Narrativa

Lucernario

Saramago José

Descrizione: L'azione si svolge a Lisbona a metà del XX secolo, in un palazzo di un quartiere popolare non meglio identificato dove vivono sei famiglie. Su questa scena si animano personaggi minati da tristezza e rimpianto le cui esistenze paiono ravvivarsi solo per l'improvvisa eco di un concerto di musica classica trasmesso alla radio o per l'instancabile elaborazione delle strategie, fatte di piccole ipocrisie e compromessi, con cui si tenta di fugare la minaccia dell'indigenza o di realizzare le aspirazioni conformiste della piccola borghesia. Un universo di mantenute, mogli tradite e dolenti, uomini sconfitti dalla vita che hanno rinunciato al futuro a cui fanno da contrappunto gli inserti del diario di una giovane sognatrice, vittima di una vicenda dalla morbosità inaspettata, o ancora le pagine di grande letteratura disseminate in forma di citazioni, ma soprattutto, gli ideali del protagonista Abel, giovane intellettuale libertario, figura paradigmatica di un determinato universo politico, specie considerando il contesto in cui il romanzo fu scritto, ovvero il Portogallo salazarista, paese isolato, retrivo e misero dominato da una dittatura fascista. Palesemente debitore della tradizione del grande romanzo russo da un lato e della coeva generazione dei neorealisti portoghesi dall'altro, "Lucernario" mostra evidenti le qualità destinate a caratterizzare il corpus del Saramago più noto: profondo scavo psicologico dei personaggi, grande respiro narrativo, capacità di catturare l'attenzione del lettore.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2013

ISBN: 9788807882869

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Quest’opera conduce direttamente all’origine di Josè Saramago, agli albori della sua carriera di scrittore. Si tratta del suo primo romanzo, scritto nel 1953, il cui manoscritto è rimasto sepolto per anni e anni presso la casa editrice a cui era stato inviato, poi ritrovato casualmente e infine pubblicato postumo. Saramago non ricevette alcuna risposta all’epoca in cui lo scrisse e lo inviò, e questo silenzio lo ferì profondamente: secondo la logica dell’autore infatti nessun editore ha l’obbligo di pubblicare i manoscritti che riceve, ma esiste il dovere di dare una risposta.

Lucernario lascia intravedere alcune tematiche e riflessioni dello scrittore portoghese su aspetti quali l’amore, la famiglia, le responsabilità e i doveri che dovrebbe avere ogni uomo nei confronti della società. Quello che ancora non si scorge invece è l’inconfondibile stile riscontrabile nelle opere successive. Qui mancano i lunghissimi periodi separati da virgole e con pochissimi punti, quasi si trattasse di pensieri disordinati ribaltati su un foglio di carta. Mancano anche il consueto sarcasmo e le opinioni personali disseminate nel testo a intervallare la vicenda narrata. Lucernario è una “casa di vetro”, un condominio popolare nella Lisbona della metà del XX secolo, abitato da povera gente che deve quotidianamente affrontare le difficoltà della vita. Un sottile filo lega le storie descritte, alle quali il lettore assiste come se fosse personalmente invitato a entrare in questi appartamenti, dove si snodano le piccole-grandi tragedie rappresentate. Ogni famiglia di questo palazzo ha i propri problemi, ma la precarietà e le difficoltà economiche sembrano accomunarli tutti quanti. Ecco che per sbarcare il lunario c’è chi decide di affittare una camera, come nel caso del calzolaio Silvestre, che ospita l’inquilino Abel; oppure chi architetta di raccomandare la figlia a una vicina di casa affinché questa possa poi intercedere con il suo ricco amante per farla assumere presso la ditta dove costui lavora.

Denaro a parte, degne di nota sono alcune pagine nelle quali Saramago fa emergere alcuni concetti di assoluto rilievo per l’epoca in cui il libro fu concepito: la famiglia in particolare viene vista non più come il focolare domestico, il rifugio per antonomasia, bensì come “luogo” che cela inquietudini e aspetti scottanti come ad esempio l’adulterio compiuto sistematicamente da un marito bruto e violento nei confronti della moglie, la scoperta del piacere fisico che coinvolge due giovani sorelle, un matrimonio che si trascina stancamente solo per evitare traumi al giovane figlio. Su tutto emerge però l’importanza dell’amore, come unica soluzione per risolvere i problemi dell’umanità, per dare un futuro speranzoso alle nuove generazioni, come si constata nel dialogo serrato tra Silvestre, il calzolaio, che ritiene il suo inquilino Abel colpevole di vivere troppo passivamente ed egoisticamente, senza mettersi in gioco perché “Essere spettatori non serve. Presenziare equivale a essere morti”. Invece per Saramago quello che serve per costruire una società migliore è amare, considerato che l’odio non ha fatto altro che generare due Guerre Mondiali: “Se gli uomini si odieranno non si potrà fare nulla. Saremo tutti vittime degli odi. Ci uccideremo tutti nelle guerre…..E’ per questo che viviamo? Per fare figli e lanciarli nella fornace? Per costruire città e raderle al suolo?….E l’amore sarà la soluzione a tutto questo? – domandò Abel – Non lo so è l’unica cosa che ancora non si è sperimentata”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

