Narrativa

L’UOMO CHE SMISE DI FUMARE

Wodehouse Pelham G.

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana:

Anno: 2010

ISBN:

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Per chi non ha familiarità  con questo prolifico autore inglese (oltre novanta opere, ahimè  non tutte edite in Italia) la raccolta di racconti pubblicata in estate da Guanda, L’uomo che smise di fumare, potrà essere una felice scoperta.

L’opera, il cui titolo originale è Mr Mulliner speaking, appartiene ad uno dei cicli più noti e di maggior successo dell’umorista, individuato comunemente proprio con il nome del personaggio – narratore Mulliner, un loquace frequentatore di pub con l’abitudine di intrattenere gli avventori (dai nomi eloquenti e stravaganti, come ‘Doppio whisky e poca soda’,  ‘Birra scura alla spina’ e ‘Pesce persico’) rievocando salaci storielle sui numerosi e strampalati membri della sua famiglia e per il quale “qualsiasi assembramento di suoi simili che superasse l’unità formava un pubblico”.

Il senso dell’umorismo di Wodehouse si può davvero definire senza tempo, e a dimostrarlo sono sufficienti questi nove racconti, sorprendentemente attuali ed ironici anche per il lettore di oggi, seppur pubblicati per la prima volta nel 1929.

Tutti gli episodi sono spassosi, dall’inizio alla fine giocano con l’assurdo e il grottesco, prendono elegantemente in giro la borghesia dell’epoca (ma non è difficile svelare certe pose contemporanee sotto a tanti degli atteggiamenti presi di mira dall’implacabile sagacia di Wodehouse) e con sottile arguzia inducono il lettore a lasciarsi trasportare in un mondo dove lo spirito – magia dell’ironia – viene rinfrancato e alleggerito.

Fantastica anche la copertina, disegnata da Alberto Rebori. Consigliato, adatto a tutte le età

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

G.

Pelham

Wodehouse

Libri dallo stesso autore

Intervista a Wodehouse Pelham G.

Etor è il personaggio nato dalla matita del disegnatore, writer e motion grapher Totore Nilo, e rappresenta il suo "alter ego", il Totore Nilo/bambino, raffigurato con casco e occhiali da aviatore e accompagnato dal suo immancabile aeroplano. Il casco è magico e consente di viaggiare nello spazio e nel tempo, per evadere dalla banalità, dal grigiore, dalle tante gabbie metaforiche e psicologiche che condizionano la vita dell'uomo. Età di lettura: da 7 anni.

Etor nel paese delle carabattole salvate

Pezzetta Cristiana

IL SISTEMA

Olsberg Karl

«Un libro dolente e luminoso» - Michele Serra "Per molti versi, avrei preferito non dover pubblicare questo libro, che non esisterebbe se una delle mie scrittrici preferite - non posso nemmeno incominciare a spiegare l'importanza che ha avuto nella mia vita, professionale ma soprattutto personale, il suo 'Orto di un perdigiorno' - non si trovasse in condizioni di salute che non lasciano campo alla speranza. Eppure. 'L'orto di un perdigiorno' si chiudeva con una frase che mi è sempre sembrata un modello di vita, un obiettivo da raggiungere: "Ho la dispensa piena". Oggi questa dispensa, forse proprio grazie alla sua malattia, Pia ha trovato modo di aprircela, anzi di spalancarcela. E la scopriamo davvero piena di bellezza, di serenità, di quelle che James Herriot ha chiamato cose sagge e meravigliose, di un'altra speranza. È davvero un dono meraviglioso quello che in primo luogo Pia Pera ha fatto a se stessa e che poi, per nostra fortuna, dopo lunga riflessione ha deciso di condividere con i suoi lettori. Non posso aggiungere molto, se non raccomandare con tutto il mio cuore la lettura di un libro che, come pochi altri, ci aiuta a comprendere la straordinaria avventura di stare al mondo." (Luigi Spagnol)

Al giardino ancora non l’ho detto

Pera Pia

Poeti, attori, donne che attendono e uomini che si perdono, giovani squattrinati e affittacamere, donne di strada e gigolò. Eccola l’America di Tennessee Williams, una terra generosa e traditrice dove l’umanità più varia gioca le sue carte al tavolo di un destino baro e beffardo. I protagonisti di questi racconti sono anime perse, derelitte, destinate a gettarsi nel ventre e nelle strade di un’America che li ignora, perché non è per tutti che nascono le opportunità. Williams racconta le loro vite una dopo l’altra, con una compassione che non cancella la durezza di un mondo da cui presto verranno sopraffatti, perché è così che vanno le cose e quello che ci resta da fare è giocare le nostre carte una mano dopo l’altra. È in questa raccolta che nascono le storie che faranno di Tennessee Williams una delle penne più celebrate del teatro mondiale (dal racconto Ritratto di ragazza in vetro verrà tratto il dramma Lo Zoo di vetro).

L’innocenza delle caramelle

Williams Tennessee