Narrativa

L’unica storia

Barnes Julian

Descrizione: La storia che ha cambiato la vita di Paul Casey è semplice: un amore finito, il primo, che non ha mai smesso di perseguitarlo. Paul incontra Susan al tennis club, un’estate, tornato a casa dall’università. Ha diciannove anni, lei quaranta. Tutto intorno a lui sembra noioso e convenzionale: sono i primi anni Sessanta, i Beatles non sono ancora esplosi, la protesta studentesca è lontana e non c’è nulla da contestare. Susan è originale, spiritosa, intelligente, diversa, e Paul inizia a frequentarla perché ha l’impressione di ribellarsi a qualcosa. Ma lentamente scopre che la vita di quella donna nasconde sacche di ordinario squallore, ed essendo un idealista intriso di fantasie romantiche decide di “salvarla”, senza avere ben chiaro cosa significhi. Rinuncia alla carriera legale e s’adatta a un lavoro d’ufficio, prova a inventarsi una vita stabile con lei. Ma non basta. A Susan serve molto di più, e Paul sceglie la fuga. E così facendo chiude per sempre la partita con l’amore. Julian Barnes delinea con la consueta feroce dolcezza il ritratto di un uomo debole e disilluso e di una donna meravigliosamente fragile. Lasciandoci alla fine con un dubbio irrisolvibile: è meglio avere amato e sofferto oppure essere rimasti al riparo dal dolore senza amare mai?

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788806237509

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

 L’unica storia di Julian Barnes - “Che cosa preferireste, amare di più e soffrire di più; o amare di meno e soffrire di meno?…non si tratta di una domanda vera. Perché non abbiamo scelta”. Questa è la riflessione con la quale inizia quest’ultimo libro di Julian Barnes. Un grande inizio, che stuzzica subito il lettore e lo invoglia a proseguire nella lettura. E, a seguire, se ne trovano altre di riflessioni importanti (“Ognuno di noi ha la sua storia d’amore. Tutti quanti. Magari è stato un fiasco, magari si è consumata poco per volta, magari non è nemmeno riuscita a partire, o magari è successa solo nella nostra testa, il che non la rende meno reale”), tese in qualche modo a sottolineare quello che già il titolo sintetizza. L’unica storia degna di essere raccontata, in questo caso la storia di passione, amore, sesso tra il diciannovenne Paul e la splendida quasi cinquantenne Susan, sposata e madre di famiglia conosciuta durante un doppio in una partita di tennis. Il quadro tratteggiato da Barnes è assolutamente piacevole nel narrare, attraverso le parole di Paul in prima persona, questa storia d’amore che va controcorrente, vissuta nella seconda metà degli anni sessanta nella periferia londinese, contro le convenzioni sociali e il falso perbenismo di una classe borghese inglese che non impiega molto a gridare allo scandalo.

A un certo punto però si assiste a una virata piuttosto brusca nella seconda parte: il tono lieto, leggero e scanzonato, lascia il posto alla dimensione del dolore, al dramma dell’alcolismo di cui Susan diventa vittima e protagonista, ai patimenti del giovane Paul, che all’improvviso deve gestire da solo questa situazione, all’interno di una vita di coppia appena cominciata, in una nuova casa, lontano dalla famiglia di lui e dalla ex famiglia di lei. Forse questa virata è troppo brusca, forse il cambio di tono, di scenografia, è troppo repentino, con la conseguenza di lasciare il lettore smarrito, con in bocca un nuovo sapore meno piacevole rispetto a quello della prima parte. Nella terza parte, costruita con le riflessioni di un Paul ormai adulto, la prima persona singolare lascia il posto alla terza, come a sottolineare un necessario distacco per analizzare gli eventi con lucidità più matura, e il romanzo si trascina con maggiore pesantezza, nonostante le interessanti riflessioni sulla memoria, sul trascorrere del tempo, su come può essere definito l’amore (“In amore ogni cosa è al tempo stesso vera e falsa; l’unico argomento al mondo sul quale è impossibile dire insensatezze”).

