Romanzo storico

L’opera al nero

Yourcenar Marguerite

Descrizione: L’opera al nero è la storia di un personaggio immaginario, Zenone, medico, alchimista, filosofo, dalla nascita illegittima a Bruges nei primi anni del Cinquecento, fino alla catastrofe che ne conclude l’esistenza. Il racconto lo segue nei viaggi attraverso l’Europa e il Levante, lo vede all’opera nell’esercizio della medicina, sia al capezzale degli appestati sia presso i sovrani, intento a ricerche in anticipo sulla scienza ufficiale del tempo; lo segue nei perpetui e rischiosi spostamenti, tra rivolte e compromessi. Zenone rappresenta un esemplare umano che ha attraversato il Rinascimento dietro le quinte e sta tra il dinamismo sovversivo degli alchimisti del Medio Evo e le conquiste tecniche del mondo moderno, tra il genio visionario dell’ermetismo e della Cabala e un ateismo che osava appena chiamarsi tale. Il destino, il pensiero del personaggio sono ispirati al grande chimico tedesco Paracelso, a Michele Serveto, dedito anche lui a indagini sulla circolazione del sangue, al Leonardo dei Quaderni e a quel filosofo singolarmente audace che fu Tommaso Campanella. Una folla di comparse, mercanti, banchieri, ecclesiastici, operai, donne di ogni livello e condizione, si muove tra le pagine di un libro in cui nulla è sacrificato al pittoresco ma nel quale i decenni 1510-1569 ci appaiono in un aspetto nuovo, quotidiano e, al tempo stesso, sotterraneo, attraverso immagini colte dalla strada maestra, dal laboratorio, dal chiostro, dal banco di vendita, dalla taverna e, infine, dalla prigione.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2013

ISBN: 9788807884030

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“L’opera al nero” di Marguerite Yourcenar è al tempo stesso un affresco del Rinascimento e un ritratto dell’uomo immerso in un’epoca nella quale la concezione umanistica muta profondamente.

Zenone, figlio illegittimo di Messer Alberico e di Hilzonde (“Quella notte, il giovane fiorentino bevve alla fontana sigillata, addomesticò i due capretti gemelli, insegnò a quella bocca i giochi e le moine dell’amore”), dimostra fin da subito grande interesse per la cultura (“Gli piaceva quella camera tappezzata di volumi, la penna d’oca, e il calamaio di corno, strumenti di una conoscenza nuova, ed amava quell’arricchirsi che consiste nell’imparare…”), per la ricerca, per la speculazione e per l’introspezione. Frequenta un meccanico e un medico-barbiere (“Il chierico trovava tra questi uomini in casacca di cuoio ciò che i figli dei signori trovano presso i palafrenieri e i bracconieri: un mondo più rude e più libero del proprio, perché si muoveva più dal basso, lontano dai precetti e dai sillogismi…”), con i quali apprende e sperimenta arti, maturando poi la decisione di intraprende un lungo viaggio (“Io vado da lui… Chi?… Hic Zeno, disse. Me stesso”) che lo porta sino in Svezia.
Medico, filosofo, alchimista, ricercatore, pubblica opere che lo pongono in odore di eresia (“Restare presso Jean Myers solo il tempo necessario a lasciar passare la tempesta sollevata dal sequestro e dalla distruzione del libro”) in un secolo durante il quale Riforma e Controriforma imperversano per l’Europa (“Ecclesia abhorret a sanguine”), tra Inquisizione, potere temporale della chiesa e persecuzioni come quella contro gli anabattisti che miete – tra le vittime – anche la mamma di Zenone, nell’affiorare del sistema capitalistico di potenti famiglie di banchieri come i Fugger (“Ad altri gli scampanii o lo scoppio delle bombarde, i cavalli scalpitanti, le donne nude o ammantate di broccato, ad essi la materia vergognosa e sublime, disprezzata pubblicamente, adorata o covata in segreto, che somigli alle parti nascoste in quanto se ne parla poco ma vi si pensa continuamente, la sostanza gialla senza la quale…”).

