Narrativa

Lo scarafaggio

McEwan Ian

Descrizione: Jim Sams si sveglia da sogni inquieti per ritrovarsi trasformato, dallo scarafaggio che era, in un essere umano. Nel corso della notte la creatura che fino al giorno prima sfrecciava tra pile di immondizia e canali di scolo di Londra è diventata il più importante leader politico del suo tempo: il primo ministro inglese. Tuttavia, forte della grande capacità di ogni scarafaggio di sopravvivere, Jim Sams si adatta rapidamente al nuovo corpo. In breve presiede le riunioni del consiglio dei ministri, dove si rende conto che gran parte del suo gabinetto ha subito la stessa sorte e che quegli scarafaggi trasformati in umani sono più che disposti ad abbracciare il suo piano economico innovativo: l'«inversionismo». Questo piano incoraggia i cittadini a sborsare denaro per il lavoro svolto, e a riceverne invece per i consumi e il tempo libero, e il risultato di questa misura, che è controintuitiva ma adottata con entusiasmo, è che il paese uscirà da tutti i suoi accordi commerciali, giacché il l'Inversionismo non è compatibile con le altre economie mondiali. Vi ricorda qualcosa?

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2020

ISBN: 9788806245818

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Quando la penna elegante di Ian McEwan rende omaggio a un classico della letteratura, come il celebre racconto della Metamorfosi di Kafka, non può che prendere forma un breve romanzo (o lungo racconto) divertente, ironico e pungente come il qui presente Lo scarafaggio. Il riferimento allo scrittore ceco è evidente tanto nell’idea di partenza anche se completamente ribaltata, perché in questo caso una blatta si risveglia nel corpo di un essere umano, quanto nell’incipit (“Quella mattina Jim Sams, un tipo perspicace ma niente affatto profondo, si svegliò da sogni inquieti per ritrovarsi trasformato in una creatura immane”). McEwan tuttavia non si ferma a Kafka e lui stesso nella postfazione al libro evidenzia il chiaro riferimento a un altro grande autore, questa volta appartenente alla tradizione britannica: Jonathan Swift e il suo pamphlet Una modesta proposta, in quanto la satira politica di quest’opera di McEwan ammicca a quella dello scrittore irlandese.

Lo scarafaggio affronta con un approccio intelligente un tema attuale e assai discusso come la Brexit evidenziando, come racconta lo stesso McEwan, la follia intrapresa dal suo paese in questo periodo storico: “Con la Brexit qualcosa di orrendo e di innaturale si è insinuato nello spirito della nostra politica e mi è sembrato perciò ragionevole ricorrere all’immagine dello scarafaggio, un essere ripugnante e detestatissimo”. Ne derivano pagine argute nelle quali l’ex scarafaggio risvegliatosi nel corpo del Primo Ministro del Regno Unito e con la collaborazione del proprio staff – guarda caso anch’esso costituito da altre blatte come lui risvegliatesi nel corpo di Ministri del suo governo – mette in atto un piano scellerato e di stampo populista. Si tratta della scelta di attuazione di un modello economico denominato “Inversionismo”, basato sulla movimentazione dei flussi finanziari al contrario, in una sorta di libero mercato che dovrebbe garantire maggiore benessere e nel quale si paga per lavorare e si guadagna acquistando beni di consumo, ma con l’esplicito divieto di accumulare denaro e l’obbligo di spendere tutto quello che si possiede. L’inversionismo, evidente pretesto per parlare di Brexit, diventa così emblema di quel “fenomeno di obnubilamento prodotto da un tipo particolare di polvere magica comune a tutti i movimenti populisti… La ricetta di questa polvere magica ci è ormai ben nota: sfrenata irrazionalità, ostilità verso lo straniero, rifiuto di un’analisi seria della realtà, diffidenza nei confronti degli <<esperti>>, ribalda parzialità in favore della propria nazione, appassionata fiducia delle soluzioni facili…”.

