l’enigmatico e silenzioso Gabriel.

Central Park

Musso Guillaume

Inutile negarlo: l’essere ipersensibili può portare a risvolti problematici. Nonostante queste persone tendano a rinunciare a se stesse rivolgendo la loro attenzione all’esterno e agli altri, non sono rari rimproveri del tipo: Devi essere sempre così emotivo? Eppure, l’ipersensibilità non è necessariamente un “tallone d’Achille” che espone a sofferenze, delusioni, o irragionevoli inibizioni: se la si usa bene, può rivelarsi una dote incredibile. Rolf Sellin, che per anni ha studiato questa predisposizione soffrendone lui stesso, guida gli ipersensibili verso l’adozione di un nuovo atteggiamento che permetta loro di contenere gli effetti più negativi della loro condizione. Insegna a smettere di acconsentire a richieste eccessive, ponendo confini più netti tra sé e il mondo. Spiega come uscire vincitori, anche quando si ha la netta impressione di essere affetti da una forma inguaribile di “altruismo patologico”, indesiderato, incompreso e, per giunta, gratuito. Aiuta a valorizzare la capacità di empatia, senza esserne sopraffatti, a vivere le emozioni proprie e altrui, con maggiore equilibrio. Invita a trasformare le sensibilissime antenne in dotazione agli ipersensibili, eccezionali nel captare ciò che ai più resta sconosciuto, in un talento da spendere in ogni ambito dell’esistenza. Gli spunti di riflessione, i numerosi suggerimenti sono utili a chi vuole imparare a gestire da solo e in modo costruttivo la propria sensibilità, sia nella vita privata sia professionale, e a proteggersi in modo più efficace a livello mentale ed energetico, così che l’ipersensibilità possa tornare a essere quello che realmente è: un’incomparabile risorsa interiore.

Le persone sensibili hanno una marcia in più

Sellin Rolf

In occasione del giorno della memoria, un diario di ricordi sull'occupazione. Pagine di memoria da custodire e tramandare. Roma, 1943. I tedeschi occupano la “città aperta”. Il diario di un bambino tiene traccia di quei giorni terribili e degli anni che seguirono. I bombardamenti, i rastrellamenti, il papà partigiano e la Resistenza, la Liberazione e la lenta ripresa del dopoguerra vengono raccontati con un'impronta serena, senza polemiche, come solo un bambino potrebbe fare.

LA BICICLETTA DI MIO PADRE

Roccheggiani Fabrizio

Per una lettura condivisa di Cormac McCarthy