Letteratura russa

Lolita

Nabokov Vladimir

Descrizione:

Categoria: Letteratura russa

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 1996

ISBN: 9788845912542

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

A chi da ragazzino è mai venuto in mente di fantasticare su una relazione con una donna e sua figlia? Alzi la mano!

La mia non potete vederla, ma ve lo testimonio.

Il giorno in cui tra gli scaffali della biblioteca comunale presso cui mi rifornivo di circa dieci libri a settimana ho notato “Lolita” di Vladimir Nabokov, ho avvertito un senso di perversione come quando compravo i giornaletti porno all’edicola.

Sono andato di corsa a casa a leggere il libro del quale avevo sentito parlare, facendo attenzione a nascondere la copertina con il titolo.

Ho divorato le pagine in cui il professore Humbert Humbert intrecciava una relazione con la signora Charlotte, prendendo dimora nella sua casa e convivendo con la figlia minorenne di nome Dolores, detta Lo-lo. Lolita.

Era Lo, semplicemente Lo al mattino, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni.”

Ho spasimato mentre la ragazzina circuiva il professore maturo, mostrandosi in abbigliamento intimo o posandosi con la testa sul suo grembo, creando scompiglio in una mente che nel breve volgere degli eventi ha avuto un pensiero fisso e costante: Lolita.

Nell’attimo iniettato di sole in cui il mio sguardo scivolò sulla bambina inginocchiata(le palpebre che battevano al di sopra di quei severi occhiali scuri- la Herr Doktor che mi avrebbe guarito da tutti i miei dolori) mentre le passavo accanto travestito da adulto… il vuoto aspirante della mia anima riuscì a risucchiare tutti i dettagli della sua radiosa bellezza.”

Le cose prendono una strana piega, con la scoperta del rapporto insano tra il suo uomo e sua figlia da parte della signora Charlotte.

E poi una successione di morbosità, di sparizioni e ricomparse, ammiccamenti e dinieghi, in un saliscendi di emozioni e colpi di scena che portano alla conclusione del libro con il cuore in gola. Parteggiando per il Professore.

Il dottor Nabokov però non ha scritto un libro scabroso come è stato detto per anni, venendo addirittura censurato e bandito non solo in paesi culturalmente arretrati ma anche nell’Occidente evoluto e tollerante.

Il dottor Nabokov ha scritto un libro meraviglioso! E sfido chiunque a terminare la lettura del testo e scoprirsi indifferente a ciò che ha appena letto.

Di perverso non vi è assolutamente niente. Nessun termine osceno, nessuna posa sconveniente, nessuna pratica amorosa meritevole di riprovazione.

Anche a distanza di anni vengono alla memoria gli sguardi tra Lolita e il fidanzato di sua madre, le parole sussurrate e la complicità, l’amore folle tra un maschio e una femmina che si cercano, si lasciano, si annusano, si lasciano travolgere.

Lo stile semplice e ricercato al contempo  ben si confà al tema centrale del libro, rendendo la lettura piacevole e scorrevole come pochi autori al mondo riescono a realizzare.

Il Professore lo si immagina realmente con le sembianze di Jeremy Irons nel film tratto dal libro e fedele al testo nella trasposizione cinematografica.

Pedofilia? Un libro scandaloso? Assolutamente no.

C’è una voragine tra lo stile e il contenuto di Lolita e altri testi di Pasolini o Moravia afferenti allo stesso tema.

Adesso che siamo adulti e certo non andiamo ad adescare le ragazzine fuori dalle scuole, proviamo ugualmente comprensione e affetto per Humbert, per il suo amore puro ed eterno per Dolores, detta Lo. Lolita.

Il finale, a calarci nei panni di Nabokov,  lo avremmo scritto in modo diverso.

Avremmo voluto immaginarci Il Professor Humbert e Lolita insieme fino alla morte, a vivere in una casa magari con dei figli propri: lui con le sue giacche di buona fattura; lei, finalmente donna matura, con un vestito nero elegante e un filo di perle al collo.

Niente di tutto ciò si realizza in conclusione di questo capolavoro della letteratura mondiale.

La colpa è solo di Dolores.

Una cosa gliela diremmo volentieri, a Lolita: bella stronza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vladimir

Nabokov

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nabokov Vladimir


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’opera al nero è la storia di un personaggio immaginario, Zenone, medico, alchimista, filosofo, dalla nascita illegittima a Bruges nei primi anni del Cinquecento, fino alla catastrofe che ne conclude l’esistenza. Il racconto lo segue nei viaggi attraverso l’Europa e il Levante, lo vede all’opera nell’esercizio della medicina, sia al capezzale degli appestati sia presso i sovrani, intento a ricerche in anticipo sulla scienza ufficiale del tempo; lo segue nei perpetui e rischiosi spostamenti, tra rivolte e compromessi. Zenone rappresenta un esemplare umano che ha attraversato il Rinascimento dietro le quinte e sta tra il dinamismo sovversivo degli alchimisti del Medio Evo e le conquiste tecniche del mondo moderno, tra il genio visionario dell’ermetismo e della Cabala e un ateismo che osava appena chiamarsi tale. Il destino, il pensiero del personaggio sono ispirati al grande chimico tedesco Paracelso, a Michele Serveto, dedito anche lui a indagini sulla circolazione del sangue, al Leonardo dei Quaderni e a quel filosofo singolarmente audace che fu Tommaso Campanella. Una folla di comparse, mercanti, banchieri, ecclesiastici, operai, donne di ogni livello e condizione, si muove tra le pagine di un libro in cui nulla è sacrificato al pittoresco ma nel quale i decenni 1510-1569 ci appaiono in un aspetto nuovo, quotidiano e, al tempo stesso, sotterraneo, attraverso immagini colte dalla strada maestra, dal laboratorio, dal chiostro, dal banco di vendita, dalla taverna e, infine, dalla prigione.

L’opera al nero

Yourcenar Marguerite

IL LIBRO DELL’INQUIETUDINE

Pessoa Fernando

Anne, Hanna, Anny: tre ragazze, tre spiriti liberi che si scontrano con le chiusure dell'epoca in cui vivono. Anne, nelle Fiandre del XVI secolo, è una mistica che parla con gli animali come San Francesco, fa il bene perché non concepisce altra forma di agire, percepisce Dio nella natura e non comprende la necessità dei riti religiosi. Ma è fuori tempo rispetto al periodo della Controriforma e dell'Inquisizione: la sua estatica serenità viene presto tacciata di eresia. Hanna, nella Vienna inizio Novecento, è una giovane aristocratica alla ricerca di se stessa, insoddisfatta delle serate all'opera e delle convenzioni borghesi. Dopo molta infelicità riuscirà a individuare nella psicoanalisi, nuova strabiliante cura appena inventata dal dottor Freud, il modo per raggiungere le radici del suo malessere. Anny è una star di Hollywood dei nostri tempi, drogata di celebrità e di sostanze stupefacenti, che cerca con l'abbrutimento di dare un senso a una vita in cui l'unico valore è il denaro: ci riuscirà invece attraverso la recitazione, e nel suo travagliato percorso esistenziale troverà l'amore. Le storie delle tre giovani donne si intersecano nonostante i secoli che le dividono in un intreccio sempre più appassionante che in un crescendo di rivelazioni porta le tre vicende a una conclusione congiunta.

LA DONNA ALLO SPECCHIO

Schmitt Eric-Emmanuel

Mantieni il bacio

Recalcati Massimo