L’uomo del futuro

Affinati Eraldo

Descrizione: Lorenzo Milani nasce a Firenze nel 1923, in una famiglia colta e benestante. Ma molto presto inizia a lavorare dentro di lui un'inquietudine, una ribellione radicale per le diseguaglianze che vede intorno a sé, per i privilegi assurdi dei quali sente di godere e i compromessi morali che ogni vita borghese porta con sé. Così, mentre la guerra infuria, entra in seminario e, venticinquenne, viene ordinato prete. Da qui comincia il suo percorso di educatore e "incendiario" predicatore, culminata negli anni in cui a Barbiana darà vita alla sua scuola straordinaria e scriverà Esperienze pastorali condannato dal Sant'Uffizio - e Lettera a una professoressa, un testo fondamentale dal '68 a oggi. Eraldo Affinati, cerca tracce della vita di don Milani ripercorrendone i passi, i luoghi, incontrando chi lo conobbe. A queste pagine alterna capitoli in cui racconta di "altri don Milani" incontrati in tutto il mondo: figure di insegnanti e testimoni della possibilità di un'educazione fondata sull'esempio personale, su un rigore che si coniuga con una profonda empatia.

Categoria:

Editore: Mondadori

Collana: Strade Blu. Fiction

Anno: 2016

ISBN: 9788804658962

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

“Lo sapete, eminenza, che differenza c’è fra me e lei? Io sono avanti di cinquant’anni”. Queste parole pronunciate provocatoriamente da don Lorenzo Milani poco prima della sua morte e rivolte ad un cardinale, sintetizzano brevemente la figura del priore di Barbiana, raccontata nell’ultimo libro di Eraldo Affinati,  L’uomo del futuro”, entrato nella cinquina del Premio Strega 2016. Don Milani prima di essere un prete è stato un uomo coraggioso che, abbandonata l’agiatezza degli anni giovanili, ha saputo capire le esigenze dell’epoca in cui è vissuto, realizzando una nuova esperienza formativa. Presso San Donato di Calenzano prima e la canonica di Barbiana dopo, luogo dove è stato volutamente trasferito con l’intento di allontanare un prete ritenuto scomodo e controcorrente, ha messo in piedi con l’aiuto di alcuni  volontari la sua scuola per ragazzi difficili perché “…il cristianesimo di don Milani s’identifica con la sua missione pedagogica: fare scuola ai diseredati vuole dire raddrizzare le loro esistenze affinché possano dare nuovi e buoni frutti”.

Affinati evidenzia che don Milani “non ci ha lasciato trattati teologici (gli bastavano i dieci comandamenti, insieme all’eucarestia e alla confessione), ma una sapienza del fare scuola, qui e ora, cogliendo nella passione pedagogica del maestro l’essenza più autentica del cristianesimo”. La sua missione è stata quella di preoccuparsi di dare un’identità civica ai suoi studenti, impostando un nuovo metodo di studio collettivo basato sull’analisi critica dei testi, sulla lettura dei quotidiani, sulla perfetta comprensione della lingua italiana che rappresenta l’unico strumento a disposizione per crescere come cittadini e fare sentire la propria voce fuori dal coro. Il messaggio lasciato dal priore lo si trova in alcuni scritti che ha lasciato in eredità come “Esperienze Pastorali”, opera ritenuta scomoda dalla Chiesa Cattolica e riabilitata solo recentemente da Papa Francesco, “Lettere ad una professoressa”, esempio di scrittura corale di don Milani e dei suoi studenti sui mali e le pecche della scuola italiana.

L’uomo del futuro segue un’impostazione precisa: la vita del priore viene raccontata dall’autore in capitoli nei quali descrive la progressiva evoluzione e conversione spirituale di don Milani partendo da Firenze, città natia,  passando per Milano e la tenuta di Castiglioncello,  fino a Barbiana. Si tratta di un viaggio “on the road” che Affinati decide di intraprendere e che viene impostato come dialogo interiore con la propria coscienza anche alla ricerca di sé stesso. A questi capitoli lo scrittore-insegnante ne alterna altri, che narrano esperienze quotidiane vissute in diverse realtà critiche dei nostri giorni e da lui visitate quali Berlino, Hiroshima, l’Africa, la Cina, l’India: in questi luoghi si trovano insegnanti coraggiosi che sembrano avere ereditato il fardello di don Milani in quanto “Barbiana non è più in Mugello: Barbiana è in Africa, è nel Medio Oriente, Barbiana è una comunità musulmana, Barbiana è nell’America Latina. Le Barbiane del mondo dicono che noi ci comportiamo come se il mondo fossimo noi”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Premio Strega 2016: classifica e commenti – i-LIBRI

