Scrittori

L’ultima spiaggia delle anime

Alba Roberto

Descrizione:

Categoria: Scrittori

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

 

“L’ultima spiaggia delle anime” è una storia condotta lungo tre epoche, con tre vicende interconnesse grazie alla penna di Roberto Alba che, in questo romanzo, scrive a tre colori (idealmente: la penna d’oca del 1938, la stilografica del 1978 e … la tastiera del PC del 2009).

Primo filone narrativo: siamo nell’agosto del 1938 e i venti di guerra soffiano sulla barca, la “Principessa” del conte Marrone, ove una combriccola di personaggi dal sangue blu (un conte, una contessa, un marchese) e non (un dottore, un mozzo, una ballerina in cerca di sistemazione economica e sociale, un truffatore) sta compiendo una crociera nelle isole greche, ospitando un gerarca che sembra custodire un segreto internazionale relativo ai rapporti tra Germania nazista e Italia fascista. Tutto si complica: con l’omicidio del graduato e il naufragio del Principessa …

Seconda vicenda, quarant’anni dopo: nell’agosto del 1978, Luisa e Carlo veleggiano in cerca di conferme al loro amore attraverso il Mediteranno e l’Egeo. Quando sembrano ritrovare il loro reciproco sentimento, per una sorta di tragica compensazione, naufragano e approdano sulla stessa isola dove quarant’anni prima hanno trovato la morte i membri dell’equipaggio del Principessa …

Infine, ai giorni nostri, nell’agosto 2009, il giovane avvocato Valerio vola a Rodi (“l’isola delle rose e dell’eterna primavera”) alla ricerca di risposte sulla sua identità: ha strane visioni (“Quelle visioni erano preoccupanti; con i sogni riusciva a convivere, ma queste gli avevano fatto provare dolore e gli si erano impresse in maniera indelebile, quasi fossero reali e vissute”), soffre per incubi ricorrenti, sente voci misteriose e crede di rivivere situazioni già vissute. A Lindos e dintorni Valerio troverà tutte le risposte relative alla sua identità storica e forse una soluzione al suo disagio esistenziale.

All’inizio del mio commento alludevo a tre colori: perché il racconto di Roberto mesce, nell’alternanza delle storie parallele, almeno tre dimensioni romanzesche: quella storica, quella psicologica e … quella fantasy. Delle quali fornirò soltanto qualche cenno, rinviandovi alla lettura del romanzo per l’approfondimento.

Quanto all’ambientazione storica, “dal 1912 le isole del Dodecaneso facevano parte del Regno d’Italia, cedute dalla Turchia dopo la pace di Losanna”. E, nel secondo conflitto internazionale, anche le isole greche diventano teatro di massacri: “Era una storia dimenticata, di cui pochi parlavano, la strage di Cefalonia era più conosciuta, ma quello che accadde a Rodi non fu meno amaro”.

Sul piano psicologico, possibile che Valerio sia affetto dalla “sindrome degli antenati” ossia dalla patologia per la quale “i figli dei sopravvissuti e anche i loro nipoti nei giorni dell’anniversario di quei tragici eventi soffrivano di panico e forse ansia …”?

Quanto al fantasy, cosa sono quelle luci assassine che dal mare raggiungono gli esseri umani, per affliggerli con una malattia mortale che si manifesta in modo orribile? Custodiscono un segreto o proteggono un’isola mitica dalle profanazioni dell’uomo?

Le risposte, nel romanzo, ci sono tutte. Anche per comprendere, alla fine, che una storia come questa non deve essere scomposta nei suoi elementi, ma apprezzata per la sua unità composita …

 … Bruno Elpis

Cinque domande a Roberto Alba


roberto albaRoberto, dimmi la verità, tu sei innamorato delle isole greche e del loro mare …

Non vi è dubbio che suscitano in me un’emozione unica. Ricordano la mia isola di Sardegna e alcune tradizioni locali sono magicamente simili. Nel romanzo parlo di una pietanza che gli abitanti di Rodi chiamano “Kokoretsi” mentre nella mia terra prende il nome di “Trattalia”, ma lascio ai lettori la scoperta del suo gusto e del suo profumo.

Quando scrivo amo documentarmi. Da internet visiono di tutto, dai filmati alle foto, alle cronache locali. Poi acquisto testi sul tema. Ma un viaggio, se possibile, sarebbe stato l’ideale per respirare l’aria e vivere l’emozione dei luoghi raccontati. Purtroppo sono stato a Rodi con la fantasia, come diceva Salgari: “Scrivere è viaggiare senza la seccatura dei bagagli”. Aggiungerei che di questi tempi si risparmia pure!

Cosa ne pensi del mio riferimento a tre diverse tonalità del romanzo: quella storica, quella psicologica e quella “fantasy”?

Le ritengo appropriate, anche se in realtà sono quattro, ma procedo con ordine.

La parte storica si basa, oltre che sui resoconti ufficiali di quanto avvenne nel 1938 a Rodi e in Europa alla vigilia della guerra, anche da un libro “profetico”, pubblicato in Italia nel 1934 da Bompiani, “Scoppierà la guerra in Europa?” del premio Pulitzer H. R. Knickerbockers, un cimelio prezioso che conservo con cura. Nel libro inchiesta sono presenti tutte le interviste dei grandi della terra, inclusa quella di Mussolini, ma ne manca una: Adolf Hitler non rilasciò mai quell’intervista…

La parte psicologica del romanzo si basa su una teoria controversa e affascinante allo stesso tempo. Mi è capitato di leggere La sindrome degli antenati di Anne Ancelin Schützenberger, una ricercatrice francese che con i suoi studi ha dimostrato come eventi particolari vissuti dai nostri avi possono essere trasmessi geneticamente alle generazioni successive.

La parte fantasy si può leggere in diversi modi. Ambientare il romanzo tra le isole greche ha portato a uno studio accurato sui miti e le leggende dell’antica Grecia. E su quelle in particolare di Zeus Dio dell’Olimpo. Ne ho scelta una poco nota, ma di un fascino esaltante. Se si osserva il cielo, Sopra la stella polare, verso Nord, si possono notare due stelle che fanno parte del Grande e piccolo carro: Cynosura nell’Orsa Minore ed Elice nell’Orsa Maggiore… non vi svelo altro per non togliervi il piacere della lettura.

La quarta tonalità è la visione della realtà. È il viaggio di un uomo, il protagonista Valerio, verso una “necessaria” verità, su cosa sia l’amore e se valga la pena dedicargli la propria vita.

Tu hai esperienza, diretta o indiretta, della “sindrome degli antenati”?

Curiosa domanda. Mi son posto il problema e credo che qualcosa ci sia. Ho il ricordo di un mio antenato, un fatto vissuto durante la prima guerra mondiale, che durante il periodo natalizio tende a riaffiorare. Non è un sogno o un’allucinazione, come invece descrivo tali situazioni nel libro, ma è un pensiero triste, sofferente…

Forse è solo frutto della mia immaginazione dovuta ai troppi racconti ascoltati dai miei vecchi zii e nonni, ma è qualcosa di troppo “reale” perché possa qualificarlo in altro modo.

Poco tempo fa ho ricevuto un email da una lettrice. Durante una lezione universitaria il docente ha introdotto il tema dei ricordi trasmessi geneticamente e di quanto questo studio, ancora all’inizio, si basi su dei riscontri che non possono essere ignorati in modo semplicistico.

Uno dei massimi esperti oggi in Italia è il Prof. Maurizio Gasseau dell’Università di Torino. È interessante leggere alcuni dei suoi interventi.

Com’è nata l’idea di scrivere questo romanzo?

Volevo ricordare due persone per me speciali.

Il conte Paolo Marrone è la rappresentazione fedele sia nello spirito che nel fisico del mio amico Paolone, mentre l’amico Roberto l’ho descritto nel personaggio di Marcello e in parte in quello del dottor Giacchetti. Il romanzo inizia con una dedica non casuale: “La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.” (Gabriel Garcia Marquez)

Volevo raccontare il loro ricordo e il mio con loro: la passione per il mare e per la vita. Ma a tutto questo ho voluto aggiungere qualcosa. La seconda dedica svela in parte il mistero: “L’amore è una lotta tra cuori: si ama anche con i no; i sì, se detti spesso, sono illusioni che durano una stagione”. È una pensiero che faccio pronunciare a Luisa, personaggio fondamentale nei “ricordi” del protagonista…

Quando ho terminato il romanzo mi sono chiesto di che genere fosse. Quale strano mistero avesse partorito la mia mente. Il mondo editoriale richiede cliché precisi. I gusti dei lettori sono importanti. Ma io credo che la vita di ciascuno di noi non sia catalogabile in nessun genere preciso. La vita è Vita. La vita è avventura, amore, sesso, pace, guerra, mistero, illusione, speranza, sogni, luce, buio. La vita è un insieme di esperienze che abbracciano i nostri sensi restituendoci emozioni che vanno oltre le nostre aspettative. Il mio romanzo è la vita di Valerio, un giovane avvocato divorzista, tra il suo desiderio e la paura d’amare, tra il mistero dei suoi ricordi e le allucinazioni di un passato che è sempre presente e che ci permette di costruire il futuro: incerto, come la stessa vita insegna.

Quanto alla sua genesi, hai scritto separatamente le tre storie per poi combinarle in paragrafi alternati o hai scritto in successione i paragrafi così come li leggiamo nel romanzo?

Strano ma vero, il romanzo è nato più o meno con la struttura con cui è stato pubblicato. Ho vissuto la scrittura come un sogno. Nell’originale ogni parte è stata scritta anche con uno stile differente. Qualcuno ha mosso la mia mano?! Molto di questo sì è perduto nelle successive fasi di editing per la necessità di meglio amalgamare gli elementi del romanzo, anche se le tracce sono ben visibili. Quando l’ho scritto ero come posseduto da tre penne diverse. Come dici tu: penna d’oca, stilografica e tastiera del PC. Ma la penna d’oca è quella che più mi ha “segnato”, in un momento ho pensato che fosse tutto un ricordo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Alba

Libri dallo stesso autore

Intervista a Alba Roberto

Fratelli d'Italia... ma sarà poi vero? Perché, festeggiati i centocin-quant'anni dall'Unità d'Italia, il conflitto fra Nord e Sud pare aver superato il livello di guardia. Per Pino Aprile, pugliese doc, la storia di oggi è ancora quella di ieri. Ripercorrendo gli eventi di quella che per alcuni fu conquista, per altri liberazione, l'autore porta alla luce una serie di fatti, volutamente rimossi nella retorica dell'unificazione, che aprono una nuova, sconvolgente finestra sulla facciata del trionfalismo nazionalistico.

Terroni

Aprile Pino

Bambino del dopoguerra, Ninni cresce diviso tra due grandi mondi, quello antico e agricolo dell’Emilia diventata rossa e quello ferocemente industriale della provincia lombarda. Diviso anche tra le figure dominanti del suo piccolo mondo, la nonna, sempre e per principio dalla sua parte, il babbo, sempre e per principio contro, e la mamma che si barcamena, lo protegge ma dubita. C’è in lui infatti un lato inspiegabile, “oscuro persino, inquietante”. Ninni inoltre tartaglia e la maestra che assomiglia alla Tordella lo prende per ritardato. Da ragazzino si innamora di Milano, della città che sale, della sua forza vitale, della sua ostinazione a migliorare. Più avanti ancora, diventato ragazzo e costretto a non essere più Ninni, ma Gianni, si scoprirà trascinato da un’insaziabile curiosità, di sapere, osservare, leggere la realtà. Le sue conquiste passano attraverso l’amore per i libri, la prima colonia estiva e i primi amori, la scoperta del sesso, il rapporto libero e affettuoso con la sorella, la partecipazione politica, l’incontro fondante con alcuni maestri. Nella storia di formazione di un “ragazzo italiano” c’è la storia dell’intero Paese, il dopoguerra, la modernizzazione sia rurale che urbana, la vicenda di una generazione figlia della guerra ma capace di proiettare sogni e progetti oltre quella tragedia. Un’Italia dove la scuola è ancora un fattore di promozione sociale e il futuro ha in serbo qualcosa di importante per chi ha capacità, curiosità e sa investire su di sé. Un’Italia che forse non esiste più, ma da cui si può ancora attingere e che sicuramente vive nella memoria profonda di moltissimi italiani. Ferrari le ridà corpo e respiro, con uno stile elegante, affabile, precisissimo nella rievocazione storica, ma nondimeno emotivo, capace di far emergere dalle pagine una moltitudine di personaggi lampeggianti futuro.

Ragazzo italiano

Ferrari Gian Arturo

"Un giorno ti innamorerai, Travis. E quando succederà, combatti per il tuo amore. Non smettere di lottare. Mai". Travis Maddox è solo un bambino quando sua madre, ormai con un filo di voce, gli lascia queste ultime parole. Parole che Travis conserva come un tesoro prezioso. Adesso Travis ha vent'anni e non conosce l'amore. Conosce le donne e sa che in molte sarebbero disposte a tutto per un suo bacio. Eppure nessuna di loro ha mai conquistato il suo cuore. Provare dei sentimenti significa diventare vulnerabili. E Travis ha scelto di essere un guerriero. Finché un giorno i suoi occhi scuri non incontrano quelli grigi di Abby Abernathy. E l'armatura di ghiaccio che si è scolpito intorno al cuore si scioglie come neve al sole. Abby è diversa da tutte le ragazze con cui è sempre uscito. Cardigan abbottonato, occhi bassi, taciturna. E soprattutto apparentemente per niente interessata a lui. Ma Travis riesce a vedere dietro il suo sorriso e la sua aria innocente quello che nessuno sembra notare. Un'ombra, un segreto che Abby non riesce a rivelare a nessuno, ma che pesa come un macigno. Solo lui può aiutarla a liberarsene, solo lui possiede le armi per proteggerla. L'ultima battaglia di Travis Maddox sta per cominciare e la posta in palio è troppo importante per potervi rinunciare. Solo combattendo insieme Abby e Travis potranno dare una casa al loro cuore sempre in fuga...

Il mio disastro sei tu

McGuire Jamie

Una saga familiare che si intreccia a un capitolo poco conosciuto del nostro Novecento. Una vicenda tutta al femminile che emoziona e sorprende: inattesa, profonda, viva. "Non avevo mai pensato di scrivere della mia famiglia. Cosa c'era da raccontare? Finché non ho trovato il diario di Rosa, la mia bisnonna. E ho capito che tra quelle pagine c'era anche la storia di un popolo e di una regione, quella in cui sono nata. Una storia che in Italia conoscono in pochi e che potrebbe, invece, insegnarci molto. Rosa comincia il suo diario ai primi del Novecento, quando il Sudtirolo è territorio austriaco. È l'8 aprile 1902, il giorno del suo matrimonio con Jakob Rizzolli. Lungo la linea dei secoli e di due altre generazioni di donne ­ mia nonna Elsa, mia madre Herlinde ­ la sua eredità è arrivata fino a me".

EREDITA’

Gruber Lilli