Narrativa

LO SPAZIO BIANCO

Parrella Valeria

Descrizione: Maria ha superato da poco i quarant'anni, vive a Napoli, lavora come insegnante in una scuola serale e un giorno, al sesto mese appena di gravidanza, partorisce una bambina che viene subito ricoverata in terapia intensiva neonatale. Dietro l'oblò dell'incubatrice Maria osserva le ore passare su quel piccolo corpo come una sequenza di possibilità. Niente è piú come prima: si ritrova in un mondo strano di medicine, donne accoltellate, attese insensate sui divanetti della sala d'aspetto, la speranza di portare sua figlia fuori da lì. Nei giorni si susseguono le mense con gli studenti di medicina, il dialogo muto con i macchinari e soprattutto il suo lavoro: una scuola serale dove camionisti faticano su Dante e Leopardi per conquistarsi la terza media. La circonda e la tiene in vita un mondo pericolante: quello napoletano, dove la tragedia quotidiana si intreccia con la farsa, un mondo in cui il degrado locale è solo la lente d'ingrandimento di quello nazionale.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2008

ISBN: 9788806190965

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Niente mi ha dato sicurezza nella vita come il maniglione di ferro che serra da cento anni la porta d’ingresso, niente è stato più completo e libero della mia solitudine nella mia casa“.

Che cos’è quella sensazione che ti prende quando cerchi inutilmente di dare un nome a quello che senti, una voce al silenzio vuoto, una dimensione ad uno spazio…bianco? E’ questa una delle domande destinate a non trovare risposta in queste pagine.

Quando la vita sembra fermarsi attorno ad un evento che non avevi calcolato ciò che manca è la parola per spiegare. E’ quell’evento che sconvolge equilibri, dilata tempi e rimescola certezze in una dimensione nuova, angosciante, frustrante, come le domande senza risposta.

Lei lo sa?

Io so che tu sei uno stronzo perché fai domande stronze, che sei un arrogante perché parli di me senza parlare di te…che sei un guitto e la tua maschera è il tuo nome…che sei un codardo perché sai che io non mi alzerò da questo letto per darti una testata in bocca e lasciarti sul pavimento a sanguinare“.

La rabbia rimane soffocata nelle pieghe del tempo, resta a lacerarti il cuore quando vivi in un’attesa senza fine, che non sei pronto a sostenere. Tanto vale dirsele le cose, sapere che in fondo non c’è speranza: perché non si è stati preparati a sperare, ma solo ad aspettarsi il peggio. In fondo è più facile credere alle sconfitte perchè sono come le temiamo, cioè come le abbiamo immaginate.

Valeria Parrella ci conduce attraverso un viaggio tutto interiore, quello di una donna che non sa aspettare e non vuole farlo, neanche quando il destino – beffardo – la porta in una corsia d’ospedale ad attendere una risposta che tarda ad arrivare.

Nel reparto di terapia intensiva i minuti sono ore, le ore giorni, i giorni anni. E’ la dimensione temporale che ti costringe a lasciare da parte la vita. In un presente senza futuro, il passato è il luogo in cui trovare rifugio anche se le emozioni, momentaneamente accantonate, tornano a ferire. Ma quando il giorno tarda a finire, il tempo che è stato ha il suono onesto della graniglia napoletana sotto i tacchi, il silenzio delle stanze familiari, una dentro l’altra, il sapore rassicurante della quotidianità dei gesti e l’immagine di una città – Napoli – che è la stessa e c’è da sempre, “rimasta lì involontaria ed infame ad aspettare in ogni d’ora d’ospedale“.

Riscattato il passato, ogni cosa sembra riappropriarsi lentamente del suo significato e la vita – vista attraverso uno sguardo che si è fatto indulgente – viene riscritta a più mani affrancandosi da una solitudine non più necessaria.

E allora registrai un sentimento nuovo verso situazioni di questo genere, come uno scarto di livello tra tutto quello che mi era accaduto prima…e una percezione nuova delle cose, che si era formata a mia insaputa. Registrai un distacco, che non era una cosa brutta, anzi, era straordinaria: era solo che tutte le cose mi sembravano meno, ma veramente molto meno serie di prima“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Valeria

