Giallo - thriller - noir

Luna di miele

Scerbanenco Giorgio

Descrizione: Un sacerdote assiste alla sanguinosa fine di un matrimonio: Lena, esile ma intimamente feroce, si fa sposare con l’inganno da Alberto, che è innamorato di un’altra donna, Eva. Dopo anni di umiliazioni, Alberto uccide Lena e corre da Eva. Il sacerdote sospetta qualcosa e segue i due amanti nel loro viaggio disperato di albergo in albergo, (la loro luna di miele), sperando di riuscire in qualche modo a salvarli. Ma i due, sempre più immersi in un rapporto morboso, sensuale e rovente, sono inseguiti dal fantasma di Lena. Un romanzo psicologico che racconta “il male che nasce in due anime buone”.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: La nave di Teseo

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788893446921

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel triangolo tra Alberto, la moglie Lena e l’amante Eva, il vero protagonista di Luna di miele di Giorgio Scerbanenco è… Don Paolo (“Ormai ho rinunziato a lottare con il demone che è in me”).

Il prete conosce bene la storia: ha raccolto le confidenze di Lena (“La piccola Lena… sembrava una preda a fianco dell’orco che l’avrebbe mangiata”), è parroco nel paese di Eva, conosce Alberto (“Alberto non poteva addormentarsi con la luce spenta”) e sa che lui stesso è una vittima (“Alberto le rubava i denari dalla borsetta per comprarsi le sigarette”). Intuisce che questi sta commettendo un delitto, esasperato dal rapporto coniugale (“Lena mi raccontava di Alberto, che la desiderava tutte le sere, e di lei che era stanca, nauseata, irritata da quell’atto”) e infiammato dall’amore per Eva.

Così, quando verifica che l’uxoricidio è stato compiuto (“Era una semplice questione meccanica: bisognava stringere finché la voce non si fosse più udita, non lo avesse più ferito”), segue i due amanti, che si rifugiano in un albergo per la loro scellerata Luna di miele (“Anche se quello stare insieme di Eva e Alberto poteva sembrare una luna di miele, io dovevo sapere che era già un inferno. Luna di miele all’inferno, era la verità”).

Don Paolo lotta con la sua stessa fede (“Non pregare per la loro salvezza, prega per la tua, perché stai perdendoti, silenzioso complice dei loro delitti”), vorrebbe poter aiutare i due complici (“La donna è la radice, la matrice ferma, la stabilità che cresce dentro di sé le nuove vite. L’uomo è il seme portato dal vento, il bioccolo di perlargonia che vola al minimo soffio, l’instabilità che semina vagando”), ma è assalito da mille dubbi, assiste per lo più muto (“Allora discesi anch’io, loro ombra”) al consumarsi di una relazione che non ha futuro di fronte a una strategia che è un vicolo cieco (“Nonostante tutto quello che soffrivo, mi era impossibile fermare l’immaginazione che continuava inesausta nel suo lavoro”).

Alla fine, Don Paolo pronuncia il suo verdetto (“Dunque, tre colpevoli. Signore… La vittima è la bambina: Lucia”).

I romanzi di Scerbanenco hanno una grazia narrativa che preserva il noir dalla degenerazione e si snodano in un’architettura armoniosa che abbina fatti raccontati e profilo psicologico.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Scerbanenco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scerbanenco Giorgio

Il corrispondente misterioso

Proust Marcel

Lorenzo Milani nasce a Firenze nel 1923, in una famiglia colta e benestante. Ma molto presto inizia a lavorare dentro di lui un'inquietudine, una ribellione radicale per le diseguaglianze che vede intorno a sé, per i privilegi assurdi dei quali sente di godere e i compromessi morali che ogni vita borghese porta con sé. Così, mentre la guerra infuria, entra in seminario e, venticinquenne, viene ordinato prete. Da qui comincia il suo percorso di educatore e "incendiario" predicatore, culminata negli anni in cui a Barbiana darà vita alla sua scuola straordinaria e scriverà Esperienze pastorali condannato dal Sant'Uffizio - e Lettera a una professoressa, un testo fondamentale dal '68 a oggi. Eraldo Affinati, cerca tracce della vita di don Milani ripercorrendone i passi, i luoghi, incontrando chi lo conobbe. A queste pagine alterna capitoli in cui racconta di "altri don Milani" incontrati in tutto il mondo: figure di insegnanti e testimoni della possibilità di un'educazione fondata sull'esempio personale, su un rigore che si coniuga con una profonda empatia.

L’uomo del futuro

Affinati Eraldo

In una Barcellona avvolta nella nebbia, l'architetto e restauratore Gabriel Grieg riceve la visita di una sconosciuta, che gli dà una notizia sconvolgente: entro ventiquattr'ore il suo destino cambierà radicalmente. E in effetti, la sua vita sarà rivoluzionata dalla scoperta dell'oscuro potere della Chartam, un oggetto misterioso che gli esperti definiscono "il segreto meglio custodito degli archivi vaticani". Sulla Chartam, infatti, si fonda da secoli l'ordine gerarchico della Curia, emblematicamente raffigurato nel dipinto "La Torre di Babele" di Pieter Bruegel il vecchio. Grieg e la sua nuova compagna d'avventure si lanceranno così in un'indagine senza sosta, seguendo un tortuoso percorso che li porterà sulle tracce di una setta religiosa e di uno spregiudicato cardinale, fino a perdersi nei vicoli bui della città - dal Barrio Gotico al Montjuïc - e nei misteri iniziatici contenuti nelle opere del massimo rappresentante dell'architettura catalana: Antoni Gaudí.

Il labirinto sepolto di Babele

De Lys Francisco J.

Pedrara. La Sicilia dei Monti Iblei. Una villa perduta sotto alte pareti di roccia tra l’occhieggiare di antiche tombe e il vorticare di corsi d’acqua carezzati dall’opulenza degli oleandri. È qui che la famiglia Carpinteri si raduna intorno al capezzale di zia Anna, scivolata in una svagata ma presaga demenza senile. Esistono davvero le pietre di cui la donna vaneggia nel suo letto? Dove sono nascoste? Ma soprattutto, qual è il nodo che lega la zia al bellissimo Bede, vero custode della proprietà e ambiguo factotum? Come acqua nel morbido calcare i Carpinteri scavano nel passato, cercano negli armadi, rivelano segreti - vogliono, all’unisono, verità mai dette e ricchezze mai avute. Tra le ombre del giorno e i chiarori della notte, emergono influenze di notabili locali, traffici con i poteri occulti, e soprattutto passioni ingovernabili. Le voci di Mara, nipote prediletta di Anna, e di Bede ci guidano dentro questo sinuoso labirinto di relazioni, rimozioni, memorie, fino a scavalcare il confine della stessa morte. Simonetta Agnello Hornby mette a fuoco, con la sapienza di una immaginazione maestosa, un micromondo che pare allargarsi, con un brivido, a rappresentare i guasti, le ambizioni e le ansie di liberazione dell’universo famigliare, tutto intero.

IL VELENO DELL’OLEANDRO

Agnello Hornby Simonetta