Narrativa

L’unica storia

Barnes Julian

Descrizione: La storia che ha cambiato la vita di Paul Casey è semplice: un amore finito, il primo, che non ha mai smesso di perseguitarlo. Paul incontra Susan al tennis club, un’estate, tornato a casa dall’università. Ha diciannove anni, lei quaranta. Tutto intorno a lui sembra noioso e convenzionale: sono i primi anni Sessanta, i Beatles non sono ancora esplosi, la protesta studentesca è lontana e non c’è nulla da contestare. Susan è originale, spiritosa, intelligente, diversa, e Paul inizia a frequentarla perché ha l’impressione di ribellarsi a qualcosa. Ma lentamente scopre che la vita di quella donna nasconde sacche di ordinario squallore, ed essendo un idealista intriso di fantasie romantiche decide di “salvarla”, senza avere ben chiaro cosa significhi. Rinuncia alla carriera legale e s’adatta a un lavoro d’ufficio, prova a inventarsi una vita stabile con lei. Ma non basta. A Susan serve molto di più, e Paul sceglie la fuga. E così facendo chiude per sempre la partita con l’amore. Julian Barnes delinea con la consueta feroce dolcezza il ritratto di un uomo debole e disilluso e di una donna meravigliosamente fragile. Lasciandoci alla fine con un dubbio irrisolvibile: è meglio avere amato e sofferto oppure essere rimasti al riparo dal dolore senza amare mai?

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788806237509

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

 L’unica storia di Julian Barnes - “Che cosa preferireste, amare di più e soffrire di più; o amare di meno e soffrire di meno?…non si tratta di una domanda vera. Perché non abbiamo scelta”. Questa è la riflessione con la quale inizia quest’ultimo libro di Julian Barnes. Un grande inizio, che stuzzica subito il lettore e lo invoglia a proseguire nella lettura. E, a seguire, se ne trovano altre di riflessioni importanti (“Ognuno di noi ha la sua storia d’amore. Tutti quanti. Magari è stato un fiasco, magari si è consumata poco per volta, magari non è nemmeno riuscita a partire, o magari è successa solo nella nostra testa, il che non la rende meno reale”), tese in qualche modo a sottolineare quello che già il titolo sintetizza. L’unica storia degna di essere raccontata, in questo caso la storia di passione, amore, sesso tra il diciannovenne Paul e la splendida quasi cinquantenne Susan, sposata e madre di famiglia conosciuta durante un doppio in una partita di tennis. Il quadro tratteggiato da Barnes è assolutamente piacevole nel narrare, attraverso le parole di Paul in prima persona, questa storia d’amore che va controcorrente, vissuta nella seconda metà degli anni sessanta nella periferia londinese, contro le convenzioni sociali e il falso perbenismo di una classe borghese inglese che non impiega molto a gridare allo scandalo.

A un certo punto però si assiste a una virata piuttosto brusca nella seconda parte: il tono lieto, leggero e scanzonato, lascia il posto alla dimensione del dolore, al dramma dell’alcolismo di cui Susan diventa vittima e protagonista, ai patimenti del giovane Paul, che all’improvviso deve gestire da solo questa situazione, all’interno di una vita di coppia appena cominciata, in una nuova casa, lontano dalla famiglia di lui e dalla ex famiglia di lei. Forse questa virata è troppo brusca, forse il cambio di tono, di scenografia, è troppo repentino, con la conseguenza di lasciare il lettore smarrito, con in bocca un nuovo sapore meno piacevole rispetto a quello della prima parte. Nella terza parte, costruita con le riflessioni di un Paul ormai adulto, la prima persona singolare lascia il posto alla terza, come a sottolineare un necessario distacco per analizzare gli eventi con lucidità più matura, e il romanzo si trascina con maggiore pesantezza, nonostante le interessanti riflessioni sulla memoria, sul trascorrere del tempo, su come può essere definito l’amore (“In amore ogni cosa è al tempo stesso vera e falsa; l’unico argomento al mondo sul quale è impossibile dire insensatezze”).

