Saggi

L’ultimo dei Gucci

Pergolini Angelo, Tortorella Maurizio

Descrizione: Una famiglia al vetriolo, emblema della moda made in Italy nel mondo, che ha bruciato sé stessa e un'immensa fortuna, insieme al suo ultimo erede, Maurizio: questi sono i Gucci. I protagonisti sono più che noti, e sebbene la giustizia abbia avuto le sue risposte individuando in Patrizia Reggiani, l'ambiziosa e avida ex moglie dell'imprenditore, la mandante dell'omicidio, i moventi superano i confini nazionali, entrano nella storia della casa di moda, e coinvolgono tutto l'entourage della celebre maison. Stilisti, imprenditori, finanzieri sfilano tutti sulla passerella di questo avvincente libro inchiesta, che porta sotto i riflettori il lusso estremo e inaccessibile dei protagonisti della "Milano da bere". Frutto di numerosi anni di lavoro da parte dei due giornalisti Maurizio Tortorella e Angelo Pergolini, questo libro è la ricostruzione più completa e particolareggiata di uno dei misteri di cronaca nera più intricati degli ultimi decenni, l'omicidio che pose la parola fine alla dinastia Gucci. Un testo che è stato fondamentale per tutti gli autori che hanno voluto raccontare questa vicenda, il lato oscuro delle vite patinate dei Gucci, con un aggiornamento imperdibile sui retroscena di uno degli omicidi più chiacchierati degli ultimi anni.

Categoria: Saggi

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Collana:

Anno: 2021

ISBN: 9788831806015

Trama

Le Vostre recensioni

L’ultimo dei Gucci – Una storia di soldi, avidità e lusso sfrenato di Angelo Pergolini e Maurizio Tortorella

Questo libro inchiesta è la storia della famiglia più celebre della moda italiana e scandaglia il rapporto tra Maurizio, erede della maison fiorentina, e Patrizia Reggiani, la moglie condannata come mandante del delitto.

Mentre al cinema potremo vedere Lady Gaga nei panni di Patrizia Reggiani al fianco di Adam Driver che interpreta Maurizio Gucci, tra le novità della collana BUR Rizzoli ecco la nuova edizione del libro inchiesta di Maurizio Tortorella e Angelo Pergolini, una lettura che penetra i segreti della famiglia simbolo dell’alta moda italiana nel mondo, i Gucci, che hanno distrutto il patrimonio per risorgere come marchio sotto la guida artistica di Alessandro Michele.

Il libro è il risultato di anni di lavoro dei due giornalisti ed è la ricostruzione meticolosa e particolareggiata di uno dei fatti più clamorosi della cronaca nera, l’omicidio di Maurizio Gucci.  La giustizia ha condannato Patrizia Reggiani, ambiziosa e avida ex moglie dell’imprenditore, come mandante dell’omicidio, individuando nella gelosia uno dei moventi del delitto.

L’ambientazione è la “Milano da bere” degli anni Ottanta con stilisti, imprenditori, finanzieri che vivono nel lusso.

Maurizio incontra Patrizia a una festa: i suoi occhi violetti ricordano quelli di Liz Taylor. Lei non si lascia sfuggire l’occasione per accedere al mondo che Maurizio rappresenta.
Il libro scava nelle vite dei coniugi protagonisti del delitto. Maurizio, orfano di mamma a sei anni, è timido e cresciuto all’ombra del papà Rodolfo, che in gioventù aveva coltivato il sogno del cinema. Patrizia è figlia di una inserviente che ha sposato un facoltoso uomo d’affari, che successivamente l’aveva adottata: ha il profilo dell’arrampicatrice sociale.

Il matrimonio tra Patrizia e Maurizio scorre tra viaggi, proprietà, lussi che la moglie chiede e il marito concede. Intanto Patrizia si circonda di cartomanti, veggenti e sensitive, a una delle quali si lega in modo particolare.

Maurizio diventa presidente di Gucci dopo la morte del padre, nel 1983, e si allontana progressivamente. I rapporti si fanno sempre più tesi, fino alla separazione nel 1985, comunicata alla Reggiani con un bigliettino recapitato attraverso un collaboratore: “Signora, il dottor Gucci le fa sapere che non intende tornare più a casa. Mai più”.
Maurizio trascorre tre anni di battaglie giudiziari. Colpi di scena, nuovi amori, complotti e tradimenti si avvicendano fino al delitto, che viene ascritto a Patrizia…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tortorella

Angelo,

Pergolini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pergolini Angelo, Tortorella Maurizio

Ciò che fa di Edgardo Franzosini uno scrittore diverso da qualsiasi altro è la sua capacità di raccontarci storie vere di personaggi che sembrano inventati, per quanto sono fuori del comune. Qui, ancora una volta, con quella visionarietà e quella levità che sono soltanto sue, percorre la breve, singolare esistenza dello scultore Rembrandt Bugatti (fratello del fondatore della casa automobilistica), divenuto celebre negli anni Dieci del Novecento per i suoi bronzi raffiguranti elefanti, pantere e leoni; un uomo che con gli animali visse in una sorta di struggente empatia, tanto da subire un vero trauma quando, allo scoppio della Grande Guerra, tutti quelli ospitati nello zoo di Anversa furono sterminati in via preventiva.

