Letteratura inglese

LO SCANDALO MODIGLIANI

Follett Ken

Descrizione: Una tela che si riteneva perduta, dipinta da Amedeo Modigliani sotto l'effetto dell'hashish, scatena nel mondo dei falsari dell'arte un'insolita "caccia al tesoro" nella quale vengono coinvolti Dee Sleign, una brillante studentessa di storia dell'arte, Charles Lampeth, avido proprietario di una piccola galleria sommersa dai debiti, e una serie di personaggi disposti a tutto pur di mettere le mani sul dipinto. Un giallo accattivante e scanzonato i cui protagonisti, quasi tutti giovani, si lanciano in una quantità di imprese azzardate che quasi mai vanno a finire secondo le previsioni. Un romanzo avventuroso, vivace, effervescente, colorito e spiritoso. Il primo libro di Ken Follett.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Mondadori

Collana: Bestsellers

Anno: 1995

ISBN: 9788804334491

Trama

Le Vostre recensioni

 

Domenica mattina, in una splendida città di mare. Non ho più nulla da leggere. Camminando per la piazza principale, mi soccorre una bancarella di libri usati. Per euro 2 acquisto una vecchia edizione de “Lo scandalo Modigliani”, il primo romanzo di Ken Follett (scritto con lo pseudonimo di Zachary Stone).

Segni dell’età dell’opera: il prezzo in copertina era ancora in lire e le pagine appena 271. Allora Follett scriveva romanzi di meno di 1000 pagine e che costavano meno di un kg di Parma (di quello buono).

Parliamo di un romanzo del 1976, in effetti, uscito in Italia dieci anni dopo. Un romanzo che nello stile, nell’aggettivazione, nella paratassi spinta denuncia i suoi anni, ma fa sorridere con tenerezza, come certe foto in bianco e nero dei nonni. “Lo scandalo Modigliani” è il perfetto romanzo da ombrellone, non bisogna chiedergli di più. Un giallo avventuroso che diverte e non impegna, che si svolge tutto attorno a una misteriosa tela di Amedeo Modigliani, dipinta sotto l’effetto dell’hascisc. Per ritrovarla, si scatena nel mondo dell’arte una caccia al tesoro nella quale vengono coinvolti Dee Sleign, graziosa studentessa di storia dell’arte che indaga il rapporto tra droga e produzione artistica; suo zio, Charles Lampeth, avido proprietario di una galleria sommersa dai debiti; Julian Black, giovane squattrinato gallerista; Peter Usher, pittore troppo avanguardista e, per sua sfortuna, vivo; l’attrice Samantha Winacre, che pensa addirittura di lasciare il mondo della celluloide e condivide una passione con Modigliani (decidete voi se le droghe o la pittura). Sino al confezionamento di un falso clamoroso. Da parte di chi? Questa è la domanda del romanzo. Avrà influenzato l’impresa dei ragazzi “falsari” che confezionarono per scherzo la testa e la gettarono in un lago nel 1984? Questa la mia domanda. Vogliamo trovarci un messaggio? Il mondo dell’arte è in mano a una cricca di incompetenti che hanno fatto “sistema” e decretano il successo o la caduta degli artisti e, di fatto, il valore delle loro opere.

Rifletteteci un secondo… ecco, tornate a spalmarvi la crema solare. In definitiva: come dice Wikipedia, Lo scandalo Modigliani è certamente un’opera minore di Ken Follett. Ma mi ha regalato qualche ora di spasso per due euro. Meglio questo o 1.400 pagine di “La Caduta dei Giganti” per 25 euro? Ai lettori l’ardua sentenza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ken

Follett

Libri dallo stesso autore

Intervista a Follett Ken


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Al termine di un drammatico iter processuale durato dal 1988 al 2003 i giudici italiani hanno condannato a ventidue anni i militanti di Lotta continua Ovidio Bompressi, Giorgio Pietrostefani e Adriano Sofri per l'omicidio del commissario Luigi Calabresi avvenuto nel 1972. Eppure in Italia una parte larga e talvolta autorevole dell'opinione pubblica continua a credere nell'estraneità totale di Lc a quel delitto. Ventimila pagine di atti processuali documentano un'altra storia, un'azione che per Giampiero Mughini è nata «dalle viscere di Lotta continua», a cominciare dalla campagna implacabile condotta contro Calabresi, indicato senza alcuna verità come capro espiatorio della tragedia di piazza Fontana. Fondatore e direttore di «Giovane critica», una delle riviste che hanno modellato l'anima del Sessantotto, ex direttore responsabile di giornali provenienti dall'area di Lotta continua, a lungo lui stesso un innocentista, Mughini percorre in queste pagine un itinerario doloroso in nome della «verità» e del bilancio ideale della sua generazione.

GLI ANNI DELLA PEGGIO GIOVENTU’

Mughini Giampiero

La figura di una donna sposata che rimane incinta dopo essere stata violentata.

L’innesto

Pirandello Luigi

Il libro è il tragico monologo di una donna che aspetta un figlio guardando alla maternità non come a un dovere ma come a una scelta personale e responsabile. Una donna di cui non si conosce né il nome né il volto né l'età né l'indirizzo: l'unico riferimento che ci viene dato per immaginarla è che vive nel nostro tempo, sola, indipendente e lavora. Il monologo comincia nell'attimo in cui essa avverte d'essere incinta e si pone l'interrogativo angoscioso: basta volere un figlio per costringerlo alla vita? Piacerà nascere a lui? Nel tentativo di avere una risposta la donna spiega al bambino quali sono le realtà da subire entrando in un mondo dove la sopravvivenza è violenza, la libertà un sogno, l'amore una parola dal significato non chiaro.

LETTERA A UN BAMBINO MAI NATO

Fallaci Oriana

Angela Greganti è una transessuale elegante e di fascino. Una sera, partecipando a una festa che raduna il jet-set televisivo e istituzionale, assiste alla violenza compiuta da un importante uomo politico ai danni di una ragazza. L'impulsiva reazione di Angela, con le inevitabili conseguenze, porta a una fuga che si trasforma anche in un viaggio interiore. Un ritratto, impietosamente realistico, della società contemporanea, in cui si mescolano "alto e basso bordo", per scoprirsi fra loro non molto diversi e niente affatto distanti. È una protagonista ritratta con forza e sensibilità, nella quale il lettore finirà per trovare inevitabilmente una forse inaspettata immedesimazione.

ALI E CORAZZA

Trovato Daniele