Guide

Litigare con metodo

Novara Daniele

Di Chio Caterina

Descrizione: Uno strumento pratico, che permette a insegnanti, educatori e genitori di gestire con efficacia i litigi tra bambini della scuola dell’infanzia e primaria. Il programma proposto è una novità assoluta nel campo della pedagogia internazionale. Si basa sul metodo maieutico, che riconosce il conflitto come un elemento ineliminabile delle relazioni, e come una straordinaria occasione di apprendimento sostanziale ed efficace. I bambini sono decolpevolizzati e questo consente loro di attivare risorse e competenze che migliorano le dinamiche di interazione tra loro e si trasformano in capacità relazionali e sociali. Dopo la presentazione dei riferimenti teorici e della modalità operativa del metodo maieutico, gli autori presentano numerosi esempi di litigio infantile sui quali il metodo è stato sprimentato con successo.

Categoria: Guide

Editore: Centro Studi Erickson

Collana: Le guide Erickson

Anno: 2013

ISBN: 9788859002871

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Volume, edito da Erickson, è a firma di due importanti pedagogisti ed esperti dell’argomento: Daniele Novara, consulente e formatore, dirige dal 1989 il Centro Psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti (CPP, www.cppp.it ) e Caterina Di Chio, insegnante di scuola primaria, esperta in gestione maieutica dei conflitti e in educazione sessuale.

Il libro raccoglie e organizza il lavoro di ricerca e l’esperienza del CPP di Piacenza, protagonista ormai da anni nel panorama nazionale e internazionale in ambito educativo, e si suddivide in due parti, curata ciascuna dai due autori. Nello specifico, la prima parte tratta dei presupposti teorici e del cosiddetto metodo “litigare bene”, ideato appunto da Daniele Novara; la seconda parte espone i risultati di una ricerca sperimentale sulla funzione evolutiva dei litigi infantili.

Per tutto il volume gli autori partono dal presupposto di dover ancora oggi scardinare l’idea di fondo secondo cui il litigio è un fattore negativo, una forma di violenza fra bambini, un conflitto di cui si devono ricercare cause e colpevoli per poi pensare alla “giusta punizione”. Gli autori affermano fin dalle prime pagine come in realtà il conflitto, fra bambini e a scuola, sia in realtà un’esperienza di limite, una forma di relazione più evoluta. Da qui il percorso, a sentir loro, “sovversivo”, nel senso che la formula del progetto è “di giustificare il litigio a proporre il litigare come competenza”. Sembra quasi inverosimile, soprattutto in ambito didattico, ma l’idea di fondo è proprio quella secondo cui sia possibile “litigare bene”, “litigare con metodo “, ovvero affermare che sia < necessario sviluppare competenze per imparare a litigare in modo efficace, mantenendo vive le relazioni senza dover “eliminare” le persone >. E questo vale soprattutto per i bambini, nella loro esperienza evolutiva, ma vale anche per gli adulti.

Il metodo è definito “maieutico”, un approccio, cioè, che mira all’acquisizione di un saper fare, a stimolare e a sostenere i meccanismi che consentono di imparare. Tre sono le caratteristiche specifiche: la comprensione interna, la dimensione della sostenibilità personale e la reciprocità relazionale. Le fasi sono due, una pars destruens potremmo dire e una construens, o “quattro passi”, come li definisce l’autore:

il primo passo indietro: non cercate il colpevole

- il secondo passo indietro: non imponete la soluzione

- il primo passo avanti: fateli parlare fra loro del loro litigio

- il secondo passo avanti: favorite l’accordo tra loro stessi

L’obiettivo immediato è pertanto favorire un clima di serenità diffusa, così da stimolare una forma di apprendimento relazionale. Gli autori dimostrano, dati alla mano, che gestire maieuticamente le situazioni di contrarietà favorisce un apprendimento che è:

1. attivo, perché è il bambino che è chiamato a gestire attivamente la situazione di contrarietà

2. collaborativo, poiché si realizza all’interno di un’interazione fra pari

3. intenzionale, in quanto mette in gioco anche processi motivazionali e volitivi

4. contestualizzato, in quanto si riferisce a situazioni di litigio reali

5. riflessivo, poiché chiede agli alunni di riflettere sull’esperienza conflittuale

6. conversazionale, perché utilizza il linguaggio (grafico, verbale o scritto) per favorire il confronto e la negoziazione tra i protagonisti.