Barnes si dimostra un accattivante narratore dal linguaggio elegante, così come gli approfondimenti sul tema dell’amore e della sofferenza sono particolarmente ben scritti, ma a tratti si ha l’impressione che certi elementi introdotti nel libro, in particolare nella seconda e nella terza parte, costituiscano più degli “esercizi di stile” fini a sé stessi, piuttosto che riflessioni realmente necessarie per raccontare gli eventi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Julian

Barnes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barnes Julian


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E se Michelangelo Merisi da Caravaggio, quel lontano 18 luglio 1610, non fosse morto? Se, ferito e febbricitante, fosse stato trovato sulla sabbia del Tombolo della Feniglia da un'affascinante quanto misteriosa giovinetta in grado di riportarlo in salute? Forse il suo temperamento "maledetto" si sarebbe addolcito di fronte alla disarmante sincerità, all'affetto genuino e alla totale dedizione della sconosciuta. Probabilmente la mutata concezione della vita avrebbe generato altri capolavori assoluti, vibranti di luce diversa, ricchi di una serenità che mai egli stesso avrebbe immaginato di poter vivere e comunicare. Finalmente arriva la grazia, l'agognato ritorno a Roma e una commissione grandiosa e totalmente appagante: un sogno incredibile, una possibilità insperata. Ma ogni sogno è destinato a svanire con la notte: i debiti col passato sono fantasmi mai sconfitti. Il tempo è come un cerchio, chiuso e perfetto e il Caravaggio lo sa bene...

Il sogno di Caravaggio

Montecchi Rossella

A volte il cambiamento avviene in maniera naturale e progressiva e noi ci rendiamo conto solo del risultato finale. Altre volte invece il cambiamento è repentino e brutalmente evidente. Paolo e Alexis, due amici inseparabili, vivono in contemporanea un cambiamento radicale per entrambi. La metamorfosi di Paolo viene da dentro, la crescita avviene suo malgrado. I nuovi desideri aprono la strada a un amore più completo che mai, a una felicità fatta non più di sbronze e piaceri egoistici, ma di attenzione vera per l'altro e condivisione di progetti costruttivi. Alexis è sconvolta dall'amore per una donna che la mette di fronte ai preconcetti propri e altrui. La trama leggera permette all'autore del romanzo di infilare nel racconto semplici ma incisivi brani informativi, ricchi di dati chiari e interessanti, che aiutano sia i protagonisti sia i lettori ad allargare i loro orizzonti culturali ed emotivi. Prefazione di Aurelio Mancuso.

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO

Groppo Elettra

C'è una donna che lo cerca: è una biologa russa, affascinante. In un'osteria affacciata sulla laguna di Venezia dichiara di voler clonare un cavallo portentoso, quello del monumento a Bartolomeo Colleoni in campo San Zanipolo. Alvise Pàvari dal Canal ne ha sentite tante nella vita, ma questa le batte tutte. Clonare una statua? Certo che no, gli spiega dolcemente la russa. Lei allude a tessuti organici di cinquecento anni fa, perfettamente conservati. Alvise finge di non capire, ma pensa alla teca con due sfere di vetro ambrato custodita nel palazzo avito sul Canal Grande. E una leggenda di famiglia ci trascina indietro nel tempo: al banchetto di cento portate in cui il Colleoni, capitano generale della Serenissima, conquista una donna troppo piena di vita per accontentarsi del vecchio marito mercante; alla frenesia di amorosi sensi che Leonardo da Vinci, giunto in laguna da Firenze, scatena a Ca' Pàvari, seminando nostalgia inguaribile e un capolavoro sorprendente.

DUE BELLE SFERE DI VETRO AMBRATO

Caponetti Giorgio

E' un libro, un semplice libro antico. Ma custodisce un segreto. Un segreto che è stato scritto col sangue nel 1297, da innumerevoli scrivani coi capelli rossi e con gli occhi verdi, forse toccati dalla grazia divina, forse messaggeri del diavolo. Che è riapparso nel 1334, in una lettera vergata da un abate ormai troppo anziano per sopportare il peso di quel mistero. Che, nel corso del XVI secolo, ha illuminato la strada di un teologo, i sogni di un visionario e le parole di un genio. È un libro, un semplice libro antico. Ma sta per scatenare l'inferno. Perché quel libro dovrebbe trovarsi nella Biblioteca dei Morti, la sconfinata raccolta di volumi in cui è riportata la data di nascita e di morte di tutti gli uomini vissuti dall'VIII secolo in poi. E, dopo essere rimasto sepolto sotto la polvere della Storia per oltre settecento anni, adesso è riemerso ed è diventato un'ossessione per Will Piper, deciso a cancellare il dolore che la Biblioteca ha portato nella sua vita; per Henry Spence, che ha dedicato la sua esistenza alla soluzione dell'enigma e che ormai ha i giorni contati; per Malcolm Frazier, il capo della sicurezza della Biblioteca, determinato a uccidere pur d'impedire al mondo di conoscere la verità. Un'ossessione che inevitabilmente porta altro dolore, altri enigmi, altro sangue. È un libro, un semplice libro antico. Ma è il Libro delle Anime. E il suo segreto è il nostro destino.

IL LIBRO DELLE ANIME

Cooper Glenn