Giallo - thriller - noir

L’ombra della stella

Lusetti Lorena

Descrizione: L’Ombra della Stella è un romanzo giallo/noir, il primo nel quale appare la nuova protagonista Stella Spada. Stella passa da una comoda vita da segretaria ad un impiego presso una società di investigazioni, di cui diventa socia. Da questo momento la sua vita prende una piega estremamente avventurosa. Sullo sfondo Bologna. Una città sempre più misteriosa e pericolosa.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Damster

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’ombra della stella di Lorena Lusetti 

La nascita di una Stella

Una disavventura lavorativa induce Stella Spada a cambiare vita. La società ove è impiegata come segretaria di direzione ridimensiona il personale dipendente e dunque Stella, suo malgrado, deve reinventarsi un’occupazione.

Il caso vuole che un’agenzia d’investigazioni private sia alla ricerca di un collaboratore (“Qui ci sono quasi cinquecento mail da leggere che si sono accumulate in più di tre mesi”). In modo fortuito e non senza equivoci, Stella viene associata da Silvia (“Aveva accettato di lavorare nello studio come socia, con uno stipendio proporzionato agli incassi”), la titolare dell’agenzia nella quale lavora anche il fotografo Jack. L’impatto con i nuovi colleghi è pieno di screzi e malintesi, ma il nuovo lavoro consente a Stella di riscoprire un’identità forse repressa sino ad allora e un nuovo senso di libertà.

Il primo caso da affrontare è la misteriosa sparizione di Carmen Arveda, moglie di un compassato diplomatico che vive a palazzo alla guisa dei nobili con un sinistro maggiordomo, Enrique (“i tetri abitanti del Collegio di Spagna”), un ibrido tra Dracula e il maggiordomo dei gialli inglesi.

Ben presto il caso criminale appassiona Stella, che subito s’imbatte nella doppia vita di Carmen (“L’immagine della ricca e raffinata madre di famiglia, nobile, elegante e riservata… non coincideva con quella della di una spregiudicata scrittrice di genere erotico”) e, in un secondo tempo, dopo che viene ritrovato il cadavere di una donna di nome Carmen, nel losco giro della prostituzione sul quale aleggia la terribile figura di Maman. Tanto più che, nel corso dell’indagine, Silvia fa una brutta fine e Stella si ritrova, improvvisamente, unica titolare dell’agenzia investigativa (“Adesso sei tu il capo”).

Sotto l’egida dell’ironia, se non della vera e propria verve comica di Lorena Lusetti, nel corso di questa prima avventura si delineano i “topoi” che caratterizzeranno i romanzi della serie: su tutti, il rapporto di amore-odio con l’affascinante commissario Marconi (“Sono certa che al commissario non importava poi tanto dei suoi mocassini di Armani appena comperati”), i dialoghi con il fantasma di Silvia (“Sei morta o non sei morta?”) e la strana inclinazione forcaiola di Stella, che s’improvvisa terribile giustiziera, imbocca scorciatoie risolutive e sovverte il tradizionale rapporto tra inquirente, ricercato  e giustizia istituzionale (“Credeva di avere distrutto un nido di vespe, invece aveva bruciato solo l’ape regina”) dei gialli classici.

Non è dato sapere se la pericolosa e sbrigativa tendenza di Stella sia l’effetto del trauma per il cambiamento improvviso di vita (“Alla normalità ci si abitua a tal punto che spaventa l’idea di uscirne per intraprendere qualcosa di nuovo”) o se piuttosto sia la libera espressione di una natura impulsiva e irrefrenabile (“Sono irruente, istintiva, niente affatto diplomatica”)… forse troveremo la risposta nelle prossime puntate della serie!

Vero è che il finale de L’ombra della stella è pirotecnico in senso letterale e, tra i fuochi d’artificio, il lettore assiste allibito e divertito alla metamorfosi di Stella che da madre di famiglia si trasforma in terribile mantide.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorena

Lusetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Lusetti Lorena

Napoli, Eremo dei Camaldoli; Vinicio Lamia, editore fallito e morfinomane, scopre l'archetipo di tutti i libri sacri, Nekros. "É il più sconosciuto dei testi poiché contiene la chiave di tutti gli altri; è alla portata di chiunque ma nessuno sa dove sia". Pubblicarlo sarà pericoloso: niente inchiostro né carta, solo sangue e pelle umana. Un vecchio avventuriero gesuita, una vedova avvenente e un amico ben armato, lo seguiranno per aiutarlo; o per impedirgli di rivoluzionare ogni principio teologico.

NEKROS

Ciaccio Ugo

Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Il tamburo di latta

Grass Günter

Un inno alla vita, tra fiction e realtà. Il romanzo più disperato e divertito di Franz Krauspenhaar, pericolosamente in bilico tra il coronarico e l’esoterico. Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni ’60 – che compra e distrugge in furiose scorribande notturne – è convinto di essere uno scrittore dal talento incompreso. Il riconoscimento economico arriva quando, sotto pseudonimo, crea il personaggio di Stan Dolero e comincia a pubblicare thriller di bassa lega che affollano gli autogrill dell’intera Penisola. Potrebbe finalmente scappare da Milano, da una madre apprensiva e dal fratello saggio e alienato con cui vive, ma un infarto arriva a stravolgere ogni piano. Da un ospedale di periferia, Franco si trova a dover ripensare la propria vita. A fargli da spalla, un agguerrito gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione sociale con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della transitorietà umana. “Se la noia di vivere avesse un prezzo sarebbe quello di una mutanda di Bulgari. Bulgari non tratta mutande? Beh, per ora.”

Grandi momenti

Frank Krauspenhaar

La tempesta

Moravia Alberto