Narrativa

L’UCCELLO CHE GIRAVA LE VITI DEL MONDO

Descrizione: In un sobborgo di Tokyo il giovane Okada Toru ha appena lasciato volontariamente il suo lavoro e si dedica alle faccende di casa. Due episodi apparentemente insignificanti riescono tuttavia a rovesciare la sua vita tranquilla: la scomparsa del suo gatto e la telefonata anonima di una donna dalla voce sensuale. Toru si accorgerà presto che oltre al gatto, a cui la moglie Kumiko è molto affezionata, dovrà cercare Kumiko stessa. Lo spazio limitato del suo quotidiano diventerà il teatro di una ricerca in cui sogni, ricordi e realtà si confondono e che lo porterà a incontrare personaggi sempre più strani: dalla prostituta psicotica alla sedicenne morbosa, dal politico diabolico al vecchio e misterioso veterano di guerra. A poco a poco Toru dovrà risolvere i conflitti della sua vita passata di cui nemmeno sospettava l'esistenza. Un intrigante romanzo che illumina quelle zone d'ombra in cui ognuno nasconde segreti e fragilità.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2013

ISBN: 9788806216689

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Prolisso, noioso… Descrizioni troppo dettagliate, personaggi che appaiono e scompaiono senza un perché, episodi slegati, una storia che non è storia…

La fantasia dell’autore è mirabile: il problema è che l’opera sembra mancare di un piano, di un progetto definito. E così finisce: nessun colpo di scena, nessun chiarimento. Lascia un senso di inutilità.

Peccato… I primi capitoli mi avevano letteralmente rapita.

Haruki è geniale, questo è certo. Riesce a creare un’atmosfera inverosimile, in bilico tra sogno e realtà, e vi intreccia sia interessanti particolari della tradizione giapponese che valide considerazioni intimistiche.

La sua colpa è proprio quella di tradire l’orizzonte d’attesa costruito con tanta sapienza. Almeno il mio orizzonte d’attesa.

Assegno un voto che arriva appena alla sufficienza.

Una vaga idea della trama:

Tokyo. Okada Toru è stufo del suo lavoro (che non lo entusiasma né lo gratifica), lascia tutto ed inizia una nuova vita da “casalingo”.

Poi un giorno il suo gatto scompare, e lui  riceve una stramba telefonata anonima.

È così che cominciano le stranezze indecifrabili, tra cui un’altra scomparsa, quella di sua moglie Kumiko.

Allo stesso tempo, si susseguono con straordinaria rapidità una serie di incontri bizzarri: tra tutti, quello con le sorelle Kanō Creta e Kanō Malta, e quello con Kasahara May, ragazzina molto acuta.

Inquietante Wataya Noboru, cognato di Okada Toru, politico stimatissimo e uomo feroce. Ha a che fare con l’improvvisa sparizione di Kumiko?

Una misteriosa villa abbandonata, un pozzo che diventa rifugio e rivelazione, l’uccello gira-viti che non fa più sentire il suo verso, una voglia che spunta sulla faccia…

Tanti elementi da considerare e la curiosità cresce…

Quando uno si abitua in quel modo, senza mai ottenere quello che desidera, a poco a poco finisce col non capire neanche più bene quello che vuole. (…) È vero, fino a ora può darsi che sia andata così. Ma adesso tu non sei più una bambina. Hai il diritto di vivere come vuoi. Se vuoi avere un gatto, devi costruirti una vita in cui puoi avere un gatto

Seguendo con gli occhi una dopo l’altra le persone che mi passavano davanti, potevo fare il vuoto nella mia testa, come se tirassi via l’aria da una bottiglia, me ne resi conto solo dopo averlo sperimentato in pratica. Non parlai a nessuno e nessuno mi rivolse la parola. Non pensavo a nulla, non avevo idee

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sulle sedia sbagliata

Sara Rattaro

Un paparino profondamente materno che prende in contropiede l'incipiente vecchiaia - nonché il figlio - a suon di collant, gonna, rossetto e tacchi a spillo. Un principe azzurro che tenta inutilmente di risvegliare la principessa dal suo sonno profondo con mille prodezze erotiche, e finisce per addormentarsi lui, per sempre. Uno scrittore esordiente pronto a rinnegare il suo idolo - che ha contribuito in modo sostanziale al suo decollo - non appena ne ha preso il posto nel firmamento letterario. Un uomo che decide di sposare l'ex fidanzata perché scopre che è malata terminale, e quando lei guarisce grazie all'amore, non sa proprio che pensare, che pesci pigliare... Che si tratti di vecchi rincretiniti, vitelloni incalliti o Madonne ribelli al destino di future madri di Gesù Cristo, Quim Monzó entra nelle vite dei suoi personaggi con occhio acuto, parole al vetriolo, balsami di tenerezza.

MILLE CRETINI

Monzò Quim

Un biondino con un hobby particolare, una donna mozzafiato con un piccolo segreto, la vittima di un’ingiustizia, due studenti coinquilini, tre pusher, una tossica, un boss della mala di Milano e un poliziotto cocainomane, sono i personaggi di questo noir al cardiopalma. Un intreccio adrenalinico di eventi, che ha per sfondo una metropoli notturna e la sua fauna multiforme, si dipana senza tregua alcuna. Mariani vi pone, con la sua narrazione, in un vagone delle montagne russe da cui è impossibile scendere.

Rollercoaster

Mariani Andrea

"Un ragazzo sale su di un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all'altra, decide che non scenderà più. L'autore di questo libro non ha fatto che sviluppare questa immagine e portarla alle estreme conseguenze: il protagonista trascorre l'intera vita sugli alberi, una vita tutt'altro che monotona, anzi: piena d'avventure, e tutt'altro che da eremita, però, sempre mantenendo tra sé e i suoi simili questa minima ma invalicabile distanza."

Il barone rampante

Calvino Italo