Letteratura inglese

LO SCANDALO MODIGLIANI

Follett Ken

Descrizione: Una tela che si riteneva perduta, dipinta da Amedeo Modigliani sotto l'effetto dell'hashish, scatena nel mondo dei falsari dell'arte un'insolita "caccia al tesoro" nella quale vengono coinvolti Dee Sleign, una brillante studentessa di storia dell'arte, Charles Lampeth, avido proprietario di una piccola galleria sommersa dai debiti, e una serie di personaggi disposti a tutto pur di mettere le mani sul dipinto. Un giallo accattivante e scanzonato i cui protagonisti, quasi tutti giovani, si lanciano in una quantità di imprese azzardate che quasi mai vanno a finire secondo le previsioni. Un romanzo avventuroso, vivace, effervescente, colorito e spiritoso. Il primo libro di Ken Follett.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Mondadori

Collana: Bestsellers

Anno: 1995

ISBN: 9788804334491

Trama

Le Vostre recensioni

 

Domenica mattina, in una splendida città di mare. Non ho più nulla da leggere. Camminando per la piazza principale, mi soccorre una bancarella di libri usati. Per euro 2 acquisto una vecchia edizione de “Lo scandalo Modigliani”, il primo romanzo di Ken Follett (scritto con lo pseudonimo di Zachary Stone).

Segni dell’età dell’opera: il prezzo in copertina era ancora in lire e le pagine appena 271. Allora Follett scriveva romanzi di meno di 1000 pagine e che costavano meno di un kg di Parma (di quello buono).

Parliamo di un romanzo del 1976, in effetti, uscito in Italia dieci anni dopo. Un romanzo che nello stile, nell’aggettivazione, nella paratassi spinta denuncia i suoi anni, ma fa sorridere con tenerezza, come certe foto in bianco e nero dei nonni. “Lo scandalo Modigliani” è il perfetto romanzo da ombrellone, non bisogna chiedergli di più. Un giallo avventuroso che diverte e non impegna, che si svolge tutto attorno a una misteriosa tela di Amedeo Modigliani, dipinta sotto l’effetto dell’hascisc. Per ritrovarla, si scatena nel mondo dell’arte una caccia al tesoro nella quale vengono coinvolti Dee Sleign, graziosa studentessa di storia dell’arte che indaga il rapporto tra droga e produzione artistica; suo zio, Charles Lampeth, avido proprietario di una galleria sommersa dai debiti; Julian Black, giovane squattrinato gallerista; Peter Usher, pittore troppo avanguardista e, per sua sfortuna, vivo; l’attrice Samantha Winacre, che pensa addirittura di lasciare il mondo della celluloide e condivide una passione con Modigliani (decidete voi se le droghe o la pittura). Sino al confezionamento di un falso clamoroso. Da parte di chi? Questa è la domanda del romanzo. Avrà influenzato l’impresa dei ragazzi “falsari” che confezionarono per scherzo la testa e la gettarono in un lago nel 1984? Questa la mia domanda. Vogliamo trovarci un messaggio? Il mondo dell’arte è in mano a una cricca di incompetenti che hanno fatto “sistema” e decretano il successo o la caduta degli artisti e, di fatto, il valore delle loro opere.

Rifletteteci un secondo… ecco, tornate a spalmarvi la crema solare. In definitiva: come dice Wikipedia, Lo scandalo Modigliani è certamente un’opera minore di Ken Follett. Ma mi ha regalato qualche ora di spasso per due euro. Meglio questo o 1.400 pagine di “La Caduta dei Giganti” per 25 euro? Ai lettori l’ardua sentenza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ken

Follett

Libri dallo stesso autore

Intervista a Follett Ken


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Vivere di Ilaria Spes in una videopoesia di Massimo Rotundo

Il tenente dei lancieri

Rovetta Gerolamo

Un inno alla vita, tra fiction e realtà. Il romanzo più disperato e divertito di Franz Krauspenhaar, pericolosamente in bilico tra il coronarico e l’esoterico. Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni ’60 – che compra e distrugge in furiose scorribande notturne – è convinto di essere uno scrittore dal talento incompreso. Il riconoscimento economico arriva quando, sotto pseudonimo, crea il personaggio di Stan Dolero e comincia a pubblicare thriller di bassa lega che affollano gli autogrill dell’intera Penisola. Potrebbe finalmente scappare da Milano, da una madre apprensiva e dal fratello saggio e alienato con cui vive, ma un infarto arriva a stravolgere ogni piano. Da un ospedale di periferia, Franco si trova a dover ripensare la propria vita. A fargli da spalla, un agguerrito gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione sociale con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della transitorietà umana. “Se la noia di vivere avesse un prezzo sarebbe quello di una mutanda di Bulgari. Bulgari non tratta mutande? Beh, per ora.”

Grandi momenti

Frank Krauspenhaar

"Guerra e pace" narra le vicende russe tra il 1805, l'anno della prima sfortunata campagna russa contro Napoleone, e il 1812, l'anno dell'insorgenza popolare russa contro l'imperatore francese. Nel narrare il periodo napoleonico, Tolstoj dà forma alle vicende di due famiglie dell'alta nobiltà, i Bolkonskij e i Rostov, due famiglie ispirate da valori onesti e genuini, in contrapposizione al clan dei Kuragin, corrotti fino al midollo. In questo scenario Tolstoj delinea tre protagonisti principali, Natasa Rostova e altre due figure maschili di elevato profilo morale, Andrej Bolkonskij e Pierre Bezuchov.

Guerra e pace

Tolstoj Lev Nikolaevic