Narrativa

L’UNICO SCRITTORE BUONO E’ QUELLO MORTO

Rossari Marco

Descrizione: Cosa accadrebbe se a James Joyce venisse rifiutato ogni libro? E se Tolstoj fosse ospitato in radio a Roma, per ascoltare il parere di Ilaria da Foggia? E se William Shakespeare finisse alla sbarra con l'accusa di plagio? Sono solo alcuni dei ritratti paradossali che questo libro ha in serbo per il lettore. Con una prosa scanzonata, L'unico scrittore buono è quello morto illumina splendori e miserie del mondo letterario, senza risparmiare i mostri sacri. Autori e lettori, editori e traduttori finiscono in un frullatore di racconti che miscela una metafisica Praga ribattezzata Kafkania (dove i bordelli si chiamano "Il castello", "La condanna" o "La colonia penale") con una San Francisco iperletteraria dove vagano i sosia dei beat, uno scrittore beone alle prese con una lettrice assatanata e un poetastro in gara nel poetry slam più sgangherato della storia. Una parodia per aspiranti scrittori e lettori sgamati, che snocciola una carrellata di personaggi afasici, perduti, smarriti nel tragicomico labirinto delle lettere. Un libro per tutti quelli che vogliono scrivere e per chi li farebbe fuori volentieri, ma anche un grande atto d'amore per la forza della scrittura.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2012

ISBN: 9788866320845

Recensito da Stefano Costa

Le Vostre recensioni

Diversi testi già editi in riviste, il gusto per la concisione, molto di nuovo, di vario nella propria lunghezza, nel respiro della prosa. Queste caratteristiche fanno di “L’unico scrittore buono è quello morto” un’Opera mobile, cangiante.

L’ho percepita come un’Opera in grado di inverare unprofondo dialogo con il lettore. Proprio come durante una conversazione, infatti, ci si misura con “sezioni larghe” dall’ampio respiro prosastico – quelle che richiedono un ascolto prolungato – e con battute brevi, con ragionamenti articolati e con botta-e-risposta serrati, con invenzioni e con spunti che paiono vicini alla confessione.

 

Proprio come durante una conversazione, infatti, a mutare è il registro stesso perché vengono il momento in cui ci si lascia andare e quello in cui si è ricondotti a un tono più “consono” alla discussione.

Da qualsiasi lato la si guardi, mi pare un’Opera in grado di divertire e di incutere quel discreto timore che spesso si dovrebbe provare nell’accostarsi alla genesi del proprio mestiere, un’Opera in grado di raccontare e di dire, di chiedere e di sentenziare, di abbracciare e di respingere, di complimentarsi e di sfottere.

Se non sono ancora stato chiaro: è un’Opera nata dall’alternarsi di racconti e di icastiche perle, quasi – diciamo così – battute e aforismi.

Tutto ruota nell’orbita del metaletterario, intorno all’indaginesulla scrittura, sul gusto del narrare. Davvero da leggere e rileggere “La stagione dei poeti”, ad esempio, testo in prima persona che s’interroga – ironico e generoso – sul senso della parola poesia con la consapevolezza di chi non può trovare soluzioni se non nel dialogo: illuminante sin dalle citazioni iniziali lo scambio di battute – appunto – per interposta stagione letteraria tra Fëdor Tjutčev e Mr. Marco.Sottile il dialogo tra il titolo e la nota biografica in bandella: “Marco Rossari è nato”.

 

Ecco, “L’unico scrittore buono è quello morto” è un’Opera che sa sorprendere anche così, grazie a dettagli che in un primo momento passano inosservati, ma che possono essere notati cambiando angolazione, dopo, quando il libro ha già lavorato in noi una prima volta e chiede una seconda, divertita lettura.

C’è ucronia, c’è invenzione: alcuni racconti vedono improbabili Shakespeare processati per plagio, Tolstoj dei nostri giorni combattere una battaglia a colpi d’interviste radiofoniche imbarazzanti poi Kafka, Joyce, alcuni contemporanei di cui s’intravedono i volti fanno capolino tra le pieghe di un ragionamento, lanciandoci in dono immagini icastiche, frasi che non cedono mai all’autoreferenzialità dell’Autore. Un’Opera davvero riuscita, anche per questo.

 

Certo, c’è curiosità nello scoprire come grandi classici del passato possano dialogare col lettore, attraverso la penna di Rossari, ma il vero dono di quest’Opera sta nel frammento: consiglio, infatti, di godere il libro nelle frasi brevi, nella critica alla critica letteraria, nell’esorcizzazione di tic di scrittori, editor e “addetti ai lavori”, è lì che a mio parere sta il cuore di quest’Opera multiforme, un cuore che come ogni muscolo preposto alla nostra sopravvivenza non si rivela subito, al primo sguardo, ma chiede un ascolto più profondo (con stetoscopio e tanta voglia di saper indagare tra le righe).

 

Potentissimo il racconto di quell’Autore che per scrivere un romanzo lo riedita sino a scarnificarlo d’ogni parola, sino al paradossale approdo al solo gesto fondante dello scrivere, e nulla più.

