Letteratura russa

Lolita

Nabokov Vladimir

Descrizione:

Categoria: Letteratura russa

Editore: Adelphi

Collana: Gli Adelphi

Anno: 1996

ISBN: 9788845912542

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

A chi da ragazzino è mai venuto in mente di fantasticare su una relazione con una donna e sua figlia? Alzi la mano!

La mia non potete vederla, ma ve lo testimonio.

Il giorno in cui tra gli scaffali della biblioteca comunale presso cui mi rifornivo di circa dieci libri a settimana ho notato “Lolita” di Vladimir Nabokov, ho avvertito un senso di perversione come quando compravo i giornaletti porno all’edicola.

Sono andato di corsa a casa a leggere il libro del quale avevo sentito parlare, facendo attenzione a nascondere la copertina con il titolo.

Ho divorato le pagine in cui il professore Humbert Humbert intrecciava una relazione con la signora Charlotte, prendendo dimora nella sua casa e convivendo con la figlia minorenne di nome Dolores, detta Lo-lo. Lolita.

Era Lo, semplicemente Lo al mattino, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni.”

Ho spasimato mentre la ragazzina circuiva il professore maturo, mostrandosi in abbigliamento intimo o posandosi con la testa sul suo grembo, creando scompiglio in una mente che nel breve volgere degli eventi ha avuto un pensiero fisso e costante: Lolita.

Nell’attimo iniettato di sole in cui il mio sguardo scivolò sulla bambina inginocchiata(le palpebre che battevano al di sopra di quei severi occhiali scuri- la Herr Doktor che mi avrebbe guarito da tutti i miei dolori) mentre le passavo accanto travestito da adulto… il vuoto aspirante della mia anima riuscì a risucchiare tutti i dettagli della sua radiosa bellezza.”

Le cose prendono una strana piega, con la scoperta del rapporto insano tra il suo uomo e sua figlia da parte della signora Charlotte.

E poi una successione di morbosità, di sparizioni e ricomparse, ammiccamenti e dinieghi, in un saliscendi di emozioni e colpi di scena che portano alla conclusione del libro con il cuore in gola. Parteggiando per il Professore.

Il dottor Nabokov però non ha scritto un libro scabroso come è stato detto per anni, venendo addirittura censurato e bandito non solo in paesi culturalmente arretrati ma anche nell’Occidente evoluto e tollerante.

Il dottor Nabokov ha scritto un libro meraviglioso! E sfido chiunque a terminare la lettura del testo e scoprirsi indifferente a ciò che ha appena letto.

Di perverso non vi è assolutamente niente. Nessun termine osceno, nessuna posa sconveniente, nessuna pratica amorosa meritevole di riprovazione.

Anche a distanza di anni vengono alla memoria gli sguardi tra Lolita e il fidanzato di sua madre, le parole sussurrate e la complicità, l’amore folle tra un maschio e una femmina che si cercano, si lasciano, si annusano, si lasciano travolgere.

Lo stile semplice e ricercato al contempo  ben si confà al tema centrale del libro, rendendo la lettura piacevole e scorrevole come pochi autori al mondo riescono a realizzare.

Il Professore lo si immagina realmente con le sembianze di Jeremy Irons nel film tratto dal libro e fedele al testo nella trasposizione cinematografica.

Pedofilia? Un libro scandaloso? Assolutamente no.

C’è una voragine tra lo stile e il contenuto di Lolita e altri testi di Pasolini o Moravia afferenti allo stesso tema.

Adesso che siamo adulti e certo non andiamo ad adescare le ragazzine fuori dalle scuole, proviamo ugualmente comprensione e affetto per Humbert, per il suo amore puro ed eterno per Dolores, detta Lo. Lolita.

Il finale, a calarci nei panni di Nabokov,  lo avremmo scritto in modo diverso.

Avremmo voluto immaginarci Il Professor Humbert e Lolita insieme fino alla morte, a vivere in una casa magari con dei figli propri: lui con le sue giacche di buona fattura; lei, finalmente donna matura, con un vestito nero elegante e un filo di perle al collo.

Niente di tutto ciò si realizza in conclusione di questo capolavoro della letteratura mondiale.

