Narrativa

Lo straniero

Camus Albert

Descrizione: Pubblicato nel 1942, "Lo straniero" è un classico della letteratura contemporanea: protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto - il processo e la condanna a morte - senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Meursault è un eroe "assurdo", e la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Grandi tascabili

Anno: 2015

Traduttore: Sergio Claudio Perroni

ISBN: 9788845277634

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Ho riletto Lo straniero di Albert Camus nella nuova traduzione di Sergio Claudio Perroni, preceduta dall’introduzione di Roberto Saviano (“Camus nella sua vita si sentirà straniero sempre e per tutti. Straniero in Algeria perché privilegiato, straniero tra i francesi perché proveniente da una famiglia di pieds-noirs”).
Ancora una volta mi sono sorpreso ad ammirare la perfezione di un romanzo costruito sulla contrapposizione tra la prima parte, dominata dalle premesse che poi sorreggeranno la storia, e la seconda sezione, apparentemente più giudiziaria (“Per certi versi m’interessava vedere un processo”), nella sostanza potentemente esistenzialista e impostata per fare emergere le contraddizioni della vita, della società, dell’individuo.

La lettura che fornisce Saviano – quella di un’estraneità montante e progressiva (“Camus… ne Lo straniero riesce a dare una rappresentazione plastica di cosa sia l’estraneità”) – è soltanto una delle possibili interpretazioni di un romanzo che dimostra una verità: per creare un capolavoro, non occorrono molte pagine, se le parole si rivelano nella loro essenzialità e non sono strumento retorico.

La prima parte, dicevo, pone mille domande.
Possibile che l’amore cessi o si debba esteriorizzare per dimostrare che persiste (“Prima vuole vedere sua madre un’ultima volta? Ho risposto di no”)?
Possibile che le apparenze prevalgano sempre (“Quella scomoda veglia aveva reso terrei i loro volti”)?
Possibile che le leggi del ciclo vitale siano a volte crudeli (“Ho pensato che era comunque un’altra domenica passata, adesso mamma era al cimitero, avrei ripreso il mio lavoro e, tutto sommato, non c’era niente di diverso”)?
Possibile che la natura sia una proiezione dei nostri stati d’animo (“La sera, in quel paese, doveva essere come una tregua malinconica. Adesso, invece, quel sole esasperato faceva vibrare il paesaggio e lo rendeva disumano e deprimente”)?
Possibile che il cambiamento sia premessa indispensabile (“Ho risposto che non si cambia mai vita, che comunque una vita vale l’altra e che la mia lì non mi dispiaceva affatto”)?
Possibile che la fisicità della vita (“Ho sentito i miei occhi stancarsi a furia di guardare i marciapiedi con il loro carico di persone e di luci”) prenda il sopravvento sull’immaterialità della vita stessa?
Possibile che i rapporti con gli altri siano lacci (“Ho scritto la lettera. L’ho buttata giù un po’ come veniva, però ho cercato di accontentare Raymond…”) e vincoli (“La sera, Marie è venuta a casa mia e mi ha chiesto se volessi sposarmi con lei”)?

Prima e seconda parte del romanzo esistono in quanto esiste una cesura (“Ormai sentivo solo il fragore del sole sulla fronte e, indistintamente, la spada abbacinante scaturita dal coltello che avevo ancora davanti”): un fatto violento, tanto necessario quanto accidentale (“Ho capito che avevo distrutto l’equilibrio del giorno, il silenzio eccezionale di una spiaggia dov’ero stato felice”). “Ed è stato come se bussassi quattro volte alla porta dell’infelicità.”

A queste e a mille altre domande (“Il mio destino veniva deciso senza chiedere il mio parere”), la seconda parte fornisce risposte puntuali e lascia sospesi mille interrogativi (“Dunque lei non ha alcuna speranza e vive con l’idea di morire del tutto?”) e quesiti insolubili (“Come avevo potuto non rendermi conto che non c’era niente di più importante di un’esecuzione capitale e che, in fondo, era l’unica cosa davvero interessante per un uomo?”), non soltanto processuali: “Perché, perché ha sparato su un corpo inerte?”

Ed ecco allora qualche risposta alle domande sopra formulate.
No, l’esteriorità è immanente alla vita (“Se non sceglie un avvocato, ne nomineremo uno d’ufficio”).
Sì, le apparenze prevalgono (“Ecco l’immagine di questo processo. Tutto è vero e niente è vero”).
E la vita è per lo più crudele (“In fondo sapevo che morire a trent’anni o a settanta importa poco, giacché in entrambi i casi, naturalmente, altri uomini e altre donne continueranno a vivere, e questo per migliaia di anni”).
La natura ci corrisponde (“Tutto si fermava lì, tra il mare, la sabbia e il sole, il doppio silenzio dello zufolo e dell’acqua”).
Il cambiamento è soltanto una forma dell’esistenza (“Non mi ero reso conto di quanto i giorni potessero essere al tempo stesso lunghi e brevi. Lunghi da vivere, senza dubbio, ma così dilatati da finire per riversarsi gli uni negli altri”).
La vita fisica a volte schiaccia (“Gli ho spiegato che spesso le mie esigenze fisiche interferivano con i miei sentimenti”) e detta le leggi (“… Ho detto che era stato per via del sole. Nell’aula qualcuno ha riso”).
I rapporti sociali sono lacci, gabbie (“Signori giurati, all’indomani della morte di sua madre, quest’uomo andava al mare, iniziava una relazione irregolare e si faceva quattro risate con un film comico”), vincoli e condizionamenti (“Mi guardavano tutti: ho capito che erano i giurati… Ho avuto solo un’impressione: ero seduto davanti a un sedile di tram e quei viaggiatori anonimi spiavano l’ultimo arrivato per coglierne il ridicolo”). Come tutte le costruzioni dell’uomo (“Sa, il suo caso l’abbiamo un po’ montato. L’estate è una stagione morta per i giornali. E di storie interessanti avevamo solo la sua e quella del parricida”).

E conviene allora sperare nel fragore esagerato di una soluzione finale, ribelle e paradossale: “Perché tutto fosse consumato, perché mi sentissi meno solo, dovevo solo augurarmi che ci fossero molti spettatori il giorno della mia esecuzione, e che mi accogliessero con grida di odio”.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 3 commenti )

Intervista a Marco Balzano, vincitore del Premio Campiello 2015 – i-LIBRI

[…] – E  “Lo straniero” di Camus (“Questo signor Camus autore de Lo straniero… Come ha fatto a raccontare la mia […]

Caligola – i-LIBRI

[…] è una pièce teatrale che, con il romanzo “Lo straniero” e con il saggio “Il mito di Sisifo” compone la cosiddetta “trilogia dell’assurdo” di […]

Lo straniero di Camus nel film di Visconti – i-LIBRI

[…] aver commentato la nuova edizione Bompiani de “Lo straniero”, abbiamo chiesto ad Anna Maria Balzano di commentare per noi il film che Luchino Visconti […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Albert

Camus

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camus Albert


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È un Pasolini che si abbandona a momenti di vera e propria gioia quello che tra il giugno e l’agosto del 1959, al volante di una Fiat 1100, percorre la «lunga strada di sabbia», da Ventimiglia a Palmi e poi, spinto da una specie di «ossessione deliziosa», fino al comune siciliano più meridionale, per risalire infine la costa orientale e arrivare a Trieste. A La Spezia, da dove parte per San Terenzo e Lerici, sente che sta per avere inizio una fra le domeniche più belle della sua vita; a Livorno, non lascerebbe mai «l’enorme lungomare, pieno di ragazzi e marinai, liberi e felici»; e, finalmente, al Circeo: «Il cuore mi batte di gioia, di impazienza, di orgasmo. Solo, con la mia millecento e tutto il Sud davanti a me. L’avventura comincia». A commissionargli il viaggio è stata la rivista «Successo», che pubblicherà il reportage in tre puntate fra luglio e settembre, e Pasolini, spiaggia dopo spiaggia, incontra amici intellettuali e personaggi noti, si lascia incantare dalla gente semplice dei paeselli più remoti (a Portopalo «la gente è tutta fuori, ed è la più bella gente d’Italia, razza purissima, elegante, forte e dolce») e, portandosi in giro il suo entusiasmo per la scoperta, il suo sguardo emozionato e insieme acuto di futuro regista, annota scorci e impressioni tanto potenti da restituirci un quadro dell’Italia di allora: un’Italia in cui il boom economico, solo presagito, non riesce ancora ad avere la meglio sulla felicità del sogno pasoliniano d’innocenza.

La lunga strada di sabbia

Pasolini Pier Paolo

Un sorriso in una lacrima

Eros Otto

Massimiliano Boni non è un eroe, se non per un giorno in un anno. Questa è la storia degli altri trecentosessantaquattro. In quel tempo fa due cose: corre e scrive. Poi, certo: lavora, legge, si occupa della famiglia, ricorda, rimpiange, sogna. Ma queste altre cose accadono di lato: al centro, corre e scrive. Si prepara alla maratona e tiene un diario. Non è spavaldo, in nessuna delle due sfide. Sa di non essere più un principiante, ma non ancora un campione. Abbassa la testa, cerca di imparare dai grandi e da chi gli viaggia a fianco. Lo accompagnano, tra gli altri, un amico straniero, la nonna "Baccajella", Murakami Haruki, Cormac McCarthy, la memoria di uno sciatore chiamato Roberto Grigis e la fantasia di un nuovo figlio in arrivo. È uno di noi, uno di voi, una delle migliaia di figure smilze e colorate che vediamo ansimare mentre le superiamo motorizzati, domandandoci: "Chi glielo fa fare?". Porta questo interrogativo a un livello più profondo. Scava dentro le proprie tracce per trovare il solco di un impegno che comprende molto più dell'allenamento per una gara. Ne fa una questione di fede: nelle proprie possibilità, nella legge umana e, infine, in quella divina. Il suo linguaggio si scioglie avanzando verso il traguardo dove la vita è in agguato, come sempre comica e tragica, pronta a dare in modo inatteso e a togliere quel che ci si aspettava. In entrambe le sue sfide Boni è un outsider, ma arriva in fondo. La fatica avvera i desideri.

Solo per un giorno

Boni Massimiliano

Dopo i sommovimenti del 1989 e la caduta del Muro di Berlino, l'esistenza di Imre Kertész subisce un'accelerazione e diventa una vita nomade. Proporzionalmente alla sua fama di scrittore, aumentano i suoi viaggi e, tra il 1991 e il 1995, non fa che prendere appunti, annotare osservazioni, fissare nel racconto le proprie impressioni. Il dialogo costante con se stesso e con gli autori amati si amplia nell'osservazione della vita oltre i confini dell'Ungheria, una patria avvertita sempre più in declino e percorsa da sentimenti xenofobi e antisemiti. I viaggi sono l'occasione per confrontarsi, ancora una volta, con la propria identità di ebreo, di ungherese, di europeo dell'Est, di intellettuale a contatto con la cultura tedesca. Ovviamente, la mente non può non tornare all'accadimento che ha marcato la sua esistenza e quella dell'intera umanità: Auschwitz.

IO, UN ALTRO

Kertész Imre