Saggi

L’ultima pagina

Schimperna Susanna

Descrizione: Da Vladimir Majakovskij a David Foster Wallace, da Cesare Pavese a Virginia Woolf: le storie di venticinque scrittrici e scrittori che hanno posto fine alla loro vita. Persone molto diverse tra loro anche rispetto al tema della morte. C’è chi aveva perseguito razionalmente l’atto finale del suicidio passando il tempo a teorizzarlo; chi sembra non aver resistito a una serie di disgrazie terribili; chi portava in sé un dolore emotivo che temeva inguaribile. Elemento comune, una insopportabile sofferenza che troppo spesso e irrispettosamente è stata etichettata come “depressione”. Raccontare queste esistenze è un atto di riconoscenza per gli scritti che ci sono stati lasciati, e insieme un atto di riparazione per l’ipocrisia di una società che ritenendo il suicidio un gesto inaccettabile continua a operare intorno ad esso ogni sorta di manipolazione, dall’occultamento alla sottovalutazione, quando non arriva addirittura all’ostracismo riguardo alle opere e alle figure dei suicidi.

Categoria: Saggi

Editore: IacobellieditoreCollana

Collana: Frammenti di memoria

Anno: 2020

ISBN: 9788862526531

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

L’ultima pagina - Il nuovo libro di Susanna Schimperna

L’ultima pagina (Iacobelli) è il nuovo libro di Susanna Schimperna, nel titolo il suggerimento e la suggestione del contenuto. Venticinque storie di scrittori che hanno deciso di togliersi la vita. Anche se su alcuni può aleggiare qualche lecito dubbio.

Il testo, pur parlando di morte, è un libro pieno di vita: infatti, scoprendo questi personaggi, vien voglia di conoscerli o quantomeno di leggerne le opere.

Una tematica certamente tabù quella affrontata, ma che permette una riflessione profonda sul senso stesso di un gesto tanto tragico quanto alle volte liberatorio. In questa dimensione e nelle pagine della Schimperna il suicidio può essere visto anche come atto di libera scelta. Un adempimento a un progetto di vita, un’azione meditata, altre volte improvvisa, un gesto di generosità, ribellione o vendetta. Le ragioni possono apparire vaghe e variegate. Ma spesso sembrano coincidere con la ricerca di un altrove, qualunque esso sia e, per quanto ignoto appaia, esso risulta certamente  più appetibile rispetto a una realtà e un’esistenza divenuta insostenibile.

Qui non vi è nessuna apologia, questo scritto e la sua lettura ci aiutano a non dare un giudizio definitivo, a sospenderlo. Dunque il suicidio in quest’ottica viene a inserirsi in uno stretto rapporto con il libero arbitrio. La Schimperna, durante  la presentazione del libro tenutasi all’Insieme Festival di Roma, ha infatti sottolineato questo aspetto: “Nemmeno mettere al mondo un figlio è un atto totalmente libero perchè implica l’accordo con un’altra persona.” Forse – aggiunge Susanna – la masturbazione è un altro atto totalmente libero che possiamo scegliere di compiere utilizzando solo ed esclusivamente il nostro corpo, anche se nella nostra cultura questa cosa viene vista come “cosa da sfigato”. Certo che tra petite mort e morti di grandi del passato si potrebbe aprire un’altra ampia digressione sul rapporto tra realtà soggettiva e realtà oggettiva. Su quanto poi effettivamente ci sia o non ci sia un influsso dell’alterità, anche negli atti che possiamo compiere senza coinvolgere apparentemente l’altro. Viene infatti da domandarsi se si poteva, attraverso la nostra influenza sul prossimo, deragliare l’arrivo di quella scelta che ci appare così estrema. E se di definito vi è la morte, forse qui decadono il nostro senso di onnipotenza e la presunzione umana.

In ultima battuta, con il rischio di sembrare ripetitivo, vi invito a leggere questo libro perchè all’interno vi è tanta vita.  Val la pena di arrivare fino a “l’ultima pagina”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Susanna

Schimperna

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schimperna Susanna

Maurizio ha dieci anni e non vede l'ora che comincino le vacanze. Per lui l'estate significa stare dai nonni a Crabas: lì ogni anno ritrova Franco e Giulio, fratelli di biglie, di ginocchia sbucciate e caccia alle libellule, e domina con loro un piccolo universo retto da legami che sembrano destinati a durare per sempre. Ma nell'estate del 1986 qualcosa di imprevedibile incrinerà la loro infanzia e mostrerà a tutti, adulti e ragazzi, quanto possa essere fragile il granito delle identità collettive. Basta un prete venuto da fuori a fondare una nuova parrocchia per portare una scintilla di fanatico antagonismo dove prima c'erano solo fratellanze. In quella crepa della comunità l'estraneo può assumere qualunque volto, persino i capelli rossi di un inseparabile compagno di giochi. In questo racconto insieme comico e profondo, la penna inconfondibile di Michela Murgia ci regala una storia di formazione in cui il protagonista scopre - insieme al lettore - cosa significa dire "oi". "Non era un pronome come negli altri posti, ma la cittadinanza di una patria tacita dove tutto il tempo si declinava così, al presente plurale".

L’incontro

Murgia Michela

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

Arrivato da lontano, saggio, elegante, il Professore suscita rispetto e ammirazione in tutti. È una figura venerabile, un maestro, in un tempo che i maestri non li sa riconoscere. Di lui si sa poco, o forse tantissimo. Un giorno il Professore annuncia la sua scomparsa a tutti gli abitanti del paese, e quello che rimane di lui è un quaderno lasciato nelle mani del panettiere Matteo e da lui consegnato al narratore. Il taccuino contiene, in forma di dialogo semifilosofico, la summa della visione del mondo del Professore: di più, una vera e propria storia dell'universo fino ai nostri giorni...

Il professore di Viggiù

Nove Aldo

Un uomo e un bambino, padre e figlio, senza nome. Spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo una strada americana. La fine del viaggio è invisibile. Circa dieci anni prima il mondo è stato distrutto da un'apocalisse nucleare che lo ha trasformato in un luogo buio, freddo, senza vita, abitato da bande di disperati e predoni. Non c'è storia e non c'è futuro. Mentre i due cercano invano più calore spostandosi verso sud, il padre racconta la propria vita al figlio. Ricorda la moglie (che decise di suicidarsi piuttosto che cadere vittima degli orrori successivi all'olocausto nucleare) e la nascita del bambino, avvenuta proprio durante la guerra. Tutti i loro averi sono nel carrello, il cibo è poco e devono periodicamente avventurarsi tra le macerie a cercare qualcosa da mangiare. Visitano la casa d'infanzia del padre ed esplorano un supermarket abbandonato in cui il figlio beve per la prima volta un lattina di cola. Quando incrociano una carovana di predoni l'uomo è costretto a ucciderne uno che aveva attentato alla vita del bambino. Dopo molte tribolazioni arrivano al mare; ma è ormai una distesa d'acqua grigia, senza neppure l'odore salmastro, e la temperatura non è affatto più mite. Raccolgono qualche oggetto da una nave abbandonata e continuano il viaggio verso sud, verso una salvezza possibile...

La strada

McCarthy Cormac