[…] 2) Eraldo Affinati, L’uomo del futuro, Mondadori, 92 voti http://www.i-libri.com/libri/luomo-del-futuro/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eraldo

Affinati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Affinati Eraldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Luglio 1969. Durante i giorni dello sbarco sulla luna, a Telévras, piccolo paese dell'entroterra sardo, due ragazzini vengono coinvolti in una serie di eventi misteriosi. Il primo è Matteo Trudìnu, talentuoso figlio di un sequestratore latitante; l'altro è Gesuino Némus, un bambino silenzioso e problematico, da tutti considerato poco più che un minus habens. Amici per la pelle, i due godono della protezione di don Cossu, il prete gesuita del paese, che si prende cura di loro come fossero figli suoi. Un giorno il padre di Matteo, scomparso da settimane, viene trovato morto a pochi chilometri di distanza da casa. Il maresciallo dei carabinieri De Stefani, un piemontese che fatica a comprendere le logiche del luogo, inizia a indagare con l'aiuto dell'appuntato Piras e dello stesso don Cossu ma, con l'avanzare dei giorni, le cose si complicano e spunta fuori un altro cadavere... Misteri, colpe antiche, segreti e rivelazioni vengono scanditi a ritmo battente in un romanzo dalle tinte gialle...

La teologia del cinghiale

Némus Gesuino

Con le armi del grande narratore, Ermanno Rea conduce un’indagine in forma di diario sulle ragioni del suicidio di Francesca Spada, giornalista culturale de “l’Unità” e critico musicale. A ospitare la vicenda è una Napoli lacerata dalla guerra fredda. L’inchiesta è resa difficile dalla distanza temporale da eventi avvenuti oltre trent’anni prima, in un momento in cui le coscienze si confrontavano in modo ossessivo con la politica. Una stagione per certi versi drammatica in cui si intersecano le ragioni esistenziali dei protagonisti, il destino di una città come Napoli (il cui porto era controllato di fatto dagli americani), le incertezze di una generazione appena uscita dalla guerra, alle prese per di più con un Partito comunista ancora fortemente ancorato all’identità stalinista. A poco a poco, con un andamento concentrico, si fa luce sulla complessità dei fatti che spinge la giovane giornalista al suo atto estremo. Da storia privata quindi l’indagine si fa storia collettiva di un’intera classe politica, di una generazione, delle sue speranze e dei suoi valori. Il romanzo-inchiesta di Ermanno Rea, premio Viareggio 1996: forse il suo capolavoro.

Mistero napoletano

Rea Ermanno

A ventinove anni, dopo un'infanzia e un'adolescenza difficili, la bella e intelligente Hilary Thomas è arrivata al successo. Ma quando viene aggredita nella sua lussuosa villa di Beverly Hills da un maniaco omicida, i peggiori incubi del passato sembrano rimaterializzarsi nei bagliori della lama acuminata del suo aggressore. Non basterà fuggire, non basterà lottare, non basterà nemmeno ucciderlo: lui tornerà, più forte della morte, a ossessionarla, costringendola a scavare disperatamente nei segreti sepolti per scoprire una realtà allucinante. Da Hollywood a Napa Valley, dalle piscine soleggiate delle dimore dei divi alla penombra umida di morte dell'obitorio, il ritmo tranquillo della vita quotidiana in California viene sconvolto da eventi ben più spaventosi e dirompenti dei terremoti ai quali la gente è ormai abituata. Esistono forze, nella mente umana, al confronto delle quali le scosse telluriche sono carezze e le urla di morte soltanto sussurri.

SUSSURRI

Koontz Dean R.

Sergio Scozzacane è un impresario musicale. Lo chiamano "lo squalo" per la forma a pinna del suo naso. Un soprannome, ma anche un destino da carnivoro: è il proprietario della casa discografica Musica Blue Records, che produce dischi a pagamento vendendo illusioni a cantanti privi di talento. Alloggiato in una pensione d'infimo ordine e sommerso dai debiti contratti con la camorra, lo squalo progetta una improbabile uscita di scena. Ma quando tutto sembra perduto, una speranza si riaccende: Mattia, un giovane cantante che ha ancora sotto contratto per due mesi, vince un talent show televisivo, e portarlo a cantare a Sanremo sembra l'occasione di riscatto della sua vita da agente fallito e per salvare la pelle. Ma anche il "viaggio della speranza" nella città dei fiori, che lo squalo affronta assieme a Mattia (bella voce ma leggermente autistico) e alla sorella Sofia (cieca, bellissima e determinata), con la camorra alle costole, si rivela l'ennesimo buco nell'acqua.

IL FIUTO DELLO SQUALO

Solla gianni