Letteratura inglese

LO SCANDALO MODIGLIANI

Follett Ken

Descrizione: Una tela che si riteneva perduta, dipinta da Amedeo Modigliani sotto l'effetto dell'hashish, scatena nel mondo dei falsari dell'arte un'insolita "caccia al tesoro" nella quale vengono coinvolti Dee Sleign, una brillante studentessa di storia dell'arte, Charles Lampeth, avido proprietario di una piccola galleria sommersa dai debiti, e una serie di personaggi disposti a tutto pur di mettere le mani sul dipinto. Un giallo accattivante e scanzonato i cui protagonisti, quasi tutti giovani, si lanciano in una quantità di imprese azzardate che quasi mai vanno a finire secondo le previsioni. Un romanzo avventuroso, vivace, effervescente, colorito e spiritoso. Il primo libro di Ken Follett.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Mondadori

Collana: Bestsellers

Anno: 1995

ISBN: 9788804334491

Trama

Le Vostre recensioni

 

Domenica mattina, in una splendida città di mare. Non ho più nulla da leggere. Camminando per la piazza principale, mi soccorre una bancarella di libri usati. Per euro 2 acquisto una vecchia edizione de “Lo scandalo Modigliani”, il primo romanzo di Ken Follett (scritto con lo pseudonimo di Zachary Stone).

Segni dell’età dell’opera: il prezzo in copertina era ancora in lire e le pagine appena 271. Allora Follett scriveva romanzi di meno di 1000 pagine e che costavano meno di un kg di Parma (di quello buono).

Parliamo di un romanzo del 1976, in effetti, uscito in Italia dieci anni dopo. Un romanzo che nello stile, nell’aggettivazione, nella paratassi spinta denuncia i suoi anni, ma fa sorridere con tenerezza, come certe foto in bianco e nero dei nonni. “Lo scandalo Modigliani” è il perfetto romanzo da ombrellone, non bisogna chiedergli di più. Un giallo avventuroso che diverte e non impegna, che si svolge tutto attorno a una misteriosa tela di Amedeo Modigliani, dipinta sotto l’effetto dell’hascisc. Per ritrovarla, si scatena nel mondo dell’arte una caccia al tesoro nella quale vengono coinvolti Dee Sleign, graziosa studentessa di storia dell’arte che indaga il rapporto tra droga e produzione artistica; suo zio, Charles Lampeth, avido proprietario di una galleria sommersa dai debiti; Julian Black, giovane squattrinato gallerista; Peter Usher, pittore troppo avanguardista e, per sua sfortuna, vivo; l’attrice Samantha Winacre, che pensa addirittura di lasciare il mondo della celluloide e condivide una passione con Modigliani (decidete voi se le droghe o la pittura). Sino al confezionamento di un falso clamoroso. Da parte di chi? Questa è la domanda del romanzo. Avrà influenzato l’impresa dei ragazzi “falsari” che confezionarono per scherzo la testa e la gettarono in un lago nel 1984? Questa la mia domanda. Vogliamo trovarci un messaggio? Il mondo dell’arte è in mano a una cricca di incompetenti che hanno fatto “sistema” e decretano il successo o la caduta degli artisti e, di fatto, il valore delle loro opere.

Rifletteteci un secondo… ecco, tornate a spalmarvi la crema solare. In definitiva: come dice Wikipedia, Lo scandalo Modigliani è certamente un’opera minore di Ken Follett. Ma mi ha regalato qualche ora di spasso per due euro. Meglio questo o 1.400 pagine di “La Caduta dei Giganti” per 25 euro? Ai lettori l’ardua sentenza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ken