Leggendo il libro si mette in discussione il ruolo di educatore che ciascuno di noi può trovarsi a ricoprire, sia in famiglia che a scuola, invita cioè noi adulti a non temere quell’esplosione di energia che è normale si verifichi nei litigi, perché i bambini hanno risorse formidabili che devono essere adeguatamente attivate e messe in gioco. Esemplare la dedica in incipit: “A tutti i bambini e le bambine che da piccoli sono stati puniti per aver litigato. Questo libro è dedicato a loro, perché quella punizione non debba più ripetersi e perché possano essere liberi di litigare bene!”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniele

Novara

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Chio Caterina

Caterina

Chio

Di

Libri dallo stesso autore

Intervista a Di Chio Caterina

David, orfano di padre, vive una infanzia felice con la madre, ma questa poi si risposa con il signor Murdstone, un uomo crudele che la porta alla tomba. Privo di affetti, David sperimenta la dura scuola del maestro Creakle. Il patrigno gli impone un lavoro avvilente in un negozio di Londra. Disperato fugge a piedi a Dover, dove una zia, Betsey, accetta di occuparsi di lui. Lo manda a Canterbury, per educarlo, in casa del suo avvocato, padre di Agnes, una dolce fanciulla. Divenuto cronista parlamentare e conquistata anche fama letteraria, David sposa Dora che pochi anni dopo muore. Il giovane allora si accorge della dolce Agnes che sposa, dopo aver salvato il futuro suocero dalle trame del suo amministratore.

David Copperfield

Dickens Charles

S'incrociano in una mattina di pioggia, su un marciapiede scivoloso. Dorina che fa tesi a pagamento e Livio che fa l'antiquario. Subito s'innamorano. Dorina, una giovane single, e Livio, un uomo sposato... Ma i ruoli di quella che potrebbe sembrare un'ordinaria relazione fra amanti clandestini s'invertono fin dall'inizio. Livio, radicato in una solida vita matrimoniale, si trova invischiato in un rapporto privo di gerarchie che la sua normalità non può reggere. Perche Dorina non vuol prendere il posto di sua moglie. Non chiede niente piú di quello che Livio è disposto a darle. Accetta la sua condizione di marito e di padre con una naturalezza che sconvolge l'assetto ordinato della vita di lui. Tanto da fargli montare dentro l'ossessione di sapere se il silenzio di Dorina, la sua mancanza di domande, la sua tranquillità ogni volta che lo vede tornare in famiglia, la luce tiepida e rassegnata che le raddolcisce lo sguardo siano cicatrici o espressioni naturali della sua persona. La donna di scorta è la messa a nudo di un sentimento vero e autosufficiente che non ricatta, non pretende; e non ha bisogno di investiture, sacrifici o riconoscimenti, ma nel puro desiderio dell'altro trova la sua sola ragione di essere.

LA DONNA DI SCORTA

De Silva Diego

Colette ha sempre rifiutato di scrivere deliberatamente sulla sua vita, ma ne La stella del vespro, pubblicato per la prima volta nel 1946 l’esistenza della più grande scrittrice francese del ’900 si svela discretamente, lungo frammenti scritti con la cura e la sofisticatezza a cui ormai ha abituato i suoi lettori e di cui è diventata maestra. Si tratta di una sorta di cronologia frammentata che trascrive gli avvenimenti e le osservazioni della vita quotidiana: i capricci di primavera; i viavai del compagno Maurice Goderek; le visite che riceve – tra cui Truman Capote – le audizioni per la riduzione teatrale de La Seconde; l’impegno a raccogliere tutte le sue opere per il progetto OEuvre complete per l’editore Le Fleuron; l’Académie Française. Ormai immobilizzata dalla vecchiaia, dal peso e dall’artrosi, osserva il cielo, il succedersi al giorno della luna o del vespro nel quadrato ritagliato dalle finestre del suo grande appartamento a Palais–Royal. Leggiamo una Colette malinconica e meditativa, chiusa nel suo appartamento, in cui riceve, mangia, scrive e legge. In questo testo, evoca dei ricordi dai tempi della guerra, medita sulla sua condizione di invalidità e i suoi nuovi rapporti con il mondo da scrittrice “nota e riconosciuta” e, amabilmente, conversa con le sue care presenze, con gli esseri da lei sempre amati – appassionatamente o teneramente – come la madre Sido; la figlia di cui evoca il ricordo della nascita nel 1913; Missy (la contessa Mathilde de Morny); l’ex marito Henry de Jouvenel; Polaire; il migliore amico nonché terzo e ultimo marito Maurice Goderek; il giovane reporter che viene ad intervistarla; la prostituta Renée che le appare nel giardino innevato della sua casa, un giardino dalla cui descrizione si distingue a fatica da quello di Saint–Sauveur.

La stella del vespro

Colette

A Rabat, sullo sfondo di splendidi paesaggi marocchini, Maria ha sei anni e subisce ripetuti abusi da parte del padre, un diplomatico italiano temporaneamente di stanza all'estero. Una mattina, la madre Zaira, tornando verso casa nella Ville Nouvelle dov'è la residenza, dietro un muro di gente e polizia scopre il corpo del marito a terra, caduto dalla finestra e morto presumibilmente suicida mentre era solo in casa con la bambina. Alcuni anni dopo, a Roma, Maria è un'adolescente chiusa, aggressiva e turbata, che risente delle violenze passate tanto da rifarsi sulla madre con fare dispotico. Al culmine di una serie di provocazioni nei confronti di Zaira, sta la scena di seduzione del suo nuovo compagno, scena che avviene volutamente sotto gli occhi della donna, legata indissolubilmente al proprio passato e ai fantasmi in comune con la figlia.

La figlia femmina

Giurickovic Dato Anna