Giallo - thriller - noir

L’ultimo respiro della notte

Pastori Ferdinando

Descrizione: "Piove merda dal cielo. Gocce pesanti che, cariche di sabbia proveniente dalle sponde africane del Mediterraneo, esplodono sul parabrezza. La notte è incazzata. Fredda e buia. Il ritmo dei tergicristalli eccessivo e fastidioso". Fosco vive a Ibiza, ha reciso ogni legame con il passato. "La vocina che ti parla da dentro, che ti consiglia di muoverti con cautela, si fa più insistente. Se avesse anche un volto, ti lancerebbe un'occhiata colma di disapprovazione. Resta fiori dai guai, dice. Troppo tardi, rispondi". Uno sparo sordo nella notte. Fosco oggi non è più un poliziotto, convive con un proiettile incastrato nella testa, con i flash back dei ricordi e poche certezze. Tornerà a Milano dopo una sconvolgente telefonata e sarà costretto a indagare sulla morte sospetta di uno dei suoi migliori amici. Interpretando suo malgrado il ruolo dello sfidante in un gioco perverso e pericoloso.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Edizioni Clandestine

Collana: Narrativa

Anno: 2019

ISBN: 9788865968963

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

L’ultimo respiro della notte spira da Fosco Pacelli, protagonista dell’ultimo romanzo di Ferdinando Pastori, una penna originale che scrive con inchiostro noir di fabbricazione milanese.

Fosco ha un passato in polizia, interrotto da un grave incidente di percorso (“Come si vive con una pallottola in testa?”), che gli procura una menomazione permanente (“Emicrania, attacchi epilettici. Allucinazioni, visioni e percezioni sensoriali che nulla hanno a che vedere con la realtà oggettiva…”) e un deficit di memoria (“La perdita di memoria non è selettiva”). Si è rifugiato con i suoi problemi (“Incastrato nel lobo temporale destro… il proiettile…”) e con le sue amnesie nella quiete mediterranea di Ibiza, ma da lì viene richiamato da Maurizio, un  avvocato che gli annuncia la morte del terzo amico (“Edoardo è morto… Overdose. Cocaina tagliata con eroina e atropina”).

Il richiamo dell’amicizia è più potente di ogni inibizione: Fosco ritorna a Milano e sfida l’ambiente della questura – ove ritrova Estelle, un antico amore finito chissà come (“Non mi ha detto chi è stato, dei due, a dire la parola fine”) –  perché non crede alla versione ufficiale della morte di Edoardo (“Edoardo era un giornalista d’inchiesta e aveva messo le mani su qualcosa di grosso”). La perquisizione privata della casa dell’amico tragicamente scomparso conferma i sospetti (“Edoardo è morto… ma non ha fatto tutto da solo”): dall’appartamento sono sparite le moleskine ove Edoardo annotava puntigliosamente le sue ricerche. Viene inoltre ritrovata una sim che – decriptata  da un hacker cinese – svela fotografie che indicano nuove vie d’indagine.

Lo sviluppo della vicenda vira (“Edoardo stava indagando su qualcosa di grosso”) anche grazie al contributo del detective Fabio Paleari, una vecchia conoscenza per chi abbia letto i precedenti romanzi dello scrittore di Galliate: mentre il numero dei morti sale con il ritrovamento dei cadaveri del pusher e della ragazza che compare su una foto, il caso s’interseca con quello del serial killer delle prostitute (“Prima la morte di Edoardo e il ritorno a Milano. Poi l’incontro con Estelle e tutto ciò che ne è conseguito. Infine, l’assassino di prostitute che ti ha coinvolto in un gioco assurdo e senza via d’uscita”)…

L’ambientazione milanese (“In questa città… è tutto così maledettamente complicato”… “Corso Buenos Aires è una striscia di luci”) e metropolitana (“Una città dentro la città. Che non è diversa solo nei colori e nei volti, ma anche nei giochi di luce e ombre. Nei profumi. Ci sono anche le lanterne, mancano solo i draghi… i sinogrammi…”), il ritmo sincopato della narrazione (“Senti. La gola stringersi a ogni respiro”), la descrizione spasmodica, ossessiva e quasi entomologica, dei gesti e dei moti psicologici (“Stai per perdere conoscenza… e ti lasci portare via dall’ultimo respiro della notte”), l’umorismo provocatorio (“Ti domandi dopo quanti messaggi si entra di diritto nella categoria degli stalker”) ed estemporaneo (“Adamo aveva l’ombelico?”), alcuni passaggi volutamente brutali (“Ti ha tagliato un dito… e non ricrescerà come le code delle lucertole”) e alcune scene di sesso esplicito sono gli ingredienti che connotano in modo inconfondibile questa scrittura, particolarmente consigliata agli amanti del genere che stimola la fantasia di Ferdinando Pastori.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ferdinando

Pastori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pastori Ferdinando

"Io sono per il finale aperto. Diciamo che sono uno strenuo difensore dei puntini sospensivi. [...] Sono perle predisposte a diventare girocollo e ruota panoramica da Luna Park quando gli scrittori si incontrano nello stesso libro, anche se alcune storie puzzano di zolfo prevale l'essenza di zucchero filato. Un'essenza che passando per le narici arriva 'dritto al cuore'. [...] Puntini sospensivi non sono solo canzonette questi racconti. Se scrivi solo di 'testa' ti può venire un'emicrania, se scrivi di 'pancia' rischi la pancreatite, se scrivi di 'cuore' hai un fine, non una fine." (dalla prefazione di Andrea G. Pinketts) "Molti potranno pensare che sia di cattivo gusto pubblicare racconti di morti, delitti e misteri a favore dei bambini, ma abbiamo voluto indirizzare l'antologia non a chi conosce e vive l'Ospedale Bambino Gesù, ma ai lettori accaniti di un genere che non ha età. Non ci interessa che siano i genitori dei supereroi ad acquistare una copia di Dritto al Cu ore, ma speriamo che siano soprattutto i lettori che non hanno idea di cosa significhi vivere mesi e anni nell'attesa che la medicina risponda a silenziose domande di speranza." (dall'introduzione di Sira Terramano)

Dritto al cuore

Autori vari

LA NAUSEA

Sartre Jean-Paul

Con la protervia della bellezza giovane, Chéri, ragazzo «coi capelli dai riflessi blu come le penne dei merli», irrompe nella vita di Léa, donna leggera e sapiente - ma nel triangolo amoroso apparirà il rivale più temibile: il Tempo, corruttore di corpi. L'autunnale opulenza di lei e l'acerbo smalto di lui vengono spiati, attimo dopo attimo, da un occhio a cui nulla sfugge, talché la vicenda, scandita dalle scene di una magistrale commedia demi-mondaine, diventa la cronaca della catastrofe di Léa, dove il sentimento è delicatamente avvolto nella fisiologia e brama di sprofondare «in quell'abisso da cui l'amore risale pallido, taciturno e pieno del rimpianto della morte». Quanto a Chéri, giunto all'acme della sua esistenza di 'bello' dinanzi a cui le donne si inchinano, percepisce una vaga inquietudine: «Non distingueva i punti precisi in cui il tempo, con tocchi impercettibili, segna su un bel viso l'ora della perfezione e poi quella di una bellezza più evidente, che annuncia già la maestà di un declino». E quel declinomaestoso vivremo nella Fine di Chéri, dove la punta avvelenata della storia del giovane emerge con fredda chiarezza dalla prosa avvolgente, atmosferica, precisa di Colette.

Chéri – La fine di Chéri

Colette

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO