Giallo - thriller - noir

Luna di miele

Scerbanenco Giorgio

Descrizione: Un sacerdote assiste alla sanguinosa fine di un matrimonio: Lena, esile ma intimamente feroce, si fa sposare con l’inganno da Alberto, che è innamorato di un’altra donna, Eva. Dopo anni di umiliazioni, Alberto uccide Lena e corre da Eva. Il sacerdote sospetta qualcosa e segue i due amanti nel loro viaggio disperato di albergo in albergo, (la loro luna di miele), sperando di riuscire in qualche modo a salvarli. Ma i due, sempre più immersi in un rapporto morboso, sensuale e rovente, sono inseguiti dal fantasma di Lena. Un romanzo psicologico che racconta “il male che nasce in due anime buone”.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: La nave di Teseo

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788893446921

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel triangolo tra Alberto, la moglie Lena e l’amante Eva, il vero protagonista di Luna di miele di Giorgio Scerbanenco è… Don Paolo (“Ormai ho rinunziato a lottare con il demone che è in me”).

Il prete conosce bene la storia: ha raccolto le confidenze di Lena (“La piccola Lena… sembrava una preda a fianco dell’orco che l’avrebbe mangiata”), è parroco nel paese di Eva, conosce Alberto (“Alberto non poteva addormentarsi con la luce spenta”) e sa che lui stesso è una vittima (“Alberto le rubava i denari dalla borsetta per comprarsi le sigarette”). Intuisce che questi sta commettendo un delitto, esasperato dal rapporto coniugale (“Lena mi raccontava di Alberto, che la desiderava tutte le sere, e di lei che era stanca, nauseata, irritata da quell’atto”) e infiammato dall’amore per Eva.

Così, quando verifica che l’uxoricidio è stato compiuto (“Era una semplice questione meccanica: bisognava stringere finché la voce non si fosse più udita, non lo avesse più ferito”), segue i due amanti, che si rifugiano in un albergo per la loro scellerata Luna di miele (“Anche se quello stare insieme di Eva e Alberto poteva sembrare una luna di miele, io dovevo sapere che era già un inferno. Luna di miele all’inferno, era la verità”).

Don Paolo lotta con la sua stessa fede (“Non pregare per la loro salvezza, prega per la tua, perché stai perdendoti, silenzioso complice dei loro delitti”), vorrebbe poter aiutare i due complici (“La donna è la radice, la matrice ferma, la stabilità che cresce dentro di sé le nuove vite. L’uomo è il seme portato dal vento, il bioccolo di perlargonia che vola al minimo soffio, l’instabilità che semina vagando”), ma è assalito da mille dubbi, assiste per lo più muto (“Allora discesi anch’io, loro ombra”) al consumarsi di una relazione che non ha futuro di fronte a una strategia che è un vicolo cieco (“Nonostante tutto quello che soffrivo, mi era impossibile fermare l’immaginazione che continuava inesausta nel suo lavoro”).

Alla fine, Don Paolo pronuncia il suo verdetto (“Dunque, tre colpevoli. Signore… La vittima è la bambina: Lucia”).

I romanzi di Scerbanenco hanno una grazia narrativa che preserva il noir dalla degenerazione e si snodano in un’architettura armoniosa che abbina fatti raccontati e profilo psicologico.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Scerbanenco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scerbanenco Giorgio

Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc

Lunedì o martedì, un racconto di Virginia Woolf

Tre storie diverse, la stessa città – Roma, all’inizio degli anni ottanta – e lo stesso destino: smettere di essere soltanto figli, diventare genitori. Eppure Luciana, Valentina, Cecilia non sono certe di volerlo, si sentono fragili, insofferenti. Così comesono confusi, distanti, presi dai loro sogni i padri. Si può tornare indietro, fare finta di niente, rinunciare a un evento che si impone con prepotenza assoluta? Luciana lavora in un giornale che sta per chiudere. Corre, è sempre in ritardo, l’uomo che ama è lontano, lei lo chiama l’Irlandese per via dei capelli rossi. Valentina ha diciassette anni, va alle superiori ed è convinta che dagrande farà la psicologa. Appena si è accorta di essere incinta, ha smesso di parlare con Ermes, il ragazzo con cui è stata per qualche mese e che adesso fa l’indifferente, ma forse è solo una maschera. Cecilia vive fra una casa occupata e la strada, porta uncaschetto rosa e tiene al guinzaglio un cane. Una sera torna da Gaetano, alla tavola calda in cui lavora: non vuole nulla da lui, se non un ultimo favore. A osservarli c’è lo sguardo partecipe di un io che li segue nel tempo cruciale della trasformazione. Un giro di pochi mesi, una primavera che diventa estate. Tra bandiere che sventolano festose, manifesti elettorali che sbiadiscono al sole e volantini che parlano di una ragazza scomparsa, le speranze italiane somigliano a inganni. Poi ecco che una nuova vita arrivae qualcosa si svela. Lontano dagli occhi è una dichiarazione d’amore al potere della letteratura, alla sua capacità di avvicinare verità altrimenti inaccessibili. Ricostruendo con la forza immaginifica della narrazione l’incognita di una nascita, le ragioni di una lontananza, Paolo Di Paolo arriva a rovesciare la distanza dal cuore suggerita dal titolo. Una storia sul peso delle radici, su come diventiamo noi stessi.

Lontano dagli occhi

Di Paolo Paolo

Amore in caduta libera

Antonella Perilli