L’uomo del futuro

Affinati Eraldo

Descrizione: Lorenzo Milani nasce a Firenze nel 1923, in una famiglia colta e benestante. Ma molto presto inizia a lavorare dentro di lui un'inquietudine, una ribellione radicale per le diseguaglianze che vede intorno a sé, per i privilegi assurdi dei quali sente di godere e i compromessi morali che ogni vita borghese porta con sé. Così, mentre la guerra infuria, entra in seminario e, venticinquenne, viene ordinato prete. Da qui comincia il suo percorso di educatore e "incendiario" predicatore, culminata negli anni in cui a Barbiana darà vita alla sua scuola straordinaria e scriverà Esperienze pastorali condannato dal Sant'Uffizio - e Lettera a una professoressa, un testo fondamentale dal '68 a oggi. Eraldo Affinati, cerca tracce della vita di don Milani ripercorrendone i passi, i luoghi, incontrando chi lo conobbe. A queste pagine alterna capitoli in cui racconta di "altri don Milani" incontrati in tutto il mondo: figure di insegnanti e testimoni della possibilità di un'educazione fondata sull'esempio personale, su un rigore che si coniuga con una profonda empatia.

Categoria:

Editore: Mondadori

Collana: Strade Blu. Fiction

Anno: 2016

ISBN: 9788804658962

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

“Lo sapete, eminenza, che differenza c’è fra me e lei? Io sono avanti di cinquant’anni”. Queste parole pronunciate provocatoriamente da don Lorenzo Milani poco prima della sua morte e rivolte ad un cardinale, sintetizzano brevemente la figura del priore di Barbiana, raccontata nell’ultimo libro di Eraldo Affinati,  L’uomo del futuro”, entrato nella cinquina del Premio Strega 2016. Don Milani prima di essere un prete è stato un uomo coraggioso che, abbandonata l’agiatezza degli anni giovanili, ha saputo capire le esigenze dell’epoca in cui è vissuto, realizzando una nuova esperienza formativa. Presso San Donato di Calenzano prima e la canonica di Barbiana dopo, luogo dove è stato volutamente trasferito con l’intento di allontanare un prete ritenuto scomodo e controcorrente, ha messo in piedi con l’aiuto di alcuni  volontari la sua scuola per ragazzi difficili perché “…il cristianesimo di don Milani s’identifica con la sua missione pedagogica: fare scuola ai diseredati vuole dire raddrizzare le loro esistenze affinché possano dare nuovi e buoni frutti”.

Affinati evidenzia che don Milani “non ci ha lasciato trattati teologici (gli bastavano i dieci comandamenti, insieme all’eucarestia e alla confessione), ma una sapienza del fare scuola, qui e ora, cogliendo nella passione pedagogica del maestro l’essenza più autentica del cristianesimo”. La sua missione è stata quella di preoccuparsi di dare un’identità civica ai suoi studenti, impostando un nuovo metodo di studio collettivo basato sull’analisi critica dei testi, sulla lettura dei quotidiani, sulla perfetta comprensione della lingua italiana che rappresenta l’unico strumento a disposizione per crescere come cittadini e fare sentire la propria voce fuori dal coro. Il messaggio lasciato dal priore lo si trova in alcuni scritti che ha lasciato in eredità come “Esperienze Pastorali”, opera ritenuta scomoda dalla Chiesa Cattolica e riabilitata solo recentemente da Papa Francesco, “Lettere ad una professoressa”, esempio di scrittura corale di don Milani e dei suoi studenti sui mali e le pecche della scuola italiana.