Un’Opera che è spunto per molte operea fronte di questo si potrebbe procedere con nuovi esempi, con la citazione di altre pagine, ma non ha senso anticipare troppo a un lettore che s’intrevede già appassionato a questi luoghi letterari.

È un’Opera che parla da sola, che non serve descrivere “per intero”, come spesso accade per testi miscellanei e compatti insieme, come quei grandi quadri che comprendi solo guardandoli dalla dovuta distanza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Rossari

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rossari Marco

Ernesto vive un rapporto ormai logoro con la moglie depressa, il suo taxi è teatro di storie che si intrecciano a un delitto nella Roma "bene". La vittima è uno scultore di fama internazionale, pochissimi avevano accesso all'appartamento dove viene ritrovato cadavere e nessuno ha un movente valido per torturarlo a morte. L'ispettore Paolo Proietti, a capo dell'indagine, intuisce che sta per sollevare un verminaio. La verità lo lascerà schifato, esausto e fragile come mai un poliziotto dovrebbe sentirsi. É un malessere che conosce fin troppo bene, lo rivive negli incubi che lo angosciano a quattordici anni di distanza da un caso in cui si è lasciato coinvolgere troppo. Ernesto e Paolo sono fratelli senza un filamento di DNA in comune, condividono tutto fin dal giorno in cui si sono incontrati sui banchi delle scuole superiori. Tutto, tranne un segreto che ciascuno nasconde all'altro: il poliziotto per non giocarsi il distintivo, il tassista perché è impossibile confessare al suo amico cosa lo torturi da giorni. Il silenzio viaggia nel mondo degli artisti malati, viziati e viziosi, e in quello dei ricordi che fanno male da morire, nella paura di non essere più abbastanza o di non averci provato a sufficienza, protegge i mostri e offende gli innocenti. Si spezzerà, poi, nella voce di una giustizia sommaria che non regala pace o reale assoluzione dai peccati, ma dignità a quanti sono costretti a macchiarsi le mani di sangue.

I silenzi di Roma

Troncanetti Luana

Il primo romanzo di Stefano Tura e il sequel inedito in un unico thriller. Il killer delle ballerine: Rimini, anni '90. Fabrizio Dentice è un pericoloso psicopatico, condannato e rinchiuso in un manicomio per l'omicidio di cinque cubiste. Ma il verdetto non convince Luca Rambaldi, giovane giornalista di provincia e fidanzato di una delle ragazze orrendamente assassinate. Tanto più che i brutali delitti riprendono. E così Luca, aiutato da Carmen, un'intraprendente e coraggiosa ragazza, e da Samantha, transgender che sembra conoscere tutti i segreti della vita dei locali notturni della riviera, mette in atto una personale indagine per dare un volto allo spietato serial-killer. Fino a scoprire una perversa e sconvolgente verità. L'ultimo ballo: Rimini, 20 anni dopo. La riviera romagnola ha cambiato completamente volto, molte delle discoteche hanno chiuso, alcune sono state addirittura abbattute. È un mondo dominato dalla "rete", dagli smartphone, dai social network, un mondo in cui il livello di discriminazione e violenza è aumentato esponenzialmente. E quando due terribili delitti sconvolgono la notte riminese, riaffiorano paure mai superate e incubi che sembravano appartenere al passato.I sopravvissuti alla vicenda di 20 anni prima si rendono subito conto dell'agghiacciante realtà: il killer delle ballerine è tornato.

Il killer delle ballerine

Tura Stefano

Nella notte del 3 luglio 1582 James Chricton e Thomas entrano nella basilica di Santa Barbara per trafugare qualcosa. Il furto non riesce e sono costretti a scappare.Inseguiti per le strade di Mantova, si imbattono in Ippolito Lanzoni e nel principe Vincenzo Gonzaga. Ne nasce un duello apparentemente senza motivo in cui il giovane Vincenzo ferisce lo scozzese Chricton. Per fare chiarezza sull'accaduto e per trovare le prove che scagionino il principe Gonzaga, Aurelio Zibramonti, consigliere ducale, affida l'indagine a Biagio dell'Orso, affascinante capitano di giustizia. Il caso è un vero rompicapo: apparentemente niente è stato rubato e strana appare la morte di Chricton avvenuta nella spezieria di Geniforti poche ore dopo il duello. Sullo sfondo, l'opulenza della Serenissima, i servizi segreti del Consiglio dei Dieci, spie e cortigiane, la politica del regno d'Inghilterra e del consigliere Walsingham, i luoghi e le atmosfere della Mantova del Cinquecento.

I leoni d’Europa

Silvestrin Tiziana

Magda Tiller era una moglie felice. Ora non più. Suo marito l’ha tradita e deve pagare il suo tradimento. Nella villa isolata nella campagna toscana dove i due coniugi trascorrono da anni le vacanze, non è difficile commettere un crimine senza essere visti. E nascondere un cadavere… Magda ha pianificato tutto nei minimi dettagli. Finché un piccolo granello non inceppa la catena perfetta delle sue azioni…

SENZA PERDONO

Thiesler Sabine