Questa vita tuttavia mi pesa molto

Franzosini Edgardo

Alla vigilia della morte, stendendo l’elenco delle sue opere sul retro del quaderno di “Suite francese”, accanto al “Vino della solitudine” l’autrice scriveva: «Di Irène Némirovsky per Irène Némirovsky». Non sarà difficile, in effetti, riconoscere nella piccola Hélène – che all’inizio del romanzo siede a tavola dritta e composta per evitare gli aspri rimproveri della madre – la stessa Irène; e nella bella donna dall’aria annoiata – che a cena sfoglia le riviste di moda appena arrivate da Parigi in quella lontana provincia dell’Impero russo, che si occupa di sé e del giovane amante ignorando la figlia – quella Fanny Némirovsky, che ha fatto dell’infanzia di Irène un deserto senza amore. Hélène detesta la madre con tutte le sue forze («doveva baciare quel volto odioso ... posare la sua bocca su quella guancia che avrebbe voluto lacerare con le unghie»), al punto da sostituirne il nome, nelle preghiere serali, con quello dell’amata istitutrice («con una vaga speranza omicida»). Verrà un giorno, però, in cui la madre sarà vecchia, ed Hélène avrà diciott’anni: accadrà a Parigi, dove la famiglia si è stabilita dopo la guerra (che ha consentito al padre di accumulare un’immensa ricchezza) e la rivoluzione d’Ottobre (in cui hanno rischiato di perdere ogni cosa) e la fuga attraverso le vaste pianure gelate della Finlandia, durante la quale l’adolescente ha avuto per la prima volta «la consapevolezza del suo potere di donna». Sembra giunto il momento della vendetta: «Aspetta e vedrai! Ti farò piangere come tu hai fatto piangere me!». Ma quando Hélène scoprirà in sé lo stesso demone che abita la madre – quello «della civetteria, della crudeltà, del piacere di giocare con l’amore di un uomo» –, si allontanerà, scegliendo una vita diversa: «Sono sola, ma la mia solitudine è amara e inebriante». Se è vero che da un’infanzia infelice non si guarisce mai, pochi hanno saputo raccontare quell’infelicità come Irène Némirovsky.

Il vino della solitudine

Némirovsky Irène

La letteratura americana negli ultimi anni ci ha abituato a serial killer colti e sofisticati, anime mostruose chiuse dentro involucri corporei insospettabili, addirittura eleganti. Ci ha abituato ad assassini capaci di dissertare sull'eterno conflitto tra Bene e Male e a vittime incapaci di far fronte al carnefice non solo sul piano fisico ma anche su quello metafisico. Cormac McCarthy ci sorprende ancora una volta raccontando con un sogghigno il trionfo assoluto del Male. Piú simile ai personaggi del Caldwell di La via del tabacco che non a quelli di Faulkner, Lester Ballard, il protagonista di questo romanzo, è uno dei tanti «poveri bianchi» che popolano le catapecchie e i cortili del Sud rurale, le campagne fuori del tempo dove la Storia è scandita dai linciaggi e dalle pubbliche impiccagioni, dove la promiscuità e l'incesto sono la regola, dove la miseria e l'abiezione rendono incongrua, quasi surreale, la sporadica comparsa di un'aula di tribunale o di una stanza di ospedale. Nello spazio di una breve gelida stagione, Ballard, il contadino solitario, amante della caccia e del whisky fatto in casa, si trasforma in un animale da preda: da feticista a stupratore, ad assassino, a necrofilo. Le scorribande sempre piú sanguinose di questo serial killer controcorrente hanno come cornice la natura violenta e il paesaggio incantato delle montagne del Tennessee, e a commentarle è un coro di personaggi che, come sempre, attinge a quel museo degli orrori che è l'immaginazione di uno scrittore peraltro capace di insospettate, improvvise delicatezze.

FIGLIO DI DIO

McCarthy Cormac

Per la prima volta la storia degli anni di piombo narrata in prima persona dai veri protagonisti, i terroristi neri e rossi che hanno fatto la scelta della lotta armata. Dalla contestazione del '68 allo stragismo, dalla nascita delle BR al sequestro Moro, tutti gli episodi più tragici di un'epoca che ha straziato la coscienza del nostro paese. Un'inchiesta senza pari per complessità e proporzioni, condotta da uno dei grandi nomi del giornalismo televisivo italiano.

La notte della repubblica

Zavoli Sergio