La colpa è solo di Dolores.

Una cosa gliela diremmo volentieri, a Lolita: bella stronza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vladimir

Nabokov

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nabokov Vladimir

Un giovane italiano si trasferisce a Londra, lavora in un museo e sogna di scrivere un romanzo mentre scrive brevi ritratti dei personaggi che incontra. Ma l'esperienza di vita si fa dirompente e l'arte sembra passare in secondo piano. Un lungo percorso fuori e dentro se stesso, accompagnato da una moglie idealizzata e platonica, da amici, amanti e pseudo-fidanzati che lo porteranno a rivelazioni circa se stesso, la sua sfera sentimentale e sessuale, e il suo rapporto con l'arte. Londra equivale a mille possibilità: di una storia d'amore tanto cercata, di solitudine produttiva o lacerante, di estasi e profonda malinconia, di violenza omofobica e razziale.

Segmenti di coscienza

Sabatini Federico

La guerra è conclusa e Clary è tornata a New York, intenzionata a diventare una Cacciatrice di demoni a tutti gli effetti. E finalmente può dire al mondo che Jace è il suo ragazzo. Ma ogni cosa ha un prezzo. C'è qualcuno che si diverte a uccidere gli Shadowhunters, e ciò causa fra Nascosti e Cacciatori tensioni che potrebbero portare a una seconda, sanguinosa guerra. Simon, il migliore amico di Clary, non può aiutarla. Sua madre ha scoperto che è un vampiro e lui non ha più una casa. E come se non bastasse, esce con due ragazze bellissime e pericolose, nessuna delle quali sa dell'altra. Quando anche Jace si allontana senza darle spiegazioni, Clary si trova costretta a penetrare nel cuore di un mistero che teme di svelare fino in fondo: forse è stata lei a mettere in moto la terribile catena di eventi che potrebbe farle perdere tutto ciò che ama. Jace compreso. Amore. Sangue. Tradimento. Vendetta. La posta in gioco non è mai stata così alta per gli Shadowhunters... Età di lettura: da 12 anni.

Shadowhunters. Città degli angeli caduti

Clare Cassandra

Se non volete mettere in discussione nulla della vostra vita, e magari cercate quel tantino di rassicurazione che non guasta, cambiate libro. Oppure, lasciate perdere ogni umana certezza e imbarcatevi in quest'impresa. Tanto, che vi può succedere, nel mondo onirico delle lettere? Di vita ce n'è una sola, ed è questa qui che state vivendo... fino a prova contraria.

PIZZERIA INFERNO

Serio Michele

Anana e un uomo che fa. Come un pioniere, si e aperto la strada in una terra ostile - lo stato indiano somiglia al nostro, invadente e dispotico quando chiede, inesistente quando serve - e intravede finalmente l'orizzonte: la sua è una fabbrica modello, pronta a decollare sul mercato internazionale. Anche i suoi figli gli sembrano un miracolo, mentre la moglie è capricciosa e insicura. Nei sogni Anand accarezza un'altra donna: accanto a Kavika, non è più solo. E quando di colpo tutto si complica, perché politici rapaci lo tormentano con un subdolo ricatto, Kavika è l'unica che lo sa ascoltare. Ma qual è il karma di Anand? Proteggere sua moglie per amore dei figli, o dare ascolto ai propri bisogni più intimi e abbandonarsi tra le braccia di Kavika? Cedere al ricatto che minaccia la sua fabbrica e adeguarsi alla corruzione imperante, o combattere e dire di no? Kamala è una vita che combatte. Ha lavorato nei cantieri con il figliolino al collo, dormendo sul marciapiede in una tenda improvvisata. Fare la serva per la famiglia di Anand le sembra una conquista: ha una casa minuscola in cui tornare la sera, può mandare a scuola il suo amato Narayan. La sua vita è distante mille miglia da quella dei suoi datori di lavoro, che spendono in un pomeriggio di shopping quello che lei guadagna in un anno, ma Kamala sarebbe contenta così. Se non fosse per la speculazione edilizia che minaccia la sua casa. Se non fosse per la calunnia che rischia di distruggere tutto quello che ha.

La fabbrica della speranza

Sankaran Lavanya