Giallo - thriller - noir

LO SCALPELLINO

Läckberg Camilla

Descrizione: Al largo di Fjällbacka, nella nassa di un pescatore a caccia di aragoste rimane impigliato il corpo senza vita di una bambina. Nei suoi polmoni ci sono tracce d'acqua dolce e sapone: qualcuno l'ha annegata in una vasca da bagno prima di gettarla in mare. Mentre Erica, mamma da poche settimane, è completamente assorbita da una neonata che tutto le offre fuorché le "gioie deliranti della maternità" che si aspettava, Patrik guida le indagini. Ma chi può aver voluto la morte della piccola Sara? Il paese è alla ricerca di un capro espiatorio, la gente bisbiglia, i conflitti nutriti negli anni si fanno più aspri: dentro le case dalle facciate perfette affiorano drammi famigliari che il tempo non ha saputo placare. Al terzo romanzo della sua serie pubblicata in trentadue paesi, Camilla Làckberg, con occhio attento agli esseri umani e alla loro psicologia, intreccia le colpe del passato agli effetti devastanti sul presente, tracciando il ritratto lacerante di una psiche femminile sfrenata, affascinante, e mostruosa.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2011

ISBN: 9788831709088

Trama

Le Vostre recensioni

Lo esplicito subito cosicché non andiate a stanare alcun proposito contraddittorio o forzato in queste righe, in queste parole: non sono un amante del thriller. Terminata la lettura di Lo scalpellino, ultimo della Läckberg, regina del “gialloSvezia”(edito da Marsilio), ho lasciato trascorrere alcuni giorni prima di scriverne. Ho agito in questo modo per cercare di dare la risposta più coerente alla domanda: Cosa può lasciarmi di significativo questo thriller, cosa può lasciare a me che non sono un amante del genere?

Era una domanda che mi giungeva in maniera così sfacciata che realizzai che per rispondere dovevo attendere, lasciando che la trama, il mistero e i colpi di scena di cui sono imbevute le pagine si sciogliessero. Dovevo dimenticarli. Poi ho capito, come si capiscono le cose quando le si guarda da quel minimo di distanza.

È un testo che offre un mistero parcellizzato nella vasta coralità dei personaggi, un testo figliato, un testo in cui le innumerevoli sfumature della maternità, dell’essere genitori – anche quelle peggiori, anche quelle più insignificanti e neutre – arrancano in una quotidianità che definirei traslata neanche sul piano della finzione, bensì su quello dell’iperrealismo, sono conflitti moglie/marito, madre/figlia, amante/amante, padre/figlio, è un dedalo di tentativi in cui l’essere umano può perdersi credendo, così facendo, di sbarazzarsi del legame familiare.

Dimenticavo, la trama. Certo, la trama. Lo spunto narrativo è quello di cui leggiamo anche sulla bandella: una bambina viene trovata morta in mare da un pescatore. Mentre il fatto sembra assumere le sembianze della disgrazia casuale, le autorità dirottano le indagini su un possibile assassino: la scientifica stabilisce che la bimba è morta sì per annegamento, ma in una vasca da bagno. Nei suoi polmoni, tracce di sapone. Si cerca il colpevole.

Da qui una lunga narrazione bifronte che si dipana su due piani temporali diversi, il primo è quello della contemporaneità, il secondo quello che segue vicende che si dipanano dai lontani anni Venti. Questi due cordoni narrativi si uniranno, ma il lettore capisce già che sono parti inscindibili di un unico dramma.

Una narrazione serrata in brevi scene, una narrazione che scivola veloce grazie a uno stile non ricercato, in traduzione, uno stile che vuole lasciare il giusto spazio alla vicenda, senza soverchiare il dispiegarsi degli eventi. Uno stile certo non impeccabile. Uno stile efficace.

Un polizziotto, Patrik, investiga rimanendo invischiato nello smalto ingrommato dei pavimenti di case in cui crescono neonati. Li ama, i neonati. Ha una bimba, darebbe la vita per difenderla, dovrà difenderla.

La storia non risparmia anche riflessioni sulla malattia, vissuta nel rapporto tra il ragazzo autistico, Morgan Wiberg, e sua madre. Un rapporto intenso, corrosivo, creaturale.

E poi tentativi di spaventare madri, madri che vengono picchiate dai loro conviventi, madri sole mentre i mariti lavorano, madri che asciugano i volti rigati di lacrime dei loro figli in fasce, pomeriggi in cui donne si guardano negli occhi sostenendosi a vicenda nei drammi, donne che sorreggono famiglie, donne che sfasciano famiglie e coscienze, madri che sorridono, madri che si abbracciano, che ringraziano Dio, puttane che ignorano i propri figli, madri che sbranano infanti, amiche che telefonano ai propri amici uomini per farsi aiutare, donne che crescono i figli delle proprie vicine di casa, madri snaturate, coetanee sedute a un tavolo mentre fuori piove, madri abbracciate ai padri dei propri figli, donne che uccidono i loro persecutori, prostitute d’alto bordo coi piedi nel fango, padri che si suicidano per non aver saputo garantire un futuro ai figli, e poi semplicemente nonne, zie, amiche, sorelle, amanti, ragazze, bambine.

