Giallo - thriller - noir

Luna di miele

Scerbanenco Giorgio

Descrizione: Un sacerdote assiste alla sanguinosa fine di un matrimonio: Lena, esile ma intimamente feroce, si fa sposare con l’inganno da Alberto, che è innamorato di un’altra donna, Eva. Dopo anni di umiliazioni, Alberto uccide Lena e corre da Eva. Il sacerdote sospetta qualcosa e segue i due amanti nel loro viaggio disperato di albergo in albergo, (la loro luna di miele), sperando di riuscire in qualche modo a salvarli. Ma i due, sempre più immersi in un rapporto morboso, sensuale e rovente, sono inseguiti dal fantasma di Lena. Un romanzo psicologico che racconta “il male che nasce in due anime buone”.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: La nave di Teseo

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788893446921

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel triangolo tra Alberto, la moglie Lena e l’amante Eva, il vero protagonista di Luna di miele di Giorgio Scerbanenco è… Don Paolo (“Ormai ho rinunziato a lottare con il demone che è in me”).

Il prete conosce bene la storia: ha raccolto le confidenze di Lena (“La piccola Lena… sembrava una preda a fianco dell’orco che l’avrebbe mangiata”), è parroco nel paese di Eva, conosce Alberto (“Alberto non poteva addormentarsi con la luce spenta”) e sa che lui stesso è una vittima (“Alberto le rubava i denari dalla borsetta per comprarsi le sigarette”). Intuisce che questi sta commettendo un delitto, esasperato dal rapporto coniugale (“Lena mi raccontava di Alberto, che la desiderava tutte le sere, e di lei che era stanca, nauseata, irritata da quell’atto”) e infiammato dall’amore per Eva.

Così, quando verifica che l’uxoricidio è stato compiuto (“Era una semplice questione meccanica: bisognava stringere finché la voce non si fosse più udita, non lo avesse più ferito”), segue i due amanti, che si rifugiano in un albergo per la loro scellerata Luna di miele (“Anche se quello stare insieme di Eva e Alberto poteva sembrare una luna di miele, io dovevo sapere che era già un inferno. Luna di miele all’inferno, era la verità”).

Don Paolo lotta con la sua stessa fede (“Non pregare per la loro salvezza, prega per la tua, perché stai perdendoti, silenzioso complice dei loro delitti”), vorrebbe poter aiutare i due complici (“La donna è la radice, la matrice ferma, la stabilità che cresce dentro di sé le nuove vite. L’uomo è il seme portato dal vento, il bioccolo di perlargonia che vola al minimo soffio, l’instabilità che semina vagando”), ma è assalito da mille dubbi, assiste per lo più muto (“Allora discesi anch’io, loro ombra”) al consumarsi di una relazione che non ha futuro di fronte a una strategia che è un vicolo cieco (“Nonostante tutto quello che soffrivo, mi era impossibile fermare l’immaginazione che continuava inesausta nel suo lavoro”).

Alla fine, Don Paolo pronuncia il suo verdetto (“Dunque, tre colpevoli. Signore… La vittima è la bambina: Lucia”).

I romanzi di Scerbanenco hanno una grazia narrativa che preserva il noir dalla degenerazione e si snodano in un’architettura armoniosa che abbina fatti raccontati e profilo psicologico.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Scerbanenco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scerbanenco Giorgio

S'innamorano di una sagoma di cartone o di un pretoriano in miniatura, odiano i bambini pur portandoseli in grembo, lasciano una donna ma ne restano imprigionati, vomitano amore e rabbia, si tagliano, tradiscono, si ammalano. Sono alcuni dei personaggi del nuovo, strabiliante libro di Michela Murgia…