Tornato a Bruges sotto mentite spoglie, collabora con il Priore e s’imbatte in giovani dediti a pratiche segrete e innominabili (“Dalle divagazioni di Cipriano spuntavano i fatti. Il bagno degli Angeli e le loro licenziose assemblee… Il sottosuolo di Bruges era un labirinto di cunicoli sotterranei…”).
Quando scoppia lo scandalo, nel quale il medico-filosofo viene coinvolto incolpevolmente (“Certe sue passioni, assimilate a un’eresia della carne, potevano valergli la sorte riservata agli eretici, cioè il rogo”), il processo per eresia (“Gli ordini minori che riceveste… vi espongono alle censure della Chiesa…”), ateismo e sodomia (“Era un ulteriore esempio dell’eterna seduzione tentata da Alcibiade su Socrate?”) si celebra secondo modalità che riconducono il pensiero a casi storici reali. Anche in questa fase Zenone dimostra come la libera determinazione dell’uomo possa affermarsi contro le forze del sistema politico-religioso nella scelta estrema di chi viene condannato.
Ritrattare (“Se la cerimonia di domani fosse sostituita con quella di una ritrattazione…”)?
Ricorrere all’aiuto della sorellastra Marta, che nel frattempo è andata in sposa a un potente banchiere?
Affrontare il rogo e la mors ignea (Sono arrivato al punto di biasimare Prometeo per aver dato il fuoco ai mortali”)?
Crearsi un’altra alternativa (“Gli eroi classici morivano così”)?

Marguerite Yourcenar costruisce un romanzo storico pur “inventandone” il protagonista e attribuendogli una personalità e una profondità psicologica che si disvela al lettore nel groviglio di eventi, nomi, citazioni (“Extinctis luminibus: spense il lume”) e riferimenti attraverso i quali la scrittrice provoca il lettore più curioso e raffinato…

Bruno Elpis

“La mors philosophica era compiuta: l’operatore bruciato dagli acidi della ricerca era insieme soggetto e oggetto, fragile alambicco e, in fondo al ricettacolo, precipitato nero. L’esperimento che aveva creduto di poter confinare nell’officina, si era esteso a tutto. Ne conseguiva forse che le fasi seguenti dell’avventura alchimistica sarebbero state altra cosa che sogni, e che un giorno avrebbe conosciuto anche la purezza ascetica dell’Opera al bianco, poi il trionfo coniugato dello spirito e dei sensi che caratterizza l’Opera al rosso? Dal fondo del crepaccio nasceva una chimera…”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marguerite

Yourcenar

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yourcenar Marguerite


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Supplica a mia madre, una poesia di Pasolini

Antonio Magnano, giovane seduttore catanese, non riesce a consumare il suo matrimonio con la bella ereditiera Barbara di cui è forse troppo innamorato. Nel clima di machismo che impera tra le due guerre lo scandalo scoppia rapidamente. Il più amaro e significativo romanzo di Vitaliano Brancati (1907-1954).

IL BELL’ANTONIO

Brancati Vitaliano

L'azione si svolge a Lisbona a metà del XX secolo, in un palazzo di un quartiere popolare non meglio identificato dove vivono sei famiglie. Su questa scena si animano personaggi minati da tristezza e rimpianto le cui esistenze paiono ravvivarsi solo per l'improvvisa eco di un concerto di musica classica trasmesso alla radio o per l'instancabile elaborazione delle strategie, fatte di piccole ipocrisie e compromessi, con cui si tenta di fugare la minaccia dell'indigenza o di realizzare le aspirazioni conformiste della piccola borghesia. Un universo di mantenute, mogli tradite e dolenti, uomini sconfitti dalla vita che hanno rinunciato al futuro a cui fanno da contrappunto gli inserti del diario di una giovane sognatrice, vittima di una vicenda dalla morbosità inaspettata, o ancora le pagine di grande letteratura disseminate in forma di citazioni, ma soprattutto, gli ideali del protagonista Abel, giovane intellettuale libertario, figura paradigmatica di un determinato universo politico, specie considerando il contesto in cui il romanzo fu scritto, ovvero il Portogallo salazarista, paese isolato, retrivo e misero dominato da una dittatura fascista. Palesemente debitore della tradizione del grande romanzo russo da un lato e della coeva generazione dei neorealisti portoghesi dall'altro, "Lucernario" mostra evidenti le qualità destinate a caratterizzare il corpus del Saramago più noto: profondo scavo psicologico dei personaggi, grande respiro narrativo, capacità di catturare l'attenzione del lettore.

Lucernario

Saramago José

I due protagonisti – e autori – sono fratelli, ma non si frequentano molto, forse nemmeno si sopportano. Adesso però gli tocca stare insieme, almeno per qualche ora: devono dare un’ultima occhiata alla casa di villeggiatura della loro infanzia – la casa nel bosco – prima di consegnare le chiavi al nuovo proprietario. Qui ha inizio un viaggio nella memoria, un inventario buffo e struggente di oggetti, luoghi, odori, storie, sapori: qui ha inizio la riconciliazione. Un memoir a quattro mani che racconta di amicizie perdute, di amori rubati, di vecchi fumetti e di torte di ricotta. Un ricettario, non solo metaforico, dell’infanzia, dell’adolescenza e di un’età adulta ancora capace di riservare sorprese.

La casa nel bosco

Carofiglio Gianrico e Francesco