Guide

Litigare con metodo

Novara Daniele

Di Chio Caterina

Descrizione: Uno strumento pratico, che permette a insegnanti, educatori e genitori di gestire con efficacia i litigi tra bambini della scuola dell’infanzia e primaria. Il programma proposto è una novità assoluta nel campo della pedagogia internazionale. Si basa sul metodo maieutico, che riconosce il conflitto come un elemento ineliminabile delle relazioni, e come una straordinaria occasione di apprendimento sostanziale ed efficace. I bambini sono decolpevolizzati e questo consente loro di attivare risorse e competenze che migliorano le dinamiche di interazione tra loro e si trasformano in capacità relazionali e sociali. Dopo la presentazione dei riferimenti teorici e della modalità operativa del metodo maieutico, gli autori presentano numerosi esempi di litigio infantile sui quali il metodo è stato sprimentato con successo.

Categoria: Guide

Editore: Centro Studi Erickson

Collana: Le guide Erickson

Anno: 2013

ISBN: 9788859002871

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Volume, edito da Erickson, è a firma di due importanti pedagogisti ed esperti dell’argomento: Daniele Novara, consulente e formatore, dirige dal 1989 il Centro Psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti (CPP, www.cppp.it ) e Caterina Di Chio, insegnante di scuola primaria, esperta in gestione maieutica dei conflitti e in educazione sessuale.

Il libro raccoglie e organizza il lavoro di ricerca e l’esperienza del CPP di Piacenza, protagonista ormai da anni nel panorama nazionale e internazionale in ambito educativo, e si suddivide in due parti, curata ciascuna dai due autori. Nello specifico, la prima parte tratta dei presupposti teorici e del cosiddetto metodo “litigare bene”, ideato appunto da Daniele Novara; la seconda parte espone i risultati di una ricerca sperimentale sulla funzione evolutiva dei litigi infantili.

Per tutto il volume gli autori partono dal presupposto di dover ancora oggi scardinare l’idea di fondo secondo cui il litigio è un fattore negativo, una forma di violenza fra bambini, un conflitto di cui si devono ricercare cause e colpevoli per poi pensare alla “giusta punizione”. Gli autori affermano fin dalle prime pagine come in realtà il conflitto, fra bambini e a scuola, sia in realtà un’esperienza di limite, una forma di relazione più evoluta. Da qui il percorso, a sentir loro, “sovversivo”, nel senso che la formula del progetto è “di giustificare il litigio a proporre il litigare come competenza”. Sembra quasi inverosimile, soprattutto in ambito didattico, ma l’idea di fondo è proprio quella secondo cui sia possibile “litigare bene”, “litigare con metodo “, ovvero affermare che sia < necessario sviluppare competenze per imparare a litigare in modo efficace, mantenendo vive le relazioni senza dover “eliminare” le persone >. E questo vale soprattutto per i bambini, nella loro esperienza evolutiva, ma vale anche per gli adulti.

Il metodo è definito “maieutico”, un approccio, cioè, che mira all’acquisizione di un saper fare, a stimolare e a sostenere i meccanismi che consentono di imparare. Tre sono le caratteristiche specifiche: la comprensione interna, la dimensione della sostenibilità personale e la reciprocità relazionale. Le fasi sono due, una pars destruens potremmo dire e una construens, o “quattro passi”, come li definisce l’autore:

il primo passo indietro: non cercate il colpevole

- il secondo passo indietro: non imponete la soluzione

- il primo passo avanti: fateli parlare fra loro del loro litigio

- il secondo passo avanti: favorite l’accordo tra loro stessi

L’obiettivo immediato è pertanto favorire un clima di serenità diffusa, così da stimolare una forma di apprendimento relazionale. Gli autori dimostrano, dati alla mano, che gestire maieuticamente le situazioni di contrarietà favorisce un apprendimento che è:

1. attivo, perché è il bambino che è chiamato a gestire attivamente la situazione di contrarietà

2. collaborativo, poiché si realizza all’interno di un’interazione fra pari

3. intenzionale, in quanto mette in gioco anche processi motivazionali e volitivi

4. contestualizzato, in quanto si riferisce a situazioni di litigio reali

5. riflessivo, poiché chiede agli alunni di riflettere sull’esperienza conflittuale

6. conversazionale, perché utilizza il linguaggio (grafico, verbale o scritto) per favorire il confronto e la negoziazione tra i protagonisti.

