Recensioni

L’ordine del cardinale

Baleani Gianni

Descrizione: Roma, primi anni del Seicento. Nelle strade e nei vicoli ammantati dal buio della città eterna si muove un uomo che è genio e sregolatezza, tensione artistica e rabbia sanguigna: Michelangelo Merisi, artista complesso e tormentato, dalle mille sfaccettature. Sulle sue tracce Giovanni Longo Bricio, servitore del cardinale Francesco Maria Del Monte e voce narrante del romanzo, alla ricerca di una donna legata al grande pittore e di un quadro a lui commissionato dall’alto prelato, e, forse, di una verità pericolosa… Ambientato in una Roma sontuosa e magnificente, descritta con un linguaggio erudito ed elegante che immerge immediatamente, in “presa diretta”, il lettore nell’epoca, un romanzo storico potente, che vibra e riverbera dell’ingegno del suo protagonista, mentre sullo sfondo si muovono numerosi personaggi, popolani e nobili, cortigiane e frati, elementi attivi della vita sociale e artistica romana…

Categoria: Recensioni

Editore: Io scrittore

Collana:

Anno: 2014

ISBN:

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

L’ordine del cardinale di Gianni Baleani

Gianni Baleani è l’autore di un romanzo avvincente che coinvolge il lettore sotto diversi punti di vista. Anzitutto, la trama ruota intorno alla ricerca dell’identità di una donna misteriosa che, in una lettera indirizzata a Michelangelo Merisi, si firma come Donna G. Inoltre, viene descritta la figura del Caravaggio, che di per sé è estremamente affascinante. Infine, la vicenda viene presentata come una ricostruzione a posteriori di riflessioni e avvenimenti che appartengono al protagonista dell’opera, Giovanni Longo Bricio. Il genere del giallo e della memorialistica, quindi, intrecciano bene la loro trama per nascondere al lettore la vera essenza del romanzo. “L’ordine del Cardinale” è, infatti, un romanzo storico nel quale si indaga la Roma dei primi vent’anni del Seicento. E in particolare, la Roma del Merisi, attraverso i suoi quadri, le sue modelle, i suoi mecenati e i suoi nemici. Sono ben pochi i riferimenti politici o economici e, pertanto, siamo profondamente lontani dalle irruzioni della Storia a cui possiamo essere stati abituati da questo genere di romanzo.

È la lingua uno dei principali mezzi utilizzati per ricreare quei tempi andati. Da una parte vi contribuiscono le lettere dei vari personaggi, mentre dall’altro gli atti del verbali ricostruiscono le modalità processuali dell’epoca. La lingua del narratore spesso sconfina nell’antico: non mancano, ad esempio, casi in cui la parola uomo viene riportata in maniera latineggiante (homo), secondo un’usanza grafica molto diffusa all’epoca.

La finzione del manoscritto redatto dal narratore costituisce un espediente per la ricostruzione storica. Ma soprattutto, la Storia viene ricreata attraverso i continui riferimenti all’arte di Caravaggio, nella quale l’unione di universale e particolare rivelano il turbamento dell’animo e l’inquietudine dello spirito che sono il frutto di un’epoca priva di punti di riferimento.

Una lettura piacevole, dunque, scorrevole e intrigante per il lettore che ama l’arte e il secolo XVII,  secolo che – per certi aspetti – assomiglia al nostro…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianni

Baleani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Baleani Gianni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Poteva essere un weekend normale: il padre separato viene a prendere il figlio per portarlo in montagna, la madre ne approfitta per rilassarsi e lavorare un po'. Poteva esserlo, forse, senza il dattiloscritto che il padre lascia in casa della ex moglie, con un bigliettino: "Voglio che tu lo legga". La madre scorre le parole dell'ex marito: una storia sanguinaria, di vendetta. C'è una minaccia rivolta a lei, in quel romanzo, o è la sua immaginazione, è lei che legge quello che non c'è scritto? Certo, c'erano delle difficoltà, all'inizio: lei aveva chiesto al giudice di vietare all'ex marito di vedere il figlio, ma ora non è tutto superato, non sono finalmente in pace? Intanto padre e figlio perdono il treno, cala il buio; sbagliano sentiero. Quando raggiungono la baita, non sono più soli. La madre li chiama, i cellulari squillano a vuoto. Tranquilla, si dice, il ragazzo è con suo padre. Ma più legge il romanzo, più si allarma.

QUELLO CHE NON C’E’ SCRITTO

Reig Rafael

Il sogno di una cosa

Pasolini Pier Paolo

California, 1999. Daniel Raymond Pell per i media è il "figlio di Manson": affascinante e sinistramente carismatico, al pari del suo predecessore ha incantato, sedotto e plagiato i giovani adepti della sua setta. E con la complicità di uno di essi ha sterminato un'intera famiglia. Nessuno dei due però si è accorto che la notte del massacro, confusa in mezzo alle bambole, una bambina dormiva tranquilla nel suo lettino. Otto anni dopo Pell sta scontando la condanna a vita in un carcere di massima sicurezza per l'efferata carneficina e deve essere processato di nuovo perché vari indizi lo collegano a un altro delitto del passato rimasto irrisolto. Condotto in tribunale, è interrogato dall'agente del California Bureau of Investigation Kathryn Dance, esperta in cinesica. Kathryn è uno dei pochi poliziotti in grado di interpretare il linguaggio non verbale e di capire se testimoni e sospetti dicono la verità. E non sbaglia mai. Questa volta, però, il suo compito è davvero arduo, perché deve confrontarsi con un osso duro, un killer dall'intelligenza quasi sovrumana, un abile manipolatore della volontà altrui. E quando, dopo un sottile gioco di parole, sguardi, gesti, Kathryn scalfisce l'assoluta compostezza di Pell e intuisce un diabolico trucco, è troppo tardi: il "figlio di Manson" è evaso dal tribunale. Comincia la caccia...

LA BAMBOLA CHE DORME

Deaver Jeffery

Il romanzo, che valse a Pasolini un processo per pornografia e il ruolo di provocatore della società perbenista, racconta la giornata di un gruppo di giovanissimi sottoproletari romani. Mossi da esigenze primordiali (la fame, la paura, la ricerca di solidarietà), i "ragazzi di vita" sciamano dalle borgate della Roma anni Cinquanta verso il centro, in un itinerario picaresco fatto di molteplici incontri, di eventi comici, tragici, grotteschi. I giovani alternano una violenza gratuita a una generosità patetica, compiendo una sorta di rito iniziatico in una Roma contradditoria. Il romanzo viene ripubblicato in occasione dei trent'anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini.

Ragazzi di vita

Pasolini Pier Paolo