Saggi

L’ultimo dei Gucci

Pergolini Angelo, Tortorella Maurizio

Descrizione: Una famiglia al vetriolo, emblema della moda made in Italy nel mondo, che ha bruciato sé stessa e un'immensa fortuna, insieme al suo ultimo erede, Maurizio: questi sono i Gucci. I protagonisti sono più che noti, e sebbene la giustizia abbia avuto le sue risposte individuando in Patrizia Reggiani, l'ambiziosa e avida ex moglie dell'imprenditore, la mandante dell'omicidio, i moventi superano i confini nazionali, entrano nella storia della casa di moda, e coinvolgono tutto l'entourage della celebre maison. Stilisti, imprenditori, finanzieri sfilano tutti sulla passerella di questo avvincente libro inchiesta, che porta sotto i riflettori il lusso estremo e inaccessibile dei protagonisti della "Milano da bere". Frutto di numerosi anni di lavoro da parte dei due giornalisti Maurizio Tortorella e Angelo Pergolini, questo libro è la ricostruzione più completa e particolareggiata di uno dei misteri di cronaca nera più intricati degli ultimi decenni, l'omicidio che pose la parola fine alla dinastia Gucci. Un testo che è stato fondamentale per tutti gli autori che hanno voluto raccontare questa vicenda, il lato oscuro delle vite patinate dei Gucci, con un aggiornamento imperdibile sui retroscena di uno degli omicidi più chiacchierati degli ultimi anni.

Categoria: Saggi

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Collana:

Anno: 2021

ISBN: 9788831806015

Trama

Le Vostre recensioni

L’ultimo dei Gucci – Una storia di soldi, avidità e lusso sfrenato di Angelo Pergolini e Maurizio Tortorella

Questo libro inchiesta è la storia della famiglia più celebre della moda italiana e scandaglia il rapporto tra Maurizio, erede della maison fiorentina, e Patrizia Reggiani, la moglie condannata come mandante del delitto.

Mentre al cinema potremo vedere Lady Gaga nei panni di Patrizia Reggiani al fianco di Adam Driver che interpreta Maurizio Gucci, tra le novità della collana BUR Rizzoli ecco la nuova edizione del libro inchiesta di Maurizio Tortorella e Angelo Pergolini, una lettura che penetra i segreti della famiglia simbolo dell’alta moda italiana nel mondo, i Gucci, che hanno distrutto il patrimonio per risorgere come marchio sotto la guida artistica di Alessandro Michele.

Il libro è il risultato di anni di lavoro dei due giornalisti ed è la ricostruzione meticolosa e particolareggiata di uno dei fatti più clamorosi della cronaca nera, l’omicidio di Maurizio Gucci.  La giustizia ha condannato Patrizia Reggiani, ambiziosa e avida ex moglie dell’imprenditore, come mandante dell’omicidio, individuando nella gelosia uno dei moventi del delitto.

L’ambientazione è la “Milano da bere” degli anni Ottanta con stilisti, imprenditori, finanzieri che vivono nel lusso.

Maurizio incontra Patrizia a una festa: i suoi occhi violetti ricordano quelli di Liz Taylor. Lei non si lascia sfuggire l’occasione per accedere al mondo che Maurizio rappresenta.
Il libro scava nelle vite dei coniugi protagonisti del delitto. Maurizio, orfano di mamma a sei anni, è timido e cresciuto all’ombra del papà Rodolfo, che in gioventù aveva coltivato il sogno del cinema. Patrizia è figlia di una inserviente che ha sposato un facoltoso uomo d’affari, che successivamente l’aveva adottata: ha il profilo dell’arrampicatrice sociale.

Il matrimonio tra Patrizia e Maurizio scorre tra viaggi, proprietà, lussi che la moglie chiede e il marito concede. Intanto Patrizia si circonda di cartomanti, veggenti e sensitive, a una delle quali si lega in modo particolare.

Maurizio diventa presidente di Gucci dopo la morte del padre, nel 1983, e si allontana progressivamente. I rapporti si fanno sempre più tesi, fino alla separazione nel 1985, comunicata alla Reggiani con un bigliettino recapitato attraverso un collaboratore: “Signora, il dottor Gucci le fa sapere che non intende tornare più a casa. Mai più”.
Maurizio trascorre tre anni di battaglie giudiziari. Colpi di scena, nuovi amori, complotti e tradimenti si avvicendano fino al delitto, che viene ascritto a Patrizia…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tortorella

Angelo,

Pergolini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pergolini Angelo, Tortorella Maurizio

Un amore che scompare, silenzioso come la nebbia sul lago di Léman, un'avventura umana che si accende come il sole che albeggia sul deserto del Wadi Rum. Un ingegnere nucleare che perde la strada e una guida giordana che la ritrova. Un protagonista che si muove fra le diverse latitudini del sentimento umano, alla ricerca di qualcosa che ha perso e forse vale la pena ritrovare. Sul filo teso tra prologo ed epilogo - due storie di devozione che non potrebbero essere più diverse - un intrico di sante, vergini, serpi e cani. Sogni, ricordi e racconti evocano le tragedie del secolo passato e di quello presente, tragedie che né un lago né un deserto possono davvero contenere.

La sabbia di Léman

Sorrentino Carmine

Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono ha incontrato una personalità indimenticabile: un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che provava piacere a vivere lentamente, con le pecore e il cane. Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine nella quale viveva, quest'uomo stava compiendo una grande azione, un'impresa che avrebbe cambiato la faccia della sua terra e la vita delle generazioni future. Una parabola sul rapporto uomo-natura, una storia esemplare che racconta "come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione". Età di lettura: da 10 anni.

L’uomo che piantava gli alberi

Giono Jean

Marina ha vent'anni e una bellezza assoluta. È cresciuta inseguendo l'affetto di suo padre, perduto sulla strada dei casinò e delle belle donne, e di una madre troppo giovane e fragile. Per questo dalla vita pretende un risarcimento, che significa lasciare la Valle Cervo, andare in città e prendersi tutto: la fama, il denaro, avere il mondo ai suoi piedi. Un sogno da raggiungere subito e con ostinazione. La stessa ostinazione di Andrea, che lavora part time in una biblioteca e vive all’ombra del fratello emigrato in America, ma che ha un progetto folle e coraggioso in cui nessuno sembra disposto a credere, neppure suo padre, il granitico ex sindaco di Biella. Per lui la sfida è tornare dove ha cominciato il nonno tanti anni prima, risalire la montagna, ripartire dalle origini. Marina e Andrea si attraggono e respingono come magneti, bruciano di un amore che vuole essere per sempre. Marina ha la voce di una dea, canta e balla nei centri commerciali trasformandoli in discoteche, si muove davanti alle telecamere con destrezza animale. Andrea sceglie invece di lavorare con le mani, di vivere secondo i ritmi antichi delle stagioni. Loro due, insieme, sono la scintilla. Se con Acciaio Silvia Avallone aveva anticipato la fine di un benessere che credevamo inesauribile, con questo romanzo ci dice che il destino non è già segnato e che la vera rivoluzione sta nel rimanere, nel riappropriarci della nostra terra senza arretrare di un passo perché, anche se scalzi, furiosi e affamati, ce la faremo. Le regole del gioco sono cambiate quando i padri hanno divorato il futuro dei loro figli. Da oggi siamo tutti figli. Siamo tutti luci al neon e campi da arare. Siamo tutti Marina Bellezza.

Marina bellezza

Avallone Silvia

In un punto preciso dello spaziotempo Raffaele, satiro irrequieto, inciampa da una storia all'altra in cerca di successo e Fabio, misantropo nerd, insegue se stesso e la fortuna in un agone digitale di improbabili social. L'incrocio sbilenco delle loro vite innesca un romanzo selvaggio, labirintico, possente. Cometa è l'epopea disastrata, erotica e lisergica degli eroi senza motivo. Archetipi di una generazione fuori fuoco, il cui centro è dappertutto ma sempre altrove. L'odissea senza approdo di una stirpe di eletti a niente che cavalca il progresso come una pulce su un cavallo imbizzarrito, traghettata da sogni frenetici e deliri tecnologici. Gregorio Magini celebra il dispiegarsi incerto dell'epoca che viviamo e approda a una visione del futuro a cui tutti, volenti o impotenti, siamo destinati.

Cometa

Magini Gregorio