José

Saramago

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saramago José


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Berlino nel 1933 è in subbuglio. L'undicenne Carla von Ulrich, figlia di Lady Maud Fitzherbert, cerca con tutte le forze di comprendere le tensioni che stanno lacerando la sua famiglia, nei giorni in cui Hitler inizia l'inesorabile ascesa al potere. Insieme a lei, tanti altri personaggi, Ethel Leckwith e suo figlio Lloyd, Volodja Peskov, destinato a un brillante futuro nei servizi segreti sovietici, e sua cugina Daisy, brillante frequentatrice dell'alta società, i due fratelli americani Woody e Chuck Dewar... Il destino li metterà a dura prova, così come le vite e le speranze di tanti altri verranno annientate dalla più grande e crudele guerra nella storia dell'umanità, che si scatenerà con violenza da Londra a Berlino, dalla Spagna a Mosca, da Pearl Harbor a Hiroshima, dalle residenze private alla polvere e al sangue delle battaglie che hanno segnato l'intero secolo.

L’inverno del mondo

Follett Ken

Al centro del romanzo troviamo Milo, un'anima davvero antica: ha già vissuto 9.995 volte e non ha nessuna intenzione di smettere. Anziché cercare di raggiungere la perfezione, il nirvana, che gli sembra una cosa piuttosto noiosa, egli preferisce infatti continuare a vivere una vita dopo l'altra rimanendo nel ciclo della reincarnazione, così da poter continuare la sua relazione con la Morte (o "Suzie", come preferisce essere chiamata). Ciò che ancora Milo non sa è che le anime non sono eterne: si sta rapidamente avvicinando il momento in cui il suo ciclo si esaurirà e lui sarà cancellato per sempre se non raggiungerà la perfezione. Avrà solo altre cinque vite per provarci, e gli serviranno tutte per riuscire a salvare se stesso e, forse, l'intero genere umano. Reincarnation Blues ci porta ovunque, dall'antica India a una colonia penale posta su una lontana galassia del futuro, con soste a Vienna, sul Sole e nell'Ohio. Vivendo ogni tipo di esistenza immaginabile, Milo avrà la possibilità di scoprire cosa renda perfetta una persona. Neil Gaiman incontra Kurt Vonnegut in questa dark comedy profondamente fantasiosa sui segreti della vita, della morte e dell'amore.

Reincarnation blues

Poore Michael

Giovanni ha diciotto anni, trascorsi quasi tutti a Verona, dove è nato. Una vita tranquilla, qualche amico e, ogni giorno, i lunghi allenamenti in piscina per prepararsi alle gare. Anche a casa regna la quiete: Giovanni vive solo con suo padre, notaio, in quel genere di grande appartamento abitato da due uomini che ogni donna può immaginarsi. Selvaggia ha diciotto anni, molte amiche e diversi spasimanti, vive sul mare e assapora l'estate appena iniziata quando sua madre le sconvolge la vita: si trasferiranno per ragioni di lavoro. Selvaggia cambierà scuola, dovrà ricominciare tutto da capo e lo dovrà fare a Verona, la città dove è nata e da cui proprio la mamma, tanti anni prima, l'aveva portata via, separandola dal padre e dal fratello gemello. Quando Selvaggia varca per la prima volta la soglia della nuova casa, Giovanni è rintanato in camera sua. Gli basta la voce di lei per capire che nulla sarà più come prima. Giovanni scopre quella voce come un regalo, ma al tempo stesso la riconosce, è un suono che vive da sempre dentro di lui: Selvaggia, la sorella perduta, è tornata nella sua vita, per sempre. Lei a Verona non conosce nessuno: solo Johnny - come lo ha subito ribattezzato - può farle da guida e tenerle compagnia nei tre lunghi mesi che devono trascorrere prima della ripresa scolastica. Selvaggia è bellissima, piena di fascino ma anche capricciosa fino allo sfinimento, croce e delizia per il fratello ritrovato. Presto tra i due si sprigiona un'elettricità, un magnetismo, un'affinità che ha un solo nome, per loro impronunciabile: desiderio. Questo romanzo è la cronaca dell'amore tra due ragazzi che si affacciano alla vita, un amore meraviglioso e impossibile nel modo più crudele, perché non è la diversità a separare i due innamorati - non sono una sirenetta e un principe, un vampiro e una fanciulla - ma, proprio nella terra dei Montecchi e dei Capuleti, è la vicinanza assoluta a condannarli. Densissimo di echi letterari eppure diretto come il diario di un teenager, Le affinità alchemiche ha il candore e l'intensità per rinnovare nel nostro cuore un'emozione senza tempo, per ammaliarci ancora una volta con il miracolo e la tragedia della seduzione. Selvaggia e Johnny: ricordatevi questi nomi, la loro fiamma brucia alta nel cielo

LE AFFINITA’ ALCHEMICHE

Coltorti Gaia

Ibrahim Eissa: Non scrivo romanzi come atto politico