Giallo - thriller - noir

Lo specchio nero

Morozzi Gianluca

Descrizione: Svegliarsi nel cuore della notte in una stanza mai vista prima, accanto a una sconosciuta nuda, senza ricordare niente delle ore precedenti... Può succedere, quando hai bevuto un po' troppo. Se però la ragazza è morta e la stanza è chiusa a chiave dall'interno, la faccenda si fa preoccupante. E non migliora quando scopri che i cadaveri, in realtà, sono due. È così che Walter Pioggia, scrittore e direttore editoriale di una piccola casa editrice bolognese, si ritrova protagonista di un vero e proprio giallo della camera chiusa in cui, a quanto pare, gli è toccato il ruolo dell'assassino. Ma lui non ha ucciso nessuno. O sì? In una settimana che rischia di portarlo alla follia, Walter è costretto a inseguire le tracce di ben due delitti: il misterioso omicidio di via della Luna e un altro caso, mai davvero risolto, tornato a perseguitarlo dal passato. Minacciando di distruggere il suo presente proprio ora che finalmente tutto sembra andare per il meglio. Una chiave misteriosa, una donna contesa, una villa maledetta, due ragazzi perduti... Sotto i portici e nei bar di una Bologna ricostruita con tagliente affetto si sviluppa un'indagine psicologica che indebolisce il confine tra realtà e immaginazione, investendo di tensione la quotidianità di un uomo divenuto di colpo un bersaglio. Fino alla più sorprendente delle conclusioni.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2015

ISBN: 9788823505223

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ne “Lo specchio nero” di Gianluca Morozzi si riflette il segmento del giallo che assume l’enigma della camera chiusa come modus di declinare il genere.
“Cosa ci faceva lui, Walter Pioggia, in un luogo estraneo, a torso nudo, davanti a un cadavere? Lui che non ricordava neppure di essere entrato in quella casa tutta pitturata di viola?” 

Gli interrogativi del caso sono tanti (“Perché sono qui? Chi è questa ragazza? Dov’è la mia giacca con i documenti, le chiavi…”) e tali (“Come sono arrivato qui dentro? Quanto ho bevuto con Mizio?… E dopo l’aperitivo cos’è che ho detto a Mizio?”) da rendere particolarmente nero uno specchio che, in fin dei conti, altro non è se non l’emblema del mistero.
“Però sarebbe stato bello, perché sai, gli specchi sono proprio il simbolo del romanzo giallo, nella mia testa! … Nel senso che gli scrittori gialli li usano parecchio, no? Disseminano la trama di specchietti per le allodole per distrarre il lettore dalla vera soluzione. E se ci pensi, poi, gli specchi sono un simbolo anche in altri sensi… ogni lettore si riflette nel romanzo giallo, ci mette un po’ di se stesso, della propria intelligenza, delle proprie letture per indovinare il mistero, e magari si arrabbia con lo scrittore perché ha creato uno specchio troppo grande, o angolato in modo strano, per cui il nostro povero lettore non riesce a rimirarsi con comodità.”

Il lettore, dal canto suo, lo specchio nero lo può usare per smascherare la propria immagine più inconscia, magari addentrandosi nei ricordi del protagonista di un romanzo (“Il festival estivo chiamato Botanique”), per formulare ipotesi (“Con l’ipnosi non si può costringere nessuno a fare qualcosa…”) che possano diluire il nero e per orientarsi nel mondo dell’editoria (“La Vedova Nera, come chiamavano in segreto la donna che era a capo della Bandini Edizioni”) nel quale Walter si è rifugiato dopo un passato difficile e tormentato.

Le evocazioni sono tante (“Hanno affittato un vecchio castello cadente in riva a un lago e ci hanno chiuso dentro otto scrittori per tre mesi”), i precedenti illustri pure (“L’Enigma della Camera Chiusa. Già il delitto impossibile, quello che nessun essere umano può commettere… e che infatti, nel celebre I delitti della Rue Morgue, Poe faceva eseguire a uno scimmione”). Gianluca Morozzi si confronta con essi, ci sguazza, e costruisce sulla dimensione inconscia e sotterranea di Bologna (“Tutti quegli strati a doppio fondo della città, quelle costruzioni moderne, ne coprivano altre più antiche, nascoste e invisibili”) il suo personale enigma della camera chiusa…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianluca

Morozzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morozzi Gianluca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per le alte sfere della polizia sono degli indesiderabili. Tutti li aspettano al varco, pronti a metterli alla gogna, ma loro non smettono di sorprendere. Sono i Bastardi di Pizzofalcone. È una tiepida giornata di primavera. Recandosi al lavoro l'agente Guida trova vicino a un cassonetto una neonata che piange e la porta in commissariato. La bambina è in ottima salute e sembra essere stata cambiata da poco. Passa qualche ora e arriva una segnalazione: da un paio di giorni il parroco di Santa Maria degli Angeli non riesce a contattare una ragazza che assiste, giovanissima e incinta. Facile immaginare che i due casi siano collegati. Il cadavere della donna viene trovato presso la sua fatiscente abitazione: è stata uccisa con un colpo alla testa. Gli esami sul corpo confermano che ha partorito, ma da almeno ventiquattr'ore, mentre la bambina è stata abbandonata da molto meno, perché la spazzatura viene ritirata alle prime luci dell'alba. Chi ha ucciso la donna, un'immigrata di vent'anni? E chi ha messo la bambina vicino ai bidoni dell'immondizia? Romano e Di Nardo, presi dalle loro vicende personali, dovranno scavare nei diciotto mesi di permanenza della giovane in città e indagare tra tutti quelli che l'avevano conosciuta, amata e odiata per scoprire cosa sia davvero successo. Nel frattempo Lojacono e Aragona cercheranno di capire chi è che rapisce i cani e i gatti dei ricchi del quartiere, e perché.

Cuccioli

De Giovanni Maurizio

Ksenia, giovane e bella siberiana, è costretta dalla povertà e dalla mancanza di prospettive a credere ciecamente a un fascinoso italiano che le ha promesso un matrimonio da favola. Un atroce inganno che la rende prigioniera del suo stesso sogno. Da sola non ce la farebbe a uscire dall'incubo ma con l'aiuto di Luz, Eva e di un'altra misteriosa donna, il riscatto può avere inizio e la vendetta compiersi. Senza esclusione di colpi.

Le Vendicatrici: Ksenia

Carlotto Massimo, Videtta Marco

Da ventisette anni il sacerdote Niccolò Moretti varca le porte della Basilica di San Pietro, si genuflette di fronte alla Confessione e sale sull'impalcatura che avvolge il baldacchino del Bernini. Sta per iniziare il restauro in vista della Quaresima quando nota qualcosa disteso a terra e, mentre scende a vedere, si accorge che non è un uccello con un'ala rotta o una sciarpa dimenticata da qualche turista, come aveva pensato. È il cadavere di una donna. Pochi minuti dopo il Vaticano ha già contattato una persona fidata capace di sbrogliare quel mistero rapidamente e senza destare scalpore: Gabriel Allon, restauratore e imprendibile spia del nucleo più segreto dei servizi israeliani. Scampato per miracolo all'ultima missione, Allon si trova già a Roma per presenziare ai lavori di restauro della Deposizione di Cristo di Caravaggio e non ci mette molto ad accorrere nel luogo dell'incidente. Secondo gli inquirenti, la vittima, Claudia Andreatti, si sarebbe suicidata buttandosi di sotto dall'impalcatura del baldacchino, ma a Gabriel i conti non tornano: perché una studiosa giovane e affermata che ogni giorno lui incontrava sorridente avrebbe dovuto togliersi la vita? E, inoltre, perché l'avrebbe fatto nell'unico momento in cui le telecamere di sicurezza erano spente? Seguendo il misterioso invito di monsignor Luigi Donati, l'enigmatico segretario privato di papa Paolo VII, la spia israeliana accetta di non collaborare con la polizia ma inizia un'indagine solitaria.

L’angelo caduto

Silva Daniel

Un galateo fin de siècle delle passioni, descritto dalla penna inesauribile di Matilde Serao attraverso quattro racconti di amori nati e bruciati rapidamente: c'è la passione che si consuma tra fedeltà e infedeltà in un singolare triangolo amoroso, quella che si infrange contro i dubbi di una confessione tra amanti, quella che si tormenta nell'attesa di un incontro incerto, fino alla passione che, ormai trasformata in ricordo, può essere catalogata insieme agli oggetti insignificanti di un personale museo. Sullo sfondo, un microcosmo aristocratico e alto-borghese, chiuso nei suoi riti codificati come nell'eleganza dei suoi salotti. E un fantasma inquietante: "che la vita nella sua più alta espressione, che è l'amore", sia solo "un vano e miserabile sogno".

L’INFEDELE

Serao Matilde