Barnes si dimostra un accattivante narratore dal linguaggio elegante, così come gli approfondimenti sul tema dell’amore e della sofferenza sono particolarmente ben scritti, ma a tratti si ha l’impressione che certi elementi introdotti nel libro, in particolare nella seconda e nella terza parte, costituiscano più degli “esercizi di stile” fini a sé stessi, piuttosto che riflessioni realmente necessarie per raccontare gli eventi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Julian

Barnes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barnes Julian


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dopo aver lasciato una carriera da manager, Sergio Bambarén ha sposato la natura e i grandi spazi, primo fra tutti il mare e in particolare l'oceano. Ha nuotato con i delfini, ha praticato il surf sulle coste più selvagge, ha trovato amici dal cuore grande. E ha intrapreso una ricerca spirituale. Alle grandi distese di acqua, però, ha anche affiancato il viaggio in uno dei luoghi più magici e avvolgenti della terra: il deserto. Insieme a una famiglia berbera, Sergio ha vissuto l'esperienza intensa ed emozionante di immergersi nel silenzio di sabbie millenarie, dove è possibile svuotare la mente da ogni affanno quotidiano e ritrovare la semplicità delle cose essenziali, quelle che contano davvero.

L’eco del deserto

Bambarén Sergio

Dopo l'acclamata trilogia della frontiera, il nuovo, atteso romanzo di Cormac McCarthy ha ancora una volta come sfondo il confine fra Texas e Messico. La storia è però ambientata ai giorni nostri, in un paese che, come annuncia il titolo, ha abbandonato i vecchi valori per cadere in preda a una violenza cieca e incontrollata. Questa violenza si incarna in Anton Chigurh, un assassino psicopatico munito di un'arma micidiale e di una pericolosa filosofia della giustizia. Il suo avversario, un uomo del passato che non sa farsi una ragione della ferocia del presente, è lo sceriffo Bell. Entrambi sono alla ricerca di Llewelyn Moss, un reduce del Vietnam che mentre cacciava antilopi sul Rio Grande si è ritrovato sul luogo affollato di cadaveri di una battaglia fra narcotrafficanti, e ha colto al volo un'occasione che si è rivelata troppo grande per lui. L'inseguimento si svolge lungo e oltre il confine, in un crescendo di suspense e violenza. Il destino di Moss, erede di tutti i cowboy di McCarthy e dei loro valori di dignità e onore, dipende da quale dei due inseguitori lo troverà per primo. Scritto in uno stile veloce e asciutto, crudo e implacabile come una premonizione di tragedia, con i dialoghi incisivi, decisamente cinematografici che rendono unica la scrittura di McCarthy, Non è un paese per vecchi riporta il lettore nei paesaggi del Sudest degli Stati Uniti, popolati da anime perdute, uomini che, «se uno li ammazzasse tutti, toccherebbe costruire una dépendance dell'inferno».

NON E’ UN PAESE PER VECCHI

McCarthy Cormac

Una figlia appena maggiorenne annuncia al padre che si trasferirà all'estero. Questo lo spunto per avviare una riflessione sulla paternità, sulle sue inadeguatezze, sull'amore che ne guida ogni slancio. E in particolare sul rapporto intenso e fuori da ogni definizione che lega un padre a una figlia femmina. Un viaggio intimo e ironico di un uomo che si mette sempre in discussione riconoscendo i propri errori e le contraddizioni della sua generazione. Parole non dette e recuperate, gesti mai completati, in un dialogo che si fa confessione. Un padre che torna a essere figlio, che inciampa ma che non smette mai di tenere per mano la sua bambina anche quando è ormai una donna dal sorriso disarmante.

Quando ridi

Terruzzi Giorgio

«Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell'orrido che conduce al torrente, tra le pozze d'acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l'esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l'inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa. Sono un commissario di polizia specializzato in profiling, e ogni giorno cammino sopra l'inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall'età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l'indagine. Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura».66

Fiori sopra l’inferno

Tuti Ilaria