Parrella

Libri dallo stesso autore

Intervista a Parrella Valeria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Mimì, dodici anni, occhiali, parlantina da sapientone e la fissa per i fumetti, gli astronauti e Karate Kid, abita in uno stabile del Vomero, a Napoli, dove suo padre lavora come portiere. Passa le giornate sul marciapiede insieme al suo migliore amico Sasà, un piccolo scugnizzo, o nel bilocale che condivide con i genitori, la sorella adolescente e i nonni. Nel 1985, l’anno in cui tutto cambia, Mimì si sta esercitando nella trasmissione del pensiero, architetta piani per riuscire a comprarsi un costume da Spiderman e cerca il modo di attaccare bottone con Viola convincendola a portare da mangiare a Morla, la tartaruga che vive sul grande balcone all’ultimo piano. Ma, soprattutto, conosce Giancarlo, il suo supereroe. Che, al posto della Batmobile, ha una Mehari verde. Che non vola né sposta montagne, ma scrive. E che come armi ha un’agenda e una biro, con cui si batte per sconfiggere il male. Giancarlo è Giancarlo Siani, il giornalista de “Il Mattino” che cadrà vittima della camorra proprio quell’anno e davanti a quel palazzo. Nei mesi precedenti al 23 settembre, il giorno in cui il giovane giornalista verrà ucciso, e nel piccolo mondo circoscritto dello stabile del Vomero (trenta piastrelle di portineria che proteggono e soffocano al tempo stesso), Mimì diventa grande. E scopre l’importanza dell’amicizia e dei legami veri, i palpiti del primo amore, il valore salvifico delle storie e delle parole. Perché i supereroi forse non esistono, ma il ricordo delle persone speciali e le loro piccole grandi azioni restano.

Un ragazzo normale

Marone Lorenzo

RACCONTO (21 pagine) - HORROR - "L'Inferno non è un posto per ragazzi." "Catia Pieragostini ha un talento sovrannaturale"- Horror Magazine Quattro classici bravi ragazzi di una tranquilla cittadina italiana di provincia, decidono che la notte di Halloween sarà lo scenario perfetto per mettere in atto un oscuro piano segreto. Lungo la via, ci sarà chi tenterà di avvisare uno di loro che il sentiero della malvagità, una volta imboccato, può portare fino a un punto di non ritorno...

Medium

Pieragostini Catia

Roma 1903: la morte di una guardia svizzera e di una giovane cameriera scuote il Vaticano. Il papa Leone XIII decide che per risolvere il mistero è necessaria la consulenza di un giovane medico viennese esperto nell'indagare la mente: Sigmund Freud. Il suo compito sarà individuare l'individuo che sta dietro alla tragica morte dei giovani. Non per assicurarlo alla giustizia, però, perché uno scandalo metterebbe a repentaglio la missione della Chiesa. E in fondo, pensa il papa, il colpevole riceverà l'adeguata punizione nell'aldilà. Il risultato dell'indagine servirà a impedire che, alla morte ormai prossima di Leone, il soglio di Pietro venga occupato da un empio, da un assassino. E Freud potrà contare sull'assistenza della bellissima cameriera Maria e di un giovane seminarista dal cuore puro, un certo Giuseppe Angelo Roncalli...

La scelta di Sigmund

Martigli Carlo A.

“Ci sono momenti nella vita…” in cui si vorrebbe scomparire, “mandare avanti veloce”, come davanti a un film dell’orrore. E questo per Consolata Bogetto, nome dovuto alla delirante fede di sua madre, è uno di quei momenti. Mentre aspetta l’autobus, sotto una pioggia scrosciante, ovviamente sprovvista di ombrello, in attesa di raggiungere l’odiato ma inevitabile pranzo domenicale dai suoi, incontra l’uomo che le ha spezzato il cuore. E ovviamente lei non è, come in tutti i sogni a occhi aperti che ha fatto nell’ultimo anno (e tre mesi e relativi giorni e ore), accompagnata da un uomo meraviglioso e adorante, fasciata in un abitino sexy, nel privé di un locale trendy. Ma è in mezzo alla strada, con i capelli incollati al volto e il trucco sciolto, mentre lui la saluta da un ombrello formato gigante accanto alla nuova impeccabile compagna e a una carrozzina rosa. Quando si dice “fortuna”. Meno male che nella sua vita ci sono alcuni punti fermi. La famiglia: una madre logorroica che per vederla sposata sarebbe pronta a uccidere e una sorella minore già sistemata da anni. Il lavoro in una libreria che le ha dato grandi soddisfazioni, come passare dal reparto “Hobby e Turismo” a “Gola e Cucina” dopo solo dieci anni. Per non parlare del suo migliore amico che, da quando ha ben pensato di innamorarsi della donna perfetta (cuore di Madre Teresa e corpo di Nicole Kidman), la trascura. Ma forse a tutto questo c’è una soluzione.

QUASI QUASI M’INNAMORO

Mittone Anna