Letteratura russa

Lolita

Nabokov Vladimir

Descrizione:

Categoria: Letteratura russa

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 1996

ISBN: 9788845912542

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

A chi da ragazzino è mai venuto in mente di fantasticare su una relazione con una donna e sua figlia? Alzi la mano!

La mia non potete vederla, ma ve lo testimonio.

Il giorno in cui tra gli scaffali della biblioteca comunale presso cui mi rifornivo di circa dieci libri a settimana ho notato “Lolita” di Vladimir Nabokov, ho avvertito un senso di perversione come quando compravo i giornaletti porno all’edicola.

Sono andato di corsa a casa a leggere il libro del quale avevo sentito parlare, facendo attenzione a nascondere la copertina con il titolo.

Ho divorato le pagine in cui il professore Humbert Humbert intrecciava una relazione con la signora Charlotte, prendendo dimora nella sua casa e convivendo con la figlia minorenne di nome Dolores, detta Lo-lo. Lolita.

Era Lo, semplicemente Lo al mattino, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni.”

Ho spasimato mentre la ragazzina circuiva il professore maturo, mostrandosi in abbigliamento intimo o posandosi con la testa sul suo grembo, creando scompiglio in una mente che nel breve volgere degli eventi ha avuto un pensiero fisso e costante: Lolita.

Nell’attimo iniettato di sole in cui il mio sguardo scivolò sulla bambina inginocchiata(le palpebre che battevano al di sopra di quei severi occhiali scuri- la Herr Doktor che mi avrebbe guarito da tutti i miei dolori) mentre le passavo accanto travestito da adulto… il vuoto aspirante della mia anima riuscì a risucchiare tutti i dettagli della sua radiosa bellezza.”

Le cose prendono una strana piega, con la scoperta del rapporto insano tra il suo uomo e sua figlia da parte della signora Charlotte.

E poi una successione di morbosità, di sparizioni e ricomparse, ammiccamenti e dinieghi, in un saliscendi di emozioni e colpi di scena che portano alla conclusione del libro con il cuore in gola. Parteggiando per il Professore.

Il dottor Nabokov però non ha scritto un libro scabroso come è stato detto per anni, venendo addirittura censurato e bandito non solo in paesi culturalmente arretrati ma anche nell’Occidente evoluto e tollerante.

Il dottor Nabokov ha scritto un libro meraviglioso! E sfido chiunque a terminare la lettura del testo e scoprirsi indifferente a ciò che ha appena letto.

Di perverso non vi è assolutamente niente. Nessun termine osceno, nessuna posa sconveniente, nessuna pratica amorosa meritevole di riprovazione.

Anche a distanza di anni vengono alla memoria gli sguardi tra Lolita e il fidanzato di sua madre, le parole sussurrate e la complicità, l’amore folle tra un maschio e una femmina che si cercano, si lasciano, si annusano, si lasciano travolgere.

Lo stile semplice e ricercato al contempo  ben si confà al tema centrale del libro, rendendo la lettura piacevole e scorrevole come pochi autori al mondo riescono a realizzare.

Il Professore lo si immagina realmente con le sembianze di Jeremy Irons nel film tratto dal libro e fedele al testo nella trasposizione cinematografica.

Pedofilia? Un libro scandaloso? Assolutamente no.

C’è una voragine tra lo stile e il contenuto di Lolita e altri testi di Pasolini o Moravia afferenti allo stesso tema.

Adesso che siamo adulti e certo non andiamo ad adescare le ragazzine fuori dalle scuole, proviamo ugualmente comprensione e affetto per Humbert, per il suo amore puro ed eterno per Dolores, detta Lo. Lolita.

Il finale, a calarci nei panni di Nabokov,  lo avremmo scritto in modo diverso.

Avremmo voluto immaginarci Il Professor Humbert e Lolita insieme fino alla morte, a vivere in una casa magari con dei figli propri: lui con le sue giacche di buona fattura; lei, finalmente donna matura, con un vestito nero elegante e un filo di perle al collo.

Niente di tutto ciò si realizza in conclusione di questo capolavoro della letteratura mondiale.

La colpa è solo di Dolores.

Una cosa gliela diremmo volentieri, a Lolita: bella stronza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vladimir

Nabokov

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nabokov Vladimir


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una scelta può cambiare il destino di una persona... o distruggerlo. Ma qualsiasi sia la scelta, le conseguenze vanno affrontate. Mentre il mondo attorno a lei sta crollando, Tris cerca disperatamente di salvare le persone che ama e se stessa. La sua iniziazione avrebbe dovuto concludersi con una cerimonia per celebrare il suo ingresso nella fazione degli Intrepidi, ma invece di festeggiare la ragazza si è ritrovata coinvolta in un conflitto più grande di lei... Ora che la guerra tra le fazioni incombe, Tris deve decidere da che parte stare e abbracciare completamente il suo lato divergente, che si fa ogni giorno sempre più potente. Età di lettura: da 12 anni.

Insurgent

Roth Veronica

BENVENUTI IN CASA ESPOSITO

Imperatore Pino

Nel tepore ingannevole di un maggio malato, il raccogliticcio gruppo di investigatori comandato da Gigi Palma si trova a fronteggiare un crimine terribile: un bambino di dieci anni, nipote di un ricco imprenditore, è stato rapito. Le indagini procedono a tentoni, mentre il buio si impadronisce lentamente dei cuori e delle anime e la morsa di una crisi di cui nessuno intravede l'uscita stravolge le vite di tanti, spegnendo i sentimenti piú profondi. Anche un banale furto in un appartamento può nascondere le peggiori sorprese. I Bastardi dovranno essere piú uniti che mai, per trovare insieme la forza di sporgersi su un abisso di menzogne e rancori dove non balena alcuna luce. Intanto, nel commissariato piú chiacchierato della città, i rapporti di lavoro e quelli personali si complicano, e il vecchio Pisanelli prosegue la sua battaglia solitaria contro un serial killer alla cui esistenza nessuno vuole credere.

Buio per i bastardi di Pizzofalcone

De Giovanni Maurizio

"Prima del silenzio". Una notte d'inverno, la strada ghiacciata, neve tutt'intorno, un'auto sbanda, si schianta contro un albero, il guidatore è gravemente ferito. Aveva appuntamento con lo sconosciuto che poche ore prima aveva rapito suo figlio Sven, mentre era fuori casa con il fratello maggiore. Adesso tutto è inutile: l'uomo sa che sta per morire. E sa che anche suo figlio morirà. "Dopo il silenzio". Da ventitré anni lo psichiatra Jan Forstner vive con l'angoscia della scomparsa del fratellino. Tutto ciò che gli resta è un registratore che Jan aveva portato con sé la notte in cui erano usciti insieme e dove sono incise le ultime parole di Sven: "Quando torniamo a casa?" E poi il silenzio. E gli incubi che da quella notte non hanno smesso di tormentarlo. La notte in cui il padre è morto in un incidente d'auto. La vita di Jan si riassume tutta in quella notte: ha studiato psichiatria come suo padre, si è specializzato in criminologia e ora è tornato al punto di partenza: alla Waldklinik, la clinica dove lavorava il padre e dove adesso lavorerà anche lui. Vorrebbe ricominciare a vivere, lasciarsi alle spalle l'incubo, ma quando una paziente della clinica si suicida. Jan si trova coinvolto in un'indagine che svelerà un segreto atroce rimasto sepolto per ventitré anni...

IL SUPERSTITE

Dorn Wulf