L’uomo del futuro segue un’impostazione precisa: la vita del priore viene raccontata dall’autore in capitoli nei quali descrive la progressiva evoluzione e conversione spirituale di don Milani partendo da Firenze, città natia,  passando per Milano e la tenuta di Castiglioncello,  fino a Barbiana. Si tratta di un viaggio “on the road” che Affinati decide di intraprendere e che viene impostato come dialogo interiore con la propria coscienza anche alla ricerca di sé stesso. A questi capitoli lo scrittore-insegnante ne alterna altri, che narrano esperienze quotidiane vissute in diverse realtà critiche dei nostri giorni e da lui visitate quali Berlino, Hiroshima, l’Africa, la Cina, l’India: in questi luoghi si trovano insegnanti coraggiosi che sembrano avere ereditato il fardello di don Milani in quanto “Barbiana non è più in Mugello: Barbiana è in Africa, è nel Medio Oriente, Barbiana è una comunità musulmana, Barbiana è nell’America Latina. Le Barbiane del mondo dicono che noi ci comportiamo come se il mondo fossimo noi”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Premio Strega 2016: classifica e commenti – i-LIBRI

[…] 2) Eraldo Affinati, L’uomo del futuro, Mondadori, 92 voti http://www.i-libri.com/libri/luomo-del-futuro/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eraldo

Affinati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Affinati Eraldo

Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc

Un primo romazo sugli effetti - alcuni prevedibili, altri del tutto inattesi - che un drammatico avvenimento può avere sulla vita di una ragazza fino a quel momento del tutto in pace con se stessa. Ellis ha 21 anni e sta facendo una tranquilla passeggiata in un parco di New York quando viene avvicinata da uno sconosciuto che la minaccia con una pistola. Dopo averla fatta sedere per alcuni minuti con sé su una panchina, lo sconosciuto la lascia inspiegabilmente andare.

E ADESSO PUOI ANDARE

Vida Vendela

2092. L'Europa mediterranea è sprofondata in un clima equatoriale, i suoi antichi Stati nazionali hanno ceduto all'egemonia cinese. Venezia abbandonata dopo una terribile alluvione, poi acquistata e ricostruita da un'azienda di Pechino - è la perversa Las Vegas del declino europeo. Piazza San Marco è stata trasformata in un'arena: il Colosseo del terzo millennio. Il carnevale si avvicina, i padroni cinesi preparano lussi sfrenati e spettacoli sanguinari. La popolazione autoctona è confinata nel Castello. Nessuno sembra più volersi sottrarre alla violenza e alla lussuria di questo bordello della fine dei tempi. Eppure, perfino in questo parco giochi orwelliano, ci sono due uomini in rivolta che si levano contro l'orgia del potere. "Il Maestro", guida dei nuovi gladiatori che addestra sull'isola di San Giorgio, e Spartaco, il suo allievo più valoroso. Ciascuno ha imboccato per proprio conto la via della ribellione ma vivono entrambi per il mondo che verrà, uno per divenire padre, l'altro per tornare libero. Antonio Scurati torna all'ispirazione degli esordi con un romanzo visionario e insieme realista. Una grande avventura epica, che si fa carico della crisi del nostro mondo narrando di uomini in marcia dentro e contro l'onda distruttrice della storia, in un libro non solo ambientato nel futuro ma rivolto al futuro.

La seconda mezzanotte

Scurati Antonio

Siamo bombardati da trasmissioni televisive dedicate aIla cucina, ovunque il cibo è argomento di discussione e condivisione. Sappiamo però realmente gustarlo, assaporando i singoli sapori in tutte le loro sfumature? Felicia Sguazzi ha messo a frutto anni di passione e di ricerca culinaria e di vita e ha compiuto per noi un viaggio nel mondo dei sapori, creando, impiattando e fotografando le oltre 110 ricette di questo libro. Sono buone e originali, suddivise a seconda del sapore dominante: amaro, aspro, dolce, salato e... umami, il quinto sapore, presente in natura molto più di quanto si crede. Tutte naturali, vegetali e senza glutine. Scegliendo le ricette, attingendo dai singoli capitoli si possono creare i propri menu: per esempio, iniziando con un antipasto aspro, proseguendo con un primo piatto dolce, a cui far seguire secondo e contorno amari e umami, per finire in bellezza con un dessert ai mix di sapori.

La forchetta dei 5 sapori

Sguazzi Felicia