Leggendo il libro si mette in discussione il ruolo di educatore che ciascuno di noi può trovarsi a ricoprire, sia in famiglia che a scuola, invita cioè noi adulti a non temere quell’esplosione di energia che è normale si verifichi nei litigi, perché i bambini hanno risorse formidabili che devono essere adeguatamente attivate e messe in gioco. Esemplare la dedica in incipit: “A tutti i bambini e le bambine che da piccoli sono stati puniti per aver litigato. Questo libro è dedicato a loro, perché quella punizione non debba più ripetersi e perché possano essere liberi di litigare bene!”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniele

Novara

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Chio Caterina

Caterina

Chio

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Chio Caterina


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Mi chiamo D'Arco e sono uno sbirro morto." Comincia così questo romanzo, metafisico e d'azione. Il protagonista è un uomo pieno di dolore, delicatezza e furore, chiamato a compiere una missione impossibile. La città dei vivi e quella dei morti sono vicine, comunicanti, e si assomigliano molto. La polizia dei vivi e la polizia dei morti sono in contatto e collaborano, quando devono risolvere i casi più difficili. Dispongono di cellulari tarati per la comunicazione tra vivi e morti, e di e-mail criptate. Ma c'è un'altra cosa, che però nessuno sa dire: quale dei due mondi venga prima. Ora D'Arco deve tornare nel mondo dei vivi, nel quale fu ucciso, per fermare un massacro di vittime innocenti. Ma, se la morte venisse davvero prima della vita e il male prima del bene, come si potrà invertire la spirale? D'Arco ci proverà perché è uno che non si arrende, perché ha una formidabile guida e un alleato: un bambino dal cranio rasato, gli occhi spalancati e i denti serrati, una creatura senza più voce e con il collo percorso da una cicatrice prodotta da una collana di filo spinato, ma con la volontà attraversata dalla stessa indomabile sete di giustizia. Una coppia di eroi fragili e indistruttibili, individui solitari e disillusi ma disposti a mettere in gioco tutto per difendere chi sia stato umiliato e offeso: un uomo che si è gettato alle spalle le speranze e un bambino muto ma capace di guardare.

L’addio

Moresco Antonio

BENVENUTI IN CASA ESPOSITO

Imperatore Pino

“Abbiamo tutti almeno una volta guardato il mare aspettando che qualcosa da lì ritornasse”Edipo e Narciso sono due personaggi centrali del teatro freudiano. Il figlio-Edipo è quello che conosce il conflitto con il padre. Il figlio-Narciso resta invece fissato sterilmente alla sua immagine. Abbiamo visto cosa significa l’egemonia del figlio-Narciso: dopo il tramonto dell’autorità simbolica del Nome del Padre, il mito dell’espansione fine a se stessa ha prodotto la tremenda crisi economica ed etica che attraversa l’Occidente. Le nuove generazioni appaiono sperdute tanto quanto i loro genitori. Questi non vogliono smettere di essere giovani, mentre i loro figli annaspano in un tempo senza orizzonte, soli, privi di adulti credibili. Esiste un al di là del figlio-Edipo e del figlio-Narciso? Telemaco, il figlio di Ulisse, attende il ritorno del padre; prega affinché sia ristabilita nella sua casa invasa dai Proci la Legge della parola. In primo piano è qui una domanda inedita di padre, che mostri come si possa vivere con slancio e vitalità su questa terra. Nel nostro tempo nessuno sembra più tornare dal mare per riportare la Legge. Il processo dell’ereditare, della filiazione simbolica, sembra venire meno, e senza di esso non si dà possibilità di trasmissione del desiderio da una generazione all’altra. Telemaco ci indica la nuova direzione verso cui guardare, perché Telemaco è la figura del giusto erede. Il suo è il compito che attende anche i nostri figli: come si diventa eredi giusti? E cosa davvero si eredita se un’eredità non è fatta né di geni né di beni, se non si eredita un regno?

Il complesso di Telemaco

Recalcati Massimo

Caterina Guerra ha dieci anni e un sogno: correre in bicicletta come i campioni del Giro. Vive nell’Italia del boom, in una piccola città della pianura vicino a un fiume. Ma lei non sa che in quel periodo per le donne è quasi impossibile diventare corridori. O forse preferisce ignorarlo, perché solo in sella si sente davvero felice. L’appartamento in cui abita, angusto e periferico, è aperto su cortili, cantine, orti e strade che portano al fiume e che rappresentano le sue vie di fuga. Di fronte alla casa c’è la fabbrica dove suo padre lavora come caporeparto: un lavoro di cui è orgoglioso ma che non lo rallegra. La sera Caterina lo vede mentre si sfoga, da uomo silenziosamente fantasioso qual è, facendo solitari comizi dal balcone di casa. Nemmeno l’ambiente famigliare sembra rasserenarlo, soprattutto a causa della moglie: bella, inquieta, ambiziosa, eccessiva in tutto. La vita della bambina e della sua famiglia continua apparentemente sempre uguale fino a che, nell’estate del 1964, un evento interrompe quel mondo prodigioso e a tratti anche crudele, insieme al sogno di Caterina di diventare corridore...

LE NOTTI SEMBRAVANO DI LUNA

Bosio Laura

Text selection is disabled by content protection wordpress plugin