Follett

Libri dallo stesso autore

Intervista a Follett Ken

Dodici sono i portici di Bologna candidati a patrimonio dell'umanità UNESCO, i più belli e ricchi di storia di tutta la città. Sono portici costruiti in epoche diverse, legati ai palazzi nobiliari, alle piazze che abbracciano, al quartiere dove sorgono. I portici, amati dai bolognesi che senza di loro non sanno stare, di certo sono rappresentativi di Bologna al pari dei Tortellini, delle Due Torri e dell'Università. Altrettanto rappresentativa di Bologna è l'investigatrice privata Stella Spada, unica e senza rivali, che dal suo studio di via dell'Inferno indaga sui casi che le vengono affidati, a patto che siano tutti nel centro di Bologna o poco distante. In questo romanzo breve, un caso molto speciale la obbliga ad una corsa contro il tempo dall'uno all'altro dei 12 portici candidati dall'UNESCO per ritrovare Filippo, il cane della vicina rapito da un misterioso personaggio che le lascia indizi in rima. Riuscirà Stella a ritrovare l'amato sanbernardo? Scoprirà e punirà il crudele rapitore?

Il mistero dei dodici portici

Lusetti Lorena

Luke è un ragazzo brillante e simpatico, ma è costretto a vivere chiuso in casa da quando è nato, perché è allergico alla luce del sole. Le sue uniche finestre sul mondo sono la TV, internet e le visite serali di Julie, la sua migliore amica. Luke, però, ha deciso che deve guarire e trovare una cura per la sua malattia, costi quel che costi. E quando un guru gli assicura che può risolvere il suo problema e lo invita a raggiungerlo in Galles, il ragazzo non ha più scuse per tirarsi indietro: dovrà uscire dalla sua stanza e fare i conti con il mondo esterno. A bordo di un furgoncino Volkswagen e in compagnia di Julie e altri quattro amici - Charlotte, David, Leanne e Chantel - Luke si mette in viaggio sulle stradine della campagna inglese, fasciato in un.improvvisata tuta spaziale, per proteggersi dal sole. Sotto un terribile nubifragio e con la loro vecchia vita finalmente alle spalle, Julie e Luke si lanciano in un'incredibile avventura che li cambierà per sempre.

IL GIRO PIU’ PAZZO DEL MONDO

Thomas Scarlett

"Torino di carta" è una guida letteraria della città e dei suoi quartieri, un'escursione narrativa per le strade di Torino, raccontata attraverso le opere di grandi scrittori, classici della letteratura italiana del Novecento e romanzi di autori contemporanei. Uno strumento per orientarsi attraverso le molteplici storie che, seppure in periodi differenti, hanno Torino come protagonista. Da Edmondo De Amicis fino alla produzione letteraria degli ultimi anni, la città viene ridisegnata e presentata intercettando e restituendo al lettore il punto di osservazione e lo stile di ogni autore. Tra gli scrittori che popolano la Torino di carta incontrerete: De Amicis, Natalia Ginzburg, Pavese, Calvino, Levi, Arpino, Fruttero & Lucentini, Oggero, Pandiani, Frascella, Perissinotto, Culicchia, Remmert. Il volume si apre con una prefazione di Alice Avallone e contiene in allegato la mappa letteraria di Torino con l'indicazione dei luoghi chiave delle opere passate in rassegna.

Torino di carta

Chiappori Alessandra

Estate 1975. Nello scenario di una Puglia misteriosa, tra la campagna e il mare, quattro ragazzi vivono un'esperienza che segnerà per sempre le loro esistenze. Matteo Leoni, un tredicenne timido e riservato con la passione per la scrittura e la cugina Valentina, sua coetanea bella e intelligente, gli altri amici. L'estate scivola tra escursioni avventurose, corse in bicicletta, presenze inquietanti, bagni notturni, rocambolesche vicende familiari, amori sotterranei, risse e scoperte stupefacenti. Sullo sfondo la traccia misteriosa della foresta, compatta e scura, disegnata a rilievo sulla campagna. Come un cane nero, che corre. Poi arriva settembre, e segnerà la linea di confine, imprevedibile, che dividerà le loro vite.

L’ESTATE DEL CANE NERO

Carofiglio Francesco