Giallo - thriller - noir

L’OMBRA DELLA VERITA’

Slaughter Karin

Descrizione: Alcune giovani donne di Atlanta sono morte per mano di un killer che firma la sua opera con un unico agghiacciante atto di mutilazione. La polizia scatena una caccia frenetica, guidata da un detective con una lunga esperienza: lui si chiama Michael Ormewood e deve risolvere al più presto il caso, anche se il suo matrimonio sta vacillando e il temperamento esplosivo ne sta minacciando la carriera. Si aggiunge anche Angie Polaski, una poliziotta sexy ed ex amante di Michael, e un ex galeotto che si mette per caso sulle tracce del killer e che potrebbe diventare la chiave risolutiva del caso.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: TimeCrime

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788866880004

Trama

Le Vostre recensioni

 

Immaginate di apprestarvi a ricomporre un puzzle, uno di quelli da ennemila pezzi, senza sapere quale disegno andrete a ricostruire. Immaginate di dover affrontare la certosina ricostruzione avendo come unica certezza la coscienza che quello che otterrete alla fine sarà un’immagine di straordinario impatto che vi ripagherà del tempo che le avrete dedicato.

L’ombra della verità (Triptych) è questo. Un complesso ed emozionante intrigo di vicende e personaggi che sembrano distanti anni luce l’uno dall’altro, ma che alla fine si rivelano indissolubili e, ognuno a suo modo, indispensabili per giungere alla stravolgente conclusione.

Karin Slaughter è una narratrice lucida e risoluta. Non ha paura di affrontare la descrizione di argomenti e situazioni difficili. Lo fa con determinazione e con un linguaggio diretto, a tratti crudo, catapultando il lettore all’interno delle vicende e rendendolo partecipe, regalandogli la sensazione di poter intervenire in aiuto dei protagonisti.

La trama è apparentemente semplice: Una donna viene trovata uccisa sulle scale di casa. E’ stata violentata e orrendamente mutilata. A indagare sull’omicidio viene chiamato Michael Ormewood, agente della polizia di Atlanta. Il caso è già di per se orribile, ma diviene angosciante quando poche ore dopo anche una vicina di casa dell’agente Ormewood viene brutalmente uccisa in modo analogo. Le prime indagini conducono ad altri casi simili verificatisi nello stato, così Michael viene affiancato dall’agente speciale Will Trent del Georgia Bureau Investigation. Si scoprirà in breve che alle molte similitudini che accomunano i delitti, si affiancano altrettante discrepanze che portano gli investigatori a formulare nuove ipotesi e intravedere scenari diversi da quelli iniziali. I protagonisti si troveranno ad affacciarsi su un panorama inaspettato d’intrecci e vicende legate a un passato orribile e impossibile da dimenticare. Un passato che non perdona e non lascia scampo neanche al lettore che avrà come unica via d’uscita il seguire Will Trent e Ormewood fino all’ultima rivelazione della loro avventura.

Karin Slaugter è nata negli Stati Uniti, in una piccola comunità della Georgia, nel 1971. Scrittrice da sedici milioni di copie vendute nel mondo e tradotte in trenta lingue, esordisce come Crime Writer con il romanzo “Blindsighted”, capostipite della serie di Grant Country, ottenendo il successo internazionale e il titolo di “miglior opera prima Thriller” del 2001. Con “L’ombra della verità” inaugura la serie dedicata a Will Trent che ritroveremo anche in “Fractured” (2008), classificatosi primo nelle vendite del Regno Unito, “Undone” (2009) che riunisce Trent con la serie di Grant Country, e “Fallen” (2011).

Oggi la Slaughter risiede ad Atlanta, per sua stessa ammissione la città che ama di più in assoluto, e fa parte dell’associazione “Save the Libraries” che promuove l’apertura di una biblioteca pubblica nella contea di DeKalb.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Karin

Slaughter

Libri dallo stesso autore

Intervista a Slaughter Karin

L'eroe è diverso, solo e diverso. È solo l'eroe tragico, così come l'eroe lirico. Marco è ormai prossimo alla fine. Ha diciassette anni e soffre di progeria, una malattia che accelera vertiginosamente lo scorrere del tempo e condanna a una vecchiaia precoce. Suo padre, Stefano Quondam, fuori dal tempo e dal mondo ci si è sempre trovato, anche se in maniera diversa. È un luminare di letteratura greca, grandissimo e misconosciuto, un Don Chisciotte che non ha mai smesso di combattere una testarda battaglia contro la stupidità e l'omologazione. Ma tra i due, chi è veramente il mercante di luce? Chi salva l'altro? Questa è la cronaca degli ultimi dieci giorni di un ragazzo colto e curioso, emozionato di fronte a quello che sa della vita, e di un padre che gliene spiega il senso, l'unico che conosce. Il filo che li unisce, che trasforma il pensiero in un racconto che non potrà essere dimenticato, è la poesia greca: un excursus appassionato, un viaggio luminoso in cui si rincorrono i grandi gesti e le tenere paure di poeti e poetesse dell'unico tempo possibile, quello tra il mito e l'invenzione dell'amore. E sarà proprio qui, in un punto sospeso tra pagine da sfogliare, gioco, passioni e vita vissuta, che troveranno il varco per salvarsi entrambi, perché non è possibile che "gli uccelli cantino quando finisce una tempesta e un uomo non sappia essere felice per il sole che gli resta".

Il mercante di luce

Vecchioni Roberto

Tutto ha inizio quando la protagonista regala ad un mendicante un diario al posto della solita moneta. E qui si apre l'universo di una ragazza che potrebbe essere definita una "giovane Werther del XXI secolo", ma molto innamorata della vita al punto da volerla afferrare nella sua pienezza. "L'uomo ha infinitamente bisogno dell'uomo". Questo è il messaggio forte che Meri ci vuole dare, ed è il messaggio che tutti dovrebbero avere bene in mente, senza finire per dividere ciò che va unito.

IL MENDICANTE DI PENSIERI

Nigro Meri

È sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Non c’è niente che non va, almeno credo

Dawson Maddie

"La voce di un poeta che nel seguire le intermittenze della coscienza ci indica una volta di più la necessità della poesia, unica via di salvezza..." (dalla prefazione di Andrea Matucci)

La morte di Empedocle

Di Carlo Franco