Mani che strappano neonati ad altre mani.

Questo m’è rimansto e non è stato poco.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Camilla

Läckberg

Libri dallo stesso autore

Intervista a Läckberg Camilla

Una seconda chance è sempre possibile. Basta alzare lo sguardo e tendere la mano. Qualcuno la afferrerà. Commovente e allegro, il romanzo-antidoto contro il cinismo bestseller in Francia. Ferdinand vive tutto solo nella sua grande fattoria in campagna. Figli e nipoti hanno tanti di quegli impegni, e a lui restano il gatto, un bicchierino ogni tanto, e un sacco di tempo libero. Un giorno, facendo visita alla vicina, Ferdinand scopre che un nubifragio le ha devastato il tetto. Non ci dorme tutta la notte. Ma il mattino successivo si fa coraggio e invita Marceline a trasferirsi da lui. Lei e tutti i suoi animali, ben inteso: il cane, un vecchio gatto, e l'asino Cornélius. Lo spazio proprio non manca. A poco a poco la fattoria si riempie di fermento, agitazione, nuova vita. Perché dopo Marceline arrivano anche un amico di Ferdinand rimasto vedovo di recente, due vecchine un po' smemorate, uno studente che rimette in sesto l'orto, e alla fine anche Paulette... Un'incantevole commedia di sentimenti e belle emozioni. Un romanzo lieve ma capace di far riflettere su il significato dell'amicizia e il dialogo tra le generazioni. Un successo sorprendente in Francia, per un libro che ha intenerito e fatto sorridere tantissimi lettori.

E POI… PAULETTE

Constantine Barbara

Storia della seduzione del monaco Ambrosio ad opera della sensuale Matilde, che lo inizia ai segreti delle arti demoniache.

Il monaco

Lewis Matthew Gregory

Dalla nascita palermitana alla formazione torinese, fino al definitivo trasferimento a Roma, Sandra Petrignani ripercorre la vita di una grande protagonista del panorama culturale italiano. Ne segue le tracce visitando le case che abitò, da quella siciliana di nascita alla torinese di via Pallamaglio – la casa di Lessico famigliare – all’appartamento dell’esilio a quello romano in Campo Marzio, di fronte alle finestre di Italo Calvino. Incontra diversi testimoni, in alcuni casi ormai centenari, della sua avventura umana, letteraria, politica, e ne rilegge sistematicamente l’opera fin dai primi esercizi infantili. Un lavoro di studio e ricerca che restituisce una scrittrice complessa e per certi aspetti sconosciuta, cristallizzata com’è sempre stata nelle pagine autobiografiche, ma reticenti, dei suoi libri più famosi. Accanto a Natalia – così la chiamavano tutti, semplicemente per nome – si muovono prestigiosi intellettuali che furono suoi amici e compagni di lavoro: Calvino appunto, Giulio Einaudi e Cesare Pavese, Elsa Morante e Alberto Moravia, Adriano Olivetti e Cesare Garboli, Carlo Levi e Lalla Romano e tanti altri. Perché la Ginzburg non è solo l’autrice di un libro-mito o la voce – corsara quanto quella di Pasolini – di tanti appassionati articoli che facevano opinione e suscitavano furibonde polemiche. Narratrice, saggista, commediografa, infine parlamentare, Natalia è una “costellazione” e la sua vicenda s’intreccia alla storia del nostro paese (dalla grande Torino antifascista dove quasi per caso, in un sottotetto, nacque la casa editrice Einaudi, fino al progressivo sgretolarsi dei valori resistenziali e della sinistra). Un destino romanzesco e appassionante il suo: unica donna in un universo maschile a condividere un potere editoriale e culturale che in Italia escludeva completamente la parte femminile. E donna vulnerabile, e innamorata di uomini problematici. A cominciare dai due mariti: l’eroe e cofondatore della Einaudi, Leone Ginzburg, che sacrificò la vita per la patria, lasciandola vedova con tre figli in una Roma ancora invasa dai tedeschi, e l’affascinante, spiritoso anglista e melomane Gabriele Baldini che la traghettò verso una brillante mondanità: uomini fuori dall’ordinario ai quali ha dedicato nei suoi libri indimenticabili ritratti.

La corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg

Petrignani Sandra

Carl Streator è un uomo solitario. Ha quarant'anni, è vedovo e fa il giornalista. Mentre lavora a un reportage sulla sindrome della morte improvvisa di un neonato scopre qualcosa di terribile: la presenza in tutti i luoghi dove sono morti dei bambini piccoli del libro "Poesie e filastrocche da tutto il mondo", immancabilmente aperto su una nenia africana usata per dare la "dolce morte". Black comedy sulfurea ad alto contenuto nichilistico, Ninna nanna è una raggelante parabola sui pericoli di infezione psichica in un'epoca di proliferazione spropositata dell'informazione.

NINNA NANNA

Palahniuk Chuck