A McEwan, che scrive una storia assolutamente godibile e ricca di spunti senza il timore di risultare “politically incorrect”, non manca di certo  il “sense of humour” per precisare che si tratta di un’opera di finzione e che qualsiasi somiglianza con blatte autentiche, vive o  morte che siano, è del tutto accidentale.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ian

Mcewan

Libri dallo stesso autore

Intervista a McEwan Ian


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nadia Motta ha ventiquattro anni, nessun sogno e un'unica ambizione: il denaro. La sua vita da studentessa è solo una farsa, e i lavori occasionali piú disparati le permettono di tirare avanti. Perché preoccuparsi? Il futuro prima o poi le «verrà incontro da solo». E per quanto riguarda gli uomini? Faccende di poco conto. Se sua madre Stefi si definisce una «femminista storica» e crede di poterne fare a meno, lei è una «postfemminista»: inutile prenderli troppo sul serio, meglio puntare su un fidanzato con un bel lato «b» (babbeo), come Eros, che pensa di essere un grand'uomo ma gliela dà sempre vinta. Solo una cosa conta davvero, su questo Nadia non ha dubbi: i soldi, quella corrente che nasce chissà dove e spinge le nostre vicende in una direzione o nell'altra. E i soldi arrivano: Nadia vince ventuno milioni a una super lotteria, ritrovandosi da un giorno all'altro a dover maneggiare una cifra a sei zeri che solleverà le sue certezze come palloncini, fino a farle scoppiare in un mondo di traffici e avvocati, conti all'estero, misteri della finanza e amici dal lato «i» (quello intelligente) e dal lato «s» (quello stronzo) fin troppo sviluppati. Sola, e abbandonata a se stessa, Nadia sogna una città metafisica dove tutto è in svendita, piena di manichini sorridenti, castelli in aria e ruote panoramiche, e dove il Signore dei Saldi e dei Soldi sta in agguato appeso a un'enorme ragnatela... Comprare il sole è una commedia sul denaro crudele e attualissima, un balletto vertiginoso sul nostro mondo fatto di apparenze, su una «società di poveri ricchi» che ha perso il senso delle cose.

COMPRARE IL SOLE

Vassalli Sebastiano

Lezioni americane

Calvino Italo

Un viaggio nell'Italia degli anni Ottanta compiuto dall'autore attraverso le sue memorie di ragazzo e poi di adolescente dentro una periferia, quella del QT8 milanese, un po' piccolo-borghese, un po' proletaria, tra la scoperta della musica, del sesso e della droga. Studente senza maestri, autodidatta a tratti brillante, randagio e ribelle, in fuga dalla famiglia, Bertante si mette a nudo con coraggio e racconta la sua generazione, cresciuta in quegli Ottanta, un serpente che vediamo snodarsi e strisciare attraverso i gruppi musicali, le canzoni, i film, i cartoni giapponesi, l'abbigliamento, il calcio, Milano 2, l'esplosione della tv commerciale, Drive in e i paninari, fino al diffondersi delle droghe pesanti e alla tragedia dell'Aids. Anni Ottanta che paiono trovare nella guerra in Iraq e in Mani pulite la loro conclusione per spengersi nella prima metà del decennio successivo tra l'ascesa di Berlusconi e la fine della guerra nella ex Jugoslavia. Filo rosso sarà proprio un viaggio estivo in Croazia che nel 1996 porterà il protagonista, insieme ad un amico, fino a Mostar, a Sarajevo, a toccare con mano i segni di una guerra non ancora finita, e Bertante racconta con pagine toccanti e di grande impatto narrativo quello che vede e quello che vede lo riguarda e ci riguarda da vicino molto più di quanto siamo stati in grado di capire e ancora oggi abbiamo capito. Esistono davvero passato e futuro o esiste un presente infinito?

Gli ultimi ragazzi del secolo

Bertante Alessandro

I bambini osservano muti le giostre dei grandi

Marotta Giuseppe