Narrativa

L’ultimo arrivato

Balzano Marco

Descrizione: In un’epoca non troppo lontana ci si spostava dal Meridione al Nord in cerca di lavoro. E a lasciare case e famiglie non erano solo ragazzi e uomini pronti all’esperienza e alla vita, ma anche bambini, spesso di meno di dieci anni di età, che partivano da soli, senza genitori e fratelli. Questo romanzo è la storia di uno di loro, Ninetto detto Pelleossa, che da bambino abbandona la Sicilia e si reca a Milano. Come racconta lui stesso, “non è che un picciriddu piglia e parte in quattro e quattro otto. Prima mi hanno fatto venire a schifo tutte cose, ho collezionato litigate, digiuni, giornate di nervi, e solo dopo me ne sono andato via. Era la fine del ’59, avevo nove anni e uno a quell’età preferirebbe sempre il suo paese, anche se è un cesso di paese e niente affatto quello dei balocchi. Ma c’è un limite e quando la miseria ti sembra un cavallone che ti vuole ingoiare è meglio che fai la valigia e fuggi, punto e basta”. Ninetto a Milano scoprirà la vita, e se stesso, come può scoprire le cose un bambino che non capisce più se è “picciriddu” o adulto, e si trova lì nel mezzo, con gli occhi spalancati su un mondo nuovo e sorprendente e il cuore stretto dalla timidezza, dal timore, dall’emozione dell’ignoto.

Categoria: Narrativa

Editore: Sellerio

Collana: Il contesto

Anno: 2014

ISBN: 9788838932557

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Premio Campiello 2015

L’ultimo arrivato” di Marco Balzano è Ninetto, protagonista d’emigrazione infantile con un adulto compaesano nella Milano del miracolo economico (“Il lavoro, in quegli anni, e anche in quelli dopo, non mancava mai”).

Condannato dalla povertà (“Fino a nove anni ho vissuto di acciughe. Anzi di un’acciuga al giorno”) e da una situazione familiare disagiata (“Mamma mia stava ogni giorno più stordita”), Ninetto abbandona contro voglia San Cono (“Era la fine del ’59, avevo nove anni e uno a quell’età preferirebbe sempre il suo paese”), un paesino della Sicilia, dopo un inutile tentativo di aiutare i genitori (“Mio padre era diventato una corda di violino, tu lo pizzicavi e quello tirava mazzate”) con un’esperienza di lavoro minorile (“il lavoro di jurnataru”).
L’impatto con la metropoli è violento e s’imprime sulla sensibilità di un ragazzino che sognava di diventare poeta (da un dialogo con Titta, il compagno di cella: “Io da piccolo sognavo di presentare il festival di Sanremo e tu?… Io il poeta”) grazie alle sollecitazione dell’amato maestro elementare, Vincenzo.
Le esperienze lavorative si susseguono (“Contadino a San Cono, galoppino presso lavanderia di Milano che non c’è più, muratore in vari cantieri, per trentadue anni operaio presso Alfa Romeo… di Arese”) e una prematura storia d’amore viene coronata alla maniera meridionale: la fuitina con Maddalena (“Il treno che scende non è lo stesso che sale”).
Poi Ninetto commette un errore imperdonabile (“Non ci sono storie, a rovinarmi è sempre stata la gelosia. Fin da picciriddu”), che lo condanna prima al carcere (“Questa è la cella numero 44”), poi alla terapia psicologica (“I nonni possono riscattare coi nipoti gli errori fatti con i figli, vero dottoressa?”), infine ad atteggiamenti border line (“L’unica cosa che faccio è stare sulle panchine di Milano”) e alla rincorsa della perduta serenità familiare.

Il romanzo è emotivamente coinvolgente, sia per le dinamiche interiori che scatena sia per l’attenzione riservata a fenomeni sociali – mutatis mutandis – di drammatica attualità, quali l’emigrazione e il caporalato (“Per ottenere quel posto, poi, aveva dovuto pagare un caporale di cooperativa, tutti ladri approfittatori degli emigranti”).
Lo stile del milanese Marco Balzano (“Io a quelle parole mi gonfio tutto. Non come un pavone, proprio come una mongolfiera”) è credibilmente attagliato al profilo del protagonista (“Amici veri mi sa che si può essere solo da picciriddi, quando si è puliti dentro e non si fanno calcoli di interesse né altre oscenità”), siciliano, bambino prima, uomo semplice ma sensibile poi (“Pensavo che il signor Pascoli e gli altri poeti erano più fortunati perché riuscivano a innamorarsi anche della natura e non solo degli uomini”)…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 2 commenti )

Premio Volponi 2015 a Marco Balzano – i-LIBRI

[…] il nostro commento a “L’ultimo arrivato” http://www.i-libri.com/libri/lultimo-arrivato/ […]

Intervista a Marco Balzano, vincitore del Premio Campiello 2105 – i-LIBRI

[…] – Nella postfazione a “L’ultimo arrivato”  confessi che l’opera è scaturita anche da una serie di interviste a immigrati dal sud nel […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Balzano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Balzano Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In una terra selvaggia e primordiale, ammantata di storia e superstizione, un vomere traccia il solco di una città: nessuno immagina che è appena nata Roma, la Città Eterna. La storia dietro quell'attimo fatale è però molto diversa dalla leggenda che tutti conosciamo, perché avviene in un tempo di fame, freddo e carestie, dove la sopravvivenza è spesso sinonimo di sopraffazione. E la lupa non è affatto quella che i miti ci hanno tramandato. Perché la fondazione di Roma è un'avventura cruda e disperata, un'epopea di resilienza, un solco di sangue tracciato nel nostro passato che racconta la sfida primordiale fra due gemelli consacrati dagli dèi, e il suo doloroso esito, che ne ha proclamato il vincitore: Romolo, il bambino sopravvissuto alla morte, il ragazzo che ha combattuto nel fango e nel dolore, l'uomo che per realizzare il suo sogno ha piegato un mondo ostile, brutale e dominato dalla violenza, dando così inizio alla più gloriosa potenza antica che la storia ricordi. Romolo, il primo re.

Romolo

Forte Franco

I fantasmi

2010, Baia di Hudson. Allyson Gordon è una giovane ragazza di diciannove anni che vive a Churchill, un freddo e misterioso paesino di appena tremila abitanti nel Nord del Canada.Quando, in circostanze del tutto misteriose, conoscerà un giovane ragazzo indiano di nome Adahy e il suo amico Sewati, la sua vita cambierà inesorabilmente. Ben presto Allyson capirà il legame antico che unisce Adahy alla sua famiglia, scoprendo la verità sulle morti premature dei suoi antenati e di suo padre. Con l'aiuto dell'amico indiano Sewati dovrà cercare di salvare se stessa dalla medesima fine&Di origini abruzzesi, Lucilla Leone nasce a Roma nel 1975, dove risiede tuttora con il marito e i due figli. La passione per la scrittura la accompagna sin dai tempi delle Scuole Superiori.

Indio

Leone Lucilla

Nel dicembre 1988, un violentissimo terremoto colpì la Repubblica Armena. Una intera regione fu rasa al suolo. Leggere questo testo porta a riflettere sull’entità incalcolabile delle catastrofi così lontane da noi spazialmente ed emotivamente, a considerare i popoli altri non come una massa indistinta, ma come un insieme di volti e di voci. Gli eventi di quei lunghi mesi hanno cambiato per sempre il corso della vita di molti protagonisti, mentre il mondo intorno a loro era in profonda trasformazione. Questa è la storia di una rinascita. Quest’opera è finalista al concorso letterario “Mangiaparole” (2012) e vincitrice della XI edizione del premio letterario diaristico “La Lanterna Bianca” (2012).

IL LUNGO INVERNO DI SPITAK

Simonelli Mario Massimo