Tre ciotole

Murgia Michela

È come se portasse il destino nel nome, Signorina: suo padre, capostazione in un piccolo paese di provincia, l'ha chiamata così ispirandosi al soprannome di una locomotiva di straordinaria eleganza. E creare eleganza, grazia, bellezza è il suo talento. Un giorno dal treno sbuca un omino con gli occhi a mandorla e, con pochi semplici gesti, crea un vestitino di carta per la sua bambola. L'omino scompare, ma le lascia un dono, un dono che lei scoprirà di possedere solo quando una sarta assisterà a una delle sue creazioni. Potrebbe essere l'atto di nascita di una grande stilista, ma ci sono il fascismo, la povertà e gli scontri in famiglia, le responsabilità, i divieti e poi la guerra... e Signorina poco a poco rinuncia a parti di se stessa, a desideri e aspirazioni, soffocando anche la propria femminilità, con una generosità istintiva e assoluta. E quando infine anche lei, quasi all'improvviso, si scopre donna e conosce l'amore, il sogno dura comunque troppo poco, sopraffatto da nuovi doveri e nuove fatiche, e dalla prova più difficile: un figlio nato troppo presto e nato malato, costretto a "succhiare aria" intorno a sé come un ciclista in salita. Nonostante i binari della ferrovia siano ormai lontani e la giovinezza lasci il posto a una maturità venata di nostalgia, ancora una volta Signorina sfodera il suo coraggio e la sua determinazione al bene e lotta per far nascere suo figlio una seconda volta, forte e capace di respirare da solo. Solo alla fine, nell'attimo esatto in cui la lotta cede il passo alla quiete, quel figlio nato due volte si renderà conto che l'amore coraggioso, quello di una donna e di una madre come Signorina, porta nel suo stesso corpo le ferite e i graffi del tempo... L'amore graffia il mondo è il ritratto appassionante di una donna più forte delle proprie fragilità e del vento della storia: una figura indimenticabile, unica, eppure sorella delle tante donne che ogni giorno come guerriere silenziose rinunciano a se stesse per abnegazione e per amore. Ma - come Il dolore perfetto, con cui Riccarelli ha vinto il premio Strega nel 2004 - questo romanzo è anche la saga di una grande famiglia, con una galleria di personaggi severi o meschini, inermi o tenaci che rimangono incisi nella memoria perché appartengono a un tempo perduto. È la storia dell'amore più assoluto e viscerale, quello tra madre e figlio, e della speranza più visionaria. Ed è la celebrazione della forza dell'immaginazione: quella di una donna capace di trarre un abito dalle pieghe di un foglio di carta, perché bastano pochi semplici gesti per vestire di bellezza il mondo.

L’AMORE GRAFFIA IL MONDO

Riccarelli Ugo

Due donne, due età, due mondi: dalle loro distanze nasce l'incontro sofferto, ironico, triste e gioioso tra Ginevra e N., l'adolescente somala a cui ha offerto un nido provvisorio. Nella luce di questa "penultima illusione", Ginevra Bompiani rivive e ci fa rivivere una vita impulsiva e divergente, al centro della storia culturale e politica italiana ed europea. Non cìè mai un ragionamento dietro le mie azioni, le mie svolte, le mie mutazioni. C'è l'intuizione, l'evidenza, l'illusione. Ginevra Bompiani ha attraversato il Novecento da trottatore, all'insegna della cultura e dell'impegno sociale. La incontriamo nelle prime pagine insieme a N., adolescente somala di cui è tutrice legale, con cui trascorre «giorni ciarlieri» e «altri che aprono una piccola voragine nel suo passato e nel mio presente». Nel loro dialogo, fatto più di gesti e sensazioni che di parole, Ginevra Bompiani torna spesso con il pensiero al proprio passato: l'essere figlia di uno dei principali editori italiani, l'infanzia tra Milano e Vigevano, la guerra e una pace da scoprire. Tra i viaggi e le amicizie, si incontrano Umberto Eco, Italo Calvino, Elsa Morante, Giorgio Manganelli, Giorgio Agamben – per citare solamente alcuni –, si partecipa alla fondazione di una casa editrice, alla costruzione e ricostruzione di biblioteche a Sarajevo e nell'Africa subsahariana, alle tante battaglie, vinte e perse, che segnano fino a oggi il cammino dell'autrice. Mentre la pandemia tiene in scacco il mondo, Ginevra vuole aiutare N. a trovare una strada che le apra quell'orizzonte che si è subitaneamente richiuso. Questa proiezione verso un futuro da inventare le permette di guardare al passato senza provare né rimorsi né rimpianti, in equilibrio tra chi si poteva essere e chi si è effettivamente stati. Sempre alla ricerca della prossima illusione. «E chissà che tutta la vita non sia davvero così, un accavallarsi confuso di immaginazione e memoria, e questo velo di Maya si stenda sulla nostra esperienza del mondo vivo.»

La penultima illusione

Bompiani Ginevra

Boston, 1975. In un quartiere popolare della città tre ragazzini – Sean, Jimmy e Dave – fanno a botte in mezzo alla strada. Una macchina con a bordo due uomini, due poliziotti all’apparenza, accosta, fermandosi a un passo da loro. Quando uno degli agenti gli ordina di salire, Dave non ha il coraggio di rifiutarsi e, singhiozzando, prende posto sul sedile posteriore. E scompare. Per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo Dave è accusato di omicidio. La vittima è la figlia di Jimmy, e Sean è incaricato delle indagini. Per loro è giunto il momento di fare i conti con un passato ingiusto e con l’agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime.

MYSTIC RIVER

Lehane Dennis