Narrativa

L’occhio del leopardo

Mankell Henning

Descrizione: Cresciuto in Svezia, figlio di una donna che non ha mai conosciuto e di un guardaboschi che cerca disperatamente di scorgere all’orizzonte quel mare che ha dovuto lasciare da bambino, Hans Olofson è arrivato per caso nello Zambia. Profondamente colpito dall’immensa bellezza dell’Africa, pensa di potersi fermare per sempre. Ma un giorno, qualcuno uccide i suoi vicini, bianchi come lui. E Olofson comincia a sentirsi minacciato.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana: Romanzi e racconti

Anno: 2014

ISBN: 9788831719452

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“L’occhio del leopardo” di Henning Mankell è un romanzo che idealmente congiunge il settentrione (Svezia) con il meridione (Zambia) del planisfero grazie al protagonista Hans Olofson che, giunto in Africa per inseguire un sogno, vi rimane per un ventennio, sperimentando sulla propria pelle difficoltà e contraddizioni insite nello scontro di mentalità e culture.

La trama è un continuo viaggio narrativo di andata e ritorno tra i due poli geografici (“Quando oltrepassa i cancelli della fattoria, pensa a Karlsson delle uova… il mio vicino era un commerciante di uova, pensa. Se qualcuno mi avesse mai detto che un giorno avrei fatto il suo stesso lavoro in Africa, mi sarei messo a  ridere”): il paese natale e il paese adottivo. I ricordi del passato scandinavo si intrecciano con il presente, per esprimere un disagio ambivalente che coinvolge sia le origini, sia il soggiorno africano.

Hans è segnato da un passato tragico: la madre si è allontanata da casa (“Di solito sono i padri a sparire, non le madri”) quando lui era ancora piccolo, lasciandolo con un padre ex marinaio (“Erik Olofson, un padre incomprensibile. Perché si è rimesso a bere proprio adesso?”) che annega nell’alcol i dispiaceri della vita attuale di boscaiolo abbandonato dalla moglie. Non bastasse questo precedente, Hans è altresì provato dall’incidente capitato all’amico Sture durante una sfida ingaggiata nella scalata del ponte sul fiume (“Ho sconfitto il ponte”) e dal suicidio dell’amante più matura di lui, “la donna senza naso”. Proprio per realizzare il sogno di quest’ultima (“Ma posso convivere con la mancanza di un sogno? Sono venuto in Africa per realizzare il sogno di un’altra persona che non c’è più”), Hans vola in Africa.

L’impatto con il continente nero è duro (“Ho paura, pensa. L’Africa mi spaventa, con questo caldo, gli odori, la gente con le scarpe malridotte”): arretratezza, malattie e disordine assalgono il nuovo venuto; i bianchi, pur nel contatto quotidiano, vivono segmentati dalla popolazione locale (“Oggi il colonialismo è morto, dimenticato. Un’epoca che è diventata storia lascia sempre dietro di sé un pugno di persone in un tempo nuovo”), e sono temuti, invisi, non accettati. La reazione istintiva è quella di ripartire immediatamente, ma – di rinvio in rinvio – il rimpatrio viene sempre rimandato. Hans rileva una fattoria (“Perché non viene a lavorare da me? – gli propone Judith Fillington”) e lì si propone di realizzare un modello di cooperazione con i lavoranti del luogo. Le miti intenzioni vengono però disattese per l’ostilità culturale (“Noi abbiamo i nostri dèi. A loro non importa se non li preghiamo a mani giunte più volte al giorno. Parliamo con loro battendo i tamburi e ballando”) e per i mutamenti politici, mentre nel paese dilagano le violenze contro la minoranza bianca.

Sullo sfondo della storia, si staglia la simbologia del leopardo: animale notturno, che non si fa mai vedere (“Da più di due anni non si sente più parlare del leopardo, nessuno ne ha più visti in giro”) mentre tende agguati e compie razzie (“Una sera, il leopardo fa la sua comparsa per la prima volta nella sua vita. Hanno trovato un vitello Braham dilaniato”).

Nella narrativa scandinava ormai monopolizzata dai polizieschi, questo romanzo è una voce fuori dal coro, propone un’interessante riflessione sulle incompatibilità culturali di civiltà profondamente diverse e disegna un ritratto delle ferite aperte in territori ed etnie che vivono la difficile transizione da tradizioni ataviche verso modelli di progresso esogeni e importati dall’Europa, un continente sempre più vecchio, sempre più antico…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Henning

Mankell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mankell Henning

Il libro di esordio di Aimee Bender, autrice del bestseller L’inconfondibile tristezza della torta al limone, è una raccolta che usa la dimensione surreale e fantastica, a volte fiabesca, per raccontare in maniera originale l’amore, il tradimento, il desiderio sessuale, le dinamiche familiari, l’amicizia. Dietro un uomo che torna dalla guerra senza labbra, una donna che partorisce misteriosamente la propria madre, un folletto che si innamora di una sirena nei corridoi di un liceo americano – dietro l’ereditiera o la bibliotecaria che cercano di esorcizzare il dolore con il sesso, dietro il delinquente ossessionato dalla propria bruttezza – c’è in fondo ognuno di noi, con la sua solitudine, le sue paure e le sue infinite possibilità di redenzione. Figlia del postmoderno di Calvino e del minimalismo di Carver, la scrittura leggera ma mai banale della Bender è una forma di «realismo magico» dallo straordinario impatto emotivo.

La ragazza con la gonna in fiamme

Bender Aimee

I proventi di questo ebook andranno totalmente all’Associazione onlus Franca Cassola Pasquali, una bella realtà che opera sul nostro territorio soprattutto a sostegno della Senologia di Tortona. Otto racconti che hanno per protagoniste altrettante donne. Persone comuni, come lo sono di solito i personaggi delle mie storie, che vivono delle situazioni particolari e che si ritrovano a dover compiere delle scelte, capaci, nel bene e nel male, di condizionare la loro vita. Sono donne ben diverse l’una dall’altra, sia per età che per estrazione sociale, sia per le problematiche del loro vivere che per il modo in cui ognuna le affronta, ma in egual modo ricche di sentimenti e di quella sensibilità speciale che caratterizza l’animo femminile. E’ diversa anche l’atmosfera che si respira nei vari racconti, in alcuni triste se non addirittura tragica, in altri più lieve e persino venata di ironia e di umorismo. E anche lo stile si adatta al contenuto. Ho raccolto i racconti accostandoli a due a due, puntando su un aspetto, che, in qualche modo, accomuna le protagoniste. Filomena e Altea. Essere prigioniere del marito e della casa può risultare orrendo, oppure qualcosa a cui non si vuole rinunciare. Tutto dipende dalla situazione personale. Pinuccia e Teresa. La condizione di suocera non è facile, specie se col marito della propria figlia esiste un feeling decisamente scarso. Anna e Carmela. Un figlio può costituire un problema se se lo si desidera intensamente e ci viene negato, ma anche se una gravidanza inaspettata arriva ad aggiungere difficoltà a una situazione familiare già non facile. Silvana e Angela. Entrambe le protagoniste si rivolgono a una persona cara, la madre e la figlia, e traggono dal loro ottimismo, dalla loro positività, coraggio e speranza.

8 marzo – Storie di donne

Sanna Silvana

Un figlio determinato a riuscire dove il padre ha fallito e pronto a tutto per annientare gli Shadowhunters...

Shadowhunters 5. Città delle anime perdute

Clare Cassandra

Nella teoria e nella filosofia dell’arte viene evidenziata di solito la differenza tra l’arte e le altre pratiche umane. Ciò fa sì che non vengano sufficientemente spiegate né la pluralità delle arti né la rilevanza dell’arte nell’ambito della forma di vita umana. Per questa ragione Georg W. Bertram propone una nuova impostazione nella definizione dell’arte, difendendo la tesi che nell’esperienza delle opere d’arte vengono rinegoziate diverse determinazioni della prassi umana. In questo senso, l’arte è una prassi riflessiva molto produttiva nell’ambito del rapporto dell’essere umano con il mondo. Di più: l’arte è una prassi della libertà.

L’arte come prassi